UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA

                                        

                                                     “LA SAPIENZA”

 

                                             Facoltà di lettere e filosofia

 

 

                                               Corso di laurea in filosofia

 

                                               Tesi di laurea in pedagogia

 

 

 

                                           L’ AFRICA DEI GIORNALI.

 

            INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE INTERCULTURALE NEI             

 

        QUOTIDIANI ITALIANI (1º SETTEMBRE 1999/ 31 MARZO 2000)

 

 

 

 

 

  Relatore                                                                                          Correlatore

 

  NICOLA SICILIANI de CUMIS                                                  ARMANDO GNISCI

 

 

 

                                                              Candidata

                                                  

                                                               DE ANTONIS MANUELA

                                                             

                                                               10126462

 

 

                                         ANNO ACCADEMICO 1999/ 2000

                                              

 

 

 

 

 

 

 

 

INDICE

 

 

 

Introduzione                                                                                                                p. 4

 

 

CAPITOLO PRIMO: globalizzazione e informazione. Il continente africano.

 

 

1.1.La società dell’informazione.                                                                                  p. 14          

 

1.2.   Cultura e comunicazione.                                                                                                          p. 21

 

1.3.   Un’ etica dell’ informazione.                                                                                   p. 34                                                         

 

1.4.   Globalizzazione dei media ed etica.                                                                                       p. 41

 

1.5.   L’Africa e la globalizzazione.                                                                                                  p. 51

 

 

CAPITOLO SECONDO: le difficoltà  dell’informazione in Africa.

 

 

2.1. L’ Africa nell’ era dell’ informazione.                                                                   p. 60

 

2.2. Situazione della stampa in Africa.                                                                          p. 68                      

 

2.3. La presenza della radio nel continente africano.                                                     p. 80

 

2.4. Il mondo africano e la televisione.                                                                          p. 84

 

2.5. Lo sviluppo di Internet in Africa.                                                                                           p. 87

 

 

 

CAPITOLO TERZO: mass media ed educazione interculturale.

 

 

3.1. Brevi cenni introduttivi sulla storia della ricerca sui media.                                         p. 96

 

3.2. Il processo evolutivo dei media.                                                                            p.102

 

3.3. Educare attraverso l’ analisi dei mess media.                                                                   p.113

 

3.4.Uno strumento educativo: il giornale.                                                                    p. 120                                                                    

 

3.5. Mass media ed educazione interculturale.                                                                         p. 132

 

 

CAPITOLO QUARTO: l’immagine dell’Africa nei giornali.

 

 

4.1. Introduzione.                                                                                                         p.140

 

4.2.Metodologia.                                                                                                                                p. 146

 

4.3.I risultati.                                                                                                                                       p. 152

 

 

 

 

 

 

Appendice.                                                                                                             p.164

 

 

Biblio-emerografia.                                                                                                p. 181

 

 

Indice emerografico.                                                                                               p.184

 

 

Indice delle idee.                                                                                                      p.209

 

 

Indice dei nomi.                                                                                                        p.216

 

 

                                                                                                                                                             

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

    

 

 

Introduzione.

 

 

    La presente ricerca è nata, originariamente, dalla presa di coscienza di alcune idee gramsciane. Infatti leggere Gramsci è stato per me una continua sorpresa: la sorpresa di trovarmi di fronte a testi aderenti a un vissuto di altri tempi, ma altresì ricchi di universalità e capaci di stimolare interrogativi del passato sulle vicende del presente; capaci anche di promuovere dialoghi e aggregazioni tra intellettuali e semplici, tra cultura e senso comune.

     Non ho tentato un’ attualizzazione delle sue categorie, ma ho cercato di ripercorrerle nella loro dinamica interna per appropriarmene e renderle disponibili per un’ analisi dello esistente. Credo, infatti, che alcune sue teorie siano utili per capire meglio l’ attuale fenomeno della globalizzazione, di società di massa, perché Gramsci pur così aderente alle logiche politiche nazionali, già pensava concretamente in termini mondiali.

     Gli interpreti si sono spesso soffermati intorno a due linee di pensiero riscontrabili nei Quaderni e apparentemente antitetiche: da un lato l’ esaltazione della modernità e quindi della produzione e del progresso, la rivendicazione della tendenziale unificazione del mondo e dell’ umanità in virtù di processi economici, politici, culturali; d’ altro lato l’ attenzione al concreto, al quotidiano, al particolare, all’ elemento folclorico e di senso comune, al nazionale-popolare inteso come valorizzazione della tradizione e del passato.

     In verità questo “dualismo” dentro Gramsci è reale ma, lontano dal costituire un fattore di incoerenza, rappresenta il sedimento teorico di una contraddizione fondamentale operante nella realtà, e quindi al di fuori della sua mente. Egli coglie questa differenza tra universale e particolare che caratterizza lo “spirito del tempo”, e tenta di mediare tra istanza internazionale ed elemento nazionale-popolare, tra identità e differenze, tra storia mondiale e storie particolari.

     Forse solo oggi si comincia a cogliere la componente antieurocentrica, la dimensione del “cosmopolitismo in senso moderno” nella quale egli sa collocare fenomeni e processi locali e nazionali: una dimensione che relativizza l’ apparente distanza tra le due “anime” di cui si diceva prima, e ne rovescia il dualismo in una unità contraddittoriamente ricca e complessa. Si potrebbe dire che nel pensiero di Gramsci è presente una continuità problematica ma anche dinamica, tra nazionale e internazionale, dove nazione rappresenta un particolarizzarsi “geopolitico” in grado di confrontarsi e di coesistere con la stessa unità-identità mondiale del genere umano.

     Un esempio della consapevolezza geopolitica del nostro autore, frutto di una sottile attenzione al crescente intreccio regionale-internazionale-nazionale della storia mondiale, sta nel suo modo di considerare Oriente e Occidente. Egli è anche il teorico, infatti , della relatività delle differenze: «Est e Ovest sono costruzioni arbitrarie, convenzionali, cioè storiche, poiché fuori della storia reale ogni punto della terra è Est e Ovest nello stesso tempo. Ciò si può vedere più chiaramente dal fatto che questi termini si sono cristallizzati non dal punto di vista di un ipotetico e malinconico uomo in generale ma dal punto di vista delle classi colte europee che attraverso la loro egemonia li hanno fatti accettare dovunque.»[1]

     La componente spaziale e territoriale o geopolitica costituisce uno dei grandi apporti di Gramsci all’ intelligenza della realtà. Tutto si tiene nel suo mondo, ma questo “tutto” non è né un’ astrazione né un organismo ontologico: è piuttosto il prodotto in divenire, strutturalmente e costantemente indeterminato, del convergere di elemnti disparati, I quali perciò vanno esaminati uno per uno, sempre tenendo presente l’ ipotesi che si va affermando l’ unità del genere umano. Il comunismo di Gramsci è la individuazione, l’ idealizzazione e la progettazione di quell’ elemento o senso comune a individui, gruppi, nazioni, culture, territori, che potrebbe diventare un potente e positivo fattore di coesione e pianificazione: un filtro di vita sociale atto ad attenuare e circoscrivere il peso degli attriti e dei contrasti tra gli umani.

     «Le storie particolari vivono solo nel quadro della storia mondiale»[2], scriverà nell’ ultimo quaderno, e il Novecento è la dimostrazione pratica di questo. Ciò significa che l’ ottica individualistica è perdente, perché non dà ragione del fatto che ogni individuo non è legato con tutti «gli altri uomini per giustapposizione, ma organicamente».[3] «L’ uomo è da concepire come un blocco storico di elementi puramente individuali e soggettivi e di elementi di massa e oggettivi o materiali coi quali l’ individuo è in rapporto attivo».[4] Il nostro secolo ha creato secondo Gramsci le premesse di un “nuovo uomo” e di una nuova concezione o senso comune dell’ umanità, non più assimilabile a una essenza o a una identità sostanziale di un individuo.

     Non si tratta di scegliere tra il valore dell’ individuo e della collettività. L’ importante e il difficile è sostenere un rapporto dinamico ed equilibrato tra l’ uno e l’ altra, come tra identità e diversità. La capacità, sostiene Gramsci, di «trovare la reale identità sotto la apparente differenziazione e contraddizione, e trovare la sostanziale diversità sotto l’ apparente identità è la più delicata, incompresa eppure essenziale dote del critico delle idee e dello storico dello sviluppo sociale».[5] Che le cose stiano così, egli lo ha dimostrato praticamente e teoricamente con l’impegno che ha posto nel porre in relazione la vita privata con quella pubblica, il sardismo con l’ italianità, il sentimento nazionale con il cosmopolitismo, la coscienza di classe con l’ universalità dell’ essere umano.

     C’ è un punto delicatissimo nell’ analisi che Gramsci fa della realtà del suo tempo che rinvia, sia pure con molteplici mediazioni, al nostro. Egli rivela che «una delle contraddizioni fondamentali è questa: che mentre la vita economica ha come premessa necessaria l’ internazionalismo  o meglio il cosmopolitismo, la vita statale si è sempre più sviluppata nel senso del “nazionalismo”, del “bastare a se stessi”».[6] In questi tempi di cosidetta globalizzazione dell’ economia e di quella che Hobsbawm ha chiamato la “nuova ristrutturazione sovranazionale del globo terrestre”, con la crisi del quadrilatero Popolo-Stato-Nazione-Governo, sembra come essersi perduta la bussola di una concezione razionale e positiva del rapporto tra particolare e universale. Per il nostro autore anche la nazione rappresentava non un valore in sè, ma una condizione storicamente necessaria, certo non definitiva, per la partecipazione dei popoli alla comunità mondiale.

     Assistiamo oggi a un tentativo paradossale e perverso di unificazione del genere umano, problemo questo che Gramsci affronta nel primo quaderno. L’ unificazione transnazionale del mondoha effettivamente compiuto, grazie alòl’ industria, oggi soprattutto delle comunicazioni, passi da gigante, e noi dobbiamo ricordarci che non siamo miliardi di atomi isolati, anzi, abbiamo tuttora, come diceva Marx e dirà Gramsci, “un mondo da guadagnare”: l’ unificazione culturale e materiale del genere umano è un processo aperto e inconfutabile, anche se di segno assolutamente incerto. “Pessimismo dell’ intelligenza, ottimismo della volontà”.

    Nel primo capitolo analizzo i cambiamenti, che si sono verificati nella nostra società negli ultimi decenni, che hanno trasformato il rapporto tra i singoli e gli Stati in ogni settore, dal politico a quello economico e culturale. Questa trasformazione è definita dai sociologi con il termine di globalizzazione. La comunicazione è diventata il progresso, grazie allo sviluppo delle tecnologie elettroniche e informatiche, mentre l’ avanzata sperimentata dalle reti tecniche della “società dell’ informazione”, si pone come metro di misura della crescita e della democrazia.

     La comunicazione è anche cultura, e questa essendo strettamente collegata allo evolversi della società non può non  essere stata influenzata dalla globalizzazione. Così all’ interno della società mondiale dell’ informazione emerge la cyber-cultura che dispone di modelli mentali e strumentali capaci di aiutare a capire meglio le forme della complessità. All’ interno di questa si trova un problema di carattere etico; infatti, mentre da un lato la cyber-cultura permette la formazione di forme di solidarietà sociale, dall’ altro lato esclude da queste coloro che ne hanno più bisogno, i poveri e gli emarginati.

     In questa parte della tesi esamino anche lo sviluppo della nuova economia. Nella nuova era i mercati vengono rimpiazzati dalle reti e la proprietà è progressivamente sostituita dall’ accesso. Imprese e consumatori abbandonano quello che è il fulcro della vita economica moderna, cioé lo scambio su un mercato di titoli fra compratori e venditori. Nell’ era dell’ accesso la proprietà privata continuerà ad esistere ma è improbabile che continui ad essere scambiata su un mercato. Comunque nella nuova era l’ elemento più ambito è il capitale intellettuale. Nella new economy sono le idee, i concetti, le immagini, non le cose, i componenti fondanti del valore.

     Infine, gramscianamente pensando che un evento particolare è importante se visto nell’ ottica mondiale, ho descritto la situazione del continente africano nell’ era della globalizzazione. Se da un lato assistiamo in Africa al fallimento dell’ economia moderna, del progetto dello sviluppo e del tentativo di importare il modelo deloo Stato-nazione, dall’ altro vediamo l’ esistenza di un’ “altra” Africa ben viva, anche se non in buona salute, in cui il mercato è presente, anche se non onnipresente; dove non si può parlare di società di mercato ma nemmeno di tradizione comunitaria; un’ Africa di bricolage in tutti i campi e a tutti i livelli, dove lo scambio sotto forma di dono coesiste con gli effetti della mondializzazione.

     Nel secondo capitolo esamino la situazione dell’ informazione nel continente africano, per capire se è possibile fare un lavoro di sinergia con tutti coloro che si sono dati come missione quella di avvicinare I grandi centri del mondo alle varie periferie del Nord e del Sud. Ho scoperto così che ci sono numerose particolarità che riguardano i vari mass media in Africa, e le regole con i quali sono gestiti. Oltre la loro classica funzione di informazione e di intrattenimento delle masse, la stampa, la radio, la televisione sono investite da un’ altra importante missione, infatte sono viste come un rapido ed efficente mezzo di modernizzazione, utili per sollevarsi dal sottosviluppo, e per creare un sentimento di identità nazionale.

     Esiste così una stampa rurale, scritta in lingua nazionale, che tenta di imporsi tra la gente che non sa né leggere né scrivere. La radio, e più recentemente, la televisione esplorano altre vie originali per usare le immagini e i suoni per scopi didattici ed educativi. Altri settori e compiti assegnati ai mezzi di comunicazione nazionale che aiutano lo sviluppo socio-economico sono: incrementare la produttività agricola; promuovere un benessere sociale e una maggiore “educazione medica” fra la popolazione, ecc.. Naturalmente l' azione dei differenti media africani deve fare ancora molta strada per raggiungere i risultati sperati, e accanto a questi si devono tenere presenti e valorizzare gli strumenti tradizionali e gli altri canali di comunicazione alternativi come i racconti, il teatro e la musica.

     Vista l’ importanza che i mass media assumono in quest’ epoca della globalizzazione ho ritenuto opportuno analizzare, nel terzo capitolo, l’ influenza che questi hanno sulla società, sui singoli individui. I mezzi di informazione non possono essere sottovalutati, e tanto meno ignorati, dagli operatori educativi. Bisogna studiare il modo in cui il cinema, la televisione, la stampa, i fumetti si pongono in rapporto con la problematica pedagogica.

    Nel campo specifico dell’ educazione allo sviluppo si è arrivati a riflettere sulla necessità e urgenza, in un mondo sempre più complesso e interdipendente, di una educazione interculturale. E se è vero che la pedagogia e la didattica non riguardano solo la sfera cognitiva, ma anche quella affettiva, relazionale e simbolica, i mass media si offrono come degli strumenti preziosi per comprendere una società e i suoi valori.

     È importante sapere che la mente di un giovane è sommersa da una molteplicità di informazioni frantumate dategli dai nuovi media, che non si limitano a trasformare il mondo in un villaggio globale, ma creano mondi paralleli. Il problema non è quello di mettere al bando questi mezzi di comunicazione, ma di capire che: le nuove tecnologie causano una trasformazione delle strutture mentali; che le persone più deboli culturalmente sono quelle più condizionate negativamente; che i giovani devono possedere adeguati srtumenti culturali per potersi inserire in quest’ epoca, perché il pericolo dei nuovi media non sono i media stessi, ma un nuovo analfabetismo multimediale. Occorre costruire una “pedagogia della complessità”, porre la flessibilità intellettuale e la tolleranza come obiettivi formativi per rompere gli stereotipi culturali che ostacolano la comunicazione e la convivenza civile.

     Ho evidenziato, sempre in questa parte, come molti studiosi considerino il giornale come uno strumento pedagogico-didattico. Lo stesso Gramsci ha visto come «l’ arte della stampa ha rivoluzionato tutto il mondo culturale, dando alla memoria un sussidio di valore inestimabile e permettendo una estensione dell’ attività educatrice inaudita».[7] Infatti, una persona che sa leggere il giornale sa difendere i propri diritti, sa scegliere il partito per il qualòe votare, sa condurre la propria vita senza farsi calare nella testa le idee degli altri.

    I giornali, qualunque sia il loro contenuto, sono lo specchio della società, sono perciò documento di storia contemporanea, ma ne sono anche interpretazione, oltre che guida e forza propulsiva. Questi sono uno strumento di lavoro anche per studiare la storia di ieri. Tra i vari scopi che gli educatori pensano di raggiungere, tramite l’ inserimento del giornale in classe, troviamo quello di favorire la conoscenza della realtà in cui l’ alunno vive, di far sviluppare lo spirito critico, di accrescere le capacità di analisi e di sintesi, di far rispettare le opinioni altrui, di informare il cittadino di domani sul mondo in cui vivrà.   

     Tutte queste riflessioni sul ruolo attivo dei giornali nella formazione dei giovani mi hanno portata a compiere la ricerca specifica sul modo in cui questi trasmettono la immagine del continente africano, ricerca riportata nel quarto capitolo. I mass media rappresentano, infatti, le principali fonti di informazione sull’ Africa, per cui il modo in cui rappresentano la realtà delle varie regioni modella le immmagini che i ragazzi italiani (europei o nordamericani) si formano di questi popoli, culture e società. Le descrizioni dominanti sono quelle di un continente prostrato dalla siccità, di masse inermi governate da dittatori militari che lottano per lo stretto necessario. È giunto il momento di cominciare a identificare e smascherare gli stereotipi, quei concetti rigidi, semplificati o distorti della realtà e delle persone e di ritrovare la verità.

