UNIVERSITA’ DEGLI STUDI  DI ROMA

«LA SAPIENZA»

 

 

 FACOLTA’ DI  LETTERE E FILOSOFIA

 

 

 

 

CATTEDRA DI PEDAGOGIA GENERALE

 

FORMAZIONE, PEDAGOGIA, SCUOLA  NELL’OPERA DI GIOVANNI BOLLEA

(1947 - 1999)

Candidato:

Valeria Sansoni                  

Matr. 10114647

 

Relatore:     Correlatore:

Chiar.mo Professore                     Chiar. mo Professore

Nicola Siciliani de Cumis Aldo Visalberghi       

 

Anno Accademico 1997/98

 

 

 

Formazione,  Pedagogia, Scuola

 

nell’opera di Giovanni Bollea

 

    (1947-1999)        

 

INTRODUZIONE                                                                                 Pag.I    

 

          PARTE  PRIMA          

La  formazione dello studioso Bollea

                                                                                         

CAPITOLO I - NOTIZIA BIOGRAFICA SU GIOVANNI BOLLEA          Pag. 1

1. L’infanzia e l’università                          Pag. 4

2. La formazione romana                                                                                Pag. 6    

3. Verso i disadattati: l’inizio dell’ attività e l’incontro con Montesano        Pag. 8

4. Il rapporto con la Montessori: il «legame ideale»                                       Pag.11

5. Il decennio 1950 - 1960                                                                               Pag.13

6. L’attività di recupero e di prevenzione: l’igiene mentale                            Pag.16

7. Il decennio 1960 - 1970: l’interesse per la scuola                                       Pag.17 

8. Gli anni ‘90: il «Pianeta Infanzia» e l’AL.VI.                                             Pag.20 

9. La pedagogia del Bollea                                                                              Pag. 26 

     

CAPITOLO II - SÉGUIN, DECROLY, MONTESSORI, BOLLEA: L' EVOLUZIONE

        CONCETTO DI EDUCABILITÀ’ DEL BAMBINO

        CON PROBLEMI                                                             Pag.33 

                   

1. Definizione del concetto di educabilità e sua evoluzione                                                  Pag.48 

 

2.Un confronto di idee                                                                                                              Pag.49

             

3.Gli aspetti «evolutivi» dell’educazione del Bollea                                                                Pag.58

 

CAPITOLO III - DAL BAMBINO «IDIOTA» DI SÉGUIN, AL BAMBINO                                  «DISADATTATO» DI BOLLEA.

ASPETTI TERMINOLOGICI                                                             Pag.61                                                                                                                                   

1. L’ «idiota» di Eduard Séguin                                                                                         Pag.65      

 

2. L’ «anormale» di Ovide Decroly                                                                                    Pag.70  

 

3. L’ «anormale» di Maria Montessori                                                                                     Pag.74

 

4.Il «disadattato» di Giovanni Bollea                                                                                Pag.76

 

PARTE SECONDA 

 

Tematiche pedagogiche emerse dagli scritti

del Professore Bollea dal 1947 al 1999

 

 

CAPITOLO I - IL PROCESSO DI ADATTAMENTO             Pag.80 

 

1.  Genesi                      Pag.83      

 

2. La relazione antinomica  Io, non-io ed il ruolo                                         

    condizionante dell’ambiente esterno                                                                                  Pag.88                                                                                                         

3. Il processo di adattamento: la risoluzione del conflitto Io-non-io                                     Pag.90 

 

4. La graduale strutturazione della personalità del soggetto                                                  Pag.96

 

       4.1 le principali fasi evolutive                                                                                         Pag.97                                                               

       4.2 le principali crisi evolutive                                                                                        Pag.102

 

5. Il comportamento come manifestazione del carattere

    e della personalità di un soggetto                                                                                       Pag.105

 

 

CAPITOLO II - IL DISADATTAMENTO                                                                      Pag.113

                             

1. L’origine del disadattamento: un equilibrio che manca

    dalla nascita o che si è interrotto durante la crescita                                          Pag.115 

 

2. I principali fattori che  causano il disadattamento                                             Pag.125

 

3. Un relazionarsi anomalo nei confronti della società:

    le principali forme di alterazione del comportamento                                        Pag.138

 

CAPITOLO III - IL CONCETTO DI EDUCAZIONE

                           SECONDO BOLLEA                                                         Pag.145

 

1. Etimologia e significato della parola «educazione»                                        Pag.147

 

2. L’esempio, l’ascolto, il gesto ed  il dialogo: le azioni essenziali

     del processo educativo                                                                           Pag.155

 

2.1 l’esempio                                                                                                         Pag.157

  

2.2 l’ascolto                                                                                                                Pag.162

 

2.3 il gesto                                                                                                                  Pag.167

 

2.4 il dialogo                                                                                                              Pag.175

       

3. I tre «sistemi»responsabili di un corretto intervento educativo                                      Pag.181

 

 3.1 la famiglia                                                                                                           Pag.184

 

          3.2 la scuola                                                                                                              Pag.188

 

          3.3 la società                                                                                                             Pag.213

 

 

4. Scopo del processo educativo: un rapporto armonico

    dell’Io con l’Umwelt                                                                                                      Pag.224

 

CAPITOLO IV- L’IGIENE MENTALE COME METODO

                          E PRINCIPALI STRUTTURE IN CUI SI REALIZZA                    Pag.230

 

1.Origine dell’igiene mentale                                                                                            Pag.233 

 

2. Scopi educativi dell’igiene mentale                                                                              Pag.239

 

3. I Centri medicopsicopedagogici                                                                                    Pag.252

             

               3.1 struttura                                                                                                        Pag.255   

 

               3.2 Metodologia                                                                                                 Pag.256

 

4. La «Scuola dei genitori»                                                                                               Pag.259

 

              4.1 motivi ed origini della fondazione                                                               Pag.260

 

              4.2 organizzazione e metodologia                                                                     Pag.262

 

CAPITOLO V- CONSONANZE E DISSONANZE

                         TRA BOLLEA E LA PEDAGOGIA PROGRESSIVA                        Pag.264

 

1. I capisaldi significativi della pedagogia progressiva straniera ed italiana                 Pag.266

 

2. La posizione innovativa del Bollea                                                                            Pag.272

 

3. Consonanze e dissonanze                                                                                           Pag.278

 

 CAPITOLO VI- PROSPETTIVE DI INDAGINE                                                        Pag.284

 

1. Il Bollea «pedagogista»                                                                                              Pag.286

 

2. Principali limiti riscontrati come prospettive di indagine                                         Pag.288

 

 

APPENDICI:                       Pag.291

 

Incontro con il Professore Bollea (13 giugno 1997)                                                     Pag.292

 

Intervista al Professore Bollea (8 luglio1998)                                                              Pag.298

 

Bollea nel suo studio romano                                                                                       Pag.302

 

 

INDICI:                                                                                                     

           

Indice analitico                                                                                                              Pag.319

 

Indice dei nomi                                                                                                             Pag.325

  

Siglario                                                                                                                         Pag.329 

 

Bibliografia                                                                                                                  Pag.330

 

 

INTRODUZIONE

 

 

La conoscenza dell’attività di Giovanni Bollea neuropsichiatra infantile,  caratterizzata dall’interesse per il soggetto con problemi di inserimento nell’ambiente sociale,  è avvenuta in modo causale attraverso la lettura   dei frequenti articoli su quotidiani e riviste e l’ascolto di suoi  numerosi interventi televisivi; essa ha stimolato la ricerca e lo studio dei periodi salienti della sua formazione, che ha reso possibile l’individuazione di una «pedagogia» e di una «scuola» intesa come un insieme di metodologie ed insegnamenti sia nell’ambito medico-pedagogico che in quello educativo e sociale.

 

 

 

 

 

PARTE PRIMA

 

STRUTTURA DEL LAVORO    

 

I. Presupposti dell’indagine

Il  punto di partenza di un’ indagine che intende raggiungere risultati significativi e proporre ulteriori prospettive di approfondimento, è quello di definire i limiti entro cui intende muoversi; il tema prescelto è legato all’infanzia. Il fatto che Bollea ne tratta sia in modo professionale, quindi medico, sia adottando una modalità divulgativa, ovvero  quella pubblicistica, ha reso necessario delimitare l’ambito della ricerca con un criterio prima tematico e poi cronologico.

Il limite concettuale è stato individuato dall’idea principale che ha guidato lo svolgimento dell’indagine: avvicinarsi all’opera del Bollea per individuarne gli aspetti pedagogici, criterio che si è presentato come un utile orientamento nella vastità delle pubblicazioni specialistiche e non.

Stabilito il limite concettuale,  rimaneva da fissare quello cronologico; escludendo il periodo dell’infanzia e dell’università, pur se considerati formativi per la personalità dello studioso,  si è scelto il 1947 come anno di inizio dell’attività neuropsichiatrica di Bollea indirizzata al recupero di quell’«infanzia psichicamente malata » a causa dei gravi disagi arrecati dal dopoguerra; conferma questa scelta, la constatazione che la prima pubblicazione di ordine non-medico,  è un fascicolo della rivista «Il Lavoro Neuropsichiatrico»,  del 1947 riportante la relazione del Convegno tenutosi a Roma nel maggio dello stesso anno analogo a quello delle S.E.P.E.G. svoltosi in Svizzera nel 1946,  in cui  psichiatri,  giudici ed assistenti sociali, constatate le condizioni di disagio del bambino vittima della guerra, hanno posto le basi per un progetto esteso a tutti i paesi Europei provati dal disagio post-bellico, mirante ad un’azione di recupero dell’infanzia « in rapporto al suo avvenire e all’avvenire della stessa Europa ». Lo studio dei contributi strettamente specialistici del Bollea, inizia dal 1947 e  si protrae fino al giorno d’oggi, dato che attualmente gli interventi del Professore, riguardanti problematiche educative,  si susseguono con cadenza quasi quotidiana.

II. La ricerca del materiale

La ricchissima  gamma di pubblicazioni, che compongono la  bibliografia del professore è conservata nella biblioteca dell’istituto di neuropsichiatria infantile in via dei Sabelli, a Roma,   fondato nel 1952 dallo stesso Bollea che ne detiene tuttora  l’incarico di direttore; la molteplicità degli argomenti trattati ha richiesto una selezione fra le diverse tematiche di carattere  educativo affrontate dallo studioso.

Il materiale preso in considerazione, per lo svolgimento dell’indagine, è composto principalmente da:

·                    estratti di studi, interventi di recupero, pubblicati su riviste specialistiche come: «Il Lavoro neuropsichiatrico », «Infanzia Anormale », « Minerva  Medica», «Rivista di Clinica Pediatrica », « Scuola e Famiglia », «Igiene Mentale», «Neuropsichiatria  Infantile ».

·                    riassunti di lezioni tenute a corsi universitari, corsi di specializzazione,  e di aggiornamento.

·                    interventi a  congressi e convegni.

A questi si aggiungono le introduzioni ai volumi di  Eduard Séguin, Winnicott,  e di Baldwin, i due manuali di Psichiatria dell’età evolutiva editi dalla Bulzoni nel 1979 e nel 1980, e l’ultimo libro Le madri non sbagliano mai edito da Feltrinelli nel 1995 anno in cui è iniziata la presente ricerca su quotidiani e periodici non specailistici e la conseguente raccolta di articoli, che riportano interviste svolte al professore o suoi interventi su eventi o fatti di cronaca.

 In ultimo la rubrica  Il Taccuino di Giovanni Bollea pubblicata sul  settimanale « Gente », iniziata il 3 febbraio del 1998 e tuttora in corso di svolgimento dedicata alle problematiche più comuni generate da  «individualismo esasperato e protagonismo» ma anche da un « piatto conformismo ed una mancanza di ideali ».

 Le tematiche ricorrenti nel materiale consultato, riguardano  lo sviluppo e l’evoluzione della struttura del soggetto, il suo interagire con la società, i disagi e le patologie che possono derivare da danni alla struttura e da un’interazione non «armonica» con la realtà, gli interventi ed i processi formativi da applicare nella famiglia e nella scuola, mediante i quali favorire un « positivo inserimento» nell’ambiente sociale, ed infine lo studio dell’intervento preventivo realizzabile mediante l’igiene mentale.

 Alcune citazioni  di studiosi presenti  nelle  pubblicazioni specialistiche,   come «Lo studio del processo di adattamento si articola [...] attorno allo studio dei motivi fondamentali dell’agire umano» e  « La teoria della motivazione deriva essenzialmente da  Freud »,  hanno posto, la necessità di conoscere quali testi del fondatore della psicanalisi e quali studiosi della motivazione sono stati studiati da Bollea. Per dedurre le conoscenze riguardanti le opere sui cui si è basato lo studioso per elaborare i concetti divenuti poi argomento del presente lavoro, sono state elaborate due interviste al  professore nel suo studio di Via Salaria la prima si è svolta  il 13/6/1997 mentre la seconda l’8/7/1998.

 La prima intervista è strutturata in 27 domande  ed è suddivisa in tre parti: la prima serie di domande, era volta alla conoscenza delle tappe più significative della sua formazione, e dei  motivi che hanno determinato la scelta della sua professione; una seconda serie di domande, la più numerosa, riguardava  l’opinione del professore su alcune tendenze culturali, sociali  e scientifiche del XX secolo e una breve definizione  dei concetti di «educazione», «apprendimento»,  «creatività» e «rinforzo», un’ultima serie di domande, legate alla situazione attuale della neuropsichiatria infantile e ai rapporti di questa con la pedagogia.             

 Ad un anno di distanza,  quando l’indagine era giunta ad una conoscenza più completa dell’attività del professore, è stata svolta una seconda intervista  con l’intento di appurare quali aspetti della sua attività e del suo pensiero non  fossero eventualmente emersi nell’analisi dei testi scelti; l’intervista era suddivisa  in quattro parti.

 La prima serie di  domande era volta a conoscere quali testi  hanno contribuito alla formazione del Bollea non- neuropsichiatra, ma persona comune.  La seconda parte riguarda l’opinione dello studioso  intorno ad aspetti dell’educazione come il gioco, l’esempio, il gesto, ed ai  concetti ad essa connessi come apprendimento, adattamento, emulazione e competizione.   Le motivazioni dei numerosi interventi in televisione e delle iniziative editoriali e televisive intraprese dal Bollea nel 1998, costituivano l’argomento  della terza parte dell’intervista, il cui obbiettivo era  quello di approfondire i suoi  rapporti con i mezzi di comunicazione di massa.

 Un’ultima serie di domande è stata inserita, tenendo in considerazione il forte incremento, nell’ultimo decennio, di forme di disadattamento infantile ed adolescenziale, non causate da una lesione  organica o da una vera e propria patologia, ma da una carenza di interesse, mancanza di creatività, forme diverse di depressione considerati disagi «lievi» ma ugualmente preoccupanti. In tre domande, si è chiesto al professor Bollea quali possono essere le cause, come si può intervenire e quali suggerimenti adottare per evitare l’incombere di questo lieve disadattamento.

 Una terza intervista svolta il 16 novembre 1998 da Marta Gandiglio, laureanda  del professor Nicola  Siciliani de Cumis, ordinario della cattedra di Pedagogia Generale presso l’Università «la Sapienza» di  Roma,  ha fornito notizie importanti sul complesso rapporto tra il  Bollea e la Montessori, la cui «lieson» « c’è stata nel maestro Cerletti » e sulla concezione della natura umana che  il Bollea fonda « nel sociale ».

 Dall’analisi dei temi trattati nei saggi e nei volumi, si è ricavata una bibliografia di riferimento generale in cui figurano sia testi conosciuti e  studiati dal Bollea, come  L’idiota, cura morale igiene ed educazione di Eduard Séguin,  pubblicato da Armando nel 1970,  sia opere che si riferiscono all’ambito di studio a cui si è interessato il Bollea, come quelle del Mazzetti oppure i testi del De Bartolomeis dedicati all’opera del Decroly e all’opera della Montessori.

Lo studio di questi testi ha fornito notizie storiche sull’interesse per il malato mentale, sulle variazioni terminologiche del termine «idiota» sui   principali cambiamenti nella metodologia di studio del soggetto disadattato.

 La rubrica  Il Taccuino di Giovanni Bollea  iniziata  il 3 febbraio del 1998, pubblicata sul settimanale « Gente »,  consta di una serie di articoli in cui il Bollea tratta problematiche giovanili legate alla società, alla scuola ed alla famiglia; quest’iniziativa editoriale è  rivolta ad un pubblico di medio ceto, con l’intento di dare dei suggerimenti ai genitori ed agli insegnanti su come reagire di fronte a comportamenti anomali adottati dai giovani.

Della  presente rubrica sono stati raccolti gli articoli dal 3 febbraio 1998 al 6 febbraio 1999; lo studio di questi si è presentato utile per l’approfondimento di quelle  tematiche «pedagogiche» affrontate dal Bollea, nelle  pubblicazioni e sulle riviste scientifiche.

 

III. Criteri  metodologici adottati nello svolgimento del lavoro 

L’ordine in cui è stato strutturato il lavoro, è definito dal titolo: Formazione, Pedagogia, Scuola nell’opera di Giovanni Bollea negli anni circoscritti dalle date indicate tra parentesi.

Le esperienze della sua vita, peculiari nella definizione di alcune tematiche pedagogiche dominanti nel suo pensiero, hanno favorito la  suddivisione del lavoro in  due parti: la prima dedicata alla formazione, all’attività del Bollea e ad un inquadramento di esse nell’ambito di studio dell’educabilità dell’insufficiente mentale con l’intento di rilevarne gli  aspetti innovativi che hanno segnato un’evoluzione del concetto. La seconda parte esamina le tematiche  con valenza pedagogica affrontate dal Bollea cercando di evidenziare rapporti e i confronti tra  i diversi aspetti affrontati dallo studioso in modo scientifico.

 L’ordine adottato nello svolgimento dei capitoli della seconda parte, segue un criterio concettuale secondo il quale vengono esaminate prima le tematiche riguardanti lo sviluppo e l’organizzazione della personalità del soggetto che lo studioso definisce « Sistema Individuo », poi segue un esame   delle  « interferenze negative o positive» dalle quali «ognuno di questi sistemi può essere modificato ».

La  conoscenza dei tratti peculiari che determinano lo sviluppo della persona, e gli eventuali disagi derivati da uno squilibrio nell’interazione con

l’«Umwelt», permettono la comprensione e l’esame dei concetti «educativi» inerenti la formazione di un soggetto normale e gli aspetti peculiari di un’azione di recupero e di  cura di un soggetto con  disadattamenti.

Una riflessione intorno alla posizione «pedagogica» del Bollea posta a confronto con i principi della pedagogia progressiva, l’individuazione del contributo «innovativo» dato dal Bollea alla pedagogia del XX secolo, ed  una serie di proposte di ricerca e di studio da eseguire sulla base delle conoscenze emerse dalla presente indagine,  sono gli aspetti conclusivi del lavoro che propongono un’ indagine intorno alla neuropsichiatria e ai suoi rapporti con la pedagogia,  ambito di studio ancora «giovane» che ha come «pioniere» il Bollea e la sua «scuola» creata  attraverso i suoi insegnamenti, i consigli e suggerimenti.

Le note introduttive all’inizio di ogni capitolo sono state inserite con l’intento di illustrare il percorso seguito nell’esaminare le diverse tematiche emerse dallo studio degli scritti e fornire una guida agli argomenti ed alle problematiche trattate nella presente indagine.       

La diversità del genere di scritti del Bollea  adottati per l’elaborazione del il presente  lavoro, ha manifestato la necessità di dividere la bibliografia in più parti; inizialmente si era scelto un criterio secondo il quale gli scritti del Bollea erano suddivisi in: partecipazione ed interventi a congressi,  pubblicazioni su riviste scientifiche, introduzioni a libri di testo,  traduzioni e rubriche di articoli; questa divisione - alla quale si aggiungevano due sezioni, una riguardante le opere di riferimento generale, ed una dedicata agli articoli ed alle interviste svolte al professore circa dagli anni 1995,- si presentava dispersiva rispetto al compito della bibliografia, di fornire una guida alla conoscenza dell’argomento trattato; di conseguenza,  abbandonata questa prima ipotesi, si è optato per la divisione attuale in quattro sezioni: la prima dedicata alle opere, interventi pubblici ed  interviste, e scritti su quotidiani e periodici, seguita da una seconda sezione dedicata interamente alla rubrica  Il Taccuino di Giovanni Bollea    presente sul settimanale « Gente »  dal 3 febbraio 1998,  una terza sezione riguardante le traduzioni del Bollea ed infine un’ultima sezione dedicata alle opere di riferimento generale.

L’indice analitico e quello dei nomi inseriti  alla fine del lavoro, seguono l’intento di fornire un orientamento nella ricerca di  problematiche e di concetti specifici trattati durante il corso dell’indagine; il criterio adottato    per entrambi, è quello di inserire le idee ricorrenti ed i nomi in ordine alfabetico, ed accanto riportare le pagine a cui fare riferimento; questo metodo dovrebbe facilitare il lettore per una consultazione immediata della tematica  o del nome espresso nell’indice.

La presenza nel testo di citazioni dalle numerose pubblicazioni del Bollea, è stata giustificata e spiegata con un nota bibliografica; questi dati emerografici sono stati ricavati da un volumetto  Attività scientifica 1956-1975 nel quale per ogni pubblicazione è indicato il titolo, il nome e l’anno della rivista e per alcune anche il mese di pubblicazione. Le singole parole ed espressioni peculiari ricorrenti nell’opera e nel pensiero del Bollea, sono virgolettate con l’intento di distinguerle dai termini adottati nel presente lavoro; la sottolineatura in corsivo riguarda i termini stranieri ed i titoli di volumi  riportati nel testo.

La trattazione di alcune tematiche come quella educativa o quella riguardante la prevenzione od il recupero,  comincia con  una riflessione sulla radice etimologica del termine: è il  caso delle parole «educazione»(§1, cap III, parte II), «igiene» (§1, cap IV, parte II) e «pedagogia»(§ 9, cap I, parte I ), le cui accezioni intese dal Bollea sono molto vicine alla derivazione etimologica: ne è conferma la definizione del concetto di educazione, riportata nel suo ultimo libro: « educare [...] deriva da   educere »; nel definire uno  degli obbiettivi della Scuola dei Genitori come un « aiutare i genitori a conoscere  i vari  stadi  di  sviluppo,  le  numerose  crisi   di opposizione» perché questo « faciliterà ai  genitori il  loro  compito educativo»,  attribuisce alla «Scuola» un compito di «guidare» i genitori nel difficile processo educativo, ed questo «guidare» è uno degli aspetti principali che caratterizzano un’azione pedagogica. 

Nell’esame della tematica del comportamento e del disadattamento,  sono incluse le spiegazioni di concetti come «condizionamento»(§ 2, cap I, parte II), o «trauma» (§1, cap II, parte II) introdotte da una spiegazione letterale del  termine; questa scelta, deriva da un’osservazione attenta del linguaggio usato dal Bollea nei suoi scritti e dall’intento di rendere più scorrevole il presente lavoro; la spiegazione del comportamento necessita di un collegamento al concetto del «carattere» che, « si plasma a poco a poco [...] attraverso una situazione dialettica [...]tra il soggetto e il suo Umwelt »;  questa definizione determina la necessità di prendere in esame il problema del ruolo del condizionamento esercitato dall’ambiente sull’individuo, preceduto da una spiegazione del significato del termine «condizione».  La definizione del concetto di «trauma» è introdotta dal significato letterale in ambito psichico per poi dedurre la conseguenza per il quale l’evento traumatico è considerato un fattore di disadattamento.

 

PARTE SECONDA

METODOLOGIA DEL BOLLEA

 

IV. Principali aspetti emersi dallo svolgimento del lavoro

La presente  indagine avvalendosi dei criteri di ricerca e di metodologia  descritti, è giunta ad individuare la figura del Bollea,  nota all’opinione pubblica come « uno dei padri della neuropsichiatria infantile italiana », ««il padre»degli studi sulla psicologia infantile in Italia », «grande conoscitore della psiche infantile»,  «Un generoso e  valente innovatore di una scienza complessa », come quella di un neuropsichiatra infantile la cui attività (cominciata da un interesse verso il recupero e la cura dei soggetti che la guerra aveva  costretto ai margini della società), si è estesa su tre filoni di ricerca interdisciplinari: l’attività universitaria, quella scientifica e medica e quella sociale ed assistenziale.

Questi tre filoni sono collegati tra loro da una  conoscenza medico scientifica che rende possibile una valida azione di recupero ed un buon insegnamento; essi  sono uniti anche da un aspetto che non emerge ad un primo incontro con le opere o pubblicazioni dello studioso,  ma traspare in  modo  sottile  da un’attenzione al linguaggio utilizzato per  trasmettere i suoi consigli al pubblico e al modo di porsi davanti alle diverse e complesse problematiche della gioventù: tale aspetto è quello pedagogico presente nel  rapporto con gli allievi,  nella professione di medico nella relazione con il paziente, ed nel suo impegno verso il sociale che ha assunto diverse forme. Questo aspetto contribuisce a creare una  pedagogia del Bollea con aspetti  «nuovi» rispetto quelli che determinavano le correnti pedagogiche del ‘900, e si manifesta mediante la «divulgazione» ovvero la trasmissione di conoscenze mediche e scientifiche riguardo fenomeni comportamentali, atteggiamenti e problematiche giovanili la cui gravità viene spesso trascurata a causa di un’ignoranza involontaria; questa diffusione avviene per mezzo di riviste scientifiche, mediche e di uso comune.

L’aspetto divulgativo che caratterizza la pedagogia del Bollea, è confermato da alcune posizioni si pensa non casuali assunte dal professore nel rapporto con la sua professione:  una bibliografia composta principalmente da pubblicazioni inizialmente su riviste specializzate e poi di uso comune (quotidiani, periodici e in ultimo la rivista settimanale Gente»), alcune Dispense di Neuropsichiatria infantile del 1961, ed una produzione libraria «minore» rispetto alle publicazioni, può essere considerato il risultato di una scelta tra una attività di ricerca scientifica, attuabile mediante lo studio e l’elaborazione di trattati scientifici, o un’attività  la cui ricerca - ugualmente scientifica - avviene attraverso la prassi, l’esperienza  ed il rapporto con il mondo giovanile  suo principale interesse.

