UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA

"LA SAPIENZA"

FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA

CORSO DI LAUREA IN FILOSOFIA

 

 

 

 

 

 

TESI DI LAUREA IN PEDAGOGIA GENERALE

MARIA MONTESSORI ALLA "SAPIENZA" DI ROMA

TRA DIDATTICA E RICERCA 1890-91' / 1917-18'

 

 

 

 

 

 

RELATORE

Chiar.mo Prof.

Siciliani de Cumis Nicola

 

CORRELATORE                                                  LAUREANDA

Chiar.mo Prof.                                                      Matellicani Anna

Pesci Furio                                                                matr. 10123537

 

 

 

Anno Accademico 2000/2001

 


INDICE

ABBREVIAZIONI                                                                           pag. XII

INTRODUZIONE                                                                          pag.XIV

 

CAPITOLO I

MARIA MONTESSORI: VITA E PRIMA FORMAZIONE EDUCATIVA

 

I.1  L’infanzia                                                                                       pag. 35

I.2  Contesto storico, culturale e sociale                                     pag. 43

I.3  L’adolescenza                                                                          pag. 52

 

CAPITOLO II

MARIA MONTESSORI E GLI ANNI DELL'UNIVERSITÀ

 

II.1  Una scelta coraggiosa                                                                   pag. 58

II.2  Gli anni dell’Università: Facoltà

di Scienze naturali                                                                         pag. 63

II.3  Maria Montessori alla Facoltà

di Medicina e chirurgia                                                                       pag. 81

II.4  Laurea in Medicina e chirurgia

e primi riconoscimenti scientifici                                                          pag. 88

II.5  L'impegno di Maria Montessori nella Scuola Magistrale

Ortofrenica e l'inizio del suo insegnamento nell'Istituto

Superiore di Magistero Femminile di Roma                                       pag. 121

II.6  Maria Montessori e l'iscrizione alla Facoltà

di Filosofia                                                                                           pag. 136

 

 

 

 

 

 

II.7  Maria Montessori e la libera docenza

in Antropologia                                                                                    pag. 157

II.8  L'8 giugno 1904: esame di libera docenza

in Antropologia                                                                                    pag. 179

II.9  Maria Montessori e l'insegnamento all'Università

di Roma                                                                                               pag. 188

II.10 Il rapporto accademico-lavorativo nell'insegnamento

di Maria Montessori                                                                               pag. 212

II.11 Maria Montessori e l'allontanamento dall'insegnamento

presso l'Istituto Superiore di Magistero Femminile

di Roma                                                                                               pag. 221

 

CAPITOLO III

MARIA MONTESSORI E LA SCOPERTA DEL BAMBINO

 

III.1  L’incontro scientifico, professionale e affettivo

con Giuseppe Ferruccio Montesano                                                       pag. 234

III.2  La scoperta dell’infanzia degenerata                                           pag. 238

III.3  La questione dei deficienti nelle scuole e

la scoperta del metodo                                                                                    pag. 254

III.4  La “Casa dei Bambini”                                                                pag. 265

III.5  Il Metodo della Pedagogia Scientifica                                           pag. 273

III.6  La diffusione del «metodo»                                                         pag. 281

 

CAPITOLO IV

MARIA MONTESSORI: LA CONFERENZIERA

 

IV.1  Maria Montessori e il suo impegno femminista                    pag. 290

IV.2  Una voce nuova, Berlino 1896                                                    pag. 294

IV.3  Il Primo Congresso Nazionale Pedagogico,

Torino 1898                                                                                         pag. 298

IV.4  Il Congresso di Londra                                                             pag. 310

IV.5  Il Primo Congresso Nazionale delle Donne,

Roma 1908                                                                                          pag. 325

 

NOTA DI CONCLUSIONE                                                      pag. 337

 

APPENDICE

 

INTRODUZIONE                                                                           pag. 340

NOTA METODOLOGICA                                                              pag. 344

 

PARTE I

MARIA MONTESSORI ALL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" (1890-1904)

 

I.1 MARIA MONTESSORI ALLA FACOLTÀ DI SCIENZE FISICHE MATEMATICHE E NATURALI                                                   pag. 347

I.1.1  Anno Accademico 1890-91                                                          pag. 349

I.1.2  Anno Accademico 1891-92                                                          pag. 361

 

I.2  MARIA MONTESSORI ALLA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA                                                                                    pag. 370

I.2.1  Anno Accademico 1892-93                                                          pag. 373