     In quest’ ultima parte ho cercato di capire il ruolo che la stampa ha nella costruzione dell’ idea dell’ altro da essa proposte, in questo caso l’ altro è il popolo africano. Il lavoro svolto per raggiungere tale obiettivo ha seguito diverse strade. Inizialmente ho scelto le testate da sottoporre ad analisi, che sono state per i quotidiani: il Corriere della sera, la Repubblica e il Messaggero; per i settimanali ho considerato l’ Internazionale. Poi ho delimitato il periodo della ricerca tra il 1° settembre 1999 e il 31 marzo 2000. Ho realizzato quindi un questionario da riempire per ciascun articolo censito. Le schede compilate in tutto sono state 561, queste costituiscono nel loro insieme l’ universo complessivo su cui è stata condotta l’ analisi.

     Naturalmente oltre alle difficoltà incontrate e superate, ho trovato anche dei limiti, per cui, ad esempio non sono stata in grado di compiere un’ analisi esaustiva dei messaggi conetnuti negli articoli analizzati, né ho tenuto conto, se non in modo indiretto, del macro-conesto costituito dalla relazione del giornale con la sua società di riferimento. Così questa, come molte, è una ricerca che ne presume altre simili: questa e quelle produttive, in via di ipotesi, di sempre nuove, non frettolose ricerche.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Par.1.5: L’ Africa e la globalizzazione.

 

 

 

     Lo specialista del Terzo mondo e dell’ epistemologia delle scienze sociali, Serge Latouche, afferma che alla fine del nostro secolo la parte dell’ Africa nera nella produzione mondiale rappresenta meno del 2 per cento. Come dire che sul piano dell’ economia ufficiale questa Africa, l’ Africa delle economie e delle statistiche internazionali, non esiste più, se mai è esistita. Latouche parte, nella sua analisi, dalla constatazione di un fallimento che è anche il fallimento della economia moderna in quel continente, del progetto dello sviluppo e del tentativo di importare il modello dello Stato-nazione. Ma quel che è naufragato in Africa, secondo l’ autore, è solo un progetto occidentale, certo condiviso da élites locali che ormai hanno avuto tutto il tempo di adattarsi ai nuovi stili di vita, ma rimasto soatanzialmente estraneo a quelle società.

     Per Latouche esiste un’ altra Africa ben viva, anche se non in buona salute, in cui, se il mercato è presente, non è onnipresente; dove non si può parlare di società di mercato ma nemmeno di tradizione comunitaria; un’ Africa di bricolage in tutti i campi e a tutti i livelli, dove lo scambio sotto forma di dono coesiste con gli effetti della mondializzazione. Latouche sottolinea che questo, più che un progetto, è il risultato di una sconfitta subita nella guerra economica mondiale, sconfitta dalla quale, facendo di necessità virtù, emerge la società informale, vera e propria alternativa storica allo sviluppo. 

     L’ immagine dell’ Africa che ci presentano i media attraverso le informazioni, lo spettacolo televisivo dei genocidi, dei conflitti etnici, delle lotte tribali, dei colpi di Stato militari, delle siccità ricorrenti, delle carestie quasi endemiche, i morti per AIDS, è alla misura delle cifre e ne accentua l’aridità oggettiva. Viziati da ipotesi irrealistiche gli scenari del futuro sono catastrofici. L’ Africa è il volto oscuro del nostro destino, il sogno della modernità diventato incubo, l’ Afropessimismo è di moda. Si assiste alla cronaca del fallimento annunciato delle indipendenze. Il terzomondista convinto vede in questo fallimento l’ illustrazione della mano diabolica dell’ imperialismo trionfante attraverso la resurrezione del grande “Satana americano”, la conseguenza dell’apoteosi ultraliberale del mercato mondiale, il risultato delle manovre machiavelliche delle istituzioni di Bretton Woods ( la triade infernale: Fondo monetario internazionale, Banca mondiale, WTO, Organizzazione mondiale del commercio ). L’ economista ortodosso riscontra in tutto questo la veridicità delle sue credenze, cioè che la salvezza si trova nel laissez-faire e nel libero scambio integrale. Mentre il buon cittadino umanitario, appartenente alle ONG, crede che senza i diritti dell’ uomo e la democrazia pluralista, e senza la fine del clientelismo e del tribalismo, non ci possa essere un futuro positivo.

     Una grandissima parte di fatti fanno pensare che la visione afropessimistica è incontestabile. Il fallimento dell’ Africa è in primo luogo quello della occidentalizzazione, e questo anche se c’è una parte importante di responsabilità degli africani stessi e della loro innegabile complicità, tuttavia la constatazione di questo fallimento potrebbe destare speranze in altre direzioni. Infatti molti scrittori hanno messo in evidenza l’ esistenza di un’ altra Africa diversa da quella ufficiale.

     Il fallimento dell’ Africa ufficiale è al tempo stesso economico e politico. Il fallimento economico si constata attraverso l’ analisi delle cifre, infatti la produzione agricola è globalmente debole, la sua crescita lenta, se non negativa in certi anni, ed è quella tra le più minacciate dalle catastrofi naturali, aggravate dalla mancanza di scrupoli, dalla trascuratezza. Il degrado delle terre coltivabili viene aumentato dai disboscamenti abusivi, dall’ utilizzazione esagerata dei concimi chimici, dall’ uso di un’ irrigazione inappropriata, ecc..

     Passando poi a vedere l’ andamento della produzione industriale ci si rende conto che questa non si trova in condizioni migliori, la maggior parte delle economie africane è sinistrata, molte imprese moderne hanno dovuto chiudere le porte per mancanza di sbocchi. Le imprese pubbliche danneggiate dallo sperpero e dalla corruzione, limitate da un personale poco produttivo, sono condannate allo smantellamento e alla privatizzazione selvaggia dei piani di aggiustamento strutturale imposti dal Fondo monetario internazionale.

     «Ci vuole tutto l’ottimismo ingenuo di certi intelletuali africani della nuova generazione formati nella business schools dell’ Europa o dell’ America del Nord per riporre le speranze nel modello ultraliberale auspicato dai buoni dottori del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale […]. La riconquista provvisoria di mercati, grazie a un raccolto eccezionale, grazie a nuovi prestiti accortemente utilizzati, non deve suscitare troppe illusioni.»[8] Infatti bisogna stare attenti a capire se non si tratti in realtà degli ultimi stati di felicità, dal momento che il mercato mondiale sta distruggendo il pianeta. Si può osservare che gli investimenti stranieri si fanno attendere, la creazione di posti di lavoro non riesce ad assorbire l’ aumento di popolazione attiva, e la tendenza alla degradazione dei principali indici del livello di vita e della qualità della vita, nota attraverso quello che si chiama ora l’ “indice dello sviluppo umano”, non è invertita, nonostante l’ accanimento terapeutico dell’ UNESCO, dell’ UNICEF, della Fao e della innumerevole corte dei buoni samaritani delle ONG.

     Sembra che la razionalità economica portata nell’ Africa ufficiale stia per completare la distruzione. La gestione razionale del potenziale economico africano rischia a termine, una volta esauriti gli ultimi giacimenti del patrimonio naturale, di condannare il continente a vendersi come discarica per assorbire l’ inquinamento del Nord.

     Un altro fallimento, altrettanto importante rispetto a quello economico, è quello politico. Lo Stato moderno, infatti, lasciato in eredità dai colonizzatori con il suo corteo di istituzioni politiche, amministrative, giuridiche, è un innesto che, senza essere totalmente rigettato, è ben lungi dall’ aver riportato i frutti attesi. Innestato su una resltà sociale che non ha molto a che vedere con la nazione nel senso occidentale, lo Stato produce strane filiazioni. La nazione che tale Stato doveva creare, non essendo stato generato da essa, non è riuscita a nascere.

     La perdita di credibilità del discorso dello sviluppo, principale fonte di legittimità degli uomini politici modernisti, rivela la nudità del potere. La degenerazione nazionalitaria condanna lo Stato mimetico insieme al terrorismo e all’ impotenza.  Senza altre risorse, che il controllo delle entrate dall’ estero, esso funziona secondo una logica neopatrimoniale di clientelismo e di corruzione.

     Passiamo a parlare dell’ altra Africa ipotizzata da Latouche, meno desolante e portatrice di speranza, anche se questo non cancella la triste realtà  appena descritta. Quel fallimento è quello dell’ Africa ufficiale, fallimento dell’ economia moderna, del progetto di sviluppo dello Stato-nazione mimetico, dello stato importato. In altri termini ci si trova di fronte a un fallimento della occidentalizzazione come progetto economico, politico e sociale.

     Il fallimento della modernità è uno scacco storico irrimediabile. La forza di seduzione del progetto modernista, combinato con il trionfo planetario dell’ Occidente come potenza reale e immaginaria, rende tanto più credibile questa visione in quanto la uniformazione del mondo cancella sempre più le tracce di valori, d’ istituzioni e di concezioni diverse che potrebbero attestare un pluralismo e nutrire la prospettiva di un altro destino.

     «L’ altra Africa è cosa negata non appena incontrata. Quest’ altra Africa non è quella della razionalità economica. Se il mercato vi è presente, non è però onnipresente. Non è una società di mercato, ma non è certo più per questo l’ Africa tradizionale comunitaria, se mai questa è veramente esistita. È un’ Africa di bricolage in tutti i campi e a tutti i livelli, tra il dono e il mercato, tra i rituali oblativi e la mondializzazione della economia.»[9]

     Il fallimento dell’ occidentalizzazione è dunque in primo luogo il fallimento della autonomizzazione dell’ economia e della tecnica. Non per rifiuto dello sviluppo ma a causa della sconfitta subita nella guerra economica mondiale. I nuovi stati indipendenti hanno tentato l’ avventura dello sviluppo, spesso con una grande energia, anche perché il progetto dello sviluppo era la sola legittimità riconosciuta dalle élites al potere. Certo si può discutere per capire se le condizioni oggettive di successo dell’ avventura modernista erano o non erano assolte, si capisce che esse non erano molto favorevoli né a uno sviluppo pianificato, nè a uno sviluppo liberale. Il potere dei giovani stati era infatti preso in insolubili contraddizioni, in quanto essi non potevano nè rifiutare lo sviluppo, né costruirlo.

    «I freni, gli ostacoli e i blocchi di ogni natura, cari agli esperti economisti, rendevano poco credibile il successo di un progetto che implicherebbe l’ accesso alla competitività internazionale nell’ epoca della ipermondializzazione. Teoricamente riproducibile lo sviluppo non è universalizzabile. Le ragioni più note sono quelle ecologiche: la finitezza del pianeta renderebbe impossibile ed esplosiva la generalizzazione del modo di vita americano.»[10]

     La postmodernità, messa insieme dagli esclusi, reincorporando l’ economico e il tecnico nel sociale, sta seguendo una strada difficile. I parti della storia avvengono nelle convulsioni e nel dolore. Per parafrasare Gramsci, si potrebbe dire che l’ agonia di un mondo che non finisce mai di morire funesta anche la nascita di quello che non finisce mai di nascere.

        Ci sono tuttavia motivi per non disperare. La riflessione sull’ altra Africa rientra in una riflessione più vasta sulla postmodernità che riguarda l’ intero pianeta. Il desiderio di alternative non è estraneo  alle nostre società, perché la crisi è quella della modernità-mondo, e anche il Nord è protagonista della postmodernità. Il bisogno di cambiare il sistema, di modificare le regole appare evidente, almeno per tutti coloro che sono vittime del funzionamento attuale della megamacchina tecnoeconomica, per tutti coloro che non ne sono protagonisti. Di fronte a tante ingiustizie, tante assurdità e tanti pericoli, è urgente cambiare la vita, vivere altrimenti.

     Ma quest’ esito rovinoso, cui l’ egemonia del Nord ha condotto, secondo Gramsci, è da considerarsi tutt’ altro che irreversibile. Il problema dell’ autore è ancora il nostro. Come può lo “spirito popolare creativo”, che è potenzialmente il grande serbatoio di ricchezza di tutti i Sud e di quella parte di Sud che c’ è in ogni Nord, diventare fonte di produttività e di efficienza, anziché di spreco e di parassitismo? È possibile una civiltà superiore?

     Esiste un modo di concepire l’ uscita dal sistema, e questo si profila con l’ altra Africa. Infatti essendo stata  respinta, messa in un canto dall’ economia dominante del mercato mondiale, licenziata per ragioni economiche dalle imprese normali, ufficiali,  appartenendo comunque a un paese meno avanzato che ha fatto fallimento,  è stata condannata a vivere altrimenti, cioé al di fuori delle norme dominanti.

     L’ economia mondiale, con l’ aiuto delle istituzioni di Bretton Woods, ha escluso dalle campagne milioni e milioni di persone, ha distrutto il loro modo di vita ancestrale, soppresso i loro mezzi di sussistenza, per gettarli e ammassarli nelle bidonvilles, e nelle periferie del Terzo mondo, come aveva fatto un secolo prima con i proletari dei paesi occidentali.

     Sono i  “naufraghi dello sviluppo”, come li chiama Latouche, questi derelitti sono condannati a sparire, sono dei perdenti secondo una teoria dominante, ma essi in realtà si moltiplicano. Per sopravvivere essi non hanno altra scelta che quella di organizzarsi secondo un’ altra logica, essi devono inventare, e certi inventano effettivamente un altro sistema, un’ altra vita.

     Tuttavia se i naufraghi dello sviluppo inventano nel Sud quella nuova vita che alcuni sognano nel Nord, noi in genere lo ignoriamo e, cosa sorprendente, neanche gli stessi interessati lo sanno. C’ è dunque, accanto alla questione fattuale del modo di autorganizzazione degli esclusi, un’ altra questione, quella della presa di coscienza del significato e del senso di questa esperienza storica, quella della comprensione delle poste in gioco immaginarie. Il cambiamento del mondo, come spesso accade, dovrebbe passare in primo luogo per un cambiamento del nostro sguardo sul mondo.

     L’ umanità è forse una grande famiglia, grazie alla facilità delle comunicazioni che riducono il pianeta alle dimensioni di un villaggio, ma è una famiglia piena di tensioni e di situazioni contrastanti. Uno dei grandi apporti all’ intelligenza della realtà di Gramsci, da mettere qui in evidenza, è la sua componente spaziale e territoriale o geopolitica, che è la metodologia complessiva del suo pensiero. Tutto si tiene nel mondo di Gramsci. Ma questo “tutto” non è né un’ astrazione logica né un organismo ontologico: è piuttosto il prodotto in divenire, strutturalmente e costantemente indeterminato, del convergere di elementi disparati. I quali perciò vanno esaminati uno per uno, in base all’ ipotesi che, sebbene in modi contraddittori e perversi, si vada affermando l’ unità del genere umano. Il comunismo dell’ autore è l’ individuazione, l’ idealizzazione e la progettazione di quell’ elemento o senso comune a individui, gruppi, nazioni, culture, territori, che potrebbe diventare un potente e positivo fattore di coesione e di pianificazione: un filtro di vita sociale atto ad attenuare e circoscrivere il peso degli attriti e dei contrasti tra gli umani.

     Gli emarginati hanno mille volti, li si trova in tutto il pianeta, dal Nord al Sud, dallo Est all’ Ovest. Ci sono più processi di marginalizzazione, i percorsi di vita sono diversi ma sempre drammatici. E infiniti sono i gradi di degradimento, infatti ci sono i radicalmente esclusi, coloro il cui decadimento porta alla morte, per questi non è stato previsto un posto al gran banchetto della società di consumo; poi ci sono i tre o quattro miliardi di esclusi che sopravvivono, bene o male, che si spartiscono in modo molto ineguale le briciole o i resti del banchetto.

     La situazione creata dalla dinamica della modernità mondiale per i due terzi della umanità è scandalosa. La derelizione dell’ Africa nera, in particolare, è talmente flagrante che la stampa si compiace di tornarci sopra diffusamente in occasione di ogni colpo di Stato o di ogni carestia. Ma contro ogni logica questa Africa strangolata e partita male sopravvive, e sopravvive senza dubbio meglio dell’ America latina e del Sudest asiatico i cui prodotti nazionali lordi procapite sono per altro molto superiori. Il paradosso è soltanto apparente: meno distrutta, meno deculturata, meno volta verso il mercato mondiale, l’ Africa dispone di migliori carte per ricostruire una nuova società e investire la sua creatività e il suo dinamismo nella soluzione dei propri problemi.     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAPITOLO SECONDO: Le difficoltà dell’ informazione in Africa.

 

 

Par. 2.1. L’ Africa nell’ era dell’ informazione.

 

 

    La globalizzazione dell’ economia, gli accordi geopolitici internazionali, la moneta unica in Europa, in breve, il rafforzamento dei legami a livello planetario, mostra la presenza di un interesse crescente per la cooperazione Nord-Sud, Nord-Nord e Sud-Sud. Naturalmente questa cooperazione è ricercata sia dai popoli del Sud che da quelli del Nord, perché la globalizzazione avvicina i problemi rispettivi dei vari popoli della terra.