Conferma della scelta di questa seconda ipotesi, è l’intensa dedizione all’attività di professore universitario visibile attraverso il  rapporto con i suoi allievi, non «cattedratico» ne distaccato, ma quasi «paterno» costruito mediante il racconto di esperienze personali come « il mio momento più formativo è stato l’identificazione primaria con mio padre [...] mi ha insegnato una profonda  verità e cioè che l’uomo vive per la società e solo in essa e per essa si realizza [...] è questo il postulato primo per un pedopsichiatra e sono profondamente convinto che è per questo che io lo sono diventato » e  pervaso da un «sottile ottimismo » nella gioventù responsabile della società del futuro.

L’intensa attività assistenziale che impegna il Bollea a partire da l 1946, con la partecipazione al Convegno delle S.E.P.E.G, seguita dall’organizzazione della S.I.A.M.E  insieme al professore Montesano, e poi legata alla organizzazione dei C.M.P.P. mediante i quali è possibile attuare un’opera di assistenza e di recupero dei soggetti disagiati, ed alla «Scuola dei Genitori» nel 1954 per attuare una prevenzione del disagio con  l’informazione delle principali tappe dello sviluppo del soggetto a cui sono legate le numerose iniziative sul piano scolastico come la preparazione degli insegnanti, oppure sul piano sociale con l’istituzione dell’AL.VI, testimonia in modo ancora più evidente la scelta del Bollea di dedicare la sua esperienza la  sua competenza medico scientifica alla «divulgazione» piuttosto che alla trattazione speculativa.  Il tipo di linguaggio e  il tipo di stile utilizzato rendono questa divulgazione «pedagogica», permettendo di individuare uno  degli aspetti pedagogici presenti nelle opere del Bollea e conseguire così uno degli obiettivi stabiliti all’inizio del lavoro.

V. Lo stile del Bollea

Un’osservazione delle pubblicazioni e degli scritti sui quali è stata svolta l’indagine intorno al pensiero del Bollea ed alle sue tematiche, ha permesso di rilevare degli aspetti interessanti nel linguaggio che lo studioso usa nel rivolgersi al pubblico.

Questi aspetti confermano quell’immagine del Bollea «divulgatore» emersa dal presente lavoro.

  La presenza di un linguaggio semplice nelle pubblicazioni scientifiche, composto da vocaboli come «processo», «inserimento», «organizzazione della  personalità», il cui significato nonostante sia  legato ad un ambito strettamente medico, può essere dedotto senza una  preparazione strettamente scientifica; l’uso di vocaboli più «specifici» come «adattamento», per indicare il processo di interiorizzazione compiuto dal soggetto per assimilare la realtà esterna,  «struttura» e «strutturazione» per indicare la parte interna della personalità , «Individuo» per indicare l’essere formato (quindi con una struttura organizzata), opposto ad «Umwelt» composto dal prefisso tedesco Um indicante «fuori» e Welt  indicante «mondo» come sinonimo di «ambiente esterno».  L’unione di questi vocaboli con quelli definiti «semplici» descritti sopra, fa emergere uno stile di scrittura semplice e chiaro, visibile nella schematicità con la quale lo studioso illustra alcune strutture o iniziative assistenziali o nell’inserimento di riferimenti alla sua esperienza di medico, di  professore e di padre,   tutte giustificate dalla convinzione dello studioso  della valenza formativa dell’esempio e dalla considerazione che tale valenza  è nella semplicità e nella praticità di esso.

VI. Significato dello stile del Bollea e della sua attività

Il linguaggio semplice che caratterizza il suo stile ed il suo modo di rivolgersi al pubblico, l’adozione di una particolare  bibliografia quale è quella pubblicistica, non sono scelte casuali; la  motivazione che le determina, non è insignificante, e risiede in quella filosofia di vita che il Bollea  afferma aver appreso dal padre:«la profonda verità  [...]  che l’uomo vive  nella società e solo in essa e  per  essa si realizza». L’amore verso il sociale,  è la modalità della sua « visione filosofica del mondo » che ha determinato molte sue iniziative ed attività, tra cui quella di essere un pedopsichiatra.

L’intento di approfondire l’origine di questa motivazione e quindi le scelte di vita del Bollea, ha portato ad alcune riflessioni riguardo ad esperienze significative per lo studioso: il periodo dell’infanzia in cui il bambino vede nel padre l’oggetto della propria identificazione e verso il padre proietta ogni suo desiderio ed ogni sua paura ed angoscia, corrispondeva per il Bollea ad un difficile periodo storico che egli  ricorda  in un intervento: « Io appartengo ad una generazione che a 10 -11 anni, ha vissuto un momento particolare: la nascita di un idea. l’idea era quella dell’unione tra il  liberalsocialismo di Gobetti, gli ideali di Don Sturzo, quelli socialisti di Turati e quelli nati con il partito comunista ». Nell’affermare che quest’unione era il sogno di suo padre che  descritto come un « idealista e ribelle per natura , insofferente verso ogni forma di ingiustizia sociale », il Bollea  ricorda alcuni racconti del padre ed alcuni suoi dubbi: « Mio padre socialista, mi ripeteva sempre: perché non si  uniscono? » affermando di essere d’accordo con l’idea del padre «e questa idea è quella che ho sempre avuto anche nella mia testa » confermando l’origine delle sue scelte di vita nella forte identificazione primaria con il padre.

 

CAPITOLO II

 

SÉGUIN, DECROLY, MONTESSORI, BOLLEA:

L’EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI EDUCABILITÀ DEL BAMBINO CON PROBLEMI

 

L’interesse verso la recuperabilità dell’insufficiente mentale, risale alla fine

del XVIII secolo e l’inizio del XIX, con il distacco dalle tecniche miracolistiche e

dalle spiegazioni teologiche con le quali fino a quel periodo si tentavano di risolvere

e giustificare le manifestazioni di anormalità della condotta.

Il progresso scientifico dell’inizio dell’‘800, ha favorito un’evoluzione degli studi intorno all’insufficiente  mentale,  portando molte innovazioni nella cura e nel recupero di questi soggetti definiti «idioti», fino a giungere all’elaborazione di un metodo e di uno schema educativo che permetta agli insufficienti mentali un reinserimento nella società [...]1: Definizione del concetto di educabilità, e sua evoluzione

La parola educabilità è intesa come la capacità o la potenzialità di educare e di essere educati e può essere spiegata prendendo come riferimento il significato del termine «educare» adottato dal Bollea: « educere [...] guidare senza soffocare» ovvero,  mediante dei «mezzi», «far emergere» quei comportamenti,  che creano

«un nuovo e stabile equilibrio» dell’individuo con il mondo esterno.  Il concetto di educabilità è suscettibile di un duplice significato in quanto può essere applicato alla qualità, propria di un metodo, di suscitare delle reazioni oppure alla capacità di un individuo di ricevere degli stimoli. Un’azione, un metodo composto da più interventi, è considerato educabile quando nel suscitare  delle reazioni, «porta fuori , fa emergere delle risposte  allo stimolo.  Un esempio valido è il metodo montessoriano, che è strutturato partendo dalla constatazione  che «l’insufficiente mentale si distingue per il suo scarsissimo potere di attenzione», ed elabora una serie di interventi, dei « forti stimoli sensoriali», con l’intento di « destare la curiosità del ragazzo, stimolarne l’attenzione»; esso può essere considerato il primo metodo italiano per la  «scolarizzazione» degli insufficienti mentali la cui validità è legata all’educabilità presente negli interventi  sul soggetto.  Dalle riflessioni svolte, si può dedurre che l’educabilità di un metodo, sta nell’intensità e nella forza stimolante  delle azioni, degli interventi e dei mezzi, che lo costituiscono. 

Il secondo significato di «educabilità» è inteso come la potenzialità o capacità  di ricevere le stimolazioni provenienti dall’esterno e reagire ad esse. Una struttura che riceve stimoli, è una struttura che presenta un’»attività» sensoriale  che  rende possibile  la reazione  e il   mutamento dell’organizzazione iniziale.  Uno dei presupposti  per constatare il grado di  educabilità  in un soggetto, risiede nella   capacità  della struttura  di   «modificarsi[...] nel suo rapporto dialettico con l’ambiente » quindi di subire l’influenza degli stimoli esterni.

La capacità di attenzione,  indicante la potenzialità in un individuo di ricevere stimoli, è stato, alla fine dell’800, uno dei più importanti  parametri  su cui definire il grado di educabilità dei soggetti anormali.  Nel 1838 l’idiozia era considerata da Esquirol uno stato, causato un’assenza della  manifestazione delle facoltà dell’intelletto che «non si sono potute sviluppare sufficientemente in modo che l’idiota abbia potuto acquisire conoscenze inerenti all’educazione che gli individui della sua età [...] ricevono»; dalla presente affermazione di Esquirol, affinché avvenga un’educazione intesa come l’acquisizione di conoscenze, è necessario che l’intelletto abbia delle facoltà, la cui mancanza non favorendo l’acquisizione  di conoscenze, non rende possibile il verificarsi dell’educazione. 

Verso la metà dell’‘800, il Séguin, che aveva lavorato con Esquirol in un esperimento considerato il primo lavoro di collaborazione medico - pedagogica, comincia ad occuparsi dei deficienti mentali osservandoli nel comportamento   in  modo «meticoloso» ed «attento»; si serve anche dell’esperienza e dei tentativi svolti da uno dei suoi maestri, Itàrd, il quale aveva sostenuto la possibilità della rieducazione del Sauvage de l’Aveyron ritenuto da Pinel incurabile.  Séguin, riprende da Itard, l’impostazione adottata nella rieducazione del «selvaggio» ma l’approfondisce elevandola a «metodo fisiologico», che inizia con l’educazione dei sensi: afferma il Séguin «Per gli idioti, il problema dell’educazione, [...] risiede  semplicemente nella possibilità regolare l’uso dei sensi » intendendo per «regolare» l’uso, la capacità di prestare attenzione « senza avere coscienza del fenomeno ».

Il Bollea, nel definire le principali linee evolutive dello sviluppo dell’educabilità dell’insufficiente mentale, colloca tra la linea evolutiva del  Séguin e della Montessori, che « considerava l’insufficienza mentale una malattia », e quella di Esquirol «dell’insufficienza mentale come stato irreversibile», una linea «ortopedagogica »  il cui rappresentante estero è il Decroly e quello italiano è il De Sanctis . 

Il Decroly, convinto dello stretto legame tra pedagogia psicologia sostiene che « la ricerca psicologica  ha moventi e finalità pedagogiche mentre la ricerca e la pratica pedagogica [...] si avvale della psicologia ». Questo legame  presente in tutta la «scuola» del Decroly, parte dalla considerazione che l’educazione « consiste nell’organizzare un’azione pratica a favore dell’allievo» attribuendo all’educazione la necessità di conoscere il  «  modo in cui l’allievo sviluppa le sue varie attitudini e capacità».  Questa constatazione, implica che lo  studio della realtà dell’allievo, avvenga  in ogni aspetto del suo sviluppo: affettivo, intellettivo e motorio per assegnare al processo educativo, una « la base psicologica».

La  psicologia  sperimentale e l’osservazione quotidiana delle funzioni e delle attività spontanee svolte dal soggetto nell’ambiente, favoriscono l’instaurazione di un’educazione che, conoscendo le fasi e crisi della maturazione del soggetto, è  strutturata sulla base del « livello della maturazione».  

L’impostazione psicologica dei problemi educativi, adottata dal  Decroly, si inserisce secondo il criterio cronologico,  tra il Séguin e la Montessori, inseriti dallo studioso nella  seconda linea evolutiva. Il metodo del Decroly, per la rieducazione degli anormali, si presenta nuovo in quanto ogni intervento di educazione sensoriale,  motrice, affettiva ed intellettuale, è applicato perché vi è una conoscenza dei processi evolutivi e delle capacità dell’educando resa possibile dall’applicazione dei mezzi della  psicologia sperimentale e quindi dei « tests applicati alle varie attitudini sullo sviluppo delle coordinazioni senso - motorie, dell’affettività, degli strumenti intellettuali, delle capacità sociali e morali ».

In Italia il primo ad occuparsi di un recupero ed un’educazione dei  soggetti anormali, fu Sante de Sanctis il padre della Neuropsichiatria infantile italiana.

Conseguita la laurea nel 1886, dieci anni dopo assume la prima docenza in Psichiatria ed elabora alcuni testi riguardanti la deficienza dei bambini ed il loro isolamento. Nel 1901, sostenuta la forte necessità della « rieducazione dei deficienti per la loro vita »  apre a Roma il primo «Asilo» scuola dedicato ai bambini poveri deficienti. Il Bollea  afferma in un articolo de il Taccuino di Giovanni Bollea  (la rubrica sul settimanale «Gente» iniziata il 3 febbraio 1998) che il De Sanctis  « avrebbe voluto chiamare Scuola Educatorio»  poiché il compito principale di coloro  impegnati  nel  recupero di  questi soggetti, «avrebbe dovuto essere esattamente quello di educare e poi insegnare con metodi opportuni »; la priorità data all’educazione sull’insegnamento, deriva dalla constatazione che, la trasmissione di conoscenze e l’acquisizione di capacità, considerate degli stimoli, possono essere interiorizzate ed acquisite solo se vi è una struttura  organizzata per  ricevere tali stimolazioni. Quindi l’educazione è intesa dal De Sanctis come un’azione volta a far emergere nell’allievo l’attenzione ovvero la capacità di reagire agli stimoli provenienti dall’esterno. Questo intervento educativo avviene mediante l’applicazione di un metodo, che inizia con un esame individuale del soggetto deficiente per diagnosticare la forma e gli aspetti dell’idiozia, e prosegue con l’intervento educativo volto a far e emergere l’attenzione; la caratteristica peculiare del metodo del De Sanctis, consiste nel fornire un sostegno terapeutico, che, mediante esercizi che portino all’acquisizione di capacità pratiche con le quali il soggetto può lavorare, ne stimoli l’attenzione. Le attività lavorative costituenti l’intervento di recupero del soggetto, sono parte integrante del metodo del De Sanctis il quale sostiene che, solo mediante il lavoro, il soggetto può accedere al sociale in quanto la capacità di  produrre, è indice della possibilità del soggetto di interagire in modo equilibrato con l’ambiente esterno. Il De Sanctis è considerato assieme al Montesano, uno dei «pionieri» dello sviluppo della neuropsichiatria in Italia; infatti  la sua opera e la sua attività, orientate verso un recupero del soggetto per un suo reinserimento nella società, pongono le basi per lo sviluppo dell’igiene mentale come scienza che si occupa di studiare i  mezzi adatti a  fornire un «armonico» adattamento alla realtà. Il De Sanctis, oltre a fornire un notevole contributo nello studio e nella diagnosi del deficiente mentale, ha dato alla neuropsichiatria infantile quelle caratteristiche metodologiche che hanno reso possibile la difficile conquista di un’autonomia accademica e l’istituzione, dal 1956, di cattedre di insegnamento.             

La Montessori la quale alla fine dell’800 partecipa come uditrice al Congresso di Torino (1898) ed aveva già assistito a quello di Berlino nel 1896 conosceva il metodo di Séguin che, come  afferma il Bollea,  aveva appreso «sul piano concettuale e pratico ». La convinzione che il metodo del Séguin è « un metodo capace di risolvere effettivamente con mezzi scientifici i problemi dell’educazione », porta la Montessori ad una polemica con la psicologia contemporanea ed alla ricerca di una psicologia che potesse effettivamente risolvere problemi dell’educazione:tale psicologia era quella sensista dell’Itard e del Séguin.

Per la  Montessori  l’educabilità di un soggetto è legata all’educazione dei sensi, quindi all’educazione dell’attenzione, definita come la capacità di  «toccare,[...] manipolare, lo sperimentare con i sensi  le qualità delle cose ».

La ripetizione dell’esercizio, per mezzo della quale avviene l’acquisizione della capacità e della pratica, è la caratteristica peculiare dell’educazione sensoriale.     Sulla base di questo fondamento  la Montessori sceglie il materiale del Séguin per elaborare  il suo metodo, che sarà applicato anche sui bambini normali, dagli inizi del ‘900.

L’opera e l’attività della Montessori e del De Sanctis, costituiscono una delle  basi dell’attività del Bollea che dal  1938  inizia a lavorare nella clinica del professor Cerletti. 

Il dopoguerra causa enormi condizioni di disagio soprattutto nell’infanzia, che subisce le gravissime conseguenze;  questa situazione spinge psichiatri ed assistenti sociali ad elaborare un piano per il  recupero dei disadattamenti.  Inizia così, nel 1947,  l’attività del Bollea volta alla cura ed al recupero di quei soggetti il cui « temperamento » non « permette [...] il vivere sociale ».

Nel definire la personalità  come « il risultato dialettico tra organismo ed ambiente in un dato momento evolutivo » il Bollea considera il  momento del rapporto, essenziale alla costituzione dell’individuo; infatti, lo studio del disadattamento in un soggetto inizia dall’osservazione del tipo di relazione presente tra l’Io e l’ «Umwelt ». Questa interazione, è una comunicazione biunivoca in quanto determinata sia dall’azione attiva del soggetto che entra in relazione, sia  da quella passiva di ricevere gli stimoli;  il rapporto può risolversi in modo equilibrato o non, e nel secondo caso, si verifica un disadattamento. 

Il «rapporto con l’ambiente», che il Bollea ritiene peculiare nella formazione della struttura, diventa una componente  determinante nello studio e nell’elaborazione del concetto di educabilità del soggetto.  Quanto detto, è confermato dalla definizione  dell’insufficienza mentale intesa come  « una patologia della comunicazione » in cui il Bollea individua l’origine del disadattamento derivata dal mettersi in comunicazione con l’ambiente esterno, e l’intervento educativo in una riabilitazione delle capacità di interazione.  Quindi, l’educabilità in un  soggetto coincide per lo studioso  con la capacità dell’individuo di  entrare in comunicazione con l’esterno e  rapportarsi ad esso.

La concezione di educabilità del Bollea è «evolutiva» rispetto  a quelle precedenti, in quanto attribuisce importanza all’aspetto della «comunicazione»,  implicando una considerazione non secondaria, all’influenza  dell’aspetto sociale sullo sviluppo del soggetto.  

2: Un confronto di idee  

Il Séguin sintetizza con l’aforisma « l’idiota  fisiologicamente, non può, intellettualmente non sa, psichicamente non vuole, e «potrebbe» e «saprebbe» se «volesse» »  l’analisi della situazione in cui si trova l’idiota e gli elementi su cui basa i punti fondamentali del suo metodo. Il Bollea partendo dall’aforisma del Séguin, afferma « occorre che possa perché sappia, perché giunga a volere entrare in comunicazione con i fenomeni che lo circondano»  introducendo, con queste parole, l’ordine che il Séguin adotta nell’impostazione del metodo, il cui scopo è quello di fornire all’idiota  quelle possibilità che gli permettono di entrare in comunicazione con gli altri ed uscire dallo stato di isolamento.  Nell’aforisma appare evidente la priorità attribuita alla volontà, quel « se volesse »  posto alla fine della frase, indica  la condizione necessaria per il verificarsi delle altre facoltà  intellettive e motorie.   Perché l’idiota raggiunga la volontà, bisogna prima insegnare cosa volere, come esprimere ciò che vuole e  quali sono i suoi desideri.  Il Séguin fa partire il suo metodo dall’educazione muscolare in quanto « la prima necessità [...] degli individui, è quella della forza che fa sì che l’uomo cammini, agisca, lotti, [...] salvaguardi la vita tra gli ostacoli che lo circondano o l’assalgono » che avviene mediante l’esecuzione di esercizi che il soggetto segue guardando l’educatore; all’educazione motoria segue quella dei sensi alla quale il Séguin assegna una forte peculiarità, perché « tutte le sensazioni esterne che nella vita di relazione e nella vita sociale sono di gran lunga le più numerose, pervengono all’uomo attraverso il sistema nervoso e centri sensori » e quindi, un’educazione delle facoltà di questi centri sensori che  renda il soggetto in grado di ricevere le stimolazioni,  è essenziale perché questo possa comunicare con l’ambiente esterno.

La modalità con cui si attua l’educazione sensoriale, è quella dell’imitazione  mediante la quale il   soggetto acquista la capacità di eseguire alcuni atteggiamenti, gesti e comportamenti;  l’imitazione che il Séguin suddivide in «personale» ed «impersonale», svolge sia un’azione di educazione muscolare, caratterizzata dal muovere le parti del corpo per riprendere il gesto eseguito dall’educatore, sia un’educazione dei sensi in quanto per imitare il soggetto deve porre attenzione esercitando i centri sensori.

All’educazione dell’attenzione, segue  quella dell’intelletto, il cui scopo è di portare il soggetto a comprendere ciò che egli percepisce e quindi cominciare a distinguere una percezione da un’altra. Il suscitare  la facoltà di scelta e quindi di desiderio rientrano nel compito dell’educazione morale o della volontà «il cui passaggio » - afferma il Bollea- «dall’intelligenza alla moralità, massima espressione della funzione volitiva », è stato postulato dal Séguin « senza dimostrarlo e senza spiegare in sul piano metodologico detto passaggio ».             

Il Decroly, similmente al Séguin, imposta il suo metodo sull’educazione dei sensi intesa come capacità del soggetto di percepire un «tutto» in quanto ha sviluppato quelle « attitudini e capacità » necessarie per l’apprendimento di esso.  L’educabilità di un soggetto, è legata per il Decroly alla diagnosi del  disagio e solo dopo di essa, è possibile iniziare l’intervento educativo.  Nel definire il compito dell’educatore,  « nel favorire lo sviluppo delle attitudini intellettuali e affettive viste nei loro stretti rapporti con l’attività senso- motorie e nel dare le opportunità migliori per esperienze sociali », il Decroly sostiene che queste attitudini vanno educate singolarmente proponendo una distinzione tra educazione sensoriale, (ai quali attribuisce  un’importanza relativa in quanto  « i sensi si sviluppano spontaneamente e [...]educarli [...]non è necessario »),  educazione  motrice,  educazione dell’intelletto (legata al campo dell’istruzione in cui devono essere acquisiti i metodi di pensiero e non soltanto le nozioni),  ed infine quella affettiva il cui esito positivo dipende dalla presenza di un ambiente adeguato in cui il soggetto deve « sviluppare il sentimento della propria personalità [...] come capacità pratica di stabilire rapporti sociali, di prendere gusto al lavoro ».

Il metodo educativo  della  Montessori,  si  basa   come quello del  Séguin, sull’educazione dei sensi e dell’attenzione come inizio di quel processo di «normalizzazione» che permette al soggetto il reinserimento nella società.  La normalizzazione, è resa possibile da un  «ordinarsi interiore » che consente la «polarizzazione dell’attenzione, la ripetizione dell’esercizio» da cui un apprendimento di quelle capacità del manipolare, del toccare e mediante queste azioni acquisire la conoscenza di quell’oggetto e l’emersione dell’interesse e del desiderio che collegano l’educazione dei sensi a quella morale.  La Montessori concepisce l’educazione morale  « quell’opera che tende a rendere sociale quell’individuo per la  sua  natura  extra o  antisociale», e ritiene l’educazione dell’obbedienza necessaria  perché il soggetto antisociale, riesca ad interagire con l’esterno.  L’obbedire indica per la Montessori il sentire del « bambino questa  volontà  che a lui si impone »  e il comprendere  del bambino che  «contro questa volontà egli non potrà resistere »; l’importanza dell’obbedienza implica la presenza del comportamento autorevole dell’educatore,  che diviene  così  un «suggestionatore ».  Il Bollea per il quale l’idiozia è una «patologia della comunicazione», ritiene educabile un soggetto che ha la capacità di entrare in comunicazione con l’ambiente esterno e di risolvere l’interazione in modo equilibrato. Il suo intervento educativo  non si basa su un metodo, ma è un insieme di azioni terapeutiche volte ad individuare il fattore responsabile del disagio, per studiare il rapporto del soggetto con esso e modificare l’interazione da disarmonica e squilibrata in «armonica» ed «equilibrata».  Afferma il Bollea: «per conoscere e curare il fanciullo, bisogna conoscere e curare anche il suo ambiente, il suo alone psichico il suo humus condizionante », sostenendo la necessità della conoscenza del soggetto per impostare l’intervento rieducativo il  cui scopo è  quello di   cercare   «un nuovo rapporto, un nuovo tipo di adattamento».

L’intervento educativo  ha una durata variabile a seconda della gravità del disagio ed il Bollea, affinché l’intervento educativo sia efficiente, insiste molto sul rapporto tra medico e ragazzo e tra ragazzo ed assistente sociale; cita in proposito : « il ragazzo trova nell’assistente sociale un consigliere, un suo fratello maggiore, riconosce in questo una guida vera e propria [...] ed in questa maniera viene aiutato nell’inserimento della società »; un rapporto sereno  ed «armonico» in cui vi è stima e fiducia, favorisce un’organizzazione equilibrata della personalità del soggetto, in quanto la presenza di un medico o di un assistente sociale si pone come una guida nell’acquisizione dei meccanismi di adattamento atti ad un  «positivo inserimento »  nel mondo in cui  opera l’individuo.  Quindi l’educazione come  intesa dal Bollea,  consiste nel «portare fuori» mediante esperienze ed adattamenti eseguite dal  soggetto guidato da un’ equipé, medico pedagogica,  quei comportamenti segnale  di un rapporto  equilibrato con l’«Umwelt ».