     Da tutte le parti del pianeta emerge, sempre con più forza, che la soluzione ai problemi della fame, della povertà, della marginalizzazione, dell’ ambiente, del lavoro, della guerra si potrà trovare se si uniscono tutte le energie disponibili in tutti i continenti.

     La rapidità della trasmissione dei dati grazie alle nuove tecnologie di comunicazione come Internet, la posta elettronica, la televisione satellitare, il telefono cellulare, ecc., rende profondamente interdipendente e indispensabile il lavoro in sinergia di tutti coloro che si sono dati come missione quella di raccogliere insieme la sfida di avvicinare i grandi centri del mondo alle varie periferie del Nord e del Sud.

     Una delle principali preoccupazioni dell’ informazione in Africa è lo spazio, in quanto, essendo molto ristretto, riduce questa all’ essenziale. Davanti, quindi, alle tante notizie che arrivano si fa una selezione, si impone per necessità una scelta che porta alla

eliminazione delle notizie giudicate poco significative per il pubblico a cui sono destinate. Per cui, ad esempio, i fattori di stabilità sono trascurati a favore degli incidenti, delle disgrazie o delle catastrofi.

      «La popolazione oggi è notevolmente aumentata e i mezzi d’ espressione seguono la curva demografica, e cercano di rispondere ai bisogni crescenti della domanda. I giornali, le radio e le televisioni si rivolgono a milioni di persone. Il fenomeno è quindi di massa e solo i mezzi di comunicazione, i media, hanno la possibilità di parlare, non solo a individui isolati o a gruppi omogenei, ma a grandi comunità.»[11]    

    Tuttavia non bisogna perdere di vista l’ importante questione delle disparità mondiali in fatto di accesso ai media. Le tradizioni e la cultura sono determinanti nei comportamenti degli uomini di fronte ai media, a seconda delle zone di appartenenza. Analiziamo, ad esempio, il livello di utilizzazione dei mezzi di comunicazione ( lettori di quotidiani, tv, ecc. ) e vediamo che se per il Giappone ci sono 580 esemplari per mille abitanti, in Africa ce ne sono 21, in America Latina 76, in Australia 424. Queste disparità sono evidenti e sottolineano che il Sud non è una zona geografica omogenea.

     «L’ America Latina, i Caraibi, l’ Asia e l’ Africa presentano un ineguale livello di sviluppo risultato del loro cammino storico. In compenso queste regioni, per quanto diverse, hanno la comune particolarità di essere zone represse, cosa non priva di conseguenze sulla sotto-informazione che caratterizza il Terzo Mondo, quindi il Sud. Il continente africano è praticamente un deserto se lo compariamo alla potenza della stampa nei Paesi Scandinavi o al vantaggio preso dagli Stati Uniti in materia di strumenti audiovisivi.»[12]L’ Africa possiede 84 apparecchi radio per 1000 abitanti, contro i 300 della Italia, e se il numero di televisori per 1000 abitanti è di 450 nei Paesi Bassi, non è che di 4 nel continente africano.

      Ci sono numerose particolarità che riguardano i vari mass media in Africa e le regole con i quali sono gestiti. Oltre la loro classica funzione di informazione e di intrattenimento delle masse, la stampa, la radio e la televisione sono investite da un’ altra importante missione.

     Per esempio oltre ai quotidiani e ai periodici, generalmente letti da una élite urbana, esiste anche una stampa rurale, scritta in lingua nazionale, che tenta di imporsi tra la gente che non sa né leggere né scrivere. Inoltre, nel campo delle comunicazioni audiovisive, la radio e, più recentemente, la televisione, esplorano altre vie originali per usare le immagini e i suoni per scopi didattici ed educativi. Infatti, nella maggior parte delle società africane, i giornali, le radio e le televisoni sono viste come un rapido ed efficiente mezzo di modernizzazione, utili per sollevarsi dal sottosviluppo.

     Oggi i mezzi di comunicazione in Africa danno vita a una serie di interrogativi, ci si chiede infatti se questi possano continuare a giocare un ruolo significativo nel contesto delle nuove strategie di sviluppo e, se è così, in quale modo possano essere usati per aiutare meglio questo sviluppo africano.

     Per molti stati africani indipendenti l’ instaurazione dei mezzi d’ espressione fu, in partenza, una necessità politica, una dimostrazione internazionale della loro sovranità, e una via per consolidare la loro unità internazionale. Infatti, poco prima della indipendenza, avvenuta negli anni ’60, la maggior parte dei paesi africani avevano già la radio, che generalmente era un lascito dell’ amministrazione coloniale, ma pochi potevano vantare il possesso di un giornale degno di questo nome. Questo spiega la priorità  data dalle nuove autorità alla creazione, nei primi anni dell’ indipendenza, di un quotidiano nazionale, evidente conclusione di una effettiva sovranità politica.

     Inoltre, per queste giovani entità politiche fu un aiuto per sviluppare e incoraggiare un sentimento di identità nazionale tra i nuovi cittadini. Attraverso i media si cerca quindi, tuttora, di compiere questo lavoro e, in particolare, con la radio, che viene considerata il mezzo di comunicazione per eccellenza.

     Tuttavia, nelle società africane la funzione socio-politica dei mass media fu spesso accoppiata alla dimensione politico-ideologica, e questo provocò la creazione di un consenso a favore di una ideologia nazionale. È questa particolarità che spiega e, in vari modi, giustifica la susseguente funzione dei media africani e, soprattutto, il loro ruolo come strumenti del potere politico.

     Ma, in aggiunta al potere politico, altri settori e compiti sono stati assegnati  ai vari mezzi di comunicazione nazionale, che aiutano lo sviluppo socio-economico: incrementare la produttività agricola; promuovere un benessere sociale e una maggiore “educazione medica” tra la popolazione, ecc.. Inoltre una serie di esperimenti sono stati fatti con lo scopo di utilizzare i media come mezzi di educazione in varie parti della Africa. L’ articolo, scritto in “Voice from Africa” del 1992, riporta vari esempi di questo uso dei media. «Per più di venti anni, il Diisoo, un programma della radio rurale educativa presente in Senegal e A l’ ècoute du monde rural della radio presente nel Mali, sono il simbolo di una originale forma di trasmissione rivolta soprattutto ai contadini con lo scopo di educarli, tutte trasmesse infatti in lingua nazionale. E, se pensiamo, che l’ 80 per cento delle società africane sono rurali, è facile vedere l’ importanza di questo “nuovo stile” usato per la radio.»[13]

     Nello stesso modo, fin dai primi giorni dell’ indipendenza, i giornali a Mali e a Togo, per esempio, hanno anche fornito una originale dimostrazione del singolare dinamismo di una stampa rurale fatta con i linguaggi locali africani, costruita dai contadini per i contadini. Essenzialmente concepiti come strumenti politici per unire le masse e le autorità, i giornali rurali sono visti anche come catalizzatori della partecipazione popolare nelle varie azioni di sviluppo. L’ idea è quella di concentrarsi sulle specifiche competenze dei mezzi di comunicazione (l’ estesa copertura delle trasmissioni, la capacità di influenzare le attitudini e i comportamenti del pubblico) per inculcare nella popolazione, che per la maggior parte è analfabeta, piacevoli modelli di comportamento, per aiutarli a diventare dei protagonisti attivi nei differenti processi sociali ed economici.

     Simboli della sovranità politica e strumenti di coesione nazionale, i giornali, le radio e le televisioni diventano così, in più, fornitori di educazione e di sviluppo, offrendo così una inaspettata possibilità di neutralizzare il sottosviluppo. Ma è chiaro che ancora oggi la azione dei differenti media africani deve fare ancora molta strada per raggiungere i risultati sperati.

     Infatti l’ Africa si trova a vivere ancora una condizione di forte isolamento dal resto del mondo, cosa che viene spesso evidenziata dai giornalisti, dagli operatori di ONG, ecc.. Varie analisi sulla situazione informativa in alcuni paesi come il Mali, la Repubblica Democratica del Congo, il Senegal, ecc., hanno mostrato la necessità di insistere sulla formazione dei comunicatori, giornalisti e operatori delle ONG, e soprattutto sullo sviluppo dei media a livello locale, creando una rete di interscambio sia all’ interno del continente africano, sia verso l’ Europa. Bisogna cercare di attuare questo progetto per

superare le carenze interne in termini di informazione, e la disinformazione diffusa sugli affari africani che arriva al Nord.

     Comunque, le cose stanno cambiando in Africa, infatti, a partire dagli anni ’70 la capacità di raccogliere, di trasmettere e di utilizzare le informazioni e l’ impatto che queste hanno sulla popolazione è andato in crescendo. Ma la qualità e la circolazione delle notizie sul Sud nel Nord non è affatto cambiata. Infatti va sottolineato come le notizie che provengono dal Sud non vengano assolutamente valorizzate nei mass media del Nord, e come spesso risultino incomprensibili in quanto estrapolate completamente dai loro contesti reali.

     C’ è tutto un tipo di informazioni diverse da quelle drammatiche che vengono diffuse al Nord sull’ Africa che meriterebbero di essere riportate come iniziative di sviluppo condotte dalla popolazione rurale e urbana, «gli esempi positivi della solidarietà tipica africana, la vita della famiglia allargata, il rafforzamento della posizione della donna nella società. Emerge dunque con forza anche per l’ Africa la necessità di instaurare un dialogo fra Nord e Sud e di favorire il diritto all’ accesso alle informazioni centralizzato fino ad oggi per il 90% nelle mani delle grandi agenzie di stampa occidentali.»[14]

     Gli strumenti della comunicazione sono in molti paesi africani ancora molto rudimentali, e poiché la conoscenza si sviluppa in base agli strumenti che si hanno per accedervi, resta un dato di fatto che la maggior parte degli africani sia costretto a vedere l’ Africa secondo il punto di vista deformante delle grandi agenzie di stampa occidentali. È necessario quindi operare un cambiamento di rotta che porti gli occidentali a ricercare fonti alternative di informazione, e gli africani a valorizzare quelle esistenti nei loro paesi.

     Intanto ciò che si può fare, e che in alcuni paesi è stato già fatto, è dare l’immagine dell’ Africa vera, in occasione degli incontri internazionali, nei giornali, nei programmi televisivi, ecc., contestualizzata, alternativa, al contrario delle notizie fornite dalle agenzie di stampa internazionali che hanno i loro inviati fermi nelle sole capitali. Le loro informazioni non tengono mai conto né del contesto, né delle specificità del paese. Comunque le risorse esistono e le idee anche per dare vita a una vera informazione alternativa, manca ancora però la volontà di valorizzarla.

    « In generale, in tutta l’ Africa, per capire fino in fondo la situazione senza errori, è stato evidenziato come a fianco dei mezzi  di comunicazione moderni, come la radio e la televisione, si debbano tenere presenti e valorizzare anche gli strumenti tradizionali, e gli altri canali di comunicazione alternativa: i racconti, il teatro, la musica. La comunicazione interpersonale, infatti, passa necessariamente per gli individui, nelle famiglie o nei gruppi sociali. Qui si trova l’ arte dello spettacolo, dei gruppi itineranti, dei cantanti, dei dansatori che partecipano alle feste dei villaggi e trasmettono informazioni di paese in paese, di gruppo in gruppo.»[15]

     Le riunioni pubbliche in Africa sono ancora occasioni di dibattito, di scambio, in cui si regolano i conflitti e si prendono decisioni comuni, sono luoghi e situazioni da non sottovalutare o snaturare, e che il mondo della comunicazione, il mondo globale deve tenere presente.

 

 

 

 

                                    

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Par. 2.2. Situazione della stampa in Africa.

 

 

     La stampa ha acquistato una nuova missione: facilitare la comunicazione fra gli uomini e giocare un ruolo importante nella vita economica delle società. Senza essere assoggettata ad una definizione immutabile, la stampa continua a migliorare le relazioni fra individui e gruppi e offre anche uno strumento pratico di incontro. Ed è proprio questa una delle sue meravigliose funzioni: essere una finestra sul mondo.

     Così, anche in Africa, non è servito molto tempo affinché i giornali fossero visti come mezzi di comunicazione di massa, anche se nel periodo dell’ indipendenza pochissime città del continente avevano un autentico quotidiano. Infatti, con l’ eccezione delle prime colonie britanniche, che erano già eredi di una lunga e radicata tradizione di libertà di espressione, e poche regioni che parlavano francese, in molte parti dell’ Africa i quotidiani consistevano di un semplice bollettino, generalmente di mediocre qualità.

     Ma, in poco tempo, un reale sforzo in termini di allestimento di infrastrutture portò all’ instaurazione di quotidiani e di moderni periodici di informazione, simboli di vere personalità politiche nazionali. I titoli delle pubblicazioni erano evocativi, e mostravano la volontà delle differenti regioni di proclamare le loro credenze, le loro idee politiche e sociali, visto che il giornale è più che un semplice mezzo di informazione, in quanto è investito da una specifica missione politica: la promozione della coesione nazionale.

     Un altro essenziale compito è lasciato al giornale, ossia quello di scoprire ed esplorare nuovi orientamenti. Questo indica che in Africa, fin dall’ inizio, la funzione ideologico-politica è stata più importante di altre come quella delle funzioni tradizionali della stampa, cioè l’ informazione e l’ intrattenimento delle masse. Ma, nonostante lo sviluppo abbastanza considerevole della stampa, e anche l’ importante grado di modernizzazione di molte pubblicazioni prodotte nel continente, l’ impatto del giornale rimane relativamente debole.

     Il primo ostacolo per lo sviluppo del giornale in Africa è la povertà della gente. Per certe categorie sociali il regolare acquisto dei giornali rappresenta un sacrificio finanziario non indifferente. Questo significa che la distribuzione è spesso limitata alle aree urbane dove regna una relativa prosperità.

     Il secondo ostacolo è il difficile approccio delle popolazioni africane alla parola scritta. In qualche modo l' apparizione del giornale è paradossale: sviluppare un mezzo di comunicazione basato sulla scrittura tra una popolazione che è per la maggior parte analfabeta è chiaramente una sfida. Anche a livello delle classi istruite, e nonostante la esistenza di una certa mole di élite africana, leggere è lontano dal diventare una pratica comune. A parte i manuali scolastici, gli africani tendono a leggere molto poco, questo perché la lettura può produrre un sentimento di colpevolezza, riflesso di una cultura marginale, essendo una pratica solitaria.

     Il terzo problema sono gli alti e bassi della circolazione della notizia e l’ assenza di una espressione pluralistica delle opinioni. Spesso è il messaggio di un unico giornale che prevale e impone le sue idee: lo Stato è allo stesso tempo il suo maggiore cliente e unico proprietario; il contenuto delle notizie non è molto vario; vere e severe condizioni limitano le strade nelle quali la raccolta e la disseminazione delle notizie prendono posto. Comunque ci sono poi delle regioni che presentano un’ ampia portata di pubblicazioni, nelle quali i contenuti e le ideologie politiche sono diverse, ma la maggior parte dei gornali africani ha un senso unico di corrente d’ informazione e hanno delle restrizioni  su tutte le idee che non riflettono l’ opinione ufficale.

     Per aggirare i vari problemi economici, culturali e istituzionali e per dare alla stampa la dimensione di un efficiente supporto per i mezzi di comunicazione, si è sviluppata negli ultimi venti anni una stampa alternativa. Per più di venti anni i giornali rurali nelle lingue nazionali offrono alle popolazioni rurali  elementi di pratica informazione. In più per un certo target di ascoltatori, per i quali è difficile capire la parola scritta, questi giornali rurali facilitano il dialogo e lo scambio prima di tutto tra i contadini stessi, e poi tra loro e le autorità.

    Mentre il Ruanda aveva già il suo primo bollettino rurale in Kinyarwanda nel 1933, Le Kinyameteke, è solo dal 1960 che la stampa rurale ha preso veramente il volo. Dal 1968 sono stati registrati circa 60 giornali rurali in 16 regioni diverse. In generale questi venivano pubblicati una volta al mese, prodotti dai contadini stessi. Ma, sebbene i giornali rurali definiscono se stessi dall’ inizio come essere fatti dai contadini e per i contadini, rimangono ancora oggi, circa venti anni dopo, tributari di un gran numero di limitazioni: 1) Una persistente dipendenza istituzionale: iniziati come progetti dello UNESCO, queste pubblicazioni sembrano avere delle difficoltà ad oltrepassare la scena sperimentale. Infatti necessitano di essere presi sotto le ali di un ministero per diventare vendibili e meglio conocsiuti. 2) Un ostacolo linguistico: nonostante l’ uso dei linguaggi locali, i giornali rurali rimangono soprattutto uno strumento di comunicazione scritto. Lo accesso a questo pone qualche specifico problema: primo i contenuti dei giornali nei linguaggi nazionali non sono sempre veramente capiti da tutti, incluse le élite africane; in secondo luogo, con l’ eccezione di una o due regioni con una notevole omogeneità culturale, non c’è un consenso in Africa in favore di un comune linguaggio capito, scritto e parlato da tutti. 3) La difficoltà di far passare i messaggi: uno strumento di informazione per le masse rurali, i giornali rurali servono anche per alfabetizzare questo gruppo. Ma non segue nessuna competenza e non esiste un meccanismo di valutazione per assicurare che questi riescano, che i loro contenuti siano regolarmente aggiornati.