Un confronto tra le idee di educabilità ed educazione esposte dai quattro studiosi, ha permesso la rilevazione di aspetti comuni e di similitudini tra di esse: il concetto di rieducazione del Séguin che « ha intuito il punto chiave della patologia  della insufficienza mentale », mira a portare fuori il soggetto idiota dallo stato di isolamento in cui lo trattiene l’idiozia,  mediante un’educazione dei sensi, ossia di quegli organi mediante il quale il soggetto «comunica» manifesta il suo stato interiore.  Su questa stessa strada si pone la Montessori nella quale l’educazione dei sensi è finalizzata ad un apprendimento delle capacità che consentono al soggetto di lavorare e quindi instaurare una relazione con l’ambiente sociale. il Decroly ed il Bollea si pongono su una linea di pensiero più orientata sulla scienza che sul sensismo; l’educazione dell’anormale presuppone per entrambi una conoscenza dell’ambiente in cui è vissuto il soggetto, della storia del suo disagio;  entrambi assumono inoltre l’osservazione del comportamento del soggetto nel suo ambiente e non in un luogo artificiale in cui ogni elemento è sperimetato. I due aspetti in cui i quattro studiosi hanno un comune punto di vista,  sono quello dell’individuazione delle caratteristiche del soggetto anormale e lo scopo dell’intervento educativo che consiste nel  reinserimento nel sociale: il primo aspetto è imputabile alla professione medica con la quale  tutti e quattro in vie diverse, e per diverse esperienze, hanno avuto uno scambio ed un confronto di opinioni; presupposto dell’attività medica, è infatti quello di studiare il caso singolarmente per impostare l’intervento sui dati provenienti da quella personalità e da quel soggetto. Se il Séguin e la Montessori si servono, nel loro metodo, di un materiale uguale per tutti soggetti anormali,  non trascurano, come potrebbe sembrare, la diagnosi del soggetto e  il tipo di ambiente da cui esso proviene.  Questi due aspetti  sono invece evidenti nel Decroly e nel Bollea,  in quanto per il Decroly: «occorre conoscere tutto quanto riguarda la vita del fanciullo prima della sua entrata a scuola», affermazione che  può essere associata a quella del Bollea:« è assolutamente importante comprendere come il soggetto ha assimilato l’esperienza precedente[...]come sente il suo disturbo, il suo comportamento anomalo, come lo vive e  come potrà  influire sul suo divenire» . 

Il secondo aspetto, quello dell’inserimento nel sociale, è presente come scopo dell’intervento rieducativo in tutti e quattro gli studiosi, ma appare più marcato nel Decroly, nella Montessori e nel Bollea poiché in essi il concetto di normalizzazione è inteso come una sintonia nel rapporto dell’individuo  con la società.

 

 

3: Gli aspetti «evolutivi» dell’educazione del Bollea  

L’opera  e l’attività degli studiosi  precedenti confrontata con l’opera del Bollea ha portato, nella presente indagine, alla rilevazione di alcuni aspetti «nuovi» nell’educazione del Bollea; «la novità» consiste nel riconoscere da parte del Bollea un ruolo educativo a figure ed elementi dell’ambiente sociale  non considerati dagli studiosi precedenti; il Bollea ha così  determinato  un  mutamento nella concezione dell’educabilità, segnando un’evoluzione del concetto. 

Il primo degli aspetti innovativi del Bollea è quello riguardante l’attribuzione di una valenza educativa alla figura paterna;  nel periodo storico del Séguin, del Decroly e della Montessori, il ruolo del padre nell’educazione era limitato ad una conoscenza del rendimento scolastico del bambino, ma la partecipazione ai suoi svaghi ed ai suoi divertimenti era sporadica o assente.  La constatazione del Bollea, secondo il quale il  bambino percepisce l’influenza del padre nella sua vita circa dall’8° mese, (ovvero dal periodo dello  svezzamento), attribuisce alla presente figura genitoriale, una  valenza formativa non secondaria.

Un secondo aspetto innovativo riguarda alcune componenti del  rapporto tra genitori e figli ai quali il Bollea assegna un ruolo basilare: l’importanza del dialogo e dell’ascolto, la cui educabilità è stabilita dalla presenza del sentimento dell’amore,  sono aspetti che  gli studiosi precedenti non hanno affrontato in modo esplicito. La Montessori ed il Séguin, ponendo l’autorità una delle caratteristiche salienti del loro intervento educativo, presuppongono una certa valenza educativa al rapporto tra  educatore ed  educando e tra  allievo e  maestro; la presenza dell’amore e della sua importanza, in tale rapporto,  non è accennata e quindi la considerazione datagli dal Bollea che nel suo ultimo libro la eleva a «base vincente di una nuova educazione », segna un’evoluzione nella definizione del  concetto di educabilità comportando un distacco dall’ambito strettamente scientifico e  medico.

In quest’ultimo aspetto, come negli altri descritti, appare un’evoluzione del concetto di educabilità  nel suo significato; esso dal Séguin al Bollea subisce delle modificazioni estendendosi ad ambiti educativi che possono essere compresi ed applicati anche da educatori non «specializzati», non  medici, assistenti sociali o maestri,  ma «semplicemente» genitori. In conclusione del presente capitolo si può dedurre che, l’innovazione e l’evoluzione del concetto di educabilità emersa attraverso le opere del Bollea, consiste nella rilevazione di una valenza educativa e di un’importanza formativa, anche in quelle azioni e quei comportamenti che sanciscono il rapporto «quotidiano» dell’educatore con l’educando[...].  

   CAPITOLO III

 

IL CONCETTO DI  EDUCAZIONE  SECONDO  BOLLEA

 

Un concetto di educazione si costituisce dall’intreccio delle componenti sociali, economiche, politiche e culturali. Queste si  formano per gli eventi storici, attraverso le esperienze che l'uomo fa della realtà e caratterizzano l’ethos, il modo di vivere di un paese.

Il Bollea attribuisce al processo dell’educazione un’importanza peculiare; infatti esso è considerato un processo «centrale» nello sviluppo dell’individuo ed è prioritario sia del processo di adattamento che di quello della  socializzazione inteso come un «positivo inserimento» del soggetto in un complesso sociale.

Questa concezione trae origine dalla vita dello studioso che, densa di esperienze  abbraccia tutto il XX secolo eche egli ha definito «biologicamente vissuta».

Si è ritenuto opportuno collocare il seguente capitolo nella parte centrale del lavoro, per la molteplicità delle problematiche inerenti il concetto di educazione e per la frequenza con cui il problema ricorre nelle opere dello studioso. Ogni concetto di educazione è generatore di una pedagogia ossia di un’indagine intorno ai problemi   educativi; lo stretto legame tra pedagogia ed educazione, presente nelle opere e nel’attività del Bollea giustifica l’interesse dedicato allo studio del suo pensiero  per  individuare le linee essenziali della sua pedagogia.

Il presente capitolo affronta questa complessa  tematica partendo dalle radici etimologiche della parola «educazione» perché attraverso esse è stato possibile risalire al suo  vero significato ed alle diverse definizioni utilizzate dallo studioso.

 Nel secondo paragrafo vengono presi in considerazione le azioni essenziali  di un processo educativo: queste consistono in una serie di atteggiamenti che acquistano efficienza se ripetuti con assiduità e con adeguata intensità. La strutturazione della personalità avviene gradualmente in tre  ambienti: prima quello familiare poi quello scolastico e quello sociale; la collaborazione di questi tre «sistemi» dovrebbe fornire un’educazione con modalità e schemi   tra loro uniformi.

Dopo aver analizzato le azioni e le isitituzioni responsabili del processo educativo, il quarto paragrafo si occupa di definire l’obbiettivo principale: il raggiungimento di un «armonia» con il «non -Io», con «L’Umwelt», da cui un inserimento nella società ed un collaborare  per  essa  realizazndo quella «tendenza al sociale» innata nell’individuo. 

2. L'esempio, l'ascolto, il gesto e il dialogo: le azioni essenziali del processo educativo

Un processo educativo si compone di una serie di azioni volontarie che l’educatore esegue nella relazione con l’educando,  con l’intento di far emergere delle reazioni,  segno di una organizzazione equilibrata dell’Io  e veicolo di un rapporto positivo con l’«Umwelt». La molteplicità dei comportamenti  e dei modi di essere, che concorrono nella  realizzazione di un corretto processo educativo, può essere esemplificata riportando la spiegazione e le caratteristiche delle quattro azioni ritenute essenziali in esso.

         L’importante funzione formativa del rapporto tra adulto e bambino, ha portato il Bollea ad individuare la gravità del disadattamento che può derivare da un’impostazione errata di esso a causa di una mancanza delle finalità educative nel rapporto; le azioni da definire hanno posto la necessità di suddividere il paragrafo in sottolivelli. Esse sono: «l'esempio», «l'ascolto» «il gesto» ed «il dialogo», che acquistano valenza educativa solo se accompagnati dal sentimento dell’amore. Il Bollea in un’ intervista in cui gli viene chiesto se è maggiore la sofferenza arrecata dalla mancanza di pane o  quella di affetto,  risponde: « la mancanza di affetto perché porta l’uomo alla depressione. Mentre la mancanza di pane lo porta ad agire, a cercarlo». Questa risposta chiarisce come in un processo educativo sia importante la presenza del sentimento dell’amore (a cui è legato quello dell’affetto), e tale convinzione pone le radici nella teoria etologica dell’attaccamento, il cui padre è l’etologo John Bowlby.

Il sentimento di affetto dell’educatore verso l’educando si presenta essenziale in quanto motiva ogni comportamento nei confronti di quest’ultimo. Tale sentimento non è innato né scontato ma deriva da una forte consapevolezza dell'educatore per il quale il processo educativo è volto a trasmettere quegli strumenti e quei mezzi che rendono l’educando in grado di interagire positivamente con la realtà.     

2.1  L’esempio

L’esempio è un insieme di gesti, di azioni e di comportamenti, che presuppone la presenza  di un «agente» ed un «osservatore». Limitando la spiegazione all’ambito educativo, l’esempio poiché  «è alla base di  qualunque processo di identificazione», diventa un mezzo essenziale del processo educativo perché nel momento in cui l’adulto, nell’eseguire le azioni  alla presenza  di un educando, suscita una reazione imitativa, la ripetizione consecutiva di queste determina un apprendimento del comportamento che viene assimilato come «modalità» di rapporto con quella realtà. Per comprendere meglio la funzione dell’esempio, bisogna capire quale meccanismo spinge il soggetto ad imitare l’adulto sia esso genitore o  educatore.          L’imitazione avviene perché durante i primi periodi evolutivi, si instaura gradualmente un «legame», detto dell’ «identificazione primaria» con la figura adulta che nei primi momenti di vita ha trasmesso al soggetto amore e protezione e  quindi sicurezza.

L’ «identificazione primaria» è un processo incosciente che nasce da un «bisogno profondo di essere come quello che si è scelto e la cui immagine è profondamente messa dentro di sé»; questa figura diviene  esempio e guida nell’affrontare la realtà.  Essa consiste «nell’introiettare dentro di sé [...] gli elementi essenziali positivi ed in parte negativi» della figura adulta oggetto dell’identificazione. Nello svolgimento di un processo educativo «normale», la prima forma dell’identificazione avviene con i genitori e, nei casi più comuni,  il figlio si identifica con  il padre e la figlia con la madre.La figura genitoriale, elevata ad oggetto dell’identificazione, è la persona che ha trasmesso  sicurezza e  protezione  e  diventa un riferimento per stabilire ciò che è bene e ciò che è male contribuendo alla formazione del « codice morale».  Questo consiste è un insieme di regole, insegnamenti e consigli, che, appresi dal soggetto mediante  l’esempio, l’osservazione e l’ascolto del padre o della madre, si uniscono all’organizzazione della personalità in parte  già strutturata.  Questa costituisce la «base» sulla quale il ragazzo sceglie le modalità di interazione con gli altri individui.

Quindi il processo di identificazione primaria, che avviene nel periodo evolutivo tra i 3 e gli 8 anni è fondamentale perché si verifichi un saldo «codice normativo», che darà al soggetto la possibilità di agire con autonomia  nell’ambiente sociale. La forte ammirazione e l’osservazione attenta del genitore (oggetto dell’identificazione primaria), spingono il soggetto all’«imitazione» di ogni suo gesto e comportamento, elevando la figura genitoriale  al ruolo di esempio e modello per la costituzione del proprio Io.

La ripetizione anche ludica dei gesti e delle azioni eseguite dai genitori, implica una graduale acquisizione di quelli che per il soggetto sono rimasti più significativi, determinando una prima forma di apprendimento. Poiché lo studioso sostiene che « l’imitazione costituisce la base dell’apprendimento nella formazione della personalità dell’individuo», appare evidente la forte valenza educativa presente nell’esempio tramite l’azione imitativa. 

L’esempio, come l’insieme dei gesti e dei comportamenti che vengono osservati ed imitati dal bambino, è «l’elemento principale per l'apprendimento»;infatti il trarre esempio da un modello di interazione adottato dal genitore, implica un’acquisizione degli elementi costituivi di tale rapporto quindi una  formazione della propria personalità e del proprio codice morale.  Le  riflessioni  svolte,  lasciano  emergere il  legame  tra   l’apprendimento e l’esempio possibile nel rapporto tra adulto e bambino per mezzo dell’identificazione primaria: questo è quel legame con il  quale l’esempio assume una valenza formativa divenendo uno degli aspetti dell’educazione. 

L’azione imitativa, suscitata dalla presenza nel bambino di un oggetto di identificazione verso la quale orientare ogni richiesta, paura e dubbio, diviene il vincolo del legame tra apprendimento e ed esempio: il ripetere più volte un comportamento favorisce una interiorizzazione e acquisizione dei tratti significativi di quella modalità di adattamento. Quindi l’imitazione, tramite tra esempio e apprendimento, rende formativo quel gesto , quel comportamento in quanto ne è il  mezzo con il quale essi vengono appresi.  L’influenza sia dell’esempio che dell’imitazione portano a trarre alcune conclusioni  circa la loro valenza sul  soggetto che può essere «costruttiva» e quindi educativa, oppure «distruttiva» e quindi  determinare un disagio.  

Si parla di influenza educativa «costruttiva» quando attraverso l’esempio e l’imitazione emergono dei comportamenti in sintonia con le richieste della società,  mentre si ha un influenza «distruttiva» quando a causa della mancanza di un esempio costruttivo come quello trasmesso da un genitore o da  un educatore, il soggetto è portato a cercare modelli  di vita esterni all’ambiente familiare e incorre in forme di identificazione proposte dai mass-media attraverso  immagini  «distorte della realtà».           Queste apprese dal soggetto in modo passivo,  spesso contribuiscono ad una strutturazione della  personalità non conforme alle richieste poste dall’ambiente sociale, determinando al momento dell’impatto con esso, forme di disagio.

2.2 L’ascolto

L’azione dell’ascolto avviene quando l’interesse porta a voler conoscere le «motivazioni» che sottostanno ad un atteggiamento che si presenta «anomalo» rispetto alle circostanze poste dalla realtà in cui il soggetto ha agito. Il Bollea definisce l’ascolto come « un procedimento complesso affascinante e gioioso che costituisce la base della nuova educazione».  L'azione dell’ascoltare è: formativa,  educativa e preventiva e dovrebbe essere alla base di ogni relazione fra gli individui.  La natura dell’ascolto, per essere educativa e facilitare l’emergere di quelle situazioni conflittuali interiori di cui il comportamento ne è  il segnale esterno, deve essere caratterizzata da una modalità principale:  la presenza del sentimento di amore a cui è unito quello dell’affetto; questa considerata primaria, favorisce la presenza delle altre due: la disponibilità,  comprensione ed interesse  che determinano un'attenzione allo sviluppo ed all’evoluzione del soggetto, ai  suoi bisogni ed ai suoi desideri.  Disponibilità ed interesse sono le modalità che rendono l’ascolto da parte del genitore  partecipe ed attivo,  in quanto esse  determinano la  « fusione dei due «io», una costante possibilità di conoscere il proprio figlio, captare la sua evoluzione, i suoi bisogni, i suoi desideri».  Se nell’ascolto vi è partecipazione, non  manca l’atto dell’osservazione  che deve essere attenta per individuare il  modo in cui il soggetto si esprime, l’intensità delle parole, la «gestualità del corpo» e le  espressioni facciali; mediante l’osservazione si ha il  completamento dell’azione dell’ascolto poiché si comprende il «peso» che l’evento raccontato ha avuto nell’evoluzione del bambino.  L’ascolto, oltre ad essere partecipe, deve  procedere in modo «critico».  L’uso di questa parola  sottolinea la concezione del Bollea dell’ascolto non come un rapporto univoco determinato da un’interlocutore ed  un’ascoltatore, ma come un rapporto «dialettico» in cui i due termini si confrontano « inserendo nelle discussioni sia il padre che gli altri figli».

L’amore, la disponibilità,  l’interesse, l’osservazione e la facoltà di giudizio, accompagnati da una serenità interiore dell’educatore e dell’educando, rendono l’ascolto un’interazione formativa con funzione sia educativa che  preventiva. La valenza educativa si ha quando l’ ascolto diviene il mezzo per conoscere i conflitti interni od esterni che  causano una interazione «non positiva» tra il soggetto e  la realtà. Le difficoltà di adattamento incontrate, i disagideducibili dalla «modalità di racconto» determinano l’intensità dell’esperienza e del vissuto. Un’intensa partecipazione all’ascolto implica una concentrazione, un riflettere sulle informazioni ricevute, davanti alle quali l’educatore si pone reagendo con comportamenti che abbiano una valenza educativa.  Questo vuole indicare il Bollea nell’ asserire che l’ascoltare è «essenziale» per un corretto processo educativo;  infatti: « per educare occorre conoscere, per conoscere occorre ascoltare, un ascolto partecipe quasi una fusione dei due «io»» esortando l’educatore ad adottare comportamenti che rappresentano un equilibrato rapporto con   l’«Umwelt».

Lo scopo «preventivo» dell’ascolto si avvale della valenza educativa, poiché anch’esso,  per attuarsi,  necessita di  una conoscenza dei conflitti interiori presenti nella struttura del soggetto e determinanti il disagio.          L’atteggiamento sereno dell’educatore, che il Bollea   definisce in un articolo come «il tender l’orecchio», ha come conseguenza l’aprirsi dell’individuo: questi mediante il racconto inteso come «catarsi» di un problema o  una situazione cui non riesce ad  adeguare  al suo «Io»,  fa emergere la gravità del conflitto e il suo peso sulla  struttura del soggetto. Alla luce di queste due caratteristiche si può dedurre che, mediante « un ascolto partecipe» è possibile svolgere un’azione preventiva dando al soggetto le condizioni  favorevoli ad un adattamento equilibrato.  Si vengono ad evitare quei disagi che, se trascurati, portano a  forme di disadattamento come la bulimia, o l’anoressia oppure azioni terribili come il  suicidio. 

 2.3 Il gesto

La valenza formativa del comportamento pratico_gestuale,  può essere compresa solo mediante il riferimento alla spiegazione terminologica: l’azione del «gesto» si manifesta con alcuni movimenti degli arti superiori,  spesso accompagnati dalla parola.

La visibilità del gesto rende quest’ultimo suscettibile di imitazione, considerata  dal  Bollea  « base dell’apprendimento» e quindi responsabile della prima formazione del soggetto. Mediante l’imitazione del comportamento eseguito dall’adulto, la struttura del soggetto si «plasma» interiorizzandone le caratteristiche peculiari.

Attraverso una lettura degli scritti dello studioso,         l’azione del gesto non appare distinta dall’esempio, ma facente parte di esso in quanto possibile modello di imitazione, che poiché riveste una peculiare funzione formativa  richiede una particolare attenzione delle  motivazioni e dei significati di cui  il comportamento gestuale eseguito è veicolo.  Due sono le modalità formative del gesto a cui attribuire una valenza educativa: la prima concerne l’azione gestuale in quanto legata all’imitazione mirata a suscitare  l’apprendimento di un comportamento con lo scopo di fornire al soggetto una salda organizzazione della personalità. La seconda  riguarda il gesto inteso come rinforzo, la cui funzione educativa, non si esplica attraverso l’imitazione,  ma attraverso quell’insieme di atteggiamenti dettati dal modo di relazionarsi dell’educando in cui si struttura il comportamento pratico gestuale del genitore o educatore.

La prima modalità formativa del gesto, include anche «l’emulazione» ovvero un tentativo di imitazione, caratterizzato dal sorgere nell’individuo del bisogno di affermare la propria personalità, indirizzando la carica aggressiva per raggiungere una migliore «reussite» del modello preso ad esempio. Al pari dell’imitazione, l’emulazione esercita un ruolo determinante sul comportamento del soggetto e la «reussite» o la «non reussite» del gesto emulato, svolgono rinforzo positivo o negativo sull’interiorizzazione di quella modalità in relazione con l’esterno.  Il ruolo determinante dell’emulazione sulla strutturazione della personalità del soggetto, consiste in una forte valenza formativa indirizzata sia verso una funzione educativa  che verso una funzione disadattante. L’«emulazione» differisce dalla «competizione» in quanto quest’ultima non presuppone l’imitazione ma il gareggiare di due o più componenti che hanno eguale capacità in una  determinata disciplina.

La seconda  modalità dell’azione gestuale ha origine come reazione ad un atto eseguito dal soggetto e si manifesta con un’insieme di azioni, accompagnate da discorsi con l’intento educativo del «tirare fuori» un apprendimento o una rimozione del comportamento eseguito. 

Lo stimolo può essere rappresentato da un gesto o da  un discorso:  l’intensità della voce e  lo sguardo significativo da cui viene accompagnata  può recare al soggetto una frustrazione o una gratificazione  in relazione al comportamento svolto.  La frustrazione è uno stato psicologico, presente nell’individuo che  non riesce a raggiungere un obbiettivo. In un processo di adattamento considerato dal Professore un  processo di maturazione, una frustrazione deriva dalla mancata  risoluzione di un conflitto. Lo stato di frustrazione è generato da un’insoddisfazione che se prolungata a lungo, può degenerare in patologia; ma  può anche avere un valore educativo, quando  la frustrazione  si eleva a «condizione di adattamento» e il soggetto raggiunge una migliore organizzazione della personalità per il tramite di una  risoluzione «positiva» del conflitto Io-Umwelt. Nel  provocare a fini educativi, una  piccola frustrazione nel soggetto, occorre tenere presente la fase evolutiva che sta attraversando e le peculiari modalità che presenta in essa il processo di adattamento.

L’alternanza di piccole frustrazioni e soddisfazioni come «metodo educativo», da adottare sin dalla prima infanzia, è uno dei presupposti di un corretto processo educativo come afferma il Bollea: «educare significa,  guidare senza soffocare il temperamento del bambino, alternando soddisfazioni a piccole frustrazioni in modo da aiutarlo a non reagire solo con la ribellione, o la collera ad una frustrazione vera».  Durante la prima infanzia le azioni del soggetto sono mosse dal principio del piacere: il porre piccole negazioni come il  posticipo  ad una data importante un desiderio espresso dal  soggetto, abitua questo ad accettare una realtà diversa e non avere «tutto subito», imparando così a  sopportare  piccole frustrazioni in funzione di una realtà (quella sociale), il cui adeguamento si presenta difficile.  In questo modo il bambino comincia a rendersi conto della presenza di altri individui  oltre alla propria e questo comporta una lenta acquisizione del pronome «Io»,  l’inizio del principio della realtà  come motore delle sue azioni.  La punizione  come negazione dell’aiuto e della collaborazione nel difficile cammino della crescita deve essere «momentanea»: se prolungata oltre un certo tempo,  può portare nel soggetto gravi forme di depressione, derivanti dalla mancanza di uno dei bisogni primari nel bambino come  quello di affetto colmato mediante l’abbraccio ed il calore.

La negazione implicita nella punizione trasmette al soggetto tensione ed angoscia perché si interrompe quel legame con la madre che dà sicurezza nei suoi adattamenti. Ogni piccola frustrazione ha una funzione di stimolo,  in quanto pone il soggetto davanti ad una realtà totalmente nuova che per essere affrontata necessita di modalità di adattamento. Il ricercare nuove modalità spinge il soggetto a «provare», nuove esperienze e nuovi meccanismi di adattamento;  questo favorisce lo sviluppo psichico e quindi l’organizzazione della personalità .

Alla luce di queste considerazioni si comprende la critica del Bolleaallo schema educativo troppo permissivo, adottato negli ultimi anni,  caratterizzato da una tendenza  a dare « tutto subito» evitando così quelle piccole frustrazioni «formative».

Il permissivismo causa un prolungamento del principio del piacere caratterizzato dall’oralità e dalla  difficoltà ad assimilare una realtà diversa perché non corrispondente ai suoi desideri. Una delle cause dell’educazione permissiva consiste in una permanenza eccessiva nell’ambiente familiare diventata ormai la «nicchia», il rifugio allo sforzo di  affrontare le  complesse realtà poste dalla società. Il compiacimento per un’azione eseguita dall’educando,  si manifesta attraverso gesti, sorrisi e parole di approvazione che rinforzano il comportamento eseguito. L’approvazione dell’adulto  (genitore, nonno o zio) di un’azione  o di un modo di essere, determina  nel bambino un incremento dell’autostima e una fortificazione della propria personalità derivata dall’introiezione di quella modalità di essere. La gratificazione acquista un valore educativo in quanto, ponendo in evidenza gli elementi positivi emersi da quell’interazione con la realtà, determina un aumento della fiducia in sé stesso per il successo conseguito nell’adattamento di quella situazione alla propria struttura. La valenza formativa del comportamento pratico gestuale, evidente sia nella prima modalità  che si esprime con l’imitazione, che nella seconda, come reazione segno  di approvazione o negazione di un determinato comportamento eseguito dall’educando, deriva dal forte valore rinforzante presente nel gesto.

La ripetizione di un’azione attua il rinforzo della modalità adottata, infatti mediante il rinforzo, si favorisce un’«introiezione» dell’azione e quindi un apprendimento. Il reagire ad un comportamento, con un gesto adeguato, accompagnato da parole e sguardi significativi per l’ educando, è  una forma di rinforzo positivo o negativo a seconda dell’intento che si vuole perseguire: se si esprime una  gratificazione, un elogio dell’azione eseguita, l’obbiettivo è quello di  confermare il comportamento eseguito, mentre nel caso contrario in cui viene data  una frustrazione mediante una punizione o un gesto di disapprovazione per il modo di interagire del soggetto, lo scopo è quello di inibire o annullare il comportamento.

In conclusione si può affermare che la valenza educativa del gesto risiede nella sua azione rinforzante poiché sia esso positivo, o negativo, il risultato è comunque «l’emergere» di un comportamento che nel primo caso è segnale di un’avvenuta interiorizzazione, mentre nel secondo caso indice di una rimozione ed adozione del comportamento opposto.

2.4 Il dialogo

L’ultima azione che Bollea ritiene essenziale perché il processo educativo raggiunga il suo scopo, è quella del dialogo il cui significato risale ancora una volta  all’etimologia latina del verbo «conversare», il volgersi verso  qualcuno o qualcosa.

Nel significato del verbo «conversare» è implicito l’aspetto principale dell’azione del dialogo ovvero il «rivolgersi», l’aprirsi all’ascolto ed interessarsi all’altro cercando di comprendere la sua esperienza. Quindi, come l’ascolto, anche il dialogo necessita dell’interesse perché vi sia la partecipazione completa degli individui. La forma del dialogo ha come presupposto l’interazione di due o più personalità che pongono a confronto le loro esperienze: questo rende il dialogo un tipo di rapporto.

Il dialogo è determinato da una serie di «input», che sotto forma di domande mirano a  «lasciare emergere» mediante le risposte, i tratti più significativi per il soggetto che ha affrontato una certa esperienza.  La capacità «maieutica» del «fare emergere» propria del dialogo, attribuisce ad esso la valenza formativa che  rende questo rapporto suscettibile di educabilità se impostato con l’intento di trasmettere all’educando  l’autostima e la fiducia necessarie per l’autonomia della personalità. Nel pensiero del Bollea, il dialogo è considerato la forma di  relazione del rapporto tra genitori e figli;

assieme all'ascolto esso costituisce  «l’unico comune denominatore» composto da silenzi significativi, segnali di un ascolto partecipe e reciproche confidenze che consentono al soggetto di acquisire dei consigli e dei suggerimenti utili per non incorrere nello stesso errore.

Lo scambio di pensieri ed opinioni tra padre e figlio, riguardo le amicizie o le prime «conquiste» si realizza mediante l’ascolto,  la parola, il commento e il giudizio critico, che si esprimono attraverso il dialogo. Ed è importante che  il padre, libero dagli impegni lavorativi, dedichi intere giornate o serate al proprio figlio il quale, dopo una giornata trascorsa insieme alla madre sente il bisogno e  la necessità di raccontare le esperienze  vissute, le paure, cercando  fiducia e sicurezza per affrontare le  esperienze del giorno successivo.

Le condizioni essenziali perché un dialogo sia efficace consistono: nella disponibilità di entrambi gli interlocutori  all’ascolto reciproco, nella serenità interiore, essenziale per l’apertura, e l’emersione di quelle situazioni conflittuali che sono di ostacolo alla strutturazione della personalità. La serenità interiore si definisce come una condizione di equilibrio nella struttura della personalità  al momento dell’impatto con «l’Umwelt». Essa  è considerata dallo studioso essenziale; l’individuo che, nelle esperienze di adattamento riesce in modo «armonico» acquista sicurezza e quindi aumenta la fiducia in sé stesso traendo una maggiore «spinta motivazionale» nell’affrontare la realtà ottenendo migliori risultati anche nell’apprendimento.

Le circostanze per un dialogo sereno sono individuabili dal Bollea nei momenti della giornata in cui i componenti  del «contenitore familiare», si riuniscono; quindi  durante  i pasti (ormai la cena è divenuto l’unico momento del pasto in cui la famiglia si ritrova),  nelle giornate festive e  durante le vacanze. Le occasioni del dialogo scaturiscono dalle esperienze  vissute dal soggetto, dal rapporto con  i suoi compagni, dalle attività extrascolastiche e dalla  scuola; questa tematica molto complessa nel pensiero dello studioso, è argomento del paragrafo successivo.  

 La forma del dialogo riguardante l’accaduto scolastico è un  utile modalità di comprensione di  come il ragazzo vive l’esperienza scolastica, quale è il rendimento per spiegare infine il risultato finale.  La vita scolastica,  è infatti  caratterizzata da molteplici esperienze non sempre positive,  ed offre occasioni di dialogo in famiglia, possibili grazie alla disponibilità all’ascolto di cui si è detto sopra. Questo, se accompagnato da un’attenta osservazione, evita molti rimproveri ingiusti che spingono il soggetto «non compreso» all’assunzione di comportamenti trasgressivi, e gesti «tragici».

Il rimprovero scaturisce da una reazione al comportamento del ragazzo, ed ha lo scopo di evitare il ripetersi di quell’azione. La considerazione della debolezza, della sensibilità e della dignità del bambino, i cui comportamenti sono dei risultati di modalità di adattamento all’ambiente che egli sperimenta,  porta il Bollea ad attribuire al rimprovero una funzione educativa molto delicata. L’azione del rimprovero, rappresenta infatti un rinforzo negativo che colpisce il bambino nella modalità di realizzazione adottata provocando una forte umiliazione ed un forte calo dell’autostima per l’insuccesso nella «scelta» del comportamento. Onde evitare il verificarsi di frequenti «abusi psicologici» il Bollea ribadisce che la positività e la costruttività del rimprovero sta nel suo essere adeguato e motivato e  non nel suo scaturire da uno scatto d’ira dell’adulto.         Esso acquista validità se il genitore o l’educatore  motivano il rimprovero con il dispiacere recato loro perché  il bambino,  si è comportato nel  modo sbagliato.

L’obbiettivo principale, di natura  educativa comune nelle tre azioni, è quello di far emergere le modalità per un rapporto positivo con la realtà.

 

3: I tre "sistemi" di «responsabilità» per un corretto intervento educativo

La famiglia, la scuola e la società, sono definiti dal Bollea «sistemi»:  si definisce «sistema» un complesso organico di elementi  uniti tra loro ed interdipendenti. Questo è «organico» in quanto subisce e reca  delle modifiche alla struttura iniziale tramite l’interazione con altri sistemi. L’interazione è la forma di relazione che determina una dipendenza reciproca derivata dall’influenza propria dell’entrare in rapporto con  un’altro sistema.  La famiglia, come la scuola e la società,  poiché sono formate da più elementi uniti in un complesso, rientrano nella definizione di «sistema»;  l’interazione continua rende «dinamici» i suoi elementi in quanto  tendenti sempre al raggiungimento dell’equilibrio tra le componenti strutturali di esso. La dinamicità, la capacità di un sistema di essere  modificato  e  di modificare, attribuisce ad esso la valenza formativa che può diventare educativa o disadattante.

La società,  creata da un insieme di individui con scopi ed interessi comuni,  è un’istituzione che nasce non da un ordinamento, ma dal sorgere di rapporti  economici e politici, che gli uomini stabiliscono tra loro per raggiungere  fini e obiettivi prefissati. Ogni sistema ha delle particolari modalità di essere come il modo di interagire, di modificarsi e modificare che, derivate da un insieme di esperienze di adattamento, divengono  «tradizioni» e determinano la struttura di quel sistema. L’insieme di queste modalità e delle condizioni di esistenza, che circondano l’individuo, e in relazione alle quali egli agisce adattando la sua personalità, costituiscono l’ambiente in cui avvengono le interazioni che rendono il sistema, un complesso  organico. Il Bollea nel definire «le fasi» della formazione della personalità, sottolinea la necessità del rapporto dell’individuo con i due ambienti: il familiare ed il sociale; quest’ultimo include l’ambiente scolastico e quello extrascolastico o « scuola parallela» .

Nel presente paragrafo l’ambiente scolastico è trattato separatamente  dal sistema sociale poiché ha delle modalità di interazione e pone delle condizioni di adattamento  che lo rendono «ambiente» quindi,  un «sistema».  L’ordine seguito per la trattazione dei tre sistemi è stato ripreso dal  Bollea, che  individua la principale caratteristica della maturazione del soggetto nel « passaggio da uno stadio egocentricocome quello del primo anno di vita ad uno stadio sociale come è già quello dell’adolescenza».  Infatti,  poiché « l’adattarsi non è conformarsi ad uno schema prestabilito, ma inserirsi attivamente in un complesso sociale» per raggiungere tale inserimento il bambino deve acquisire quelle capacità e conoscenze, presupposto alla conquista dell’autostima, necessaria ad  un «positivo inserimento» nel sistema sociale; tali conoscenze gli  vengono trasmesse attraverso l’azione educativa,  prima della famiglia e poi della scuola definita dal Bollea  «una piccola società». 

3.2 La famiglia

La famiglia è uno degli elementi basilari nella costituzione della personalità del soggetto. Essa è un sistema complesso,  composto da un insieme di componenti (i genitori, i fratelli e un tempo anche i nonni), che tendono alla ricerca di nuovi equilibri. La valenza strutturante propria della famiglia emerge nella considerazione  che essa è la prima  forma di realtà esterna con la quale il bambino è portato ad interagire. Nell’ambiente familiare si svolgono le prime esperienze di adattamento caratterizzate dalle prime frustrazioni e i primi successi, che influenzano la struttura del soggetto «plasmandola». La valenza educativa dell’ambiente familiare,  sta nel potere strutturante delle interazioni e delle identificazioni primarie che il  bambino ha con una delle due figure genitoriali  (in genere la figlia si identifica con la madre e il figlio con il padre).  Il ruolo educativo  di cui ogni famiglia è  responsabile, implica la  necessità di creare all’interno del sistema  un  «clima familiare» in cui  il  bambino trovi sicurezza e rifugio nei momenti in cui frustrazioni  subite in ambienti diversi da quello familiare, generano paura e disagio. 

Il «clima familiare» consiste in un insieme di  condizioni culturali, sociali ed economiche,  i cui  tratti peculiari  identificano una famiglia distinguendola per il suo modo di interagire con la società.  Il «clima familiare» è definito dal Bollea, con il termine latino humus  cioè «terreno» ovvero quegli elementi culturali storici e  sociali che hanno determinato la crescita del soggetto.

L’«humus familiare» si forma attraverso le esperienze svolte dalla famiglia come sistema, ed è composto dalle modalità di adattamento sperimentate  nell’affrontare le situazioni e le circostanze esterne.

Il verificarsi di esperienze tristi come la nascita di un figlio con handicap, la morte di un parente, o di  esperienze gioiose come l’arrivo di  un nuovo lavoro, la nascita di un fratello, il primo giorno di scuola, la promozione ecc..., coinvolge non solo il soggetto attore dell’esperienza, bensì tutta la famiglia che, nel  reagire all’evento, è portata ad escogitare modalità operative, per mantenere sempre un equilibrio nel suo interno.  Il Bollea dopo aver illustrato il concetto di famiglia come un sistema composto  da più elementi,  giunge alla definizione del concetto psicologico di famiglia come «contenitore familiare».

Se  la famiglia è considerata una  forma di società primaria, definita come un’unione di individui in rapporto dialettico tra loro,  il «contenuto»  di questa piccola società consiste nelle modalità di relazione adottate, con le quali la famiglia «contenitore» si pone nei confronti della realtà esterna, identificandosi, in base al tipo di relazioni, situazioni ed esperienze come  entità distinta dalle altre.

Gli «attori» del sistema familiare come  «contenitore», sono  primariamente le figure genitoriali, alle quali è affidato il difficile compito di guidare la vita di relazione tra i componenti membri di tale sistema e  tra questi e l’ambiente extrafamiliare (scolastico o sociale).

Sono le figure genitoriali che danno alla famiglia quella valenza educativa necessaria a fornire al soggetto l’autostima e la fiducia in sé stesso garanti di un’autonomia nel periodo evolutivo dell’adolescenza.

Nel presente lavoro viene esaminata prima la figura materna e poi quella paterna; questo ordine è stato stabilito sulla base della costatazione  che,  nei   primi mesi di vita il bambino vive in completa simbiosi con la madre, e la figura del padre, si inserisce  nel periodo dello svezzamento  verso il 7°/8° mese momento della  prima vera crisi evolutiva.

La Madre: La «madre ideale» è quella figura in cui « istinto, tradizione e cultura»  sono in equilibrio. Il Bollea sostiene che la natura di una madre è determinata spesso dal tipo di rapporto che essa instaura con il nascituro; tale rapporto « è legato alle motivazioni per le quali essa lo vuole», alle situazioni conflittuali che la gestante si trova ad affrontare  con sé stessa ed al tipo di ambiente in cui viene vissuta la gravidanza. Il compito basilare di entrambi i genitori, è di cercare una compatibilità nel rapporto con i figli; e nel caso di quello tra  madre e bambino,  questa compatibilità deve instaurarsi sin dai primi momenti di vita del neonato, e si forma tramite un insieme di segnali, dei «messaggi subliminali», comprensibili soltanto da quella madre di quel bambino. Questo linguaggio caratterizza la forma di rapporto delle prime tre settimane dopo il parto, poi « ha luogo la vera nascita».

Il  linguaggio subliminale è indice di un rapporto «diadico» nelle prime settimane di vita, condizione essenziale affinché la prima formazione del neonato sia equilibrata; questo rapporto consente di individuare da subito  com’è costituito, e come tende a costituirsi il nuovo essere, quali le sue esigenze, quali le manifestazioni caratteriali. Il Bollea, nel suo ultimo suo libro Le madri non sbagliano mai (1995), individua la madre «ideale» nell’unione delle tre principali caratteristiche: l’agire d’istinto,  accompagnato dalla «tradizione», intesa dallo studioso  come l’insieme di conoscenze e di ricordi della propria esperienza di «figlia», che ogni donna eleva a forma di codice, quando l’esperienza di «mamma» non si presenta ancora sufficiente, ed infine  la  «cultura» ossia la conoscenza delle fasi evolutive del bambino, delle sue principali crisi e  problematiche evolutive.  Queste tre caratteristiche unite da un continuo «navigare a vista» che consiste nelle azioni di un ascolto partecipe, del dialogo e della partecipazione alla vita sociale, scolastica ed extra scolastica, del soggetto  consentono alla madre di completare il difficile ruolo educativo di cui è responsabile. 

Il Padre: Il primo documento in cui il Bollea tratta  la figura paterna risale ad una lezione tenuta al III Corso della «Scuola dei Genitori» nel 1956.

Il Bollea nell’intento di rivendicare l’importanza del ruolo del padre nell’educazione  apre un filone di studi intorno alla figura paterna ed al suo ruolo educativo. In risposta all’affermazione data da alcuni studi psicologici per i quali il padre entra a far parte della vita del bambino quando questo ha raggiunto il settimo anno, il Bollea asserisce che la presenza del padre nella vita del soggetto, è necessaria dal settimo mese di vita, poiché questo periodo è quello in cui il bambino  affronta la crisi dello svezzamento derivata dal completamento dell’oggettivizzazione della figura materna, e dal  distacco da essa.  Dopo lo svezzamento l’influenza del padre,  che fino a quel momento agiva in modo indiretto facilitando la conquista dell’oggettivizzazione, assume dal  dal settimo mese una funzione  più qualitativa perché più diretta. Anche il padre, come la madre, possiede un istinto, ma diverso da quello  materno che è di  origine biologica.  Dopo lo svezzamento, il padre  «diventa parte integrante ed essenziale del piccolo mondo del bambino» che allarga così il suo schema familiare  sentendo  sempre più forte l’influenza della figura paterna.  Il valore e quindi la qualità del rapporto padre- bambino, diventa essenziale nel momento in cui,  il distacco dalla madre, fonte di conflitto e di angoscia interiore, viene colmato dalla figura paterna che assume da quel momento il ruolo di  garante di sicurezza e protezione.  Il difficile lavoro di adattamento al mondo esterno,  viene svolto dal soggetto attraverso l’imitazione,  gli esempi e le imposizioni del padre. Posto che l’imitazione favorisce l’apprendimento di nuove  modalità di adattamento e che queste sono mostrate dal padre quando si pone come esempio al bambino, si può dedurre che l’azione paterna, inserendosi tra la difficile realtà da affrontare e l’angoscia presente nel bambino, diviene il mezzo attraverso  cui il bambino sviluppa  modalità di adattamento per interiorizzare  quella realtà. Il ruolo del padre come artefice delle prime esperienze di adattamento, non si esaurisce quando il bambino ha completato l’oggettivizzazione del mondo esterno ma è un’azione  continua che segue in parallelo l’evoluzione della crescita del soggetto e le sue esigenze.  La sicurezza trasmessa dalla figura paterna attraverso l’imitazione o l’imposizione dei suoi comportamenti,  porta il soggetto ad identificarsi con il padre; l’identificazione  primaria  deriva da un bisogno inconscio « di essere come quello che si è scelto la cui immagine è profondamente messa dentro di sé» e quanto più è forte tanto più saldo è il codice morale e normativo che si viene a costituire.  Esso consiste in un insieme di regole che il soggetto trae dall’esempio paterno e si presenta essenziale perché è  sulla base di esso che il soggetto impara a distinguere il bene ed il male. Il completamento del codice normativo  segna il definitivo passaggio, nel processo di adattamento, dal principio del piacere a quello della realtà; infatti   tale codice diventa il parametro sul quale il soggetto valuta il comportamento  più  adeguato  per l’adattamento  della situazione  posta dall’esterno. Il passaggio dallo stadio puerile all’età della ragione inizia  verso gli 8 anni  ed è determinato dal completamento del codice normativo  che si manifesta con un parziale raggiungimento dell’autonomia. Il padre deve in questo periodo valorizzare il proprio figlio,  incoraggiare le sue scelte, seguirlo nelle prime esperienze frutto di scelte autonome. Il bambino sentendosi valorizzato, incoraggiato acquisisce autostima  nelle sue azioni raggiungendo una completa indipendenza nelle sue scelte. Nel periodo dell’adolescenza (dai 14-15 anni), il rapporto padre-figlio è caratterizzato dall’interazione di due soggetti entrambi con una personalità sviluppata, che si trovano ad affrontare  anche problematiche più attuali nel discutere di politica o di lavoro.

Questi risultati sono raggiungibili per il Bollea se, il padre, conscio della propria funzione e del proprio ruolo, si pone come presenza continua e segue attivamente le fasi dello sviluppo del figlio. Il dialogo, l’ascolto partecipe, e la condivisione di esperienze ( come una gita, oppure una vacanza, ma anche dei momenti giornalieri come i pasti in cui si scambiano racconti reciproci), creano quel rapporto padre-figlio che inizia da una dipendenza, e continua con una sempre maggiore autonomia resa possibile dall’acquisizione di capacità di adattamento che rendono «armonica» l’interazione con l’ambiente sociale. 

L’identificazione primaria del figlio con il padre è, come si è detto, altamente costruttiva  ma può diventare altamente disadattante se il padre tende ad «identificarsi nel figlio». Questa è una problematica  molto comune nelle famiglie di qualsiasi ceto sociale e si manifesta con la considerazione del bambino come l’immagine ideale di quello che il genitore avrebbe voluto essere; il figlio diventa una sorta di «mezzo» attraverso cui il genitore deve realizzare quei fini e quegli obbiettivi che  non ha potuto raggiungere.

Il comportamento del genitore che ha una identificazione nel proprio figlio, è caratterizzato da un eccessivo perfezionismo, dall’imposizione di attività e comportamenti che vincolano la volontà del bambino portando ad una falsa e debole strutturazione della personalità e non è considerato educativo ad un inserimento «positivo» nella società.

La madre ed il padre sono le due figure attorno a cui ruota tutto quel sistema di relazioni familiari che rende la famiglia l’ambiente nel quale il soggetto svolge le prime esperienze di adattamento formando la struttura del suo carattere.

 Queste «prime» esperienze hanno una forte valenza formativa: infatti rendono la famiglia  «un’isola di sicurezza», un ambiente in cui le modalità di adattamento,  poiché già esperite, non implicano alcuna forma di conflitto e quindi nessuno squilibrio. Il contenitore familiare è inserito in un contesto  più ampio: quello del sociale, e questa condizione implica l'influenza di interferenze esterne oltre a quelle interne che la famiglia deve adattare alla sua struttura, cioè al suo «clima».  La modalità con cui queste interferenze esterne od interne sono recepite, trasforma l’ambiente familiare fattore di adattamento o disadattamento. Il Bollea ritiene che la «compatibilità» del rapporto tra i familiari sia il parametro che permette di stabilire il tipo di influenza che l’ambiente familiare esercita  sulla struttura del soggetto.  Se vi è compatibilità tra i membri, vi è integrazione ed armonia e quindi vi sarà  sicurezza nel soggetto,  ma la mancanza  di compatibilità crea delle forme di insufficienza familiare che variano a seconda del grado di «coesione familiare».  La coesione è l’elemento sulla quale il Bollea fonda   la valenza pedagogica di una famiglia e quindi  la capacità educativa di tale sistema; essa si crea mediante quell’insieme di relazioni psicologiche e culturali che danno alla famiglia quel clima, quell'inclinazione, che la distingue dalle altre rendendola una società particolare. Lo studioso individua nell’analisi  delle insufficienze familiari, diversi gradi di coesione: si va  da una coesione completa ad una coesione insufficiente e quindi ad una forma di disgregazione.  Quest’ultima è distinta dalla «dissociazione» in quanto, in una famiglia dissociata vi possono essere tra i componenti diverse forme di integrazione, anche se, per motivi esterni (padre o madre che stanno spesso fuori  per lavoro) non avviene una riunione costante. L’assenza di integrazione in una famiglia, rende tale «sistema» fattore di disadattamento a causa della mancanza di compatibilità tra i membri ed  indica una mancanza di unione nei confronti dell’ambiente esterno. La mancanza di compatibilità non dà all’ambiente familiare quel clima, quell’atmosfera, necessari per lo svolgersi delle prime esperienze di adattamento, non costituendo quell’elemento strutturante di cui il bambino ha bisogno.

Posto che i genitori sono le prime figure esemplari del figlio, se vi è una compatibilità nel  rapporto tra loro, questa si estende anche agli altri componenti del nucleo familiare. Ma se questo rapporto positivo viene a mancare, manca al soggetto l’ambiente ideale in  cui si formano  le prime  identificazioni:è il caso della separazione, a cui può segue il divorzio, che crea nel nucleo familiare un lungo periodo di difficile adattamento alla realtà.           Il Bollea ha cominciato ad occuparsi del problema degli effetti della separazione sui figli, all’interno della «Scuola dei Genitori» sorta intorno al 1954, e negli ultimi anni, dopo aver constatato un considerevole aumento delle separazioni, ha dedicato al problema un’appendice del suo ultimo libro Le madri non sbagliano mai con lo scopo di fornire alcuni consigli e ricordare alcuni doveri che possano alleviare al bambino le grosse sofferenze derivate dalla mancanza di quel contenitore familiare distrutto dall’incombere della triste vicenda.  

3.2 La scuola 

Gli eventi della Seconda Guerra Mondiale hanno portato uno stato di crisi, in ogni ambito compreso quello dell’istruzione.

Il Bollea inizia ad esaminare  il problema dell’organizzazione scolastica circa dal 1954, cominciando da un’illustrazione dei metodi per la selezione scolastica, e da un’organizzazione e diffusione dei principi dell’igiene mentale nelle scuole.         Nel 1955 in proposito all’emanazione della legge sulla scuola primaria, il Bollea afferma  che,  poiché ogni soggetto ha una  cronologia di sviluppo diversa in base alla struttura del carattere ed alle esperienze di adattamento che esso compie, è giusto svolgere una valutazione delle capacità del soggetto ogni due o tre anni.  Dal 1955 l’interesse del Bollea verso l’ambiente scolastico e verso la sua organizzazione,  è rimasto sempre vivo; tale vivacità è visibile attraverso la fervida attività e  collaborazione  volta ad  adattare il sistema scolastico che, agli albori del 1960, si presentava ancora legato alle tradizioni,  chiuso alle innovazioni derivate dal mutamento della società. Così nel 1961, parlando dell’adattamento scolastico, il Bollea afferma che la scuola è l’ambiente che deve favorire l’integrazione del soggetto grazie alla  funzione dell’insegnante  prevalentemente istruttiva e a quella dei coetanei di tipo sociale.  Nel 1962 constatata  quantità di disadattamenti presenti nella scuola secondaria ne attribuisce la causa all’evidente divario  nel metodo e nell’organizzazione presente  tra la  scuola primaria e quella secondaria, oltre alla scarsa considerazione del complesso periodo evolutivo in cui si trova il soggetto quando avviene il  passaggio dalla scuola elementare a quella media;  nello stesso anno propone la costituzione di una «Scuola Unica», un’istituzione  che risponda alle difficili esigenze psicologiche del periodo evolutivo della prepubertà mediante una serie di esperienze didattiche che rispondano alle capacità intellettive presenti nel bambino quando ha raggiunto il livello delle operazioni logico_concreto e quello successivo delle operazioni logico -  formali.