     Oltre ai giornali rurali, una seconda generazione di organi di stampa alternativa appare in Africa nel 1970. Generalmente prodotte da ONG, queste pubblicazioni sono rivolte a differenti gruppi sociali, cioè agli abitanti delle zone urbane e semi-urbane, e agli agenti di sviluppo che lavorano nelle aree rurali e cercano di volgarizzare le varie teorie socio-economiche e quelle sulla salute. Il loro scopo è quello di persuadere queste classi sociali ad assumere, volentieri, responsabilità per i vari sviluppi dei progetti e dei programmi in allestimento nel loro paese.

     Ma, questa stampa alternativa incontra anche un numero di difficoltà per raggiungere il suo pubblico: a livello produttivo la mancanza di risorse limita la corsa della stampa; spesso, per essere accessibile al suo pubblico, i giornali sono obbligati a vendere le copie a un prezzo minore rispetto a quello di produzione; a livello di disseminazione, i costi distributivi sono generalmente molto alti, circa il 40% del prezzo di vendita del giornale, togliendo così ogni possibilità di riuscire ad autofinanziarsi. In queste condizioni un supporto finanziario esterno è più che indispensabile per ottenere un metodo di produzione migliore e una reale possibilità di autofinanziarsi, basata su un incremento di circolazione.    

     Comunque, la vera reale infatuazione delle persone per queste differenti esperienze, come lo speciale interesse per queste accordato dai governi africani, ha rivelato un nuovo spirito di dialogo, e la loro apparizione ha generato numerose speranze: per prima cosa la installazione di una reale comunicazione tra le masse, poi tra queste e i capi politici e amministrativi e, tra l’ altro, il desiderio di riuscire lì dove i giornali hanno fallito.

     Alla luce degli indicatori sopramenzionati, appare evidente che la stampa africana cerca una sua dimensione. Parlando più in generale di questo mezzo di comunicazione, possiamo dire che all’ inizio era più conformista e le notizie erano messe da parte in favore di altri generi redazionali come l’ analisi e i commmenti. Questo spiega lo scetticismo dell’ opinione pubblica che dà poco credito e mostra poco interesse per le informazioni diffuse dai mass media di stato.

    Analiziamo la situazione presente nel periodo più recente, e vediamo che all’ inizio degli anni Ottanta i fattori politici cambiano e arrivano gli aggiustamanti strutturali voluti dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca Mondiale, sale la pressione dei finanziatori per una giudiziosa utilizzazione dei sussidi finanziari e degli aiuti ricevuti. «Tra gli effetti positivi di queste politiche vi è quello di un forte incentivo alle privatizzazioni e a nuove iniziative economiche in un quadro di accentuato liberalismo.      In questo contesto si delineano anche le critiche dell’ opposizione e il potere centrale indietreggia, allargando di conseguenza lo spazio delle libertà. La conquista di una più grande libertà d’ espressione fa nascere una varietà di testate giornalistiche dal più diverso orientamento editoriale. Nonostante il successo ineguale, la stampa africana è viva, solo che non è ancora prospera.»[16]

     Fra i punti di forza dello sviluppo della stampa c’è la formazione che riceve il giornalista africano. «Secondo una configurazione geografica esistono delle scuole di giornalismo fra cui quelle di Dakar e di Yaoundé. In questi centri sono stati formati più di 1500 giornalisti che costituiscono l’ ossatura della stampa africana. Questi incarnano il rinnovamento e la rottura con la pratica classica del giornalismo.»[17]

     I giornalisti, quindi, hanno, nella maggior parte dei casi, ricevuto una formazione superiore e questa è una pratica che va rafforzandosi sempre di più. La maggioranza esercita la professione nei grandi centri urbani, così possiamo dire che la stampa si sta professionalizzando e sta facendo retrocedere la stampa “amatoriale”. Sempre più spazio è infatti dato ai problemi economici e sociali; tutti i generi editoriali coabitano, ma il suo margine di avanzata è ancora grande.

     Un altro punto di forza che permette alla stampa di sopravvivere anche in condizioni finanziarie difficili è la solidarietà fra editori, che si mettono insieme per riuscire a coprire il deficit dei mezzi, per coprire i fatti di scottante attualità dal luogo in cui avvengono. Inoltre, le affinità professionali e le similitudini dei corsi cimentano questa solidarietà. 

       Fra i principali elementi di debolezza, invece, che colpiscono la stampa africana  c’è la mancanza di un facile accesso alle fonti di informazione, a cui si aggiunge la difficoltà di accesso anche alle risorse finanziarie  e al credito. Ma, la stampa, come abbiamo visto, si evolve ugualmente, anche in presenza di queste situazioni materiali precarie. Generalmente un lettore su due compra il giornale e una copia è letta da circa dieci persone in media. L’ impaginazione e la composizione rimangono austere malgrado delle timide aperture nella preparazione. Il prezzo e il costo di produzione rimangono proibitivi e frenano il cammino e la nascita di nuovi giornali perché vengono oberati da costi fissi. A ciò si aggiunga un altro grosso ostacolo costituito dallo scarso sistema di diffusione.

     «A questo riguardo la stampa africana corre un triplo rischio. Infatti, da una parte va incontro a un crollo strutturale dovuto alle spese necessarie a sostenere l’ acquisizione di tecnologie appropriate, dall’ altro rischia un impoverimento infrastrutturale che renderà fragile il suo precario equilibrio. Fino ad una perdita di lettori a causa del rincaro dei costi di fabbricazione e dei prezzi annessi ( la stampa, ecc.).»[18]

     Comunque in misura dell’ importanza crescente economica dell’ Africa negli scambi mondiali, la stampa conquista dei nuovi segmenti di mercato all’ esterno. Nei 52 paesi del continente appare ogni tipo di giornale a periodicità variabile, ai quali si aggiungono varie stazioni audiovisive.

     Il bacino di diffusione e i tassi di penetrazione dei media rimangono intanto deboli, essenzialmente concentrata nelle capitali la stampa gode di un’ audience limitata. Per fare un esempio una città di provincia situata a 600 km dalla capitale non riceve la stampa del giorno che verso sera o il giorno dopo se sopraggiungono dei problemi con i mezzi di trasporto. Questa è la situazione, che si aggrava grazie al comportamento dei giornalisti che vogliono di più e meglio: vogliono esoneri fiscali e sovvenzioni, riduzioni sui prezzi della carta, prestiti a tassi agevolati, facilitazioni varie e accesso ai mezzi di trasporto moderni a prezzi modici.

    È interessante riportare alcuni esempi sulla situazione della stampa nei diversi paesi africani, situazioni che presentano delle notevoli similitudini.

     Per esempio vediamo come in Burkina Faso la successione di regimi speciali ha notevolmente ritardato il cammino della stampa, anche se non è riuscita a fermarlo del tutto. Sostenuta da una forte aspirazione alla democrazia, la stampa ha accentuato il suo ruolo mostrando l’ incisività della sua funzione per la democratizzazione del suo paese malgrado gli innumerevoli ostacoli che vengono continuamente messi sul suo cammino.

     «Nell’ ex  Zaire il tentativo del regime di imbavagliare la stampa si fa ancora più forte e in un certo senso il governo è riuscito ad ottenere i suoi scopi. Malgrado ciò i mezzi di diffusione di notizie non si sono fatti piegare, ma hanno adottato un profilo dettato dalle circostanze, e anzi sono nate delle nuove testate. Con la caduta di Mobuto le cose non sono migliorate, infatti il nuovo regime ha ritenuto utile inquadrare la stampa con lo scopo di consolidare il suo potere, a costo di calpestare alcune libertà fondamentali come la libera formazione di partiti politici, il divieto di manifestazioni pubbliche, ecc..»[19]

     In Camerun gli operatori dei media hanno pagato un contributo pesante: sequestri, censure, soppressioni, divieto di pubblicare e imprigionamento. Ma nonostante queste brutalità, la stampa camerunese non ha ceduto, accentuando anche le sue critiche e rendendole più incisive non senza denunciare gli abusi di potere di cui si rendono colpevoli i poteri pubblici.

     La stampa indipendente in Algeria è stata autorizzata solo nel 1989/90. Durante questi anni sono nati molti giornali liberi, sia quotidiani che settimanali e mensili, alcuni sono arabofoni, altri sono francofoni. Tutti i quotidiani indipendenti in Algeria hanno molti problemi, perché anche se per i democratici algerini è una vittoria avere della stampa indipendente, purtoppo lavorare è difficile. Vivono infatti in condizioni scomode sia sul piano della sicurezza che sul piano materiale.

     Il primo problema è di carattere finanziario, i giornali indipendenti, infatti, non ricevono finanziamenti da partiti o società finanziarie, e da quando il governo ha varato la legge che vieta alle Agenzie Pubbliche di utenza pubblicitaria di  fare uscire pubblicità sulle pagine della stampa indipendente, le difficoltà a sopravvivere sono andate aumentando. Il secondo problema che assilla la stampa algerina è la censura. Il potere in Algeria, da quando il cammino democratico ha fatto si che questo non potesse più fermare arbitrariamente e apertamente una testata, esercita una censura sottile fatta di escamotage alternativi per spingere i giornali che non apprezza a chiudere. Ad esempio, basta che il governo dia istruzioni alla società che si occupa della tipografia di non lavorare per alcuni giorni per far si che i giornali indipendenti si trovino costretti a non poter uscire per alcuni giorni.

     In un paese dove la situazione della sicurezza è difficilissima, non essere informati per due o tre giorni vuol dire dare corso a tutte le voci, le più assurde, senza parlare delle conseguenze economiche per la vita di giornali che sono come imprese, che fanno vivere giornalisti, tecnici, amministratori, autisti, ecc..

     La maniera morale di fare censura in modo indiretto è quello di tormentare i giornalisti con mezzi giuridici, perché la giustizia purtroppo in Algeria non è ancora del tutto indipendente e perciò viene alle volte utilizzata come uno strumento di pressione diretta sulla stampa. Non basta il governo a frenare la libertà di stampa, infatti, come sappiamo, ci sono i terroristi algerini, gli islamisti, che hanno cominciato all’ inizio degli anni ’90 ad allertare i giornalisti, che erano allora i loro bersagli preferiti. Ne hanno uccisi più di 60 e molti sono stati costretti all’ esilio, quelli che sono rimasti lavorano in condizioni di sicurezza molto difficili; alcuni non vivono più in casa propria da anni, non vedono i propri figli.

    L’ Algeria è comunque il solo paese arabo dove malgrado tutto è fiorita una stampa libera, che esiste, che produce giornali dove si possono leggere tutti i giorni delle critiche molto forti contro il potere, dei dossier sulla corruzione che mettono in causa ministri in funzione e alte personalità come nella migliore tradizione della stampa libera.

     Al di là di questi esempi  i tratti dominanti dell’ informazione e della stampa in Africa sono: la pluralità di titoli e la moltiplicazioni delle stazioni radio e televisive; la larga copertura dei differenti segmenti della società; la diversificazione delle fonti di informazione e il chiarimento delle opinioni africane sulle questioni in gioco; la vigilanza accresciuta su coloro che prendono le decisioni politiche ed economiche nel Paese fa sì che questi diventino sempre più accessibili e meno arroganti.

     Però la stampa continua a trascinarsi delle lacune che rischiano di frenare il suo slancio, e sono: la debolezza delle risorse umane; l’ insufficienza delle infrastrutture e degli strumenti utili per la comunicazione; la preponderanza della copertura dell’ attualità politica a scapito degli altri aspetti della vita dell’ uomo; un debole spettro di diffusione a causa di una tiratura modesta; un’informazione più urbana che rurale e quindi un pò elitaria.

     Ancora, il dinamismo che ha dimostrato la stampa privata ha modificato il comportamento dei mezzi di comunicazione pubblici che rischiano di perdere in credibilità se questi non allargano il perimetro di copertura dell’ attualità.

     L’ elemento di fondo da risolvere per superare anche gli altri problemi è la promozione del diritto alla libera espressione delle opinioni. I militanti dei diritti umanitari hanno largamente abbordato queste questioni suggerendo dei centri d’ interesse ai giornali. I professionisti della comunicazione interpellati hanno attirato anche la attenzione dell’ assistenza sulla realtà attuale dei media che si sono eretti ad imprese con delle preoccupazioni di redditività comprensibili.               

    Essere informati è una condizione per partecipare alla vita sociale. Il bisogno di appartenenza è un atto di identificazione che rende possibile un giornale. «Per rivendicare un giusto ordine verso l’ esterno la stampa deve  innanzitutto procedere a un riequilibrio dell’ ordine interno. I cambiamenti socio-economici su scala planetaria sconvolgono gli schemi tradizionali, e gli avvenimenti non sono più lineari, il loro groviglio impone delle nuove griglie di lettura. Allo stesso tempo bisogna fare ricorso ad altri tipi di considerazioni più sociologiche che giornalistiche per poter descrivere le situazioni presenti. In questo senso i giornalisti del Nord e del Sud devono sentirsi indistintamente interpellati.»[20]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

3.5. Mass media ed educazione interculturale.

 

 

 

     All’ interno del campo specifico dell’ educazione allo sviluppo, si è arrivati a riflettere sulla necessità  e urgenza, in un mondo sempre più complesso e interdipendente, di una educazione interculturale. E se è vero che la pedagogia e la didattica non riguardano solo la sfera cognitiva ma anche quella affettiva, relazionale e quella simbolica, i mass media si offrono come degli strumenti preziosi per comprendere una società e i suoi valori.

     Il giovane di oggi vive in un contesto in cui le informazioni sono più numerose, e le conoscenze sono, non solo superiori quantitativamente, ma anche diverse. La mente di un ragazzo di oggi è sommersa da una molteplicità di informazioni frantumate non solo perché diversificate, infatti i media non seguono un’ esposizione sistematica, ma perché appartenenti a mondo diversi. I nuovi media hanno così creato mutamenti profondi, essi non si limitano a trasformare il mondo in un villaggio globale, ma creano mondi paralleli.

     Ma le nuove tecnologie non sostituiscono il libro e la carta stampata, né esiste incompatibilità fra essi, anzi la scrittura finisce per avere un’ importanza maggiore che nel passato. Però la funzione della parola scritta si trasforma: radio, cinema, televisione usano una parola orale ma dietro questa c’ è un testo scritto, scritto in funzione della oralità.

     Il problema non è quello di mettere al bando i nuovi media, ma di capire: «1. Che le nuove tecnologie causano una trasformazione delle strutture mentali; 2. Che le persone più deboli culturalmente sono quelle più condizionate negativamente. 3. Che i giovani devono possedere adeguati strumenti culturali per potersi inserire in questa nuova epoca, perché il pericolo dei nuovi media non sono i media stessi, ma un nuovo analfabetismo multimediale.»[21]

     La scolarizzazione di massa ha eliminato l’ analfabetismo strumentale di chi non sa leggere e scrivere, ma esiste oggi un altro analfabetismo, culturale e intellettuale,quello cioè di chi sa leggere e scrivere ma non lo fa. Il discorso, aperto dall’ educazione interculturale, viene riportato all’importanza di una educazione alla lettura, al ruolo che può svolgere la scuola nel motivare i ragazzi a leggere, nel creare un’ atmosfera in cui la lettura risulti un’ attività piacevole.

     Questa pedagogia della lettura sembra oscillare tra due poli: quello della lettura come comprensione e quello della lettura come piacere. Occorre programmare una didattica che sappia conciliare piacere e dovere. E se si opta per una scelta pedagogica che pone lo studente al centro del processo di formazione, allora non si può non prendere in considerazione la cultura di cui lo studente è portatore e consumatore. Il rapporto con la cultura di massa  è un problema che la scuola non può non affrontare.

    La nuova pedagogia sottolinea , oltre al piacere di leggere, la valorizzazione del ruolo attivo del lettore, del suo punto di vista. Il rapporto con un testo letterario è sempre occasione, infatti, per un rapporto con se stessi e con gli altri. Il lettore fa un’ esperienza di identificazione, di proiezione e di introiezione, e questa ginnastica psicologica ha un ruolo formativo insostituibile, tanto più nella nostra epoca  segnata in modo massiccio dai mass media che inducono modelli di comportamento acritici, tali da non favorire certo curiosità o empatia nei confronti del diverso.