Nel 1963 propone una scuola integrale dell’obbligo, progetto che viene poi ripreso nel 1968 quando, dopo un’aspra critica alla situazione attuale della famiglia, della scuola e della società -responsabili della formazione dell’individuo per un ingresso nel mondo del lavoro- il Bollea ne  illustra le figure principali e delinea le funzioni da svolgere per collaborare e fornire  all’individuo una formazione completa. La scuola integrata in cui l’insegnante che è n rapporto diretto con gli alunni ne può  osserva ogni loro comportamento e segnalare  la presenza di  anomalie, è un’istituzione alla quale può essere affidata l’opera di dépistage e di prevenzione dei disadattamenti. Quindi la scuola diventa l’ambiente «denunciatore» dell’elemento di disturbo o della presenza di un disagio nel tempo necessario ad  intervenire con l’analisi  del fenomeno ed un eventuale terapia.  La legge del 1977, che regola l’inserimento dei soggetti portatori di handicap nelle scuole, è l’inizio di un  progresso della scuola sul piano sociale, progresso che porterà con l’aumento del fenomeno dell’integrazione, ad una forma di internazionalità della scuola; questo ha portato delle conseguenze sul piano dell’istruzione determinando l’attuazione dello studio e della conoscenza di culture differenti da quelle dell’Europa occidentale. Negli anni ‘90 il Bollea, conscio dei grossi cambiamenti della società davanti ai quali molti giovani si trovano disorientati, definisce la scuola «baluardo della nuova generazione» ed affida ad essa  il compito, assieme alla famiglia, di guidare la gioventù verso un’etica meno consumistica e più ecologica. Per assolvere questa funzione la scuola deve organizzarsi secondo modalità più pratiche che non si limitano soltanto all’istruzione mediante l’uso del libro, ma che sia arricchita anche con attività pratiche da svolgersi nelle ore pomeridiane e nello stesso ambiente; queste oltre a  stimolare l'interesse,  sviluppano capacità utili, spesso trascurate dall’opprimente influenza dei mass-media. L’iter storico dimostra come, per il Bollea, la scuola sia un’istituzione la cui funzione era più  «cattedratica» che sociale .  Negli anni ‘90 il verificarsi di episodi di vita scolastica (cortei, occupazioni, manifestazioni ecc...), è interpretato dal Bollea  come un orientamento dell’istituzione «scuola» verso un’autonomia nell’organizzazione; questa  prevede iniziative anche solidali verso i più svantaggiati .

L’attribuzione alla scuola di una funzione sociale, assegna ad essa il complesso compito formativo svolto in parallelo dall’insegnante e dal gruppo dei coetanei.

La  definizione di scuola come « una società in miniatura»,  oppure come «palestra sociale», pone l’attenzione su uno dei principali scopi   dell’istituzione: quello di favorire un equilibrato ingresso nell’ambiente sociale e lavorativo. Tale scopo è perseguibile  non mediante la trasmissione di informazioni valutate in modo distaccato da come tali informazioni vengono assimilate, bensì attraverso un’istruzione formativa che miri alla trasmissione di modalità culturali attraverso l’esperienza che il soggetto fa di esse.

Il  fare esperienza predispone un’attività pratica e degli esempi che il bambino per mezzo dell'imitazione può assimilare. La visione della scuola come una piccola società, e il suo scopo di «formare» mediante un «fare esperienza» dell’informazione,  giustifica l’insistenza del Bollea  riguardo alla necessità di includere nelle «pareti scolastiche il lavoro». Con questa espressione il Bollea vuole indicare l’insieme di attività pratiche, svolte in proporzione alle attività culturali, che si inseriscono nella giornata scolastica come un approfondimento.           L’attività pratica svolta in classe o in laboratori scolastici, oltre a facilitare l’apprendimento perché permette un’esperienza diretta,  rende lo studio e l’istruzione più dinamica; inoltre suscita l’interesse e quindi la concentrazione e l’impegno nell’attività determinando nel soggetto un’abitudine al lavoro ed una costanza in esso. Utile allo sviluppo cognitivo ed all’organizzazione della personalità del soggetto,  l’attività lavorativa facilita la «socializzazione» e l’«integrazione» possibili grazie alla collaborazione sperimentata dai bambini nell’attività pratica.

Il Bollea definisce la socializzazione come « un processo molto complesso attraverso il quale il soggetto acquisisce i modi di esprimersi, di comportarsi, di sentire, di giudicare [...]propri del gruppo culturale a cui appartiene».                      L’acquisizione è il risultato di un’avvenuta interiorizzazione mediante l’esperienza di una data situazione culturale inerente quel periodo storico, in quell’ambiente.

All’interno dell’ambiente scolastico, che rispetto a quello familiare offre maggiori e diverse modalità di adattamento, socializzare vuol dire  «incorporare, far propria con un processo psicologico attivo una certa situazione socioculturale, stabilire un rapporto positivo col maestro, vivere la realtà sociale del gruppo, dei propri compagni»; questa «situazione socioculturale» chiamata  scuola, è caratterizzata dalle figure dell’insegnante e dei coetanei con le quali  il bambino deve convivere. L’integrazione può essere considerata una conseguenza dell’avvenuto processo di socializzazione: infatti quest’ultimo è reso possibile da una interiorizzazione della  realtà sociale,  la quale può definirsi integrata quando la forma di rapporto con l’individuo, attore di tale processo, è costante nel tempo ed il riproporsi di  tale realtà  non comporta  stati di angoscia e tensione propri di una nuova situazione di adattamento. Il processo di integrazione, che  nell’ultimo decennio è divenuto sempre più importante,  presuppone una «biunivocità» e non una «univocità» del rapporto tra i due termini del processo e si identifica con quello dell’accettazione rivolto a realtà con  condizioni e caratteristiche culturali diverse, a soggetti con limiti fisici e psichici il cui inserimento nella realtà sociale costituisce un problema, che è tanto maggiore quanto più accentuata è la considerazione che la comunità in cui avviene l’inserimento  attribuisce alle «diversità». 

Favorire l’integrazione, educare alla socializzazione e quindi all’accettazione di realtà culturali diverse da quella occidentale e alla   convivenza con  soggetti portatori di handicap, è uno dei  compiti più difficili della funzione formativa assegnata alla scuola.

Stando a queste premesse,  il compito della scuola  consiste nel  «rendere adattabile» l’ambiente luogo dell’apprendimento:  la classe e gli ambienti ricreativi (cortile o corridoio).  Se vi sono condizioni di adattamento favorevoli, vi è maggiore concentrazione e quindi migliore  apprendimento. L’educazione all’accettazione degli individui con caratteristiche somatiche e culturali «diverse», diventa essenziale perché vi siano condizioni per l’apprendimento anche in ambienti eterogenei.

Quindi, la funzione educativa della scuola, si può considerare completa quando il soggetto comprende che la presenza di una diversità fisica o somatica in un individuo, non deve essere  elemento di discriminazione, ma fonte di cultura e tradizione, da aggiungere alla propria esperienza di vita. Coloro a cui la scuola affida il difficile compito educativo sono gli insegnanti e, in modo inconscio ed indiretto, il gruppo dei coetanei.

L’insegnante: il Bollea dopo aver affermato l’importanza formativa  dell’insegnante nello sviluppo del bambino, sin dai primi anni di scuola, attribuisce a questa  professione un valore altamente pedagogico: infatti negli ultimi anni, l’efficacia della professione   nel metodo e nel lavoro, dipende da una conoscenza non solo  delle modalità di istruzione ed informazione, ma anche da una conoscenza delle leggi che regolano l’apprendimento e  delle diverse fasi evolutive che ogni bambino si trova ad affrontare dall’infanzia all’adolescenza.

Dal presente punto di vista, l’insegnamento non è più una semplice trasmissione di nozioni riguardanti la propria cultura, ma comprende capacità di osservazione, di ascolto e di dialogo. Queste tre «abilità», identificano la funzione dell’insegnante come quella di una persona responsabile del processo educativo che,  attraverso un rapporto quotidiano con gli alunni può osservare attentamente, di giorno in giorno e di anno in anno, il loro comportamento sociale e la loro attività «apprensiva» per poterne  captare i momenti salienti del loro processo evolutivo,  avvertire ogni minima forma di disagio, mobilitare i genitori e l’eventuale «equipé scolastica».

L’insegnante deve «analizzare il decorso [...] annuale del profitto e delle assenze di ogni ragazzo e trovare un possibile rimedio [...]per poi chiamare subito i genitori a discutere il problema»; questa funzione comporta una collaborazione tra docente e genitore  non limitata alla gestione del tempo scolastico, (organizzazione di gite, uscite a teatro, ecc...) ma estesa anche ad un’azione preventiva e rieducativa del disturbo presentato.

«Il rendere adattabile»  l’ambiente scolastico della classe, di cui si è parlato sopra, è un altro dei numerosi compiti dell’insegnante.  Esso deve cercare di minimizzare ogni forma di diversità emergente nella classe servendosi della propria abilità pedagogica di mezzi culturali, utilizzando dei «mezzucci didattici» .

Queste parole non sono utilizzate dal Bollea in senso negativo e riduttivo della funzione dell’insegnante ma sono utilizzate per indicare quell’insieme di «piccoli accorgimenti» che tendono a ridurre la differenza tra il «disabile» e il gruppo della classe nella quale si deve integrare.  che possano ridurre la differenza tra il soggetto «disabile» ed  il resto della classe; in proposito il Bollea spiega: «Bisogna che al disabile l’insegnante parli spesso e individualmente diventando il suo punto di riferimento».  L’ambiente scolastico, che nel primo anno di scuola tende ad incutere angoscia e timore agli alunni poiché è nuovo rispetto all’ambiente familiare, deve essere accogliente e non presentare radicali differenze dalla scuola materna, mantenendo,  una certa continuità con esso.           L’insegnante cercherà  il  più possibile di rendere  il nuovo ambiente tranquillo tendendo  all’«approccio pedagogico» nel rapporto con ogni singolo alunno.

L’equilibrio interiore dell’alunno e «l’armonia» di questi con l’insegnante e con i coetanei, saranno l’obbiettivo primario dell’azione educativa.

Considerato che, nei primi anni di scuola elementare, la figura della maestra diventa oggetto di  identificazione secondaria e quindi punto di riferimento di ogni interazione  del soggetto con la realtà scolastica, si può dedurre che la riuscita dell’adattamento del soggetto nell’ambiente scolastico è strettamente connessa con la validità del rapporto che egli instaura con la maestra, mediatrice di ogni esperienza svolta in classe. Il rapporto dell’alunno con l’insegnante diviene il mezzo con cui il soggetto può avvicinarsi alla realtà «adeguandone le condizioni». 

I coetanei :  Nell’ambiente della classe oltre all’insegnante vi è il gruppo dei coetanei: un elemento sempre più determinante nella crescita dell’individuo.  Se nei primi giorni di scuola ogni  bambino si pone in modo diffidente nel confronto con gli altri individui, che vede come «nuovi» e non ancora «esperiti», durante l’anno inizierà a dare vita ad una prima forma di socializzazione resa possibile dallo sviluppo dello spirito gregario.

 Lo spirito gregario si sviluppa all’interno di una «tendenza al sociale innata» presente in ogni individuo, attraverso le varie «fasi» della maturazione della personalità .

L’impatto con la società scolastica si verifica verso i 6 anni e, nonostante la personalità del soggetto presenti già una struttura caratteriale, esso si presenta traumatico; quindi, se il primo periodo sarà determinato da ansie e tensioni, dai 7/8 anni prevale lo spirito gregario ormai completato ed il bambino inizierà le prime amicizie e le prime lotte per affermare la sua autonomia.  L’interazione con i coetanei ha una valenza formativa  nel «porsi in conflitto» con un’altra identità, determinata da una struttura con esperienze diverse. Questo tipo di esperienza,  ricorda il Bollea, è un rapporto tra due strutture caratteriali formate dall’insieme delle modalità educative adottate da un certo nucleo familiare in base alle circostanze storico culturali in cui esso si è costituito.

Il rapporto con i coetanei, non deve considerarsi «dialettico» ossia determinato da due opposti in contrapposizione, ma si deve  intendere  come confronto carico di una forte valenza formativa. Infatti nell’interazione con i coetanei,  il bambino pone la sua personalità, determinata dal suo carattere, a confronto con altre personalità con caratteri diversi.

La possibilità di elaborare concetti astratti,  possibile grazie alla «dematerializzazione del pensiero, la parola già staccata dall’oggetto»    porta il bambino alla conquista del dialogo, mezzo attraverso cui egli esprime le sue idee e i suoi pensieri.  E’mediante il  linguaggio che  il soggetto misura la sua  personalità con quella degli altri, affronta le piccole lotte per imporre le sue idee, subisce piccole frustrazioni utili a capire i suoi limiti e le sue riuscite e, sulla base di queste,  opera le sue prime scelte. Il ruolo costruttivo del gruppo di coetanei, del quale ogni individuo in età scolare è componente attivo e allo stesso momento passivo, si svolge nel momento dell’interazione del soggetto con questi. Il confrontarsi reciproco implica una modifica del codice normativo e morale, derivata  dall’influenza reciproca dei  due termini del rapporto; infatti spiega il Bollea: « il continuo contatto con il mondo esterno, maturerà in bene o in male tale codice normativo e spesso il ragazzo dovrà superare molte lotte con sé stesso per modificare [...] errate leggi normative». L’interazione con i coetanei diviene un mezzo utile ai genitori ed agli educatori in quanto, in un ambiente esterno a quello familiare, i comportamenti del soggetto si esprimono come reazioni alle situazioni poste dalla realtà e possono essere considerati un parametro essenziale per comprendere la modalità di adattamento del giovane alla società.

    3.3 La società 

La definizione  di  società  appare,  tra le righe dell’introduzione al libro  Psichiatria dell’età evolutiva pubblicato a Roma dalla Bulzoni nel 1979 in cui il Bollea definisce la personalità come « complesso di qualità fisiche e psichiche che caratterizzano ciascuna persona [...]partendo da una struttura biologica iniziale, si plasma a poco a poco attraverso una situazione dialettica tra «l’Io» ed il «non-Io» (sistema familiare e sistema sociale)»; più avanti nel parlare delle  interferenze positive e negative afferma la necessità di considerare in un’analisi diagnostica l’azione di queste sui tre sistemi: l’individuale, il familiare ed il sociale.  Quindi il Bollea definisce la società  un «sistema» perché anch’essa è una struttura formata da  più componenti in legame tra loro ed in continua relazione con il  sistemi individuale e familiare.

Le componenti che formano il sistema sociale sono le istituzioni, il cui scopo è quello di regolare i rapporti di convivenza tra gli individui che vivono  in uno stesso ambiente (città, paese, nazione ecc...): tra le istituzioni, è inserita anche la scuola che, come si è visto, svolge una  funzione determinante per il completamento del processo evolutivo del soggetto. Oltre alle istituzioni, una società è costituita da un insieme di fenomeni, determinati dal periodo storico, dalla sua organizzazione, in base alle  leggi, alla forma di governo e alle tradizioni. Tali fenomeni sono determinati dalle modalità di adattamento che l’individuo adotta  per relazionarsi alla situazione posta dall’ ambiente  sociale.                 La presenza nell’individuo di una «tendenza innata ad interagire nella società», determinata da « l’indissolubilità dell’elemento socialità dall’Io [...] che caratterizza la definizione  di persona» mettono in evidenza l’essenzialità del «sistema» sociale nello sviluppo della personalità dell’individuo. Il bisogno di interagire con l’altro, che si soddisfa mediante lo sviluppo dello spirito gregario completo verso i 7/8 anni, comporta la formazione della personalità, mediante l’assimilazione di elementi esterni. Quindi l’individuo, non può sottrarsi all’influenza dell’ambiente esterno causa di un  «controllabile»  condizionamento.  Gli elementi «responsabili» di tale condizionamento sono principalmente i mezzi di trasmissione,  via «etere»: la televisione, la radio ed il computer che offre la possibilità di comuncare in rete e i mezzi «cartacei»: i quotidiani, le  riviste e la grafica pubblicitaria  il cui scopo è quello di trasmettere una forma di influenza «rapida» «veloce» e «persuasiva».

Le modalità e le forme di questo condizionamento sono esaminate dal Bollea  il quale, nel prendere le difese del «Pianeta Infanzia», non esita a denunciare il mondo dei «media» per la modalità con cui  vengono trasmesse le informazioni, il loro condizionamento e l’eventuale disagio.  Per riportare un esempio, si pensi all’episodio di Jessica Dubroff la bambina morta tragicamente in un incidente aereo assieme al padre, e al pilota dell’aereo; il Bollea  dopo aver criticato aspramente la società per non aver evitato il verificarsi dell’impresa, il  far pilotare un aereo ad un bambino, si rivolge al pubblico dicendo: « Il ruolo diseducativo dei mass-media va interrotto» e più avanti continua dicendo «L’ imitazione è pericolosa perché contagia. I mass-media hanno abbattuto le frontiere del mondo. Di questa tragedia ne parlano tutti.[...]. A questo penso quando parlo di diseducazione dei media».  Queste citazioni, riprese da un’intervista,  sono sufficienti per capire la potenza  che è in mano ai media e  l’effetto condizionante che la loro professione  può esercitare sul pubblico in particolare quello infantile la cui sensibilità ed impressionabilità sono nettamente maggiori.

Le citazioni riportate mettono in evidenza il rapporto del Bollea con il mondo dei media; egli, a contatto con i giovani e con le loro problematiche ormai da più di 50 anni, conosce i disagi dello sviluppo psichico ed affettivo derivati da una visione «distorta» della realtà; nel rivolgersi ai giornalisti insiste  sul rilievo formativo e quindi possibile di educazione proprio del loro lavoro: «Avete grosse responsabilità, un enorme potere. Usatelo a fin di bene».

Il ruolo condizionante del sistema sociale non avviene solo per mezzo dei mass-media,  ma anche per mezzo della televisione e del computer che  offrono quotidianamente oltre ai numerosi messaggi penetranti e concreti, trasmissioni dai contenuti ed immagini superiori alle facoltà psichiche ed affettive del bambino; questi le assorbe in modo passivo, senza comprendere il vero significato e molto spesso senza la possibilità  di fare domande e di «esporre i suoi «perché»».                                    L’uso eccessivo dei mezzi di comunicazione di massa, (che negli ultimi anni tende a sostituire la baby-sitter )  senza la presenza di un adulto a cui chiedere spiegazioni, porta ad un impoverimento della fantasia nel bambino perché questa, non  più stimolata dalla presenza di un «altro» a cui fare riferimento nel caso sorgessero delle domande o delle paure,  tende ad impoverirsi.   L’impoverimento della fantasia, è un primo segnale del blocco  del  potere magico, della « curiosità»   mediante il quale il bambino svolge i primi incontri con la realtà. Questo fenomeno è causato dalla eccessiva velocità e penetrabilità del messaggio televisivo o virtuale; infatti questo si impone violentemente nel  soggetto che lo riceve, il quale, poiché ha una  personalità non ancora completa nella sua struttura,  non è in grado di poter valutare il coefficiente di realtà e fattibilità presente nel messaggio emesso . Afferma il Bollea in un articolo: «la potenzialità immensa che il bambino sente nel virtuale, certamente contiene [...]un embrione di  realtà, ma egli non è ancora così «vir», cioè così maturo come uomo,  né ha raggiunto tanta «vis»  ossia tanta forza da poter trovare un equilibrato senso di fattibilità o non fattibilità in quello che vede, sente, immagina».

Il Bollea reputa dannoso non il mezzo di comunicazione ma  l’uso inadeguato che viene fatto di esso, ossia quando la televisione o il computer assorbono  gli interi pomeriggi dei bambini provocando sedentarietà, specializzazione precoce e  senso di insicurezza a causa della mancanza di quelle esperienze di vita e di quei «vissuti» che il mezzo di comunicazione trasmette solo in modo esagerato ed  eccessivamente violento .

Ogni fenomeno che condiziona il modo di essere e le esperienze di un individuo,  ha una valenza formativa visibile nel comportamento del soggetto in relazione alla  realtà. Quanto esposto nelle pagine precedenti, dimostra come il «sistema sociale», composto da  un insieme  di individui,   svolge  un’azione condizionante  sull’individuo mediante: i mezzi di comunicazione, l’organizzazione delle forme di governo, le leggi e le relazioni tra gli individui che di tale sistema fanno parte. Questo condizionamento attribuisce alla società  una valenza altamente formativa nel duplice aspetto educativo e disadattante che si  esprime nelle istituzioni sociali della famiglia e della scuola.

Il sistema sociale, il «modo di essere» della società come « unione di individui aventi scopi comuni da raggiungere e rapporti reciproci tra loro», è a sua svolta determinato dalle modalità che l’individuo ha sperimentato per adattarsi alle condizioni poste dalla realtà del periodo storico precedente. Tali modalità formano uno «schema educativo» mediante il quale vengono trasmessi gli «strumenti» che permettono un’integrazione «armonica» nel sistema sociale. Le riflessioni appena svolte, intendono spiegare   che la «valenza formativa» del sistema sociale non è limitata ai bambini o alle persone che «subiscono» l’influenza dei mass-media e dei mezzi di comunicazione, ma deve essere considerata una  forma di influenza «globale», quindi estesa ad ogni singola componente del sistema. L’adozione di uno «schema educativo» scaturito dalle modalità di adattamento sperimentate da quella realtà, viene trasmesso agli individui della  generazione seguente e determinerà le caratteristiche e le componenti di un nuovo sistema sociale. 

Si può quindi dedurre che la valenza formativa di un sistema sociale, consiste in un  rapporto di condizionamento reciproco tra lo schema educativo adottato  (determinato dal periodo storico) e  la società come insieme di individui che in base alle modalità educative ricevute danno al sistema sociale condizioni ed organizzazioni differenti. Stabiliti i termini di questo rapporto, la dinamica e la periodicità di esso sono stabilite dalla generazione che vive e definisce il rapporto e  ancora una volta dallo svolgersi del corso storico.

Le caratteristiche negative del sistema sociale attuale individuate dal  Bollea  in forme di trasgressività  giovanile sul piano comportamentale come  violenza, criminalità, forme plurime di volgarità esasperata nel look, deviazioni del comportamento sessuale, sono secondo lo studioso le conseguenze di un eccessivo permissivismo che ha generato una «noia esistenziale»; questa è data dall’eccessiva opulenza tipica  del « ragazzo della nostra società »- che - « ha tutto e dunque anche una falsa libertà»da cui possono derivare due opposte forme di disagio: un «piatto conformismo» ed «una mancanza di ideali». Le conseguenze di questo disagio sono: un impoverimento della creatività di cui si è parlato sopra, una rottura totale degli schemi e delle leggi poste dal vivere sociale e quindi una serie di comportamenti trasgressivi o dannosi  per la società come la pedofilia, il fenomeno dei baby-killer, l’alta velocità, l’alcoolismo e la droga.

Ma nonostante questi problemi,  il Bollea  ha una  visione  ottimistica  del 

complesso quadro della società di fine millennio: « Nonostante i mass-media, giornali compresi, facciano vedere solo la parte negativa di questo paese, abbiamo delle risorse intellettuali magnifiche che tra 10-15 anni daranno grandi frutti» e due anni dopo riconferma il suo ottimismo: «Fortunatamente esiste[...]una fascia più critica che tenta di reagire a questo appiattimento egoistico ed eticamente negativo; vissuto non più nell’indifferenza ma in un oscuro senso di colpa: ricerca di quei nuovi valori etici e politici che [...] possano trasformare anche l’economia vista e programmata in senso davvero ecologico».  La ricerca dei valori etici e morali, dei sentimenti, e del dovere,  elementi definiti dal Bollea «non robotizzabili », è l’obbiettivo che si deve perseguire per realizzare quel sogno espresso in un’intervista: una « società «democratica» in cui ci sia un patto sociale che porti avanti le classi più deboli». Per raggiungere questo obbiettivo è necessario diffondere mediante l’educazione la «filosofia del dare» elevata dal Bollea alla  «nuova filosofia del ventunesimo secolo» caratterizzata dalla sobrietà e dalla solidarietà che si manifestano nell’anti-consumismo e nell’anti-individualismo, presenti nella filosofia del Terzo mondo.  Infatti in quest’ultimo  la voglia di vivere, costruire, progredire, suscitata dalla quotidiana situazione di miseria e di precarietà provocano necessità, bisogni e libertà, differenti da quelli del mondo occidentale. Dice il Bollea: « Il ragazzo del Terzo mondo modella [...] la sua libertà nella quotidiana impresa di liberarsi dal bisogno.  Il piccolo ruandese [...] è il bisogno che gli dice come utilizzare le sue forze».  Quindi il  Terzo mondo  diviene con il suo stile di vita ed i suoi bisogni, un esempio benefico per il recupero e la ricerca di quei valori come l’altruismo e la sobrietà che l’etica individualista conformista dell’ultimo decennio ha occultato.

Famiglia e scuola, le due componenti del sistema sociale, « costituiranno i due formidabili baluardi  della nuova rivoluzione »  mediante quell’alternanza di gratificazioni e frustrazioni che facilita nell’individuo l’emergere di quella  tendenza al sociale portando ad  «un superamento del principio del piacere a favore di quello della realtà e dei valori».

4. Scopo del processo educativo: un rapporto armonico dell’Io con

l’«Umwelt»

Il Bollea nel suo ultimo libro, Le madri non sbagliano mai, (Milano, Serie Bianca  Feltrinelli, 1995), cita una frase del pedagogista russo Anton S. Makarenko per il quale  « lo scopo dell’educazione è quello di raggiungere la «gioia del vivere insieme»; nel riprendere la presente frase estende il  significato dell’azione educativa che non è limitata ad una guida dello sviluppo del soggetto  né alla semplice trasmissione di una «buona cultura». Le modalità ideali secondo le quali: « i figli possano vivere gioiosamente nel contenitore familiare e [...] in un secondo momento nella società », consistono in un insieme di atteggiamenti spontanei che il genitore assume nel rapporto con il proprio figlio; questi sono possibili se vi è un’accettazione del proprio figlio che, afferma il Bollea,  «  per una donna è legata alle motivazioni per le quali essa lo vuole»; queste motivazioni determinano il comportamento della madre nel rapporto con il nascituro fino dalle prime settimane della gravidanza.  La peculiarità attribuita dal Bollea al problema dell’accettazione,  deriva dalla constatazione che l’arrivo di un figlio poiché  « obbliga la giovane coppia ad una completa modificazione del tipo di vita» si impone come una nuova situazione alla quale i coniugi devono  adattarsi.         L’esito  di questo adattamento,  definito dal   Bollea   « situazione conflittuale », determina il comportamento dei genitori nei confronti del figlio e quello della madre dall’inizio della gestazione.  Un’atteggiamento di accettazione del nascituro dà origine al sentimento dell’amore che il Bollea reputa «responsabile» di quella  «bellezza dell’educazione » e di quello  sviluppo «armonico» nella famiglia e nella società.  Se il problema dell’accettazione è il punto di partenza per il raggiungimento, mediante il processo educativo, di quell’armonia con «l’Umwelt», la presenza dell’amore nell’interazione con il figlio,  è la modalità fondamentale da adottare in un intervento educativo; essa deve essere comunicata all’educando ed il Bollea, nel definire la modalità di trasmissione,  ribadisce la validità dell’esempio per l’apprendimento del bambino: «l’importante è dare l’esempio di una vita vissuta con entusiasmo,  con fiducia»  e più avanti: « i genitori poi devono dare ai figli l’esempio di un unione basata sull’affetto e la stima dei due coniugi ». Come già affermato  l’esempio è alla base di ogni processo di identificazione definita  «un fenomeno incosciente[....]un bisogno profondo di essere come quello che si è scelto e la cui immagine è fortemente viva dentro di sé» ed è attraverso l’identificazione con uno dei due genitori che il soggetto svolge le prime esperienze ed acquisisce i primi meccanismi di adattamento.  Quindi il genitore,  che si pone come esempio e diventa oggetto di identificazione, è il responsabile dei primi apprendimenti del bambino poiché  è  nella modalità del rapporto «quotidiano»  tra  genitore e figlio, che risiede  il  fondamento di  quel rapporto armonico dell’Io con l’Umwelt,  scopo del processo educativo. 

Il rapporto costante con i genitori, rende possibile l’interiorizzazione da parte del bambino, di quelle modalità di interazione con l’esterno che ha adottato la madre; queste una volta acquisite, favoriscono «una buona compatibilità tra le caratteristiche del  bambino e le richieste dell’ambiente». La presenza di  compatibilità in un rapporto familiare, è considerata dallo studioso uno dei presupposti per il  raggiungimento di  «una sana autostima » e  di una fiducia  nelle proprie azioni,  grazie alla presenza di «equilibrio» e quindi «normalità» che sono dei « livelli di sviluppo psicomotorio».  Il raggiungimento di questi stati  non avviene  per via «fisiologica» come nel caso delle fasi di maturazione del soggetto, ma «tanto contribuisce l’opera formativa dei genitori» all’evoluzione di essi.  I mezzi mediante i quali si svolge questa formazione sono: l’alternanza di gratificazioni e frustrazioni come  il manifestare approvazioni davanti ad azioni compiute del soggetto con esito positivo (un lavoro a scuola , un compito, un incarico datogli dal padre ecc...), l’ascolto e il dialogo. 

Dall’importanza attribuita all’esempio genitoriale  e all’identificazione,  il Bollea basa la validità di un processo educativo,  sulla qualità del rapporto  tra genitore e  figlio;  nell’ affermare che  « ogni intervento che farete su di lui, [...]deve prendere in considerazione le sue possibilità in positivo», intende con l’espressione di «educazione al positivo»,  quel processo educativo volto a far emergere nell’individuo quei comportamenti che siano  segnale dell’avvenuto « superamento del principio del piacere a favore del principio della realtà e dei valori ».

Un intervento educativo impostato con le  modalità esaminate, porterà ad una interazione «armonica» con l’Umwelt,   che sarà  equilibrata perché affrontata con quei meccanismi di adattamento acquisiti dal soggetto con l’imitazione e l’osservazione del genitore che,  protagonista dell’identificazione, si è posto come «esempio» di una personalità saldamente inserita nell’ambiente sociale.

                

 

 

 

 

 

 

APPENDICI

 

Le presenti appendici riportano le tre interviste condotte dalle laureande Marta Gandiglio e Valeria Sansoni:

Le tre interviste sono state svolte a distanza di un anno la prima dalla seconda, a distanza di alcuni mesi la seconda dalla terza e ne segue una quarta sul confronto tra il Professor Bollea e il pedagogista Makarenko.

L’obbiettivo di queste interviste è quello di riportare una testimonianza diretta dell’opinione del professore riguardo ad alcune tematiche storiche e alcune  problematiche del nostro secolo, personaggi e autori peculiari nella sua formazione.

Le interviste si inseriscono come completamento del presente lavoro e si pongono come documento di verifica e di raffronto con le notizie storiche e   biografiche, utilizzate per l’elaborazione di questa tesi.

 

 

 

 

 

 

 

 

Incontro con il Professore Giovanni Bollea  

(13 giugno 1997)

 

 

Domande riguardanti la sua formazione :

 

1. Quali sono le tappe salienti della Sua formazione?

Influenza dell’educazione paterna ricevuta.

La  formazione come medico: nell’ottobre del 1938  la specializzazione  in malattie nervose. L’interesse per la personalità del malato, la conoscenza della mediciana alternativa attraverso i vecchi libri delle bancarelle, l’incontro con il medico Cerletti, nel 1945 l’entrata in guerra.

 

2. In che modo l’esperienza di studio svolta a Parigi,  Losanna e Londra ha contribuito

alla Sua formazione?

A Losanna ho conosciuto colleghi  di ogni paese, vittime  della guerra  e sopratutto grandi maestri:Piaget Heuyer, nel 1949  assistentato a Parigi  con una tesi sulla schizofrenia infantile. Nel 1950 ho svolto un anno sabbatico a Londra  e poi  piccoli soggiorni  distinti  specialmente in Svezia, Norvegia, Irlanda, Austria, Spagna, Portogallo, Germania, Rio de Janeiro, Israele ecc......       

 

3. Da quali esperienze trae origine il Suo interesse  per la Neuropsichiatria?

 

Il mio interesse per la neuropsichiatria  infantile deriva dal fatto che nel 1945/46 , la carriera universitaria mi allontanava dalla carriera politica che mi attirava (era politica antifascista ).Scelta della psichiatria infantile quasi per caso: questa richiesta del ministero di svolgere a Losanna un corso di approfondimento in psichiatria infantile  mi indicò la strada  perchè la Psichiatria Infantile  a fianco di un più interessante futuro scientifico  molto aperto in quel periodo  univa anche un’analisi approfondita sull’ambiente. Quindi l’istanza sociale che c’era in me,  trovava in questa maniera il suo equilibrio.   

 

4. Perché ha scelto di studiare ed occuparsi dell’area di sviluppo dell’infanzia nella

neuropsichiatria infantile?

 

 

 

5. Quali motivazioni l’hanno portata a decidere di fondare un istituto di neuropsichiatria

infantile?

 

Necessità: espansione della neuropsichiatria  in ambiente ex-universitario;  tra il 1947 e il 1960 si sono aperti in Italia  oltre 300 centri medico Psico pedagogici  per opera del’ONMI, Ente morlae del fanciullo A Roma, nel 1947  [viene]  creato il primo centro di Psichiatria infantile  in via A.Emo n.7. diretto fino al  1952-53 da Bollea e poi da Ossicini.    

 

6. Come è nata la SINPI (società italiana di neuropsichiatria infantile)?

 

La psichiatria  Infantile in seno alla Società Italiana : comitato  [il cui] presidente Carlo De Sanctis e il segretario Giovanni Bollea,  1958 [?], Società Italiana Psichiatria ( forse il ‘68 ?)

 

7. Come è organizzata e che tipo di obiettivi la caratterizzano?

 

E’ una società scientifica per tutto l’ambito dell’età evolutiva (0-18 anni), per una gioventù  di deboli di mente (?). Due elementi la caratterizazno: 1) il lavoro in equipè ( dal 1947 la prima volta  in Itlaia della Diagnosi pluridisciplinare (biologica, psicologica e sociale)

Relazione con il  campo pediatrico pedagogico  giudiziario, criminologico  per l’infanzia giovanile.  

Domande sulle opinioni del professore riguardo gli aspetti culturali, sociali, scientifici, nella nostra epoca:

 

8. Quale è il suo concetto di storia?

Il mio concetto di storia: sono un individuo che  vive poco nel presente, inserito nella storia  tramite la quale insieme al mondo trasmesso dal bambino  si rivolge al futuro. Storia come guida, frutto  della storia individuale .Si sceglie  ciò che più serve per il futuro filosofico e lavorativo.   

 

9. Quale è la sua opinione sulla storia italiana del 1900?

E’ un periodo di passaggio tra  il mondo arcaico aristocratico borghese e quello di assestamento  del post-millennio, secolo detreminato da  progresso tecnologico che ha messo in discussione i fondamenti del vivere  civile e del pensare caratterizato da un individualismo assoluto, narcisismo esasperato e  una predominanza  del vivere  l’immediato  presente quasi ripensando  al «carpe diem» dell’epoca romana.  

10. Quale è la sua idea di progresso?

Interpretazione  del positivo della  storia  in funzione di aiuto  del vivere  dell’uomo sociale. Valide quando il progresso sia armonico in ogni campo dal filosofico  al morale  al tecnologico. Ciò  fa progredire la specie umana  in armonia con la natura. Rapporto dialettico - disarmonia intrastrutturale spiega i falsi  progressi che viviamo e che sfruttiamo per il momento  che viviamo.   

 

 

11. Che cosa è per Lei la scienza?

 

Periodo di falsi progressi, ne abbiamo una senzaione intima; la paura del futuro, il buio del futuro, alla

base delle paure adolescenziali. Solo in questo modo si spiega  la grave  epidemiologia  patologica dell’adolescenza attuale.

 

12. Come la scienza, può essere considerata una forma di progresso?

Scienza è conoscenza  che parte dal’uomo ed arriva all’uomo.Varie  definizioni: ogni settore scientifico è valido  se porta al miglioramento del vivere  sociale della specie. Solo così  la scienza è forma di progresso.

 

13. Che cosa è per Lei lo sviluppo?

Lo sviluppo è un falso progresso - falso sviluppo. Dove va l’uomo? Verso un’etica universale  o verso un suicidio universale; verso un nuovo tipo di etica. Ma attraverso quale  Medioevo?

 

14. In che modo lo sviluppo può essere considerato un progresso?

 (si veda la risposta alla domanda n.13)

15. Che cosa intende per educazione?

 

E-ducere: guidare senza  schiacciare, intaccare l’individualità .Favorire l’evoluzione  del piccolo  uomo

di chi mi sta di fronte.

E-ducere: portar fuori, favorire la creatività del piccolo essere dalla nascita alla maturità.

 

  

 

16. Quale è la sua idea di apprendimento?

 

 

Conoscenza della realtà esterna. Attraverso la maturazione delle varie  forme di recenzione  e interpretazione del visto e del sentito.Imitazione.

 

17. In ambito educativo, quali azioni (sia positive che negative) Lei può definire rinforzi?

 

Rinforzo:  l’esempio qualcosa  di idverso  e di più pregnante  che l’imitazione; partecipazione attiva  che serve  come rinforzo per interiorizzare ciò che l’infante e l’adolescente vive attracerso i mezzi conoscitivi (percezione e senzazione....)

 

18. Che cosa intende per creatività?

 

Creatività: immediato collegamento  tra vari tipi di  interiorizzazione  di realtà vissute. [che la curiosità...]. Legame causale  favorito da occasioni  eccitamenti  vaghi ed improvvisi che ne l massimo della  sua espressione  chiamiamo  genio, chiamiamo arte. Spesso è misterioso( è lo stesso essere che lo esprime ). Spesso  è un attimo, ed è quello che  ti insegnano  con la mela di Newton, ecc.....

 

19. Che tipo di scelta ha operato nell’ambito delle varie teorie psicologiche?

Varie teorie psicopatologiche  concorrono alla «mia» visione dell’uomo normale   patologico. Oggi  non si può trascurare Piaget, Vigotsky, Jung.

Contro l’ipertrofizzazione  di una teoria psicologica. Tanti tasselli permettono una migliore  conoscenza dell’uomo  con la sua psiche.

Teoria del Prof. Bollea: basata sull’analisi  armonica  approfondita  dell’essere che è di fronte. Aspetto fisico, del modo in cui si muove, come si relaziona con me, da come io (Bollea ) riesco a partecipare con lui; da  come agsce e  si relaziona  nel contenitore familiare  e scolastico.

[La] Teoria di Bolwby, preferisce Holding(?) a Winnicott, alla mia teoria della persisitenza del ritmo fetale  ed alla comunicazione subliminale madre-figlio individuale perchè basata sulla sulla istintività della madre.Spitz interpreta  con acume lo sviluppo  del Sì e del No , sviluppodell’8° mese  variabilissimo da caso a caso ( ed è un caso clinico per ogni copia)La madre trasmette tutto  al bambino sino a 12-18 mesi. La patologia   sta quando  un «quid»  rompe la trasmissione  e non valorizza  l’ambiente esterno.

l’importanza della piccola  frustrazione; la madre x  di perdere il dist. y.     

 

20.In questo ambito, quali sono stati i personaggi più significativi incontrati nei Suoi studi?

 

( si veda  la risposta  alla domanda n.19)

 

21. Facendo una panoramica degli orientamenti pedagogici del 1900, quali studiosi hanno contribuito alla formazione della Sua idea di educazione?

 

[Ognuno] Romanzieri psicologici, han contribuito  all’idea di educazione. L’ultima conferenza di Trento «La madre oggi» che  è stata la base dell’idea di educazione del Prof. Bollea: valorizazto il principio assoluto che si ritiene  basilare  per una normale educazione di base cioè:  (mia madre - ricorda mentre scrive gli appunti ) concetto  principale  della sicurtà  di un bambino: concetto di presenza, la presenza della madre  e il sorriso  accettante di questa presenza  da parte del padre. Presenza ed esempio sono gli elementi  che creano  la siicurezza  per affrontare il mondo.      

 

22. E nell’ambito più ristretto della pedagogia italiana, quali sono per Lei i nomi più significativi?

 

Molte  letture  sul piano pedagogico italiano, pedagogia emendativa : Montessori, Agazzi, Radice, quelli nuovi.

Caratteristica particolare del Bollea: nella  lettura di un trattato  capta l’idea  che rimane  e poi dimentica il motivo perchè Visalberghi o De Bartolomeis o Volpicelli. Aiutano nel lavoro.... frutto  di quello che molti autori hanno dato al  mio pensiero.   

 

Domande conclusive:

 

23. Quale è la Sua opinione sull’attuale sviluppo della neuropsichiatria infantile in Italia?

 

Molto critico e perplesso. Idea di scrivere  un articolo su  cosa e’ oggi la neuropsichiatria infantile  o la neuropsichiatria dell’età evolutiva  con il titolo «Rifondiamo la neuropsiachiatria dell’età evolutiva»

Parte opposizione  sull’organizzazione pratica  perchè a disitanza  del primo articolo  del 1947  si continua a difendere la modalità  di visita  e di terapia  di equipé ( La triade sacra: psichiatra infantile, psicologo  ed assistente sociale )  solo permette la diagnosi  più completa. Occorrono  molti occhi:  genitori,  fratelli  dell’individuo, famiglia allargata. Vede  un po’  spavento  l’argomento  e  l’annacquamento dell’influenza della   psicologia.   

 

24. C’è una collaborazione tra neuropsichiatria infantile e pedagogia?

25. ( Se si) Che tipo di collaborazione?

 

Collaborazione attiva  nei disturbi specifici di apprendimento  sul come venire  incontro  sullo studio di nuove pedagogie.

Studio del ripristino  pedagogia funzionale  comparata.

Teorie dell’apprendimento sono molteplici ed in via di trasformazione  perchè si ha  davanti un diverso scolaro  per cui una collaborazione  sempre più stretta  nel futuro. 

 

26. Cosa si aspetta la neuropsichiatria infantile dalle altre discipline scientifiche?

 

27. ( Se no) E cosa si aspetta dalla pedagogia? 

 

[Sottovalutazione] dell’assistente sociale da noi preparata  e sperimentata  per il lavoro in equipé  darebbe una maggiore competizione dei ruoli, specificazione delle terapie medico-pedagogiche o psicoterapeutiche. Molte psicoterapie  sui banbini potrebbero essere evitate  se gli  assisitenti sociali  prendessero al meglio il ruolo  dell’equipé sempre in stretta relazione  con gli educatori  dei  vari ambienti in cui partecipa il bambino.    

La  nostra scuola è aperta d uno stretto rapporto  con gli educatori  perchè questi  ultimi  si trovano davanti  a delle classi difficili  da comprendere.  Spesso  il «che fare»  permette l’aiuto dell’equipé  vedere come relazionarsi  con gli educatori  per una variabilità  di caratteristiche  non più  (come una volta)  della classe sociale  di origine  ma da una  miriade  di varie stimolazioni  che fuggono  alla linee educative genitoriali. L’inizio del  secolo era stato publicizzato come il «Secolo del bambino».

Nel momento de «il Pianeta Infanzia»  era diventata  una classe sociale, è iniziato lo sfaldamento. Scompare ‘infanzia e nasce  il piccolo  sconosciuto, l’alunno attuale.

La crisi dei docenti, è una  vera crisi. Bisogna rispettare  la crisi della scuola  che non si deve condannare. Spesso lo stesso psichiatra  non sa consigliare  come uno stretto rapporto tra  esperienza dell’educatore e le nostre ( noi psichiatri)  per trovare  le modalità di imporre  ai politici il dovere dell’informazione ad ogni livello. Solite parole , sempre delle banalizazzioni della violenza attuale, il vivere alla giornata  non godendo del consumismo. Fa pensare, fa paura, deve far paura.

Come tecnici si pensa  alla famiglia  e alla scuola ( educatori)  vincere la fiducia, aumentare il peso della respèonsabilità  e bellezza della loro missione.

Crisi della famiglia  concessione, interiorizzazione  del contenitore familiare  che dalla nascita  è un «Io» che cerca il «Tu». Nasce quell’individuo, che  a poco a poco  diviene pèersona  al’inizio della presdolescenza.

Il progresso comincia qui, dopo la tecnica, l’industria, la finanza. E’ necessario, non opporsi alle novità e non consideralre negative. Parlando nella relazione «del bambino del duemila» si parla  di nuove ideologie: l’uomo sulla luna  ed ora deve riprendere una versione  più trasversale  e meno verticale per ricomporre la natura. Ricreare  il rapporto  dialettico. [non con la natura   ha inizio l’equilibrio del’ubriacatura tecnologica  attuale].                     

 

 

  Intervista al professore Giovanni Bollea

(8 luglio 1998)

 

Domande riguardanti gli studi e la formazione dello studioso.

1: Quali sono al di fuori del Suo ambito di studio i testi più significativi per la Sua cultura?

La filosofia greca  e lo studio della storia. La mia è una proiezione  storicistica di vita  e dell’educazione con un forte influsso sociale.

 

2: Quali testi hanno influenzato le sue idee e posizioni riguardo al rapporto madre-bambino ed al suo sviluppo psichico ed affettivo?

 

Wallon, Piaget,Anna Freud,  Winnicott, Rey,  Musatti,  Baldwin,  Vigotsky.

 

3: Quali testi ed esperienze riguardanti lo studio delle motivazioni intrinseche ed estrinseche sono alla base delle Sue conclusioni intorno al processo di buon adattamento, ossia di assimilazione ed accomodamento?

 

Molti trattati di pedagogia e le esperienze  su casi limiti. Tutta la pubblicistica tra politica e  famiglia.

4: Quali correnti pedagogiche hanno contribuito alla formazione della Sua idea di educazione intesa come un’azione volta a fare emergere nel soggetto una serie di atteggiamenti e comportamenti desiderabili senza privare quest’ultimo della propria individualità?

 

Dalla Montessori a Decroly, Da Sante  de Sanctis agli [....] iniziando dal grande Sèguin per quanto riguarda  la recuperabilità dell’handicap cognitvo.

 

5: Nell’ambito di studio dell’insufficiente mentale, del suo recupero e della sua educabilità oltre ad E.Séguin, alla Montessori, quali altri studiosi sono stati per Lei  fonte di arricchimento per la Sua professione di neuropsichiatra infantile?

 

Italiani: De Sanctis, Montesano; stranieri  La scuola pedagogica  francese e svizzera.

Domande riguardanti la posizione dello studioso intorno ad alcuni aspetti della educazione e della pedagogia.   

 

1: Quale aspetto educativo ha il gioco?

Come sviluppo psicomotorio, come apprendimento della sequenzialità delle  azioni,  come estrinsecazione di  conflitti.

 

2: L’esempio ha una valenza formativa soltanto come mezzo per raggiungere l’identificazione con il genitore ed il codice normativo oppure può anche essere una metodologia da applicare nell’insegnamento o in un’attività rieducativa?

 

L’esempio e l’elemento principale  per l’apprendimento del [............] al raggiungimento del potere logico ipotetico-deduttivo.

 

3: Il comportamento pratico-gestuale degli adulti è importante nel plasmare quello dei bambini?

 

E’essenziale; l’imitarlo  ( riferito al comportamento ) è la prima  essenziale base dell’apprendimento.

 

4: L’apprendimento cognitivo è un obiettivo primario dell’educazione ed ha anche rapporti intrinseci con lo sviluppo affettivo?

 

Son inscindibili: senza affettività, non c’è apprendimento.

 

5: L’adattamento come raggiunto equilibrio tra accomodamento ed assimilazione in quali ambienti può essere meglio promosso?

 

Famiglia, giardini, poi scuola.

 

6: Che tipo di valenza formativa hanno l’emulazione e la competizione nel gioco?

Per il genitore  e l’educatore, per conoscere il tempreamento  del soggetto e [su quanto  lo stima?]

Domande riguardanti il rapporto dello studioso con i mezzi di comunicazione.

 

1: La televisione, insieme alla radio è uno dei mezzi di trasmissione più diffusi e più utilizzati da ogni ceto sociale. Quale è il Suo rapporto con questi mezzi di comunicazione di massa e quale valore educativo gli riconosce?

 

Ottimo: non prima  dei tre anni. Mai da soli  sino a sei  con un adulto che sappia far distinguere  quando  [.....]  da quando  è  «fiction».

 

2: Negli anni 1956-58 la Scuola dei Genitori, per sensibilizzare il pubblico ai problemi del disadattamento, ha proposto alla RAI un ciclo di lezioni dialogate: come e perché si è scelto il mezzo televisivo e quali sono stati i momenti salienti di questa prima esperienza televisiva?

 

Il [1956 - 1958] La scuola dei Genitori, come seminario, poi la Tv per sensibilizzare milioni di persone  anche se superficialmente.  

 

3: Come valuta tali esperienze?

Nei seminari c’era il dialogo  con i  genitori. Alla televisione c’erano le domande, ma poche. Difficili, furono [....] una nuova formula. 

 

4: Quali sono altri interventi televisivi con lo scopo di sensibilizzare il pubblico sui problemi del disadattamento, simili all’esperienza di Classe Unica?

 

Entrano in discussione vari tentativi di  di vedere l’argomrento da parte  dei [...........]

E il grande problema  affrontato al livello [nel ] 1965 - 1970  per eliminare «l’esperienza» delle classi differenziali  tutte ancora in corso. 

 

5: Perché ha scelto di partecipare al comitato organizzativo del telegiornale dei ragazzi in onda ogni pomeriggio su RAIUNO alle ore 17.00?

 

E’ un grosso esperimento  che ha avuto un forte audience.

Danno notizie  come gli altri Tg  ma spiegando di più certe iniziative e poi trattano  problematiche strettamente  nel «giovane».

 

6: Dal 3 Febbraio 1998, è iniziato sul settimanale Gente un taccuino da Lei scritto dedicato alle problematiche quotidiane del Adisagio giovanile  attualmente in veloce aumento. Quali sono i criteri che sottostanno alla scelta delle problematiche affrontate?

 

Sviluppano argomenti sempre attuali riguardo la famiglia  e i rapporti  figlio -società.

 

7: Perché ha scelto di rivolgersi ai lettori di Gente?

Poichè il mio amico Rusconi  me lo ha offerto.

 

8: Sono scelte in base a delle richieste dei lettori oppure procedono secondo un ordine da Lei stabilito?

 

Sono solo mie scelte,  e nemmeno organiche un idea, dei  motivi, un articolo una violenza, una legge che non mi piace  ecc....

 

Domande riguardanti forme di disadattamento minori.

 

1: Negli ultimi anni, oltre alle forme di disadattamento causate da vere e propie patologie, danni organici celebrali, sono emerse nella società attuale, delle forme minori di disadattamento (mancanza di creatività ed interesse, forme varie di depressione, abulia ecc.). Quali sono le cause che sottostanno a queste forme di disagio?

 

Le forme attuali del disagio infantile [........] giovanile sono varie e multiformi spesso localizzati in paesi; è la notizia del vivere che porta a ragioni multiformi.

 

2: Cosa può fare la famiglia, la scuola, i entri extra scolastici di ritrovo ( gruppi scout, attività parrocchiali, centri sportivi, campi estivi ecc.) per attenuare ed eliminare queste forme di disagio?

 

I giovani hanno bisogno di nuove  e varie forme di  associazione   legati non solo  ai partiti ma a vari tipi di ideologie (religiose, ecologiche, sociali ecc....) ed a multiformi  tipi di volontariato.

 

3: Quali suggerimenti può dare alle famiglie, alle insegnanti, per evitare che il bambino vada incontro a forme minori di disadattamento?    

 

Sentire profondamente ed «assimilare» dentro la parola pedagogia.

 

 

 

 

 

IL PROFESSORE  BOLLEA  NEL  SUO  STUDIO  ROMANO

Lunedi 16 Novembre h. 12.00

(Quando entro nel portone il portiere mi chiama l’ascensore... non arriva ed io, nervosa e spazientita, mi accingo a salire le scale. Mi si dice che non riuscirei ad arrivare al quinto piano perché le scale non vi arrivano, ma solamente l’ascensore. Paziento ed esso giunge.

Arrivata al quinto suono e mi apre un domestico, vestito da domestico, credo filippino.