     La letteratura può risultare utile nel campo formativo, perché dà la possibilità di capire che esistono visioni del mondo diverse, punti di vista diversi. «Se è vero che comprendere l’ altro vuol dire non solo conoscere la sua storia e l’ ambiente in cui vive, ma vuol dire anche conoscere il suo modo di pensare, il modo di vivere, i simboli, i valori in cui si riconosce; se è vero tutto questo, è altrettanto vero che la sua letteratura permette di apprendere alcuni elementi di questa cultura.»[22]

     La vera disciplina letteraria giustamente mondiale, secondo Armando Gnisci, sembra essere la letteratura comparata. Questo perché si è trasformata negli ultimi decenni in un vero e proprio sapere dell’ incontro, aperto e frequentato da tante voci e ascolti. La letteratura comparata permette la pratica di colloquiare, e questo colloquio avviene tra tutte le letterature e a tutti i livelli di indagine, sulla scena della parità e della reciprocità delle culture. «La mentalità e la forma di educazione che la letteratura comparata impone oggi a un letterato europeo consistono nell’ esercizio del continuo sforzo di mettersi in pari con gli altri, del vigile ascolto, della giusta traduzione, del dovere e del piacere della ospitalità, e infine della messa in discussione del nostro stesso senso della dignità e quindi alla prova del giudizio degli altri. Quegli "altri" che oggi vengono a trovarci non per conquistarci ma per venire a vivere da noi nella pari dignità.»[23]

     Anche Gramsci era un “comparativista”: «La grammatica storica-egli ha scritto-non può non essere comparativa: espressione che, analizzata a fondo, indica la intima coscienza che il fatto linguistico, come ogni altro fatto storico, non può avere confini nazionali strettamente definiti, ma che la storia è sempre “storia mondiale” e che le storie particolari vivono solo nel quadro della storia mondiale»[24]. Il modo di lavorare di Gramsci è sempre “esplorativo”, provvisorio, sperimentale, e non dottrinario e formalistico, riservandosi sempre uno spazio per la scepsi; egli non si sgancia mai dalla vita dalle esperienze storiche di classi e individui dalla cultura degli esseri umani anche più svantaggiati; egli leggeva e riferiva tutto ciò su cui riusciva a mettere le mani, non vi era per lui nulla di estraneo nel mondo.

     Viviamo in un mondo interdipendente, un mondo in cui nessun problema veramente importante può venire risolto a livello nazionale, e nemmeno continentale, basti pensare per esempio al problema degli squilibri ambientali, al problema della droga, dell’AIDS, al problema della pace. Attraverso i giornali, e soprattutto i mezzi elettronici, ogni giorno tutti noi siamo messi a confronto con questi problemi, infatti da questo punto di vista viviamo in un villaggio globale. La scuola deve assumere un ruolo importante nella sensibilizzazione alle sfide attuali, sapendo di non avere a disposizione risposte facili e immediate.

      I tempi ci costringono ad uscire dalla caverna etnocentrica nella quale siamo sigillati, per esporci ad un confronto. In altri termini la nostra società deve mutare le sue prospettive di organizzazione e di visione del mondo reale e capovolgere le interrelazioni con gli altri. Si è chiamati a misurarsi con il drammatico momento del crollo delle proprie sicurezze, avanzando verso ciò che appare incerto e dubbioso, ma è anche il momento di future speranze che aprano la nostra condizione verso orizzonti più ampi, riscattati dagli egoismi etnocentrici che ci accompagnano.

     La scuola, quindi, ha il compito di analizzare in profondità ogni informazine disponibile nella consapevolezza di dover pensare e fare progetti in termini spaziali e temporali molto ampi. La conoscenza del mondo che un ragazzo di oggi ha , attraverso i mezzi di comunicazione, è molto diversa rispetto a quella di un suo coetaneo di qualche generazione fa, per cui anche la spiegazione della realtà che gli va data non può non tener conto di due elementi, molto più forti oggi che in passato, che sono la complessità e la interdipendenza.

     Occorre costruire una “pedagogia della complessità”, porre la flessibilità intellettuale e la tolleranza come obiettivi  formativi per rompere gli stereotipi culturali che ostacolano la comunicazione e la convivenza civile. Se in questo mondo nuovo che si va delineando, interdipendenze, identità e differenze hanno un valore cruciale, vanno cercati allora nuovi strumenti, nuove categorie per leggere e descrivere fenomeni nuovi, occorrono uno stile cognitivo e un atteggiamento affettivo capaci di decentramento. Bisogna riflettere su come si costruiscono i sistemi culturali, su come operano, su come si stratificano stereotipi e pregiudizi, dobbiamo studiare la nostra storia per prendere consapevolezza della storia degli altri.

     Se la scuola continua ad essere centrata sul modello tradizionale dove prevalgono la gerarchia, il nozionismo, la competitività, una scuola chiusa in se stessa, non aperta allo esterno, una scuola in cui ogni insegnante lavora in modo isolato, non si vede come si possa fare, se non a parole, educazione interculturale e alla differenza. In questo tipo di scuola sono possibili cicli di lezioni o di unità didattiche su temi di educazione allo sviluppo, di educazione alla pace, di educazione interculturale, ma questi resteranno momenti episodici, frammentari, estranei alla normale attività didattica.

     Molti educatori pensano a una scuola che possa offrire al ragazzo l’ esperienza diretta di una diversa qualità di rapporti tra le persone, una scuola che sappia valorizzare le differenze presenti al suo interno, le sappia usare come risorse per costruire un sapere nuovo e crei così un atteggiamento di curiosità e di rispetto nei confronti della diversità. Si può fare infatti educazione interculturale a partire dalle differenze presenti in una classe, con l’ obiettivo di comprendere che la diversità delle persone può essere un arricchimento reciproco.

     Quindi, in questo senso, l’ educazione allo sviluppo, l’ educazione interculturale non sono contenuti nuovi, materie nuove da aggiungere alle altre, quanto piuttosto un modo nuovo di affrontare le materie di sempre, uno stimolo a ripensare la didattica e i rapporti interpersonali in modo nuovo. Infatti, di fronte al rapido evolversi  e al moltiplicarsi dei saperi, di fronte all’ ampliarsi delle conoscenze e delle competenze, la risposta della scuola non può essere quella di aumentare la quantità di materie, di contenuti, di ore passate a scuola, ma deve essere una risposta che mira a ridurre la quantità per puntare sulla qualità.

     La scuola dovrebbe mutare i suoi tempi, i suoi spazi, i suoi contenuti e porsi come una istituzione in grado di raccogliere e diffondere nuovi linguaggi, di elaborare nuovi codici di espressione, di organizzare la molteplicità culturale per illustrare ai suoi allievi le tendenze possibili, gli orientamenti propabili, i valori simbolici emergenti, le negoziazioni indispensabili.

     Un’ altra caratteristica da mettere in evidenza è quella che vede come gli studi interculturali intrapesi in passato siano stati fatti per la maggior parte da gente dello Occidente che osserva il resto del mondo. Storicamente in Europa abbiamo avuto la tendenza a considerare la nostra cultura “cattolica”, cioè superiore e di rilevanza universale. Se quindi vogliamo evitare l’ adozione di punti di vista stereotipati, e per estensione razzisti, dobbiamo essere ancora più vigili e attenti. Dobbiamo renderci conto del nostro etnocentrismo, del fatto che abbiamo un punto di vista culturale particolare ma che ce ne sono altri altrettanto validi, e dobbiamo promuovere attivamente la conoscenza e la comprensione delle differenze culturali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Biblio – emerografia.

 

   

    La presente biblio-emerografia è stata suddivisa in due parti: una parte è costituita

 

dalla bibliografia; l’ altra da un indice emerografico. È stato necessario costruire un

 

indice emerografico perché la ricerca si è basata soprattutto sull’ analisi dei quotidiani,

 

che hanno portato ad avere una grande quantità di documenti emerografici.

 

 

 

Bibliografia

 

 

 

AA.VV., Altre Afriche, Roma, Internazionale, 1998.

AA.VV., Dare voce al sud del mondo, Roma, Cipsi 1998.

AA.VV., Noci di cola, vino di palma, Roma, Ed. Lavoro,1996.

Abbruzzese A., Analfabeti di tutto il mondo uniamoci, Genova, Costa e Nolan, 1996.

Baratta G., Le rose e i quaderni, Roma, Gamberetti editrice, 2000.

Bekkar A., I muri di Casablanca, Roma, Sinnos Editrice, 1998.

Benot Y., Ideologie dell’ indipendenza africana, Roma,Ed. Riuniti, 1976.

Bernardi B., Africa, Roma, Carocci, 1998.

Bettetini G., L’occhio in vendita: per una logica e un’etica della comunicazione         audiovisiva, Venezia, Marsilio, 1991.

Bettetini G., Le nuove tecnologie della comunicazione, Milano, Etas, 1993.

Bettetini G., Quel che resta dei media: idee per un’etica della comunicazione, Milano, Franco Angeli, 1998.

Bolter J.D., L’uomo di Turing, Parme 1995.

Calchi Novati G., L’ Africa, Roma, Editori Riuniti, 1987.

Cesareo V., Il quotidiano a scuola, Firenze, Sansoni, 1981.

Curien N., Gensollen M., Telecomunicazioni: monopolio e concorrenza, Bologna, Il Mulino, 1995.

D’Amico, Della Seta, Il quotidiano in classe, Bologna, Zanichelli, 1983.

Delle Donne M., Relazioni etniche, Roma, Ed.UP, 1998.

Gentile A.M., Il leone e il cacciatore, Firenze, La Nuova Italia scientifica, 1995.

Gnisci A., Creoli meticci migranti clandestini e ribelli, Roma, Meltemi, 1998.

Gnisci A., Manuale storico di letteratura comparata, Roma, Meltemi, 1997.

Gnisci A., Quattro conti, Roma, Sallustiana, 1998.

Gordimer N., Scrivere ed essere, Milano, Feltrinelli,1996.

Gordimer N., Un mondo di stranieri, Milano,Universale Economia Feltrinelli, 1995.

Gramsci A., L’ alternativa pedagogica, Firenze, La Nuova Italia, 1980.

Gramsci A., Quaderni del carcere, a cura di V. Gerratana, vol.I-IV, Torino, Einaudi        editore, 1977.

Latouche S., Il pianeta dei naufraghi, Torino, Boringhieri, 1993.

Latouche S., Il pianeta uniforme, Torino, Boringhieri, 1997.

Latouche S., L’ altra Africa: tra dono e mercato, Torino, Boringhieri,1997.

Latouche S., L’ occidentalizzazione del mondo, Torino, Boringhieri, 1992.

Latouche S., La megamacchina,  Torino, Boringhieri, 1995.

Lyotard J.F., La condizione postmoderna, Milano, Feltrinelli, 1979.

Manoukian A., La chiesa dei giornali, Bologna, Il Mulino, 1996.

Maria de Lourdes Jesus, Racordai, Roma, Sinnos Editrice, 1996.

Marx K., Engels F., Il Manifesto del Partito Comunista, tr. It. di P.Togliatti,

Torino,Paravia, 1989. 

Mattelart A., L’invenzione della comunicazione, Milano, Il Saggiatore, 1998.

Mattelart A., La comunicazione globale, Roma, Editori Riuniti, 1998.   

Mattelart A., La comunicazione mondo, Milano, Il Saggiatore, 1994.

McLuhan M., Gli strumenti del comunicare, Milano, Il Saggiatore, 1995.

McLuhan M., La galassia gutenberg, Roma, Ed.Armando Armando,1981.

McLuhan M., La legge dei media, Roma, Edizioni Lavoro, 1994.

Moffa C., L’ Africa alla periferia della storia,

Murialdi P., Storia del giornalismo italiano, Bologna, Il Mulino, 1996.

Rifkin J., L’ era dell’ accesso, Milano, Mondadori, 2000.

Robins K., Geografia dei media, Bologna, Baskerville, 1993.

Siciliani de Cumis N., Il giornale e le ricerche in classe, Torino,Loescher, 1986.

Soyinka W., Mito e letteratura, Milano, Jaca Book, 1995.

Talamo G., Il Messaggero e la sua città, Firenze, Le Monnier,1979.

Tiam A., La parola alle donne africane, Torino, Eurostudio, 1989.

Tranfaglia N., Castronova V., Storia della stampa italiana, Roma-Bari, Laterza, 1979.

Valeri M., Betti C., I mass media e l’educazione, Firenze, Le Monnier, 1976.

Yunus M., Il banchiere dei poveri, Milano, Feltrinelli, 2000.

 

 

 

 

 

Indice emerografico.

 

Questo indice riporta i titoli di tutti gli articoli esaminati in questa ricerca. È stato

 

costruito seguendo un  ordine cronologico, e separando i vari quotidiani l’ uno dall’ altro.

 

 

la Repubblica.

 

Settembre

 

Gheddafi, 30 anni da re, in la Repubblica, 1 sett. 1999.

 

Il profeta del mondo arabo ora guarda alla Grande Africa, in la Repubblica,  1 sett. 1999.

 

Andreotti: “Il colonnello? Un uomo difficile ma leale”, in la Repubblica, 1 sett. 1999.

 

La lunga festa di Tripoli, balli e veglia per Gheddafi, in la Repubblica, 2 sett. 1999.

 

Gheddafi: stranieri investite qui da noi, in la Repubblica, 3 sett. 1999.

 

Palermo,capitale meticcia di schiavi e di santi neri, in la Repubblica, 5 sett. 1999.

 

“Vogliamo gli Stati Uniti dell’ Africa”, in la Repubblica, 6 sett. 1999.

 

Aereo Alitalia atterra ad Algeri, in la Repubblica, 6 sett. 1999.

 

Fassie e Kuti migliori d’ Africa, in la Repubblica, 6 sett. 1999.

 

Attentato a Mubarak, ferito il leader egiziano, in la Repubblica, 7 sett. 1999.

 

Gli integralisti algerini “convertiti” dal regime, in la Repubblica, 13 sett. 1999.

 

Il “referendum della pace” divide le due anime d’ Algeria, in la Repubblica, 16 sett. 1999.

 

Plebiscito per Bouteflika, in la Repubblica, 17 sett. 1999.

 

La pace di Algeri convince il Paese, in la Repubblica, 18 sett. 1999.

 

Bouteflika folle e geniale ha vinto la grande scommessa, in la Repubblica, 18 sett. 1999.

 

Brescia accoltellato un tunisino, in la Repubblica, 19 sett. 1999.

 

Banda di Magrebini arrestata per spaccio, in la Repubblica, 19 sett. 1999.

 

Padova, tamburi di guerra nel quartiere degli africani, in la Repubblica, 27 sett. 1999.

 

Ottobre

 

L’obelisco di Axum deve tornare in Etiopia, in la Repubblica, 5 ott. 1999.

 

Missionari dall’ Africa per l’ Europa dei plebei, in la Repubblica, 7 ott. 1999.

 

Tunisino fa il militare ma non il carabiniere, in la Repubblica, 9 ott. 1999.

 

“L’Italia dietro il golpe in Tunisia”, in la Repubblica, 10 ott. 1999.

 

Algeria, prove di mercato con l’ aiuto del caro- petrolio, in la Repubblica, 11 ott. 1999.

 

Tunisia, il golpe degli italiani, in la Repubblica, 11 ott. 1999.

 

Craxi: non mi risulta. Andreotti: non ricordo., in la Repubblica, 11 ott. 1999.

 

Il Belgio boicotta l’ Angola “No ai diamanti della guerra”, in la Repubblica, 11ott. 1999.

 

Marocchino ferito con una freccia, in la Repubblica, 12 ott. 1999.

 

Addio a Nyerere liberatore d’Africa, in la Repubblica, 15 ott. 1999.

 

Golpe in Tunisia, procura al lavoro, in la Repubblica, 16 ott. 1999.

 

Rapito il vescovo italiano, in la Repubblica, 19 ott. 1999.

 

Tunisia al voto, Ben ali non rischia, in la Repubblica, 24 ott. 1999.

 

Torino, aggredito un marocchino, in la Repubblica, 24 ott. 1999.

 

Elezioni in Tunisia Ben ali senza rivali, in la Repubblica, 25 ott. 1999.

 

Khaled-Noa, la pace di adriano, in la Repubblica, 29 ott. 1999.

 

Algeria e Marocco, il peso della storia, in la Repubblica, 29 ott. 1999.

 

Assassinato missionario italiano, in la Repubblica, 31 ott. 1999.

 

 

 

Novembre

 

Guerra dei taxi in Sudafrica, in la Repubblica, 5 nov. 1999.

 

La tratta dei bimbi calciatori, in la Repubblica, 9 nov. 1999.

 

“L’ Algeria punta sull’ Italia”, in la Repubblica, 16 nov. 1999.

 

“Io giustiziere di Allah cosi’ uccidevo gli infedeli”, in la Repubblica, 16 nov. 1999.

 

D’ Alema a Tripoli il I dicembre, in la Repubblica, 18 nov. 1999.

 

Algeria, 17 sgozzati a un posto di blocco, in la Repubblica, 21 nov. 1999.

 

Eritrea, la grande guerra che rende piccola l’ Africa, in la Repubblica, 21 nov. 1999.

 

Ferilli, Falchi e Pivetti una fiaba aiuta l’Africa, in la Repubblica, 21 nov. 1999.

 

Ruanda, accuse di omicidio a un sacerdote di Firenze, in la Repubblica, 22 nov. 1999.

 

Algeria, ucciso un leader del FIS, in la Repubblica, 23 nov. 1999.

 

Scontri tribali in Nigeria, 27 I morti, in la Repubblica, 26 nov. 1999.

 

Scomparsi e ritrovati fratelli marocchini, in la Repubblica, 29 nov. 1999.

 

 

Dicembre

 

D’ Alema offre a Gheddafi un ponte per l’Europa, in la Repubblica, 2 dic. 1999. 

 

“In ostaggio a Tripoli con le nostre figlie, in la Repubblica, 2 dic. 1999.

 

Kenya, scontro tra chiesa e presidente sui preservativi, in la Repubblica, 4 dic. 1999.

 

Lockerbie, via al processo Gheddafi sotto accusa, in la Repubblica, 8 dic. 1999.

 

Peter Brook in Sudafrica, in la Repubblica, 13 dic.1999.

 

Sudan, golpe contro Turabc, in la Repubblica, 14 dic. 1999.