Mi trovo davanti una parete di vetro, da cui vedo un terrazzo; alla mia sinistra  c’è la casa, un ingresso ampio e solare, da una parte c’è una scala grande che scende e sul cui muro  celeste, troneggia un ritratto di signora, di fronte c’è un tavolino con cornici d’argento e tre busti di legno scuro (arte africana?), davanti a me intravedo il salotto. Sento stralci di dialogo familiare e così mi ritiro, per non sembrare indiscreta.

Alla mia destra si apre lo studio: una saletta d’attesa con un divano di pelle verde (che ha una scucitura al centro, in basso), una panchina di plastica bianca, le pareti bianche con disegni verdi, ed un quadro di un prato, con fiori arancio e gialli.

Mi siedo fino a che non arriva la sua segretaria che lo va a chiamare...

Aspetto una decina di minuti, e finalmente giunge il professore, un uomo alto, in completo di velluto marrone chiaro, una camicia bianca, un gilet marrone anch’esso ed una cravatta rossa, ha occhiali con spesse lenti.

Ci accomodiamo nel suo studio, luminoso, con pareti verdi, un lettino sulla destra, la finestra sulla sinistra, che dà sul terrazzo, e dietro la scrivania c’è una libreria a parete; vedo un libro di Séguin ed uno della Mead, oltre a tanti autori a me sconosciuti.

Sul tavolo che ci divide tante carte, un blocco e vari libri, fra cui uno sui frenastenici.

+  Io avevo anche delle domande da farle...

-  Faccia delle domande!

+  Innanzitutto mi interessava sapere come lei si è avvicinato alla Montessori; se c’è un  libro che l’ha colpita o è stato un avvicinamento attraverso qualcun’ altro.

-  Ma, l’avvicinamento alla Montessori è stato, diremo così... prima di tutto chi mi ha fatto conoscere la Montessori è stato Montesano. Io ho cominciato a collaborare con Montesano nel 1947-48, quando gli ho proposto la creazione della SIAME, così mi ha parlato della Montessori. Non soltanto: c’è il fatto che Montesano parecchi anni dopo, forse nel 1955-56, mi ha consegnato il carteggio suo con la Montessori. Che io ho perso. Però mi ricordo una frase di quando lei scriveva disperata, quando girava nel Nord Europa, per questa sua idea di recuperare i frenastenici, come si dicevano allora, ma nessuno la osservava... applicava il metodo di Séguin. Era disperata, mi sento inutile; e lui le rispondeva: no, insisti, perché chi semina raccoglie. Poi è venuto fuori che lei nel 1903 ha abbandonato la clinica psichiatrica di Roma, in cui era assistente di Sante de Sanctis, ed il posto suo effettivo l’ha preso il mio maestro, Cerletti. Poi dopo certo, conoscevo la Montessori, conoscevo il suo metodo, e a poco a poco, ho conosciuto anche la sua storia.

(Lungo silenzio)

Poi ho fatto una relazione, in cui  mi sono interessato di questo mondo, perché è un mondo così... molto interessante (parlo dell’Italia) con questa educazione dei frenastenici. Dal 1880 al 1905-6-7 c’è stato un interesse molto grande, perché la psichiatria si era distaccata un pò dall’antropologia scientifica, e cerca la sua strada, una strada pedagogica. In quel momento lì saltano fuori tre, quattro figure: uno che pochi conoscono che è Bonfigli, che era uno psichiatra che aveva diretto il manicomio di Ferrara, che allora si chiamavano così, e per primo aveva sostenuto il problema dell’ambiente nella genesi della pazzia. Poi era venuto a Roma, credo che abbia fatto anche un passaggio in clinica psichiatrica, ma poi è stato nominato direttore del manicomio di Roma. Qui ha preso subito come primario Montesano, che lascia subito la clinica psichiatrica.

Montesano e Montessori si incontrano nell’istituto di igiene tenuto da Celli. Montesano è un pò più anziano; Montessori viene a Roma e vuole iscriversi a Medicina, allora parlare con i ministri era un pò più semplice,  ma il ministro Bacelli che era un clinico... ma lei sa già tutto!?

+ No, è che da tutte le interviste che ho fatto, sono venuti a me tutti tasselli che alla fine creano...

- Alcuni hanno preso anche qualche tassello dalla mia relazione!

Dicevo che abbandonano Celli e vanno in clinica psichiatrica, dove Sante de Sanctis era già lì; Montesano diventa subito primario, e Bonfigli crea subito l’istituto clinico- pedagogico del manicomio. Montessori rimane in clinica psichiatrica, e ci rimarrà fino al 1903, però visita i malati di insufficienza  mentale dell’istituto, non solo. Poi ad un certo punto... difficile dirlo; certamente nel 1884 conosce la prima e la seconda relazione di Itàrd. La prima perché è stata pubblicata introvabile, e l’aveva ripubblicata Bruneville; ma il libro di Séguin lo trova qualche anno prima, non so quando, ma di sicuro prima: si innamora di Séguin  Lo traduce in italiano, anzi dice in bella calligrafia, come se fosse un libro dei Benedettini... Poi va come uditrice al congresso di Torino, il congresso medico- pedagogico. Venerdì devo andare a Torino anche io, e devo fare una relazione: A Itàrd, Séguin, Montessori, perché è l’anniversario dei cento anni, che poi veramente era a Settembre. I cento anni del famoso primo congresso dei pedagogisti italiani, che si tenne a Torino. Dunque lei va lì come uditrice mandata da Bacelli; il perché Bacelli mandi la Montessori è perché lei era una grande parlatrice: un anno prima, nel 1897, era già andata al congresso internazionale femminista di Berlino, con una bellissima relazione. Quindi la mandano come uditrice ; ma a Torino, durante il congresso, un anarchico italiano uccide Sissi. Ed era il terzo regicidio fatto da anarchici italiani, allora tutta la stampa, lei compresa, abbandona il congresso dicendo che i pedagogisti non sanno educare. In quel momento si alza l’uditrice e fa un discorso sul fatto che si deve rieducare, che il mondo pedagogico deve svegliarsi e rieducare. Improvvisa la sua idea, che già aveva, tutta la stampa nazionale, anche quella medica, lanciano questa idea della Montessori. Ecco che Bacelli le da l’incarico di preparare gli insegnanti per due anni, in via dei Volsci, fa questo laboratorio, in cui descrive il suo metodo. Gira per l’Europa, sente parlare di Seguin, che nessuno conosce: il suo metodo. Nessuno lo conosce, per il semplice fatto che non avevano costruito i suoi pezzi pedagogici. Ed è bello perché rileggendo la mia prefazione, di quando ho tradotto il libro di Séguin in Italia, praticamente l’arcata biografica, come allora si chiamava, di Séguin, della Montessori e anche di de Sanctis, sono tutte sulla medesima linea: prima l’igiene, poi la visita somatica e la possibilità delle prime manifestazioni...il che vuol dire che questi disgraziati erano prima lasciati andare, sia dalle famiglie che dalle istituzioni.        

Così in due anni lei approfondisce il metodo di Séguin, realizzandolo praticamente, dalla mattina alla sera stancandosi molto, piena di incertezze, di illusioni e delusioni, migliora il metodo per tutto il settore della lettura e della scrittura (questa parte è sua). Capisce che a poco a poco ha bisogno di avere delle profonde nozioni di pedagogia: ecco che diventa pedagogista. Ma diventando pedagogista, ricorda la fine del libro di Séguin, quando lui prevede che il suo metodo diventerà una guida pedagogica, fisiologica-pedagogica per i normali. Ed ecco che quasi senza ricordarsi viene una idea, alla ormai pedagogista Montessori, Ase questo metodo è valido per gli insufficienti, perché non può essere valido per i normali?

Ecco, per un insieme di circostanze, le offrono una scuola a S.Lorenzo, in via dei Marsi: nel 1907 inizia la sua carriera nella scuola normale. E di lì tutto il resto. Ma è la sua storia intima che io non ho potuto analizzare in un punto solo... Lei... Montesano e la Montessori, si amano, nasce il figlio, pochi mesi prima di Torino, e lei lo manda a balia e questo figlio va nelle Marche, di propietà di Montesano. Non erano sposati. Due mesi dopo lei va a Torino e fa questo lancio. Credo che vada a visitare il figlio, che rimane lì per molti anni. Ma loro due non si sposano. Perché? Mi risulta, parlando con un pronipote di Montesano...intanto poi il figlio viene riconosciuto da Montesano, perché il figlio si chiama Montesano, e le nipoti della Montessori sono Montesano. Le nipoti della Montessori mi adorano...perché io sono riuscito a dargli la fotografia della loro nonna nel 1901, quando c’era la scolaresca...c’era Montesano e la giovane Montessori, molto carina, bella, intelligente, prepotente: un caratteraccio! Montesano buono, delicato...

Il figlio ha praticato un pò il padre, ma poi  c’è un distacco completo che è del 1912. Lì c’è n distacco tra Montesano e la Montessori. Perché? E’ il punto interrogativo che non riesco a risolvere, perché non c’è  più nessuno che me lo dica: il pronipote di Montesano non lo sa, è un segreto che si è portato con sè il figlio di Montesano. Da allora Montesano non ha più visto il figlio, credo...qualche cosa del genere. Però fino alla morte, tutte le volte che la Montessori veniva a Roma, questo non l’ho scritto nella relazione, all’albergo, sul suo tavolino da notte c’era una rosa rossa. Quando Montesano parlava della Montessori, era qualche cosa che gli faceva ancora male, lo faceva soffrire. Ed è stata anche una tragedia. Montesano è morto nel 1960. La Montessori nel ‘52: tutti questi anni c’è stato un desiderio del figlio di rivedere Montesano, perché non è andato prima? Non lo so! Che cosa è successo? Sta di fatto che lui abitava in America, e nel 1960 doveva presiedere un congresso e fare una grossa relazione a New York; aveva già tutto predisposto, aveva finalmente deciso che dopo questo convegno sarebbe andato a trovare il padre. Alla vigilia del congresso riceve la notizia che il padre è morto. Manda all’aria il congresso, non si presenta, ed è disperato. Quindi c’è a fianco di questo enorme lavoro, questo figlio che ha seguito in parte la mamma, preso da questa donna, che non ha avuta altri uomini.

+ Montesano si è sposato?

- Montesano si è sposato; ha avuto non so se due o tre figli. Io ho conosciuto le nipoti di Montesano. Ecco questa è la tragedia di questa famiglia. Io so che il 1912 è stato un anno decisivo di questo distacco, anche le nipoti sanno di questo, ma non sanno il perché. Ma ora mi faccia le sue domande, oh!

+ A me interesserebbe capire lei, attualmente, con il lavoro che ha fatto come si rapporta al mondo Montessori, alle persone che lavorano nell’ambito Montessori.

- Non ho un rapporto diretto con il mondo Montessori di oggi. Questo mondo ha modificato in parte...la Montessori ha scoperto il rapporto empatico ( che aveva ripreso da Séguin) ed il metodo clinico dell’individuazione del rapporto educatore-bambino, però aveva sottovalutato il valore strutturante del gruppo, individui che lavorano per propio conto sul materiale.

(Prende il blocco con i fogli, e comincia a fare dei grafici, dei disegni ed a scrivere anche le parole che usa, servendosi di una penna omaggio della TECNOCASA, verde e bianca).

C’è il rapporto tra l’individuo e la realtà esterna, scelta individuale...e l’educatore segue, intervenendo come direttiva, e poi lasciando fare. Però a poco a poco, contrariamente ad altri metodi che valorizzavano l’aspetto strutturante del gruppo. Mi spiego? Oggi noi siamo più portati a valorizzare questa parte. E’ che da questa parte, influendo reciprocamente gli uni sugli altri, si facilita il rapporto montessoriano; io e l’oggetto. Quindi è chiaro che il Metodo Montessori è più ricco, perché valorizza l’azione strutturante del gruppo, però facilita la crescita della propia identità. Ecco perché ha avuto grande espansione in America, dove c’è il self-man, però c’è lo spirito di gruppo dei pionieri, che di fronte alle difficoltà si riuniscono.  Capito? E’ per questi due elementi che è andato più avanti in America, in India, in paesi sottosviluppati, che non in paesi troppo individualisti, come l’Italia; ha attecchito come rapporto individuale, ma la pedagogia aveva fatto oramai dei passi avanti. Dico questo perché il Metodo Montessoriano si è modificato via , anche negli anni; oggi ha tutti i vantaggi dell’intuizione montessoriana o di Séguin, di questo sviluppo fisiologico dei sensi, fino alla nozione e dalla nozione all’idea; perché tra Séguin e la Montessori, la Montessori scopre di più la motivazione, che era intuita da Séguin. Lei ha fatto uno sbaglio vicino, quasi uguale a quello di Itàrd: Itàrd era un sensista, lo sviluppo dei sensi avrebbe creato l’intelligenza. Séguin dice che lo sviluppo dei sensi non crea l’intelligenza, c’è un passaggio cioè il contatto con la realtà che crea la nozione da cui viene l’idea; tra la nozione e l’idea si sviluppa la volontà e quindi lo spirito morale, e con questa storia dello spirito morale non capisce che fa un salto logico senza dimostrarlo, e mantiene questa posizione associazionistica di Itard. Cosa c’è tra nozione ed idea? Nasce la rappresentazione, non è la percezione che si ha dal rapporto con la realtà e la possibilità di ripetere questa realtà senza l’oggetto, vale a dire giungere alla rappresentazione e da qui l’idea c’e poi il confronto tra idee e si sviluppa l’intelligenza. Questa seconda parte in cui c’è l’elemento motivazionale che fa andare avanti il passaggio tra la percezione e la rappresentazione, questo contatto, lì lui si è perso; lo dice come se il valore e la volontà creassero l’etica, lo spirito morale, vale a dire il rapporto con l’altro. Mi spiego? Non pensando poi che tra la rappresentazione e la percezione c’è un’altra cosa importante: l’affettività. Quando si giunge alla nozione,  e anche alla rappresentazione, c’è un legame, un legame di piacere-dispiacere, di fare-non fare, questo desiderio istintivo della ripetizione di una nozione piacevole o no, che è l’affetto, l’affettività cioè l’elemento motivazionale tra la percezione dei sensi e la vita.  ( si apre la porta ma viene richiusa subito dopo)

+ Lei quindi attualmente non ha rapporti con l’ambito Montessori?

- No ho cercato di evitare, perché il problema...Sante de Sanctis è andato più avanti sul piano clinico in psichiatria infantile, va bene? Però sa come visitare i malati, sa lo studio  psicologico del caso singolo, ma non fa mai il salto pedagogico, non indica mai le modalità pedagogiche per cui le sue idee delle necessità del bambino si traducono in azioni pedagogiche.  Rimane neuropsichiatra infantile. La Montessori ha una sua intuizione, e diventa pedagogista: è un medico che è diventato pedagogista, come Decroly; Séguin da pedagogista è diventato medico. Sante de Sanctis è rimasto medico, psicologo, ed ha portato avanti la pedagogia, e sempre, in tutte le cose indica le caratteristiche psicologiche dell’educatore, ma non da mai il mezzo. Mi spiego? Cosa deve fare, quale il materiale da adoperare? Questa è la differenza sostanziale: lei è pedagogista, questo anzi lo ha dichiarato. Séguin da pedagogista ha bisogno di notizie mediche e diventa medico; il suo metodo fisiologico non è altro che la...modalità per sviluppare tutti quanti i sensi cominciando dalla motilità, dalla vista, dall’udito, alla sensazione tattile, alla psicomotricità con una spiegazione del tutto moderna; adopera il gioco anticipando Claparede e descrive i movimenti delle mani come i filmati di Gesel.  Quindi è un enorme osservatore ed ha tutti i mezzi per sviluppare tutti i sensi, uno per uno, poi in combutta tra loro. E’affascinante il libro, tenendo anche conto di tutte le difficoltà: spende  duecento pagine per distinguere la sua concezione di idiozia dalle altre. Allora era un tale guazzabuglio di definizioni  tenga presente che nel caso del selvaggio dell’Aveyron, Pinel, grande psichiatra, aveva detto che era un idiota irrecuperabile, Itàrd riesce a dimostrare che è recuperabile: per primo fa capire come la deprivazione di contatti umani può rendere un individuo così. Esquirol dice che l’idiozia è un disturbo dell’intelligenza. Séguin dice che l’idiozia è una malattia che va curata come tale. Lì discute lungamente: quella parte è noiosissima, ma si capisce.

Proprio da arrabbiato, Sante de Sanctis, in una relazione che fa nel 1916, si vede che era arrabbiato basta, sostiene che si è rotto le scatole di queste suddivisioni: idiozia, imbecillità, ritardo, recuperabilità, non recuperabilità. Basta, lui dice che da quel momento userà la parola frenastenici, che è una terminologia nostra italiana, per tutti una rete intellettiva deficitaria. Allora taglia la testa al toro!

Però Séguin ha delle intuizioni ma lei vuole parlare della Montessori!? 

+No, questo discorso mi pare molto importante.

- Séguin ha delle intuizioni Io ho definito poi l’oligofrenico come personalità oligofrenica, poi dopo tanti anni vado a scoprire che Séguin lo aveva intuito cento anni prima di me: lui dimostra che era un idios, vale a dire un isolato, isolato perché a tempo non ha approfittato dello schema educativo della specie uomo, che fa che l’idios diventi un essere sociale, quindi i genitori lo escludono, la società lo esclude, i medici lo escludono, perché è complicato interrogare un insufficiente mentale ( lascialo perdere, dagli qualche medicina) e lui diventa sempre più isolato ed idios. Quindi l’insufficienza mentale è prima di tutto un disturbo della comunicazione, dice Bollea, ma lui lo aveva già detto tanti anni prima.         

Ti colpisce come un uomo, veramente quando ama la sua professione, ama l’altro e crea un rapporto empatico con l’altro, ha delle previsioni molto belle. Io credo che forse Ippocrate era la stessa cosa; vale a dire che ci sono delle verità assolute, che sono state dette in vario modo. Alle volte hai una soddisfazione, che è anche una specie di umiltà, quando tu trovi che uno prima di te ha avuto questa intuizione: una forma di rassicurazione. Per  questo amo Séguin, amo anche la Montessori: li considero tutti e due uguali, perché la Montessori cinquanta anni dopo spiega di più certe cose.

-Ho finito?

+Posso chiederle ancora una cosa? Due cose!

-Avanti, ha tre minuti di tempo!

+E’ vero che la Montessori ha avuto degli aiuti dagli ambienti massonici, ai suoi inizi?

-Non mi risulta, non mi risulta. La Montessori è stata boicottata in parte dalla Chiesa cattolica, invece, perché puntava di più sul metodo Agazzi, in più lei era profondamente credente. Non sarebbe stata neanche accettata in India in quel modo, o in altri posti.

( Silenzio)

-Poi non era una che si è arricchita.

+La Montessori crea questo istituto di maestre, nello stesso anno in cui si fonda il Partito Socialista ItalianoYdirei che è più sul lato socialistico. Tenga presente che Séguin era un cristiano sociale, era della sinistra democristiana, era un Dossetti, non un Fanfani o un Pomicino, lo era quando Napoleone  terzo è diventato imperatore.

-Mi spiego?

Lui come cristiano sociale  voleva il principio della rivoluzione mista: è andato esule, era compagno di scuola di Napoleone terzo in America, e quei cretini di americani lo hanno fatto aspettare due anni per la convalida della sua laurea in medicina! Poi lui è stato il fondatore di tutte le scuole lo hanno riconosciuto dopo. Ma non ha avuto tanta gloria, tanta fama; si può dire che ha avuto più fama improvvisamente Itàrd, che dopo la prima relazione l’imperatore russo gli offre un posto enorme all’Università di Mosca. E’ perché lui era  prepotente, assolutista; lui era l’intelligenza, non poteva soffrire gli altri, era un caratteraccio!

+Un’ultima cosa: qual’è la sua nozione di natura umana?

-MaYio ritengo che l’uomo deve essere, prevalentemente sul problema della conoscenza, umile come Dante. Penso che conoscere l’incommensurabile che è dentro di noi, o l’incommensurabile che è sopra di noi è la stessa  cosa.  Però sono profondamente convinto che l’uomo solo è un’astrazione: esiste il gruppo perché esiste la coppia.

-Mi spiego?

-Oggi come oggi la civiltà è ancora fondata sull’undicesimo comandamento dell’ultima cena: ama il prossimo tuo come te stesso. Quindi esiste io ed esiste l’altro, ed io sono profondamente convinto di questo.

-Mi spiego?

-Vede, è questo quello che domina in tutto il mondo. Ci sono due grosse religioni che dominano in tutto il mondo: il confucianesimo, e c’è il cristianesimo e l’islam, insieme. Confucio, il principe, deve vedere come sta la gente, deve organizzare amministrativamente il suo popolo, affinché tutti siano contenti.

-Mi spiego?

-Il principe deve dare tutto all’altro.

-Vale a dire che il giapponese perde la sua identità per il gruppo: può andare fino alla morte, ma il gruppo deve vincere, lui può anche morire.

-Ed è l’undicesimo comandamento!

-Praticamente l’umanità è  fondata su io e l’altro, l’uomo è solo un’assurdità filosofica, ed è lì che io fondo la vera natura dell’uomo, che è nel sociale. E la mia vita è questo, ed io sono stato coerente; ho scelto la psichiatria infantile perché nel dopoguerra, di fronte alle difficoltà, alle cose brutte che hai visto e quelle poche buone che hai fatto, la psichiatria infantile era per me la ricerca scientifica e il sociale: per questo l’ho scelta. Allora era una cosa confusa, ma ben presto è diventata chiara. Non volevo dedicarmi alla politica in senso politico, ma nel senso della polis greca.

-Come suo nonno Puccini era un uomo di sinistra, che aveva con me qualche elemento di era uno che aveva superato la politica di quel momento del Partito Comunista Italiano, non quella che aveva nella testa Togliatti, era la politica che si doveva fare durante la guerra fredda.

-Di queste cose voi non sapete nulla!

+Non c’eravamo: per noi è storia!

-E’ logico.  

-Ognuno di noi apportava una determinata caratteristica. Puccini era uno che colloquiava, non era un violento o un estremista. Vede l’evoluzione come la vedevo io

(Silenzio)

-Però la vera intelligentia di sinistra non ha fato sbagli: non è stata egoista, poi si è annacquata.

-Comunque io sono così: io e l’altro. Infatti la mia facilità di mettermi in contatto con i bambini deriva proprio a questo: io mi destrutturo, mi metto al livello di comunicazione del bambino, ed allora godo. Poi lotto, siamo dì’accordo che lotto, me la prendo con i miei allievi, sempre in funzione di un rapporto.

-Capito?

Vorrei avere trenta anni di meno per fare certe cose le penso, sono piuttosto ottimista del futuro, ce l=ho con la stampa che se la prende tanto con i giovani

( Strappa il foglio che è sul blocco, perché oramai è pieno di schemi e disegni e parole abbozzate)

-Brava, fa la tesi!

-Si laurea in ?