 

“Le voleve bruciare per vendetta” preso il terrore delle nigeriane, in la Repubblica, 15 dic. 1999.

 

Mama africa dal Papa voce di lotta e d’amore, in la Repubblica, 16 dic. 1999.

 

Genocidio in Ruanda, l’ ONU ha fallito, in la Repubblica, 17 dic. 1999.

 

L’ Africa che non vedi in cartolina, in la Repubblica, 18 dic. 1999.

 

Terremoto in Algeria oltre trenta morti, in la Repubblica, 23 dic. 1999.

 

Un miracolo africano, in la Repubblica, 23 dic. 1999.

 

In Algeria Bouteflika cambia il governo, in la Repubblica, 24 dic.1999.

 

Costa d’ Avorio tornano gli italiani, in la Repubblica, 28 dic. 1999.

 

Gennaio

 

Scontri religiosi nell’ Egitto del sud oltre 16 morti, in la Repubblica, 3 gen. 2000.

 

Tripoli, patria dei Sunniti, in la Repubblica, 4 gen. 2000.

 

“Giornalisti arate la terra”, in la Repubblica, 14 gen. 2000.

 

Ucciso in Algeria il mediatore tra Stato e ultrà, in la Repubblica, 14 gen. 2000.

 

“Un ordine dal Belgio: assassinate Lumumba”, in la Repubblica, 16 gen. 2000.

 

La polizia espelle dall’ italia il super ricercato algerino, in la Repubblica, 16 gen. 2000.

 

Gli algerini accusano “trattati da scimmie”, in la Repubblica, 19 gen. 2000.

 

Noi che abbiamo vinto il razzismo, in la Repubblica, 20 gen. 2000.

 

Algeria, battaglia sulle montagne, in la Repubblica, 24 gen. 2000.

 

Congo, la strage della chiesa, in la Repubblica, 30 gen. 2000.

 

Febbraio

 

“A nuoto verso la salvezza”, in la Repubblica, 1 feb. 2000.

 

Disastro Egjpteir, pilota accusa la compagna aerea, in la Repubblica, 7 feb. 2000.

 

Il dramma dell’ infibulazione, in la Repubblica, 12 feb. 2000.

 

Ali Mahdi torna a Mogadiscio, in la Repubblica, 20 feb. 2000.

 

Gino Pontecorvo un premio da Algeri, in la Repubblica, 22 feb. 2000.

 

Guerra di religione in Nigeria strage tra islamici e cristiani, in la Repubblica, 23 feb. 2000.

 

Veltroni dall’ Algeria: “ Polemica surreale”, in la Repubblica, 24 feb. 2000.

 

Catastrofe in Mozambico, dopo iciclone le epidemie, in la Repubblica, 26 feb. 2000.

 

Marzo

 

Veltroni al G-8 “Aprite all’ Africa”, in la Repubblica, 1 mar. 2000.

 

Mozambico, inferno d’ acqua, in la Repubblica, 2 mar. 2000.

 

Mozambico, gli elicotteri della salvezza, in la Repubblica, 3 mar. 2000.

 

Mozambico, viaggio nel diluvio, in la Repubblica, 4 mar. 2000. 

 

Tra i dannati del Mozambico ora guerra per gli aiuti, in la Repubblica, 5 mar. 2000.

 

L’ agonia del Mozambico la fame dopo il diluvio, in la Repubblica, 6 mar. 2000.

 

Dà fuoco al marocchino che corteggia la figlia, in la Repubblica, 7 mar. 2000.

 

Il grido del Mozambico, in la Repubblica, 8 mar. 2000.

 

Ventimila in fuga dalle inondazioni, in la Repubblica, 9 mar. 2000.

 

“Dieci anni di massacri noi algerine siamo vive”, in la Repubblica, 9 mar. 2000.

 

Assasinio a Mombasa in prigione un romano, in la Repubblica, 9 mar. 2000.

 

Mozambico, malaria e pioggia è un incubo che non finisce, in la Repubblica, 10 mar. 2000.

 

Dopo il ciclone, la mafia l’ agonia del Mozambico, in la Repubblica, 14 mar. 2000.

 

Suicidio collettivonella giungla, in la Repubblica, 19 mar. 2000.

 

I complici e le vittime degli stupri etnici, in la Repubblica, 19 mar. 2000.

 

Il rogo del santuario della morte, in la Repubblica, 20 mar. 2000.

 

Una tecno-porta per il Sud, in la Repubblica, 20 mar. 2000.

 

Il cinema africano sette giorni di festival, in la Repubblica, 21 mar. 2000.

 

“La Libia dà meno sostegno al terrorismo internazionale”, in la Repubblica, 22 mar. 2000.

 

Tunisino muore bruciato a casa, in la Repubblica, 22 mar. 2000.

 

Nigeria, esplode un oleodotto cinquanta bruciati vivi, in la Repubblica, 23 mar. 2000.

 

Uganda in fuga i leader della “setta del suicidio”, in la Repubblica, 24 mar. 2000.

 

Un’ altra strage in Uganda, in la Repubblica, 25 mar. 2000.

 

Il cardinal Martini per il cinema africano, in la Repubblica, 26 mar. 2000.

 

Libia, sbarcano gli americani, in la Repubblica, 27 mar. 2000.

 

Un ponte-cinema tra Italia e Algeria, in la Repubblica, 30 mar. 2000.

 

Diluvio sull’ultimo paradiso, in la Repubblica, 31 mar. 2000.

 

Brook: la mia Africa assomiglia all’ America, in la Repubblica, 31 mar. 2000.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Corriere della sera.

 

Settembre

 

Scontri in Angola ventimila in fuga, in Corriere della sera, 5 sett. 1999.

 

E Gheddafi lancia il missile dell’ islam, in Corriere della sera, 7 sett. 1999.

 

Gheddafi offre all’ Africa le sue forze armate, in Corriere della sera, 8 sett. 1999.

 

Senegalese picchia agenti, in Corriere della sera, 9 sett. 1999.

 

Algeri, il si islamico alla riconciliazione, in Corriere della sera, 11 sett. 1999.

 

Uganda, scontri tra etnie quattrocento uccisi, in Corriere della sera, 13 sett. 1999.

 

Algeria, referendum sul nuovo inizio, in Corriere della sera, 16 sett. 1999.

 

L’ Algeria vota la pace del presidente, in Corriere della sera, 17 sett. 1999.

 

In Algeria il trionfo di Bouteflika, in Corriere della sera, 18 sett. 1999.

 

Ciampi all’ algerino Bouteflika “Serve cooperazione regionale”, in Corriere della sera, 21 sett. 1999.

 

Eritrea in pericolo migliaia di bambini, in Corriere della sera, 26 sett. 1999.

 

Il jazz di Bill Alfred all’ Alpheus contro la fame in Angola, in Corriere della sera, 28 sett. 1999.

 

Ottobre

 

L’ Eritrea accusa l’ Etiopia ”Si fa aiutare dai nordcoreani”, in Corriere della sera, 7 ott. 1999.

 

Tutto al Kosovo e l’ Africa alla fame, in Corriere della sera, 10 ott. 1999.

 

Senza famiglia  nel deserto africano, in Corriere della sera, 10 ott. 1999.

 

Burundi, assassinati due inviati ONU, in Corriere della sera, 13 ott. 1999.

 

La Tanzania perde il padre, in Corriere della sera, 15 ott. 1999.

 

Millioni di cavallette stanno annientando le risorse del Madagascar, in Corriere della

sera, 17 ott.1999.

 

L’ ultima carta algerina sull’ orlo dell’ abisso,in Corriere della sera, 17 ott. 1999.

 

Rapimento lampo di vescovo italiano salvato da ex ribelli, in Corriere della sera, 19 ott. 1999.

 

Due anni a Khaled. Condannato in Algeria, in Corriere della sera, 22 ott. 1999.

 

Con l’ Africa nel cuore, in Corriere della sera, 23 ott. 1999.

 

Difende un’italiana: ucciso da un altro marocchino, in Corriere della sera, 24 ott. 1999.

 

Neo-nazi picchiano africani in visita a Buchenwald, in Corriere della sera, 24 ott. 1999.

 

Nelle elezioni multipartitiche Ben Ali ottiene il 99% dei voti, in Corriere della sera, 26 ott. 1999.

 

Missionario italiano assassinato dai banditi in Angola, in Corriere della sera, 31 ott. 1999.

 

 

Novembre

 

Algeria, il presidente Bouteflika concede la graziaa settemila detenuti, in Corriere della sera, 3 nov. 1999.

 

Algeria, nove morti in due giorni in attacchi di integralisti islamici, in Corriere della sera, 8 nov. 1999.

 

Re Mohamed licenzia il Gran Visir, in Corriere della sera, 11 nov. 1999.

 

Pace fra gay inglesi e Mugabe: beviamo un tè senza pregiudizi, in Corriere della sera, 14 nov. 1999.

 

L’ algerino Bouteflika a Roma. Incontro con il Papa e Ciampi, in Corriere della sera, 13 nov. 1999.

 

Bouteflika presenta la nuova Algeria, in Corriere della sera, 16 nov. 1999.

 

“ Ora investite in Algeria”, in Corriere della sera, 18 nov. 1999.

 

Dai Balcani ad Algeri, un cinema di guerra, in Corriere della sera, 19 nov. 1999.

 

Algeri, ucciso un capo islamico, in Corriere della sera, 20 nov. 1999.

 

Ramadan di sangue, Algeria ha paura, in Corriere della sera, 22 nov. 1999.

 

Il Ruanda nega il visto alla giudice Del Ponte, in Corriere della sera, 23 nov. 1999.

 

Battaglia a Mogadiscio per controllare il porto, in Corriere della sera, 25 nov. 1999.

 

“ Re del Marocco aiutaci”, spedite migliaia di lettere, in Corriere della sera, 25 nov. 1999.

 

Marocco, rientra la famiglia  dell’ oppositore Ben Barka, in Corriere della sera, 27 nov. 1999.

 

Marocco, torna la famiglia dell’ oppositore Ben Barka, in Corriere della sera, 28 nov. 1999.

 

 

 

Dicembre

 

D’ Alema in Libia riporta la Venere, in Corriere della sera, 1 dic. 1999.

 

D’ Alema in libia: vengo da amico, in Corriere della sera, 2 dic. 1999.

 

Gheddafi-D’Alema, un tè nel deserto, in Corriere della sera, 3 dic. 1999.

 

Il volo di Amira e Anisa, le piccole prigioniere di Tripoli, in Corriere della sera, 3 dic. 1999.

 

La Somalia alla fame, in Corriere della sera, 3 dic. 1999.

 

Anche scene di nudo nel cartoon sull’ Africa, in Corriere della sera, 11 dic. 1999.

 

Un bimbo africano sfida Walt Disnay, in Corriere della sera, 11 dic. 1999.

 

Proclamato in Sudan lo stato d’emergenza, in Corriere della sera, 13 Dic. 1999.

 

Moravia in viaggio: la mia Africa nel cassetto, in Corriere della sera, 14 dic. 1999.

 

Nigeriane bruciate, caccia a un giovane, in Corriere della sera, 14 dic. 1999.

 

USA algerino arrestato alla frontiera. “ Aveva materiale per costruire una bomba”, in Corriere della sera, 18 dic. 1999.

 

Terremoto in Algeria, 25 morti 50 feriti, in Corriere della sera, 23 dic. 1999.

 

 

Nuovo primo Ministro in Algeria, in Corriere della sera, 24 dic. 1999.

 

Marocchino annegato, colpevoli a casa, in Corriere della sera, 24 dic. 1999.

 

Cronache d’ Africa di T. Besozzi, l’ Hemingwey del nostro giornalismo, in Corriere della sera, 24 dic. 1999.

 

Golpe in Costa d’ Avorio, il potere a “ Le Boss”, in Corriere della sera, 27 dic. 1999.

 

Calma dopo il Golpe. Riaperto l’ aereoporto, in Corriere della sera, 28 dic. 1999.

 

“ Diamo una casa ai bambini del Burundi”, in Corriere della sera, 28 dic. 1999.

 

Gennaio

 

Guinea Bissau: tutti a casa perché “arriva la peste”, in Corriere della sera, 2 gen. 2000.       

 

Sudafrica il tribunale del perdono, in Corriere della sera, 6 gen. 2000.

 

Parigi-Dakar e un autodromo nella nuova Libia, in Corriere della sera, 8 gen. 2000.

 

Turisti italiani morti nell’ isola di Zanzibar, in Corriere della sera, 8 gen. 2000.

 

Investiti a Zanzibar, in Corriere della sera, 8 gen. 2000.

 

Italia apripista d’ Europa nel mondo, in Corriere della sera, 9 gen. 2000.

 

Sudafrica, l’ ex ministro Botha: “ora mi schiero con Mandela”, in Corriere della sera, 10 gen. 2000.

 

L’ AIDS divora l’ Africa, crociata dell’ Onu, in Corriere della sera, 11 gen. 2000.

 

Prodi non cede agli inglesi “voglio invitare Gheddafi”, in Corriere della sera, 11 gen. 2000.

 

“Terroristi in agguato”: stop al rally nel deserto, in Corriere della sera, 12 gen. 2000.

 

Pilota marocchino ubriaco. Volo sospeso ad Amsterdam, in Corriere della sera, 16 gen. 2000.

 

Libia, il deserto della diplomazia europea, in Corriere della sera, 16 gen. 2000.

 

Ferì algerino in raid nazzista. Ha sposato una keniota, in Corriere della sera, 19 gen. 2000.

 

 

Algeri, battaglia tra l’ esercito e gli integralisti, in Corriere della sera, 24 gen. 2000.

 

Fatima: “Io esule algerina censurata in Francia, in Corriere della sera, 25 gen. 2000.

 

E Alì riabbraccia I suoi genitori italiani, in Corriere della sera, 27 gen. 2000.

 

Il vecchio Mandela e I giovani di Sant’ Egidio cercano insieme la via della pace in Burundi, in Corriere della sera, 31 gen. 2000.

 

Febbraio

 

In Algeria si sono arresi seimila islamici. Restano alla macchia altri cinquemila, in Corriere della sera, 2 feb. 2000.

 

Mogadiscio, occupato da miliziani un ospedale con suore italiane, in Corriere della sera, 3 feb. 2000.

 

Allarme Africa: il continente è in guerra, in Corriere della sera, 8 feb. 2000.

 

La rivincita di Ousmane l’ africano, in Corriere della sera, 7 feb. 2000.

 

Mandela, dalla libertà a icona della nazione, in Corriere della sera, 12 feb. 2000.

 

Parigi riapre il caso Ben Barka: e torna il fantasma del “Castro marocchino, in Corriere della sera, 13 feb. 2000.

 

Bocciato il referendum di Mugabe padre-padrone dello Zimbabwe, in Corriere della sera, 16 feb 2000.

 

Veltroni dall’ Africa: io su questo tema lavoro da un anno, in Corriere della sera, 24 feb. 2000.

 

Etiopia-Eritrea, riesplode la guerra, in Corriere della sera, 24 feb. 2000.

 

Il ciclone squassa il Mozambico: un milione di sfollati, in Corriere della sera, 24 feb. 2000.

 

Scontri integralisti 400 morti in Nigeria, in Corriere della sera, 25 feb. 2000.

 

Congo: pronti a partire I caschi blu dell’ Onu, in Corriere della sera, 25 feb. 2000.

 

L’ Onu cerca fondi per strappare il Congo alla guerra tra bande, in Corriere della sera, 27 feb. 2000.

 

 

 

“ Ma in Uganda I preservativi salvano molte vite”, in Corriere della sera, 29 feb. 2000.

 

Baricco: “Conrad? Andiamo a cercarlo nella foresta del Congo, in Corriere della sera, 29 feb. 2000.

 

 

Marzo

 

Mozambico nell’ inferno di fango, in Corriere della sera, 2 mar. 2000.

 

Libia, Gheddafi abolisce il governo, in Corriere della sera, 2 mar. 2000.

 

Mozambico, allarme per le epidemie, in Corriere della sera, 3 mar. 2000.

 

Il Mozambico aspetta un altro ciclone, in Corriere della sera, 4 mar. 2000.

 

Mozambico, I primi aiuti arrivano dal cielo, in Corriere della sera, 5 mar. 2000.

 

Paura in Uganda, I ribelli irrompono in una missione. Due italiani sequestrati e rilasciati dopo uno scontro, in Corriere della sera, 5 mar. 2000.

 

Mozambico, aiuti fermati dalla burocrazia, in Corriere della sera, 7 mar. 2000.

 

Migliaia di morti in Mozambico, in Corriere della sera, 9 mar. 2000.

 

Mozambico, colonna di ventimila profughi in fuga, in Corriere della sera, 9 mar. 2000.

 

Mozambico, dopo il fango l’ incubo delle mine, in Corriere della sera, 10 mar. 2000.

 

La gara degli aiuti agli sfollati: dall’ Italia solo tende, riso e due medici, in Corriere della sera, 10 mar. 2000.

 

La folla difende il senegalese, in Corriere della sera, 11 mar. 2000.

 

Aiuti al Mozambico: “Italia in prima linea”, in Corriere della sera, 13 mar. 2000.

 

Somalo in manette per violenza sessuale, in Corriere della sera, 17 mar. 2000.

 

Kapuscinski, Africa mio primo amore, in Corriere della sera, 18 mar. 2000.

 

Setta suicida, 230 persone bruciano vive, in Corriere della sera, 19 mar. 2000.

 

Nuova andata di massacri in Algeria. Nel 2000 I morti sono già oltre 400, in Corriere della sera, 20 mar. 2000.

 

 

“Quella bambina ruandese è mia figlia”, in Corriere della sera, 20 mar. 2000.

 

Uganda, forse 800 morti nel rogo. Caccia al capo della setta suicida, in Corriere della sera, 20 mar. 2000.

 

Ribaltone in Senegal, vince l’ opposizione dopo quarant’ anni di “dittatura dolce”, in Corriere della sera, 21 mar. 2000.

 

Labaro, a fuoco appartamento: muore un cameriere tunisino, in Corriere della sera, 22 mar.2000.

 

Cercano di rubare petrolio da un oleodotto. Muoiono carbonizzati oltre 5o nigeriani, in Corriere della sera, 23 mar. 2000.

 

In Angola cristiani lapidati e crocefissi. I guerriglieri dell’ Unita: “Erano informatori”, in Corriere della sera, 23 mar. 2000.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Messaggero.

 

Settembre

 

“Angola, per i bimbi l’ inferno abita qui”, in Il Messaggero, 3 sett. 1999.

 

Dal Sudan al Congo, il terribile calvario dei vescovi in trincea, in Il Messaggero, 8 sett. 1999.

 

Algeria, ondata di violenza precede voto sulla concordia, in Il Messaggero, 12 sett. 1999.

 

Nadime Gordimer: “che sfida, esplorare la vita”, in Il Messaggero, 12 sett. 1999.

 

Algeria alle urne per dire no al terrore, in Il Messaggero, 16 sett. 1999.

 

Algeria, plebiscito contro il terrore, in Il Messaggero, 17 sett. 1999.

 

Esquilino, novantenne accoltella un marocchino, in Il Messaggero, 17 sett. 1999.

 

Algeria, esperimenti di paese normale, in Il Messaggero, 18 sett. 1999.

 

Giornate d’Africa, in Il Messaggero, 21 sett. 1999.

 

Waris Dirie: “Io vittima della violenza maschile”, in Il Messaggero, 22 sett. 1999. 

 

E per l’ Africa partono I sorcetti sminatori, in Il Messaggero, 26 sett. 1999.

 

Congo, per l’ avvio dei dialoghi di pace proposta la mediazione di Sant’ Egidio, in Il Messaggero, 30 sett. 1999.

 

Ottobre

 

Tiro a segno contro un marocchino, ferito alla gamba con una freccia “Erano bianchi ma non li conosco”, in Il Messaggero, 12 ott. 1999.

 

Il cantante algerino Khaled rischia due anni di carcere, in Il Messaggero, 22 ott. 1999.

 

Torino, spedizione naziskin contro marocchino, in Il Messaggero, 24 ott. 1999.

 

Tunisi, Ben Ali sbaraglia gli avversari, in Il Messaggero, 25 ott. 1999.

 

Chiarini, quando l’ Africa è un’ attrazione fatale, in Il Messaggero, 27 ott. 1999.

 

Angola, missionario bresciano assassinato dai rapinatori, in Il Messaggero, 31 ott. 1999.

 

 

Novembre

 

Vicenza, marocchina gelosa uccide a coltellate la giovane amante del marito, in Il Messaggero, 6 nov. 1999.

 

Burundi, incubo fame per 800 mila sfollati, in Il Messaggero, 6 nov. 1999.

 

Gheddafi: guerra satellitare contro l’ Occidente razzista, in Il Messaggero, 6 nov. 1999.

 

Piccoli somali, tanti drammi, in Il Messaggero, 9 nov. 1999.

 

Sudafrica, la regina Elisabbetta detta le condizioni sul menù, in Il Messaggero, 11 nov. 1999.

 

Cinque rapine in cinque giorni: preso nigeriano, in Il Messaggero, 16 nov. 1999.

 

Bouteflika: l’ Algeria chiede aiuto all’ Italia, in Il Messaggero, 17 nov. 1999.

 

Sudafrica, un milione di orfani da AIDS, in Il Messaggero, 20 nov. 1999.

 

Agguato in Algeria, 17 sgozzati, in Il Messaggero, 21 nov. 1999.

 

Genocidio, accuse a un sacerdote riparato a Firenze, in Il Messaggero, 21 nov. 1999.

 

Algeria, assassinato il leader del FIS, in Il Messaggero, 23 nov. 1999.

 

Odissea in Africa per 239 turisti, in Il Messaggero, 25 nov. 1999.

 

Arrestati tre senegalesi con un carico di falsi cd, in Il Messaggero, 27 nov. 1999.

 

Collins: la mia Africa un sogno di cartoon, in Il Messaggero, 28 nov. 1999.

 

In tre uccisero un marocchino: condannati a sette anni, in Il Messaggero, 28 nov. 1999.

 

Dicembre

 

E’ strage in Africa, emergenza in Russia. Oggi la giornata mondiale contro l’ AIDS, in Il Messaggero, 1 dic. 1999.

 

 

“ Noi, un ponte tra Libia e UE”, in Il Messaggero, 2 dic. 1999.

 

Gheddafi: stop al terrorismo, in Il Messaggero, 3 dic. 1999.

 

La mamma di Amira: “Grazie D’ Alema”, in Il Messaggero, 4 dic. 1999.

 

Nigeriane a fuoco, forse un atto razzista, in Il Messaggero, 14 dic. 1999.

 

Nigeriano arrestato per spaccio, in Il Messaggero, 14 dic. 1999.

 

 In silenzio l’ AIDS sta divorando l’ Africa, in Il Messaggero, 17 dic. 1999.

 

Kirikù, animazione diversa dal già visto, sulla scia di una leggenda africana, in Il Messaggero, 22 dic. 1999.

 

La terra trema in Algeria: 25 morti e 80 feriti nella città di Ain Temouchen, in Il Messaggero, 23 dic. 1999.

 

Guerra Etiopia-Eritrea, Serri mediatore della Ue, in Il Messaggero, 23 dic. 1999.

 

Nel mondo di Kirikù, il pollicino africano, in Il Messaggero, 23 dic. 1999.

 

“ Kirikù e la strega Karabà” l’ Africa sfida la Disney, in Il Messaggero, 24 dic. 1999.

 

Marocchino annegato: ridotte le pene ai quattro imputati, in Il Messaggero, 24 dic. 1999.

 

Tunisino morto: manifestazione al Colosseo, in Il Messaggero, 28 dic. 1999.

 

Organizzata un asta per curare bimbi somali, in Il Messaggero, 30 dic. 1999.

 

Gennaio

 

Salviamo il terzo mondo. E’ in gioco il nostro futuro, in Il Messaggero, 2 gen 2000.

 

Algeria, massacrata intera famiglia con tre bambini, in Il Messaggero, 5 gen. 2000.

 

Turisti francesi assaliti in Namibia, uccisi tre bimbi, in Il Messaggero, 5 gen. 2000.

 

La befana pensa ai piccoli somali, in Il Messaggero, 5 gen. 2000.

 

Lite col coltello: marocchino sfrgiato al volto, in Il Messaggero, 10 gen. 2000.

 

Due tunisini feriti da un giustiziere. Denunciano: “è uno straniero”, in Il Messaggero, 11 gen. 2000.

 

 

Algeria, si scioglie il gruppo terrorista, in Il Messaggero, 12 gen. 2000.

 

Tunisino arrestato con quaranta grammi di eroina, in Il Messaggero, 12 gen. 2000.

 

Kenia, ancora una rissa per il marito di Carolina, in Il Messaggero, 16 gen. 2000.

 

Algeria contro I terroristi, in Il Messaggero, 13 gen. 2000.

 

Sudafrica, bianco sale su un bus e apre il fuoco sui neri: tre morti, in Il Messaggero, 13 gen. 2000.

 

Algeria, era pronto alla resa: sgozzato mediatore islamico, in Il Messaggero, 14 gen. 2000.

 

Colosseo illuminato per la Nigeria, in Il Messaggero, 20 gen. 2000.

 

Violentata in casa da tre algerini, in Il Messaggero, 24 gen. 2000.

 

È guerra aperta fra esercito e banda del GIA, in Il Messaggero, 24 gen. 2000.

 

Libia. Gheddafi, per ora, non andrà a Bruxelles, in Il Messaggero, 24 gen. 2000.

 

“ Il 2000, per l’ Africa il secolo della rinascita”, in Il Messaggero, 24 gen. 2000.

 

Epidemia di colera in Somalia: 100 morti, in Il Messaggero, 27 gen. 2000.

 

Rivoluzione femminile in Marocco il re attacca il machismo islamico, in Il Messaggero, 27 gen. 2000.

 

Airbus keniano precipita in mare con 180 persone a bordo, in Il Messaggero, 31 gen. 2000.

 

 

Febbraio

 

Africa, lo sbarco dei cellulari, in Il Messaggero, 2 feb. 2000.

 

Tunisino si oppone allo sfratto: arrestato, in Il Messaggero, 3 feb. 2000.

 

Nigeria, decine di morti. Esplode l’ odio religioso, in Il Messaggero, 23 feb. 2000.

 

Nigeria, sanguinosi scontri tra cristiani e musulmani, in Il Messaggero, 25 feb. 2000.

 

Cirene un secolo di scavi per mille anni di meraviglie, in Il Messaggero, 25 feb. 2000.

 

 

 

 

Marzo

 

“Pace tra Eritrea e Etiopia” anche Zeudi sfila a Roma, in Il Messaggero, 1 mar. 2000.

 

Appello al presidente: aiutate il Mozambico, in Il Messaggero, 1 mar. 2000.

 

Due milioni in fuga dalla fame e dal colera, in Il Messaggero, 2 mar. 2000.

 

Caritas: il Mozambico è al limite del collasso, in Il Massaggero, 2 mar. 2000.

 

SOS del Presidente: “C’è il pericolo di nuove inondazioni, in Il Messagero, 3 mar. 2000.

 

Inseguimento sull’ A1: preso un algerino, in Il Messaggero, 3 mar. 2000.

 

Il dramma dei bambini nel paese sommerso, in Il Messaggero, 4 mar. 2000.

 

Uganda, rapiti e liberati due italiani, in Il Messaggero, 5 mar. 2000.

 

Mozambico, molti aiuti per I profughi sono rubati e venduti al mercato nero, in Il Messaggero, 5 mar. 2000.

 

Un angolo d’Africa ad Arcinazzo, in Il Messaggero, 5 mar. 2000.

 

Mozambico, incubo fame: si mangiano anche I topi, in Il Messaggero, 6 mar. 2000.

 

Lite, algerino arrestato, in Il Messaggero, 6 mar. 2000.

 

Somalia, riapre ospedale gestito da suore italiane, in Il Messaggero, 7 mar. 2000.

 

Giovane romano arrestato in Kenya, in Il Messaggero, 9 mar. 2000.

 

La Woodstock del Papa con il rock per l’ Africa, in Il Messaggero, 10 mar.2000.

 

Prima la furia della acque, ora le mine e le epidemie, in Il Messaggero, 11 mar. 2000.

 

Veltroni agli studenti: per l’ Africa chi vuol fare ha qualcosa da fare, in Il Messaggero, 12 mar. 2000.

 

Nigeriana trovata morta col viso sfigurato da una lama, in Il  Messaggero, 13 mar. 2000.

 

Maputo: italiani decisivi per prevenire la carestia, in Il Messaggero, 13 mar. 2000.

 

La Somala morì per trauma cranico, in Il Messaggero, 13 mar. 2000.

 

 

 

 

 

 

 

Marocchino minisindaco, in Il Messaggero, 14 mar. 2000.

 

Madagascar, in diecimila senza casa nè cibo, in Il Messaggero, 14 mar. 2000.

 

I leader africani: niente più debito per Maputo, in Il Messaggero, 16 mar. 2000.

 

L’ Algeria a Israele: “Dacci aiuti militari”, in Il Messaggero, 16 mar. 2000.

 

Violenza sessuale somalo arrestato, in Il Messaggero, 17 mar. 2000.

 

L’ eritreo morto a boccea: la procura sollecita indagini, in Il Messaggero, 18 mar. 2000.

 

Uganda, suicidio di massa nel tempio, in Il Messaggero, 19 mar. 2000.

 

Il suicidio di massa, una strage preparata, in Il Messaggero, 20 mar. 2000.

 

Abitazione in fiamme, muore un tunisino, in Il Messaggero, 22 mar. 2000.

 

Ragazza uccisa arrestato algerino, in Il Messaggero, 29 mar. 2000. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INTERNAZIONALE.

 

 

Il virus della violenza minaccia la Namibia, in Internazionale, 3-9 sett. 1999.

 

Forse è la volta buona, in Internazionale, 3-9 sett.1999.

 

I sogni proibiti dei giovani africani, in Internazionale, 3-9 sett. 1999.

 

Che fatica essere donne, in Internazionale, 3-9 sett. 1999.

 

Scene di vita quotidiana a Bamako, in Internazionale, 17-23 sett. 1999.

 

Il sogno degli Stati Uniti d’ Africa, in Internazionale, 17-23 sett. 1999.

 

I responsabili devono pagare, in Internazionale, 17-23 sett. 1999.

 

Comincia il duello elettorale, in Internazionale, 17-23 sett. 1999.

 

Autunno in Algeria, in Internazionale, 24-30 sett. 1999.

 

Le promesse di Bouteflika, in Internazionale, 24-30 sett. 1999.

 

Zimbabwe, la vita dura delle prostitute, in Internazionale, 24-30 sett. 1999.

 

Il presidente ci riprova, in Internazionale, 24-30 sett. 1999.

 

La storia di Charles Taylor, in Internazionale, 24-30 sett. 1999.

 

Luci e ombre a Conakry, in Internazionale, 24-30 sett. 1999.

 

I generali si danno agli affari, in Internazionale, 25 sett. 1999.

 

Wojtyla viaggiatore impenitente, in Internazionale, 25 sett. 1999.

 

Gli operatori di guerra dell’ Africa centrale, in Internazionale, ,25 sett. 1999.

 

In Angola la guerra fa comodo a tutti, in Internazionale, 1-7 ott. 1999.

 

In difesa dei contadini, in Internazionale, 1-7 ott. 1999.

 

Scoppiano le tensioni etniche, in Internazionale, 1-7 ott. 1999.

 

Come preparare la successione, in Internazionale, 8-14 ott. 1999.

 

Le responsabilità del governo, in Internazionale, 8-14 ott. 1999.

 

La spirale della violenza, in Internazionale, 8-14 ott. 1999.

 

Anche l’ Africa invecchia, in Internazionale, 15-21 ott. 1999.

 

Mercato inesplorato, in Internazionale, 15-21ott. 1999.

 

Marocco, il primo passo è compiuto, in Internazionale, 15-21 ott. 1999.

 

L’ Africa in pericolo, in Internazionale, 15-21ott. 1999.

 

I crimini del Belgio in Congo, in Internazionale, 22-28 ott. 1999.

 

Julius Nyerere è morto, in Internazionale, 22-28 ott. 1999.

 

Tunisia, elezioni di facciata, in Internazionale, 22-28 ott. 1999.

 

La riscossa delle africane, in Internazionale, 29 ott.-4nov. 1999.

 

Contro la violenza sessuale, in Internazionale, 29ott.-4nov. 1999.

 

Gheddafi ritratto di famiglia, in Internazionale, 29ott.-4nov. 1999.

 

Un gigantesco supermercato, in Internazionale, 29 ott.-4 nov. 1999.

 

L’ alba di un nuovo regno, in Internazionale, 29ott.-4nov. 1999.

 

La guerra assurda del Corno d’Africa, in Internazionale, 5-11 nov. 1999.

 

La riduzione del debito, in Internazionale, 5-11 nov. 1999.

 

La crisi è passata, in Internazionale, 5-11nov. 1999.

 

Un paese devastato, in Internazionale, 5-11 nov. 1999.

 

I primi successi di Thabo Mbeki, in Internazionale, 12-18nov. 1999.

 

La pace nei Grandi Laghi, in Internazionale, 12-18 nov. 1999.

 

Rompicapo congolese, in Internazionale, 12-18 nov. 1999.

 

Il crollo di un sistema, in Internazionale, 19-25 nov. 1999.

 

La lunga attesa, in Internazionale, 19-25 nov. 1999.

 

Uno spazio per la letteratura africana, in Internazionale, 26nov.-2dic. 1999.

 

Tutti al cinema, in Internazionale, 26nov.-2dic. 1999.

 

Le passioni di Blaise Comparé, in Internazionale, 26nov.-2dic. 1999.

 

Dietro le quinte, in Internazionale, 26nov.-2dic. 1999.

 

Gheddafi il mediatore, in Internazionale, 3-9 dic. 1999.

 

La vera Africa, in Internazionale, 3-9 dic. 1999.

 

La gran dama dell’ opposizione, in Internazionale, 3-9 dic. 1999.

 

Fratelli nemici, in Internazionale, 3-9 dic. 1999.

 

Chi ha ucciso Abdelkader Hachani?, in Internazionale, 10-16 dic. 1999.

 

Il banchiere dei poveri, in Internazionale, 10-16 dic. 1999.

 

Gli stranieri nel mirino, in Internazionale, 10-16 dic. 1999.

 

Febbre xenofoba in Costa d’ Avorio, in Internazionale, 17-27 dic. 1999.