+Pedagogia e antropologia

Indice Analitico

 

A:

 

Adattamento       45, 77, 78, 81, 86, 91, 93, 96, 99,103, 114, 116, 141, 150, 153, 191, 226, 278

 

Ambiente                  43, 48, 52, 56, 75, 78, 82, 90, 99, 103, 109, 110, 122, 123, 134, 161, 173, 182, 209                                                                    

Amore                                                                                                                                                            163, 226                                                    

 

Anormale                                                                                                               19 , 56, 62, 71, 73, 77

 

 

Ansia                                                                                                                                                 116

 

 

Antinomia                                                                                                      91, 102, 105, 106, 108, 114

dualismo             85,86, 88

 

Apprendimento                   53, 56, 95, 168, 174, 178, 206

 

Ascolto                                                                                                                            27, 59, 162, 166, 178

 

Azione                                                                                                                                         155, 191, 268 

 

B:

 

Bambino                                                                                                         23, 24, 44, 53, 75, 98, 99, 100, 103, 104, 110, 123, 129, 172, 183, 212

 

C:

Cambiamento                53, 70, 89, 101, 104, 111

culturale                  1,5, 64, 201,

 

Carattere                                                                                                                                   76, 96, 107, 108

 

Carenza                                                                                                                                                   129, 131

 

Codice normativo                                                    192, 213

 

Comportamento    29, 40 ,62, 71, 82, 105, 107, 119, 132,             141,142, 144, 155, 157, 180, 268,

motivazione                                                                  83, 84

 

Comunicazione                                                 49, 54, 75

 

mezzi di comunicazione                                                              217, 219

 

Condizionamento                          88, 89, 90, 182, 215, 216

D:

Dialogo                                                                                                           27, 59, 148, 149, 175, 176, 179,     189, 246,  263

Disadattamento                      80, 113, 138, 140, 196, 254

 

Disadattato                                                                                                                            34, 110, 240

degenerato    74

 

Disagio                                                                                                                           47, 222, 240, 254, 255

 

Divulgazione                                        23, 28, 32

 

E:

 

Educazione                                                                                  40-44, 46, 50-53, 145, 146, 160, 2223,     236, 241, 271

educabilità    34, 36, -38, 46, 48, 55, 59, 60, 161,      184, 196

processo educativo                 147, 150, 156, 165, 225, 248, 269

schema educativo                  21, 153, 221

 

Equilibrio                                                                                    94, 96, 102, 120, 121, 178, 203, 210,      228

squilibrio    93

 

Esempio                                                                                                              157, 158, 160, 167, 203

 

 

F:

Famiglia                                                                                                               184, 186, 195, 196, 224, 246

«clima familiare»          185, 195

nucleo familiare          133

 

Fattori                                                                                                                          124, 126, 128, 132, 139

 

Formazione                                                                                                                                           99

valenza formativa           95

 

G:

Genitori                                                                                                                                    59, 60, 123, 208

figure genitoriale    100, 158, 186, 274

 

Gesto                                                                                                                          167, 168, 174, 175

 

 

 

 

I:

 

Identificazione      99, 100, 157, 158, 191, 193, 194, 227

 

Idiota                                                                                                                                        61, 62, 69

idiozia                                                                                                      65-67, 69

 

Igiene                                                                                                                                                  234

«Igiene mentale»    230, 232, 237, 238, 252

 

Imitazione                                                                                                            159, 160, 161, 167, 168

Infanzia                                                                                                                               4, 23, 150, 171, 261

«Pianeta Infanzia»    21, 22

 

Inserimento                                                                                                                                   94, 243

 

Insufficiente mentale                                     33-35, 39, 41, 119

 

Interesse                                                                                                                                9, 19, 36, 204, 268

 

Intervento                                                                                    38, 39, 45, 52, 54, 56, 73, 231, 236, 239,     244, 245, 271

L:

 

Linguaggio                                                                                                                    11, 188, 246, 287

 

M:

Madre                                                                                                                                           187, 194, 249

figura materna    187

 

Metodo                                                                                                           45, 46, 49-51, 56, 73, 113, 171,      233, 256,  267

equipé                                                                                                      258

studio pluridimensionale    257, 258

 

N:

 

Natura                                                                                                                                                                      24

ecologia 4, 26

 

Neuropsichiatria                              43, 139, 237, 238, 289

campo d’azione                     3

organizzazione    13

 

Normalizzazione                                     53, 56, 2241, 242

norma                                                                                                      62, 63, 75, 114, 120

normalità    77, 119

 

O:

Osservazione                                            72, 164

 

P:

Padre                                                                                          58, 98, 177, 187, 190, 192-194, 249,         276

 

Patologia                                                                                                                                                      127

 

Pedagogia                                                                                   26-28, 31, 32, 35, 42, 63, 71, 252, 264,     265, 270, 273, 276, 285

Personalità                                                                                             82, 84, 91, 93, 102, 107, 172, 174,             215,

struttura    89, 107, 114, 118, 121

 

Prevenzione                                                                                      9, 16, 166, 231, 235, 236, 243, 246

 

Principio                                                                                                                                86, 87, 112

 

Psichiatria                                                                                                                                     63, 256

 

Psicologia                                                                                                                    42, 43, 46, 63, 72vv

R:

Rapporto                                                                                                        25, 26, 28, 48, 60, 69, 81, 83, 85, 97, 122, 131, 176, 192, 197, 205, 208,  210, 212, 221, 227, 250, 275

compatibilità    188, 195

interazione    54, 55, 78, 90, 181, 215, 229

legame                                                                                                     11, 12

 

Recupero                                                                                    9, 10, 16, 33, 43, 45, 47, 68, 113, 235,      239, 255, 260

 

 

 

S:

Scuola                                                                                                             4, 18, 42, 100, 179, 199, 200-202,    224

coetanei    210

integrazione   199, 201, 204, 205

scolarizzazione    39, 204, 241

«Scuola dei Genitori»   25, 261, 262

 

Significato                                                                                                                                        34, 64, 148

definizione     68, 70, 76, 79, 149, 151, 152

 

Società                                                                                                                              143, 182, 211, 214, 217,       220, 272

sociale                                                                                                                              79, 93, 101, 113, 135, 251

 

Sviluppo                                                                                                                                                                                      94, 102

evoluzione   65

maturazione 126

 

T:

Tendenza                                           109 -111, 118

 

V:

Volontà                                                                                                                                                                                      49, 50, 69

 

 

                                      

 

 

 

  Indice dei nomi 1                                               

Adler A.                         84                                                           

Albertini                           8                   

Bartoleschi B. 17, 254

Belhomme             66

Berrini M.              254

Binet A.                          71

Bini L.                            7

Bollea G.                        2, 3, 4, 8, 9, 10, 11, 13, 14, 15, 16,  21, 24, 25, 26,  28, 33, 34, 35, 36, 37, 38, 41, 44, 46, 48, 49, 50,  51, 53, 54, 55, 56, 57, 58, 59, 60, 61, 69, 76,78, 79, 80, 81, 85, 86, 90, 93, 94, 96, 97, 115, 116,  118, 120, 122, 123, 124, 125, 126, 135, 139, 143, 145, 148, 149, 150, 155, 162, 166, 167, 175, 176, 179, 180, 181, 182, 183, 187, 188, 189, 190, 195, 196, 197, 198, 199,  201, 202, 203, 204, 207,  209, 212, 213, 214, 216, 218, 219, 221, 222, 223, 224, 225, 226, 228, 230, 232, 235, 238, 243, 244, 246, 247, 249, 250, 251, 253, 255, 257, 258, 259, 264, 266, 272,  273, 274, 275, 276, 278, 279, 280, 282, 283, 284, 285, 286, 287,  289, 290        

Bowlby J.              129, 156

Cerletti U.              7, 8, 12, 47

Claparédé E. 271, 281

Collodi C.             289

Corberi                          8

Cullén                            66

De Amicis E. 289

De Bartolomeis F. 70, 85

Decroly O.            33, 35, 36, 41,42,43, 51,52, 56, 57, 58, 65, 70,  71, 72, 73, 78

De Sanctis C. 7, 234

De Sanctis S. 41, 43- 47, 234

De Saussure F. 64

Dewey  J.                       265 - 269, 278 - 280

Durkheim E. 270, 271

Esquirol J. E. 33, 40, 66, 67

Foderé F.E. 66

Freud   S.                       83, 84

Gobetti P.             5

Gozzano G.           16

Heuyer G.             12

Horney K.             84

Itàrd J. M. G. 40, 41, 46, 74

Kilpatrick W. H. 265, 266, 267

Lugaro E.                       6

Makarenko A.S. 224, 270, 272, 282

Montesano G. 3, 7, 10, 11, 19, 36, 45

Montessori M. 3, 11, 33, 35, 41, 43, 46, 47, 52, 53, 56, 57, 58, 59, 65, 74, 75, 241, 242, 270 

Ossicini A.            254

Parker F.W.           266

Piaget J.                         82, 91, 266, 271, 280, 281

Pinel P.                          41, 66

Porta C.                                                     254                       

Rogers C.                      85

Robertson             129

Sciamannna           7

Simon T.                        71

Séguin E.                      12, 19, 33, 34, 35, 36, 40, 41, 43, 46, 47, 49, 50, 51, 55, 57,                  58, 59, 61, 65, 66, 67, 68, 69, 73, 74,  78, 79, 241

Socrate                                             148             

Spitz R. A.            129

Traversa C.           17, 254

Tolstoj L.              270

Venturini M. 9, 16, 253, 276

 

Siglario

 

AL.VI: Associazione alberi per La Vita

C.M.P.P. : Centri Medico Psico Pedagogico

O.N.M.I. : Opera Nazionale Maternità ed Infanzia

S.E.P.E.G. : Semaines Internationales d’etudes pour l’Enfance victime de la Guerre

S.I.A.M.E.: Società Italiana di Assistenza Medico- pedagogica ai Minorati psichici dell’età Evolutiva

 

 

 

 

 

 

 

BIBLIOGRAFIA2

 

1. Opere, interventi pubblici, interviste, scritture su quotidiani e periodici

·                   Giovanni Bollea,  «Relazione del Convegno Internazionale di Roma sui centri  medico-pedagogici»(in coll. con M.Venturini). « Il Lavoro Neuropsichiatrico»  vol. I, n.3, 1947

 

 

·                   Giovanni Bollea,  I centri medico psicopedagogici e  l’organizzazione dell’igiene mentale infantile in Italia. ed. M.C.C. Roma 1949

 

·                   Giovanni Bollea, I Centri Medico-Psico-Pedagogici, e il problema dei caratteriali . Relazione al I Convegno Regionale della SIAME ( Palermo, dicembre 1949 )

 

·                   Giovanni Bollea,  L'ansia quale manifestazione di una disarmonica integrazione psichica  (in coll. con A. Muratori) «Il Lavoro Neuropsichiatrico» vol. VIII, 2, 1951

 

·                   Giovanni Bollea,  La delinquenza minorile. Profilassi e schema organizzaztivo di studio. «Infanzia anormale», n. 2, 1953    

 

·                   Giovanni Bollea,  Il problematico inquadramento nosografico del ragazzo difficile Relazione al Convegno Piemontese sui ragazzi difficili (Torino, ottobre 1954). « Minerva Medica», XLVI, n.2, 1955

 

·                   Giovanni Bollea,  Il mancinismo I Corso per la Scuola dei Genitori (Roma, 1954). «Infanzia Anormale», n.10,  1955

 

·                   Giovanni Bollea,  L’irregolarità della condotta: problema diagnostico. Relazione al Convegno Nazionale sui problemi dell’irregolarità della condotta in età evolutiva (Roma, gennaio, 1956). «Infanzia anormale», n.16, 1956

 

·                   Giovanni Bollea,  La scuola dei genitori in Italia « Infanzia Anormale», n.19, 1956

 

·                   Giovanni Bollea,  Il padre nella famiglia moderna Lezione tenuta al III Corso della Scuola dei Genitori (Roma, maggio, 1956).

«Infanzia Anormale», n.22, 1957

 

·                   Giovanni Bollea,  I genitori e la scuola Corso di  « Lezioni ai genitori »  edito a cura della Scuola dei Genitori presso il Consultorio M.P.P. dell’O.N.M.I. di Reggio Emilia maggio 1957                                                                 

 

·                   Giovanni Bollea, Benedetto Bartoleschi, Per una nuova impostazione nella Scuola dei Genitori « Infanzia Anormale», n.23, 1957

 

·                   Giovanni Bollea,  Problemi generali di psicopatologia delle anormalità  del comportamento nell’età evolutiva Relazione al XXVII Congresso Nazionale della Società Italiana di Neurologia (Genova, 4-6 aprile 1959). «Infanzia Anormale»  n.33,  1959

 

·                   Giovanni Bollea,  Evoluzione storica ed attualità della neuropsichiatria infantile  «Infanzia Anormale», n.37, 1960

 

·                   Giovanni Bollea, Nuove vedute sulla organizzazione dell'igiene mentale infantile in Italia. «Igiene Mentale», IV, 1,  1960

 

·                   Giovanni Bollea,  Sviluppo storico e problematica delle Scuole dei genitori in Italia «Infanzia Anormale», n.37, 1960

 

·                   Giovanni Bollea, Dispense di Neuropsichiatria infantile. Roma, 1961

 

·                   Giovanni Bollea, Giuseppe Montesano « Infanzia Anormale», n.44, 1961

 

·                   Giovanni Bollea, La società familiare e lo sviluppo della personalità, Il gioco, L’importanza formativa del padre, L’adattamento alla società scolastica elementare - Le crisi evolutive. « Igiene Mentale»,  E.R.I. 1961   

 

·                   Giovanni Bollea, Prepubertà disadattamento scolastico e scuola unica «Minerva Medicopsicologica», III, 1, 1962

 

·                   Giovanni Bollea,   Concetto di scuola integrale elementare e dell’obbligo. Atti del IV Congresso Internazionale di Igiene e Medicina Scolastica e Universitaria (Roma, 27-31 maggio 1963).

 

·                   Giovanni Bollea, Ugo Cerletti « Infanzia Anormale», n.54, 1963

                  

·                   Giovanni Bollea,  Disadattati e minorati a cura e con introduzione di G.Bollea. Collana « Biblioteca di cultura moderna » n°594. Bari, Laterza, 1964

 

·                   Giovanni Bollea,  Introduzione critica a: «La scuola e il disadattamento sociale giovanile» Documento elaborato dalla Segreteria dell’UNESCO. Collana « Archivio Didattico », serie VII, « Scuola e Famiglia» n.8, Roma 1964

 

·                   Giovanni Bollea, Le pedagogie speciali nelle scuole elementari. Annali della

Pubblica Istruzione, anno II, Nuova Serie, n° 11/12 , 1964

 

·                   Giovanni Bollea,  Finalità e compiti della neuropsichiatria infantile. Prolusione  all’insegnamento di Neuropsichiatria infantile, tenuta nell’Aula Magna dell’università di Roma il 30 maggio 1967. « La Riforma Medica», n.46, 1967.

«Infanzia Anormale», 79/80, 1967

 

·                   Giovanni Bollea,  Strutturazione oligofrenica e strutturazione psicotica Relazione al III Congresso Europeo di Pedopsichiatria  (Wiesbaden, 4-9 maggio 1967).

«Infanzia Anormale», n.82, 1967

 

·                   Giovanni Bollea,  Il bambino nella società di oggi. Relazione al I Congresso Nazionale di Pediatria Sociale (Firenze, 9-10 dicembre 1967). «Rivista di clinica Pediatrica» vol. LXXXI, 1, 1968

 

·                   Giovanni Bollea, Una proposta per la riforma del piano di studio per la Facoltà di Medicina. « Minerva Medica»,  LIX, n. 85, 1968

 

·                   Giovanni Bollea,  Il Disadattamento dell’Insufficiente Mentale introduzione al libro di Eduard Séguin L’idiota Roma, Armando, 1970    

 

·                   Giovanni Bollea, Psicologia ed educazione del bambino introduzione al libro di Wallon. Collana « Problemi di Psicologia » Firenze, La Nuova Italia, 1971  

 

·                   Giovanni Bollea , Baldwin Alfred, teorie dello sviluppo infantile  introduzione al libro di Jean Piaget, Roma, Franco Angeli, 1971

 

·                   Giovanni Bollea, Fisionomia e spazio operativo della neuropsichiatria infantile oggi in Italia. Relazione al IV Congresso Nazionale di Neuropsichiatria Infantile (Genova, 9-11 maggio 1971).Quaderni di Neuropsichiatria Infantile n°17, vol. I, 1972

 

·                   Giovanni Bollea, Disadattamento infantile  e realtà locali Atti del Convegno di studio della S.I.N.P.I. sezione Lazio Aprutina (Chieti 19 gennaio 1974). «Maternità ed Infanzia», n.6, 1975

 

·                   Giovanni Bollea, Psichiatria dell'Età Evolutiva. fattori etiopatogenetici Roma, Bulzoni , 1979

 

·                   Giovanni Bollea,  Psichiatria dell'Età Evolutiva sindromi psicorganiche post-natali Roma, Bulzoni 1980

 

·                   Giovanni Bollea, Giudici psicologi e delinquenza giovanile - 3° parte: «la risposta sociale e istituzionale alla devianza giovanile: analisi e ruoli degli operatori della Giustizia» . Collana « Psicologia Sociale clinica della devianza » .Milano, Giuffrè, 1982

 

·                   Giovanni Bollea, Il convegno annuale del WWF Italia « AL.VI. Informa», anno 2, n.2,  II sem. 1994

 

·                   Giovanni Bollea,  Bambini ed ecologia «AL.VI.  Informa»  anno 2,  n. 2  II sem. 1994

 

·                   Giovanni Bollea,  Le madri non sbagliano mai  Milano, Serie Bianca Feltrinelli, 1995

 

·                   Eugenio Manca,  Solo il Terzo mondo ci salverà Intervista a Giovanni Bollea  « l'Unità», 12 agosto 1995

 

·                   Cristiana Pulcinelli,  Italia dai fiducia ai tuoi giovani Intervista a Giovanni Bollea «l’Unità», 26 marzo 1996

 

·                   Cinzia Romano,  Nel nome del padre intervista a Giovanni Bollea  « l'Unità», 12 aprile 1996

 

·                   Giovanni Bollea, Gabriel Levi,  Frontiere del disagio dei bambini « l'Unità», 20 aprile 1996

 

·                   Carlo Chianura,  Alcool velocità e droga; ecco i suicidi nascosti, rischia un minore su 10 «La Repubblica», 26 aprile 1996   

 

·                   Vittorio Roidi,  Un ragazzo si uccide. Dice Bollea: educazione vuol dire saper ascoltare « il Messaggero», 20 maggio 1996

 

·                   Stefano Mannucci,  Bollea: non fate pubblicità ai mostri « il Tempo»,  6 dicembre 1996

 

·                   Stefania Mordeglia, Bollea: giornalisti non istigate « il Tempo», 13 febbraio 1997

          

·                   Giovanni Bollea, Maria Montessori e il bambino handicappato Relazione del Congresso Celebrativo Internazionale per la fondazione della prima «Casa dei Bambini» Maria Montessori, il bambino, l’educazione Roma 26-27 aprile 1997

«Vita nell’Infanzia», anno XLVI, n.6, 1997

 

·                   Gigi Marzullo, Tenete a distanza da quel video Intervista a Giovanni Bollea «Il  Tempo»,  10 gennaio 1998

 

·                   Giovanni Bollea, prefazione al libro Handicap e Integrazione scolastica di Luciana Sbarbati. Collana  medico-psico-pedagogica  diretta da Giovanni Bollea,  Roma, Armando, 1998

 

·                   Gigi Marzullo, 30 Domande a .... Giovanni Bollea, le mamme non sbagliano mai

          Intervista a Giovanni Bollea «Primo Piano», I maggio 1998  

 

·                   Giovanni Bollea, Visione della Neuropsichiatria infantile nel pensiero di Sante de Sanctis. Relazione al Convegno Celebrativo  Il nostro futuro ha già cento anni Roma, 6-7 novembre 1998, ( mancano nome della rivista sul quale sono pubblicati gli atti del congresso).   

 

2. «Il Taccuino di Giovanni Bollea» sul settimanale «Gente»

 

 

·                   Giovanni Bollea,  Il lavoro minorile: ecco come si deve combattere questa piaga Gente, XLII, n.5, 3 febbraio 1998

 

·                   Giovanni Bollea, Pedofilia, così i genitori devono proteggere i loro figli

Gente, XLII, n.7,17 febbraio 1998

 

·                   Giovanni Bollea, Dopo i dieci anni chiamate i vostri figli ragazzi e non più bambini

Gente, XLII, n.9,3 marzo 1998

 

·                   Giovanni Bollea,  Aiutiamo i nostri figli ad affrontare il futuro senza paure

Gente, XLII,  14/4/1998

 

·                   Giovanni Bollea,  Attenti al computer: i nostri figli hanno ancora bisogno delle favole

Gente, XLII, ?, 1998

·                   Giovanni Bollea, Educazione sessuale: che cosa fare, come parlarne

Gente, XLII, ?, 1998

 

 

·                   Giovanni Bollea, Restituiamo ai bambini gli spazi per giocare e per conoscersi

Gente, XLII, ?, 1998

 

·                   Giovanni Bollea, Diciamo ai ragazzi di vedere meno sport alla TV: vadano allo stadio Gente, XLII, n.18, 5 maggio 1998

 

·                   Giovanni Bollea, Per educare bene i nostri figli cerchiamo di conoscerli meglio

Gente, XLII, n.19, 12 maggio 1998

 

·                   Giovanni Bollea,  Proteggiamo i figli anche nel divorzio: hanno sempre bisogno di amore Gente, XLII, n.20, 19 maggio 1998

 

·                   Giovanni Bollea, Scopriamo perché i nostri figli sono svogliati a scuola

Gente, XLII, n.22, 2 giugno 1998

 

·                   Giovanni Bollea,  Se il figlio è bocciato, aiutiamolo: ha bisogno di comprensione

Gente, XLII, n.23, 9 giugno 1998

 

·                   Giovanni Bollea, Diciamo ai figli di leggere libri: li aiutano a diventare grandi

Gente, XLII, n.24, 16 giugno1998

 

·                   Giovanni Bollea, Dai gusti musicali dei ragazzi, capiamo se sono a rischio droga

Gente, XLII, n.25, 22 giugno1998

 

·                   Giovanni Bollea,  Avvicinate i figli al teatro perché li aiuta ad affrontare la vita

Gente, XLII, n.26, 29 giugno 1998

 

·                   Giovanni Bollea , Il motorino ai nostri figli? Sì, ma prima fissiamo le condizioni

Gente, XLII, n.27, 6 luglio 1998

 

·                   Giovanni Bollea , Scuola: parlatene con i figli per aiutarli a vivere nella società

Gente, XLII, n.28, 13 luglio 1998

 

·                   Giovanni Bollea , Educhiamo i nostri ragazzi a controllare l’aggressività. Gente, XLII, n.29, 20 luglio 1998

 

·                   Giovanni Bollea , Indirizziamo l’aggressività dei nostri figli verso la solidarietà Gente, XLII, n.32, 10 agosto1998

 

 

·                   Giovanni Bollea , Mamme d’estate tocca a voi: fate da «sponda» alle figlie adolescenti Gente, XLII, n.34, 24 agosto 1998

 

·                   Giovanni Bollea , Vacanze: padre e figlio devono passarle insieme. Gente, XLII, n.35, 31 agosto 1998

 

·                   Giovanni Bollea , Diamo ai nostri bambini gli spazi per giocare e per conoscerci. Gente, XLII, n.36, 7 setttembre 1998

 

·                   Giovanni Bollea , Riaprono le scuole: papà, siate vicini ai vostri figli. Gente, XLII, n.38, 21 settembre 1998

 

·                   Giovanni Bollea , Nei disegni dei nostri bambini c’è un mondo felice e senza guerre. Gente, XLII, n.40, 5 ottobre1998

 

·                   Giovanni Bollea , Genitori, alleggerite gli zainetti dei vostri figli. Gente, XLII, n.41, 12 ottobre 1998

 

·                   Giovanni Bollea , Ecco cosa è bene fare quando in classe c’è un disabile. Gente, XLII, n.43, 26 ottobre 1998

 

·                   Giovanni Bollea , Ragazzi non pensate che la paghetta sia poca cosa guardando «Carràmba». Gente, XLII, n.44, 2 novembre1998

 

·                   Giovanni Bollea , Molti bambini neurolabili si sono salvati grazie a Sissi. Gente, XLII, n.45, 9 novembre 1998

 

 

·                   Giovanni Bollea , Gli immigrati e gli emarginati si aiutano anche con il sorriso. Gente, XLII, n.46, 16 novembre1998

 

·                   Giovanni Bollea , Genitori, scoprite in tempo tutte le paure dei vostri figli. Gente, XLII, n.47, 23 novembre 1998

 

·                   Giovanni Bollea , Genitori, aiutate i vostri ragazzi ad essere artefici del loro futuro. Gente, XLII, n.48, 30 novembre 1998

 

·                   Giovanni Bollea , Una passeggiata in bici aiuta il dialogo coni figli. Gente, XLII, n.50, 14 dicembre1998

 

·                   Giovanni Bollea , Fate in modo che un difetto fisico non porti infelicità ai vostri figli. Gente, XLII, n.52, 28 dicembre 1998

 

·                   Giovanni Bollea , E’Natale, fate regali ai vostri figli, ma ricordate il suo vero significato. Gente, XLIII, n.53, 2 gennaio 1999

 

·                   Giovanni Bollea , Aiutate i vostri ragazzi a leggere buoni libri. Gente, XLIII, n.1/2, 11 gennaio 1999                  

 

·                   Giovanni Bollea, Dovete trovare il tempo per parlare con i vostri figli. Gente, XLIII, n.4, 23 gennaio1999

 

·                   Giovanni Bollea, Insegnate ai vostri figli il grande amore per la natura. Gente, XLIII, n.5, 30 gennaio 1999

 

·                   Giovanni Bollea, Droga: parlatene molto per conoscerla ed evitarla. Gente, XLIII, n.6, 6 febbraio 1999 

 

3. Traduzioni:

 

·                   Eduard Séguin, L’idiota, cura morale igiene ed educazione. Introduzione e traduzione di Giovanni Bollea.  Roma, Armando, 1970

 

·                   Carl Gustav Jung, Il Problema dell’ inconscio nella psicologia moderna. prefazione di Giovanni Jervis, traduzione di Arrigo Vita e Giovanni Bollea. Torino, Einaudi, (1942), 1994

 

4. Opere di riferimento generale:

 

·                   Franco Blezza, Giulio Cirignano, Claudio Desinan, Il nuovo Maestri Domani Firenze, Le Monnier, (1985), 1986

 

·                   John Darley, Sam Glucksberg, Ronald A. Kinchla, Psicologia Vol. I traduz.  di Maurizio Riccucci, Bologna, Il Mulino, 1991

 

·                   John Darley, Sam Glucksberg, Ronald A. Kinchla, Psicologia Vol. II traduz.  di Maurizio Riccucci, Bologna, Il Mulino, 1991

 

·                   Francesco De Bartolomeis, Maria Montessori e la pedagogia scientifica Firenze, La Nuova Italia,  1953

 

·                   Francesco De Bartolomeis, Ovide Decroly Firenze, La Nuova Italia, 1959

 

·                   Francesco De Bartolomeis, Il problema della motivazione e l'educazione Torino, Tirrenia, 1965

 

·                   Marta Gandiglio, Sulle tracce di Maria Montessori. Testimonianze di allievi amici e stimatori (1930- 1999). Tesi di Laurea in Pedagogia Generale; Rel.: Chir.mo prof. Nicola Siciliani De Cumis, Corr.: Chiar.mo prof. Alberto Sobrero, Anno Accademico 1997 /1998    

 

·                   Primo Levi, La ricerca delle radici Torino, tascabili Einaudi, 1997

 

·                   Roberto Mazzetti, Maria Montessori nel rapporto tra anormali e normalizzazione Roma, Armando, 1963

 

·                   Jean Piaget, L’epistemologia genetica, introduzione di Mauro Cerruti, Bari, Laterza, 1993

 

·                   Platone, Protagora  traduzione, introduzione e  commento di Giovanni Reale, Brescia, La Scuola, 1963

 

·                   Luciana Sbarbati, Handicap e Integrazione Scolastica. Venti anni di esperienze. «Collana medico-psico-pedagogica »  diretta da Giovanni Bollea. Roma, Armando, 1998    

 

·                   Eduard Séguin, L’ Idiota. Cura morale, igiene ed educazione. Con introduzione di Giovanni Bollea, Roma, Armando, 1970

 

·                   Aldo Visalberghi, Pedagogia e scienze dell’educazione in coll. con Roberto Maragliano e Benedetto Vertecchi Milano, Oscar Mondadori, 1995

 

                                                               Valeria Sansoni

e-mail v.sansoni@libero.it