 

Le spese del re Zulu, in Internazionale, 17-27 dic. 1999.

 

Il paradiso dei musicisti, in Internazionale, 17-27 dic. 1999.

 

AIDS, le medicine costano troppo, in Internazionale, 17-27 dic. 1999.

 

Il mondo deve sapere, in Internazionale, 17-27 dic. 1999.

 

I piccoli soldati dell’ Uganda, in Internazionale, 28 dic. 6 gen. 2000.

 

Le rivelazioni del figlio di Savimbi, in Internazionale, 28 dic. 6 gen. 2000.

 

Segnali di luce, in Internazionale, 4-13 gen. 2000.

 

I generali vanno al potere, in Internazionale, 14-20 gen. 2000.

 

Per un mercato comune africano, in Internazionale, 14-20 gen. 2000.

 

Vent’ anni di lotta, in Internazionale, 14-20 gen. 2000.

 

Le ragioni di un golpe, in Internazionale, 21-27 gen. 2000.

 

Scaduto il termine per l’ amnistia, in Internazionale, 21-27 gen. 2000.

 

Gli uomini di Bouteflika, in Internazionale, 21-27 gen. 2000.

 

Nigeria, scoppia la bomba etnica, in Internazionale, 21-27 gen. 2000.

 

Segnali inquietanta, in Internazionale, 28 gen. 3 feb. 2000.

 

Fuori dal purgatorio, in Internazionale, 28 gen. 3 feb. 2000.

 

Navigazione a vista, in Internazionale, 28 gen. 3 feb. 2000.

 

Vigilia elettorale a Dakar, in Internazionale, 28 gen. 3 feb. 2000.

 

Con il fiato sospeso, in Internazionale, 4-10 feb. 2000.

 

La politica etica britannica, in Internazionale, 4-10 feb. 2000.

 

Egitto la parità si avvicina, in Internazionale, 4-10 feb. 2000.

 

La carovana della poesia, in Internazionale, 4-10 feb. 2000.

 

Il Marocco non cambia strategia, in Internazionale, 11-17 feb. 2000.

 

A Zanzibar sale la pressione, in Internazionale, 11-17 feb. 2000.

 

La verità sulla morte di Lumumba, in Internazionale, 11-17 feb. 2000.

 

Il mercato dei diamanti, in Internazionale, 11-17 feb. 2000.

 

Le intenzioni del generale, in Internazionale, 18-24 feb. 2000.

 

Gli orrori della guerra civile, in Internazionale, 18-24 feb. 2000.

 

Lo sceicco sfida il re, in Internazionale, 18-24 feb. 2000.

 

Pace a rischio, in Internazionale, 25 feb. 2 mar. 2000.

 

Confessioni di un dittatore, in Internazionale, 25 feb. 2 mar. 2000.

 

La terza guerra di liberazione, in Internazionale, 25 feb. 2 mar. 2000.

 

Un nuovo look sexy, in Internazionale, 3-9 marz. 2000.

 

Guerre di religione in Nigeria, in Internazionale, 3-9 mar. 2000.

 

Previsioni per il futuro, in Internazionale, 10-16 mar. 2000.

 

La stampa nel mirino, in Internazionale, 10-16 mar. 2000.

 

Aria di rivolta nella regione del Kivu, in Internazionale, 10-16 mar. 2000.

 

Il genocidio degli herero, in Internazionale, 17-23 mar. 2000.

 

Senegal, la voce dei giovani, in Internazionale, 17-23 mar. 2000.

 

Lotta per il potere, in Internazionale, 24-30 mar. 2000.

 

Troppi elefanti?, in Internazionale, 24-30 mar. 2000.

 

Un regno in transizione, in Internazionale, 24-30 mar. 2000.

 

Il Ruanda cerca la verità, in Internazionale, 24-30 mar. 2000.

 

Il paese dei fantasmi, in Internazionale, 24-30 mar. 2000.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Indice delle idee.

 

 

 

     L’ indice raccoglie le idee ricorrenti presenti in questo lavoro. Contiene quindi le tematiche che danno un senso, un significato, alla ricerca svolta in questa tesi.

 

 

 

 

“società dell’ informazione”, 12, 4

“villaggio globale”, 1, 119, 122, 132                                                                                                                                       

Afropessimismo, 39                                                                        

alienazione, 98, 105                                                                          

altra Africa, 38, 39, 42, 43, 44                                                                                 

ambiente culturale, 95                                                                  

analfabetismo multimediale, 120

analfabetismo, 13, 120, 138, 149

analisi strutturale, 93

aspetti macrosociali, 86

capitale intellettuale, 29, 30                                                                 

capitale mondiale, 7, 35                                                                      

capitale sociale, 33                                                                         

capitalismo culturale, 32                                                                 

coesione nazionale, 51, 56

comunicazione, 2, 5, 6, 8, 10, 15, 22, 27, 34, 47, 48, 50, 54, 55, 59, 65, 67, 72, 75, 79, 81, 83, 87, 90, 95, 99, 106, 114, 123, 129, 134                                                       

condizioni sociali, 138, 139, 147, 148

contesto sociale, 84

contesto socio-politico, 102, 105                                                           

controinformazione, 98, 99, 103                                                

cooperazione internazionale, 136, 137, 142

cooperazione, 47, 136, 137, 142, 150                                    

crescita psicologica, 113                                         

cultura dell’ universale, 18

cultura di massa, 90, 91, 114, 180

cultura universale, 18

cultura, 2, 3, 5, 6, 8, 10, 12, 17, 26, 32, 34, 36, 48, 56, 58, 67, 69, 72, 83, 86, 90, 95, 107, 112, 116, 120, 125, 127, 132, 135, 140, 141, 147,159                                                                  

cultura della navigazione, 10

cultura globale, 158

cyber-cultura, 10, 12, 13, 18, 20                 

cyberspazio, 13, 15, 16, 18, 32

democrazia, 6, 17, 27, 36, 39, 62, 70, 80, 106, 108, 110, 138, 148, 149, 161

democrazia mondiale, 6, 36

didattica, 113, 115, 116, 119, 120, 124

didattica innovativa, 112                                      

economia globale, 82

economia mondiale, 10, 36, 44, 81                                                                     

educazione alla pace, 124

educazione allo sviluppo, 119, 124, 125

educazione interculturale, 83, 119, 120, 123, 124

educazione numerizzata, 5                      

educazione, 4, 5, 18, 19, 50, 51, 69, 72, 83, 89, 96, 99, 100, 111, 118, 119, 120, 123, 125                                                         

egemonia, 36, 37, 44, 91

egoismi etnocentrici, 123

etica del gioco, 32                                                               

etica del lavoro, 32                                                                         

etica universale, 6, 18

etica, 6, 7, 18, 20, 24, 27, 32, 131, 150                                                                 

etnocentrismo, 125, 126

filosofia dell’informazione, 116

geopolitica, 45, 47                                                         

giornalismo, 60, 69, 116, 131, 132

identità nazionale, 50

capitale immateriale, 4                                                            

il capitale, 3, 4, 7, 29, 30, 35                                                               

immigrazione, 145, 150

indigenza informativa, 25                                                              

indipendenza, 50, 51, 55, 162

individualismo, 6                                                       

industria cultarule, 97                                                                    

influenza dei media, 84, 85

info-etica, 18

informazione, 1, 2, 3, 6, 10, 12, 13, 16, 17, 18, 19, 21, 23, 24, 47, 48, 49, 52, 55, 56, 61, 64, 67, 72, 74, 75, 79, 91, 94, 98, 103, 108, 116, 125, 128, 131, 139, 144                                                                         

intelligenza collettiva, 11

interdisciplinarità, 170

interessi politici, 24                                                                          

ipotesi, 39, 45, 100, 113, 135, 136, 141, 142, 145, 148

l’ “altro”, 20, 121, 141

lavoro interdisciplinare, 112                                                          

letteratura comparata, 121

lettori, 48, 61, 86, 109, 146                                                         

libertà di stampa, 64

libertà, 3, 6, 18, 35, 55, 60, 63, 108, 109, 117                                                                  

linguaggi verbale, 94                             

linguaggio audiovisivo, 92                                                         

linguaggio nazionale, 69

linguaggio numerico, 5

livello sovrastrutturale, 92

media studies, 84

Megamacchina, 14, 15, 44

memoria collettiva, 114

memoria storica, 128

mercato, 4, 15, 16, 27, 28, 29, 32, 38, 42, 61, 80, 131, 135, 165

mercato globale, 1, 36

mercato mondiale, 6, 7, 8, 39, 40, 44, 46

mezzo culturale, 170

microcredito, 81

mondializzazione, 2, 3, 4, 6, 14, 17, 20, 34, 36, 38, 42, 43                                                                   

naufraghi dello sviluppo, 45

nazione, 8, 37, 38, 41, 75, 83                                                        

new economy, 28, 29                                                         

nuova economia, 7, 28                                                                     

orientamenti politici, 133

pedagogia della complessità, 123

pedagogia della lettura, 120

pluridisciplinarità, 112                                                         

politica interna, 145, 146, 150

postmodernità, 43, 44                                                          

povertà, 18, 27, 47, 56, 81, 96, 136, 138, 146, 148, 164

pregiudizi, 92, 123, 125, 152, 163

problemi etnici, 145

progresso culturale, 108                                                                 

progresso sociale, 74, 108                                                           

proprietà intellettuale, 4, 6                                                          

proprietà privata, 17, 28, 29, 31                                                             

rapporto media-ragazzi, 101, 102                                                 

razzismo, 125, 126, 150, 160, 162, 163, 165

relazioni internazionali, 145

reti globali, 34                                                           

rivoluzione culturale, 10, 11, 12

rivoluzione economica, 12

rivoluzione spaziale, 3

scuola, 89, 100, 101, 104, 106, 109, 111, 112, 115, 116, 117, 120, 122, 163

senso comune, 9, 18, 46

senso morale, 92

sistema capitalista, 4, 7, 32, 97, 98

sistema iformativo, 4, 7, 23, 79

società informale, 38                                                        

società multietnica, 136

soggetti istituzionali, 138, 143

sotto-informazione, 49                                                          

sottosviluppo, 49, 51, 68, 69, 151

sovranità politica, 50, 51

stereotipi, 123, 131, 132

strumento pedagogico-didattico, 110                                            

sviluppo mentale, 112, 113                                           

tolleranza, 123

 

universalizzazione, 14

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Indice dei nomi.

 

 

 

     Il presente indice contiene tutti i nomi che vengono citati nella tesi, compresi quelli inseriti nelle note, e nella biblio-emerografia.

 

 

 

 

Abbruzzese A., 168

Aristotele, 17         

Baratta G., p. 169

Beinot Y., p. 170

Bekkar A., 168

Bernardi B., 169

Bertin G. M., p. 92

Bettetini G., p. 22, 26, 169     

Betti C., 89, 90, 103, 169

Bolter J. D., p. 169

Calchi Novati G., p. 169

Castronova V., p. 170

Cesareo V., p. 170

Coles P., p. 70    

Curien N., p. 170

D’ Amico N., p. 110, 169

Della Seta L., p. 110, 169

Delle Donne M., p. 170

Di Marco S., p. 116, 117             

Dia S., p. 51                                                                           

Engels F., p. 1, 2, 10, 169     

Gensollen M., p. 170

Gentile A.M., 152, 168

Gnisci A., 121, 168

Gordimer N., p. 170

Gramsci A., 9, 10, 11, 12, 14, 15, 18, 19, 34, 36, 43, 44, 45, 107, 109, 110, 121, 122, 151, 168   

Kant I., p. 18         

Latouche S., p. 14, 15, 38, 42, 45, 40, 170                                                                  

Lyotard J. F., p. 169

Maldonado T., p. 26                                                             

Manoukian A., 139, 140, 169

Maria de Lourdes Jesus, p. 170

Marx K., p. 1, 2, 10, 98, 169                             

Mattelart A., 9, 168

Mazzini G., p. 117.

McLuhan M., p. 96, 97, 169

Moffa C., 169

Murialdi P., p. 170

Ordile L., p. 107, 108

Piaget J., p. 110, 112

Rifkin J., p. 28, 29, 31, 32, 169

Robins K., p. 169

Siciliani de Cumis N., p. 112, 113, 169

Soynka W., p. 170

Talamo G., p. 169

Tarroni E., p. 95

Tiam A., 169

Tranfaglia N., p. 170

Tropicaux M., p. 77                                   

Valeri M., p. 89, 90, 103, 169 

Voltaire, p. 97, 98

Wolf M., p. 83

Yunus M., p. 81, 170

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

QUESTIONARIO

 

 

Elenco dei quotidiani del campione.

 

Titolo                                      Anno di fondazione                              città

 

Quotidiano                                 data

 

Articolo riferito all’ avvenimento:

 

Tipo di articolo: comunicato, cronaca, corsivo, fondo, editoriale, opinione-approfondimento, cultura, sport, economia, altro

 

Sopratitolo

Titolo principale dell’articolo

Sottotitolo

 

Il titolo è definibile: obliquo-ironico; referenziale; mitico-valutativo; sostanziale-descrittivo.

 

Il titolo è aderente alle informazioni contenute nel testo?

Si             No

 

Presentazione dell’articolo:

Collocazione nel giornale: prima pag. Nazionale; prima pag. Locale; pagina interna nazionale; pag. Interna esteri

 

Taglio nella pag. Stessa: alto; medio; basso; intera pag.

 

Su quante colonne è il titolo?

 

Il testo dell’articolo è accompagnato da illustrazioni?

Foto; grafico; disegno; vigniette.

 

Tipologia dell’immagine: emotiva; descrittivo-referenziale; ironico-ludica; propagandistica.

 

Soggetto della stessa: paesaggi; uomini politici; leader dell’opposizione; feriti o morti; uomini di chiesa.

 

Soggetti rappresentati: maschili o femminili

 

 

 

L’articolo riporta un’avvenimento: politico, culturale, notizie su emergenze, su problematiche socio-strutturali

 

L’articolo contiene altr notizie non direttamente riferite all’articolo in questione?

Si       No

 

 

Se si queste sono di tipo: politico, culturale, religioso, altro

 

Soggetto protagonista: eserciti, governo estero, governo membro, governo italiano, organismi internazionali ufficiali, Unione Europea, chiese e /o enti religiosi, imprese, ONG e/o associazioni italiane, organismi africani, gente comune.

 

 

L’articolo nel suo insieme presenta l’avvenimento con: aprovazione indiscussa, elogio, informazione neutrale, informazione critica, polemica e condanna.

 

Componenti prevalenti sulle condizioni sociali: alimentazione e/o fame, analfabetismo, condizioni delle donne, condizioni sanitarie e salute, degrado alimentare, democrazia, immigrati, povertà, rifugiati-profughi, gente in fuga, violazione dei diritti umani

 

Rappresentazione per regioni:

 

Area politica: problemi etnici, immigrazione, relazioni internazionali, politica interna ed estera.

 

Area economica: deficit, debito estero, scambi commerciali/mercati.

 

Area emergenza: interventi internazionali, calamità naturali/incidenti, rifugiati e profughi, guerre e conflitti armati, terrorismo

 

Area condizioni socio-strutturali: risorse ambientali, storia, geografia, diritti umani, proteste sociali, cultura e tradizioni, qualità della vita/condizioni sociali.

 

Provenienza dell’articolo: inviato speciale, corrispondente redazionale, dispaccio d’agenzia, esperto, firma prestigiosa esterna alla testata.

 

 

 

 

                          

                                        

                                                  

 

                                          

 

 

                                      

 

                                             

 

                             

 

 

 

 

 

                                                                              

 

 

 

                                                             

                                                  

                                                             

                                                            

                                                              

 

 

                                  

 



[1] Antoni Gramsci, Quaderni del carcere, ed.critica a cura di V.Gerratana, Torino, Einaudi, 1975, p.1419.

[2] Ivi, p. 2343.

[3] Ivi, p. 1345.

[4] Ivi, p.1338.

[5] Ivi, p. 2268.

[6] Ivi, p.1756.

[7] Ivi, p. 1891.

[8] Serge Latouche, L’ altra Africa: tra dono e mercato, Bollati Boringhieri, 1997, p.16.

[9] Ivi, p. 21.

[10] Ivi, p. 22.

[11] AA. VV., Dare voce al sud del mondo, Milano, CIPSI, 1998, p.115.

[12] Ivi, p.116.

[13] Saidou Dia, The many roles of communication and media in Africa, “Voices from Africa”, n.IV, 1992, p.67. «For more than 20 years, the “Diissoo” programme of the radio éducative rurale in Senegal and a “A l’ écoute du monde rural” of Radio Mali symbolise an original form of broadcasting, aimed essentially at farmers, backed up by extension magazines, all in national languages. When we recall that some 80% of african societies are rural, it is easy to see the importance of this “new style” radio.»

[14] AA.VV., , p.151.

[15] Ibidem.

[16] Ivi, p.117.

[17] Ibidem.

[18] Ivi, p.118.

[19] Ivi, p.211.

[20] Ivi, p.118.

[21] AA.VV., Noci di cola, vino di palma, Roma, Edizioni Lavoro, 1997, p.19.

[22] Ivi, p.22.

[23] Armando Gnisci, Manuale storico di letteratura comparata, Roma, Meltemi, 1997,p.222.

[24] Antonio Gramsci, op.cit., p.2342.