I.2.2  Anno Accademico 1893-94                                                          pag. 389

I.2.3  Anno Accademico 1894-95                                                          pag. 398

I.2.4  Anno Accademico 1895-96                                                          pag. 421

 

I.3  CORSO DI PERFEZIONAMENTO

 IN POLIZIA SANITARIA                                                              pag. 436

 

I.4  MARIA MONTESSORI ALLA FACOLTÀ DI FILOSOFIA

I.4.1  Anno Accademico 1902-03                                                          pag. 437

I.4.2  Anno Accademico 1903-04                                                          pag. 451

 

PARTE II

NOTA BIOGRAFICHA DEI DOCENTI UNIVERSITARI DEI QUALI MARIA MONTESSORI HA

FREQUENTATO I CORSI (1890-1904)

 

II.1  Docenti alla Facoltà di Scienze

fisiche matematiche e naturali                                                        pag. 468

II.2  Docenti alla Facoltà di

Medicina e chirurgia                                                                     pag. 480

II.3  Docenti al Corso di Perfezionamento

in Polizia sanitaria                                                                                 pag. 501

II.4  Docenti alla Facoltà di Filosofia                                             pag. 502

 

PARTE III

GLI STUDI E GLI INTERESSI ACCADEMICI DI MARIA MONTESSORI NEI SUOI SCRITTI GIOVANILI (1896-1907)

 

 

III.1  Contributo clinico allo studio delle allucinazioni

a contenuto antagonistico (1896)                                                 pag. 512

III.2  Sul significato dei cristalli del Leyden

nell'asma bronchiale (1896)                                                             pag. 519

III.3  Sulle cosiddette allucinazioni

antagonistiche (1897)                                                             pag. 522

III.4  Ricerche batteriologiche sul liquido

cefaalo-rachidiano dei dementi paralitici (1898)                         pag. 528

III.5  Il primo Congresso Pedagogico Nazionale

di Torino                                                                                             pag. 532

III.6  Miserie sociali e nuovi ritrovati

della scienza (1898)                                                                         pag. 535

III.7  Scuole di redenzione (1899)                                                 pag. 545

III.8  Il Congresso Internazionale

di Londra (1899)                                                                         pag. 550

III.9  Riassunto delle lezioni

di didattica (1899)                                                                         pag. 554

III.10  Norme per una classificazione dei deficienti

in rapporto ai metodi speciali di educazione (1902)             pag. 560

III.11  Antropologia Pedagogica (1903)                                     pag. 578

III.12  La teoria Lombrosiana (1903)                                     pag. 590

III.13  Sui caratteri antropometrici in relazione alle

gerarchie intellettuali dei fanciulli nelle scuole (1904)             pag. 595

III.14  Influenza delle condizioni di famiglia

sul livello intellettuale degli scolari (1904)                                     pag. 611

III.15  Caratteri fisici delle giovani donne

del Lazio (1905)                                                                         pag. 618

III.16  L'importanza dell'etnologia regionale

nell'antropologia pedagogica (1907)                                     pag. 623

 

VOLUME II

PARTE IV

DOCUMENTI RELATIVI AGLI ESAMI SOSTENUTI DA MARIA MONTESSORI ALL'UNIVERSITA'

DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA"

(1890-1896 e 1900-1904)

 

NOTA INTRODUTTIVA                                                                 pag. 631

 

IV.1  FACOLTÀ DI SCIENZE FISICHE MATEMATICHE E NATURALI

 

IV.1.1  Modulo d'iscrizione alla Facoltà

di Scienze naturali (anno 1891-92)                                                         pag. 632

IV.1.2  Botanica (17giugno 1891)                                                  pag. 633

IV.1.3  Zoologia (22 giugno 1891)                                                    pag. 634

IV.1.4  Fisica sperimentale (5 luglio 1891)                                          pag. 635

IV.1.5  Istologia e Fisiologia generale          

(18 giugno 1892)                                                                          pag. 636

IV.1.6  Anatomia comparata

(28 giugno 1892)                                                                          pag. 637

IV.1.7  Chimica generale ed organica

(3 luglio 1892)                                                                         pag. 638

 

IV.2  FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

 

IV.2.1   Anatomia umana normale (2 giugno 1893)                          pag. 640

IV.2.2   Patologia generale (1 luglio 1893)                                          pag. 641

IV.2.3   Fisiologia sperimentale (6 luglio 1893)                              pag. 642

IV.2.4   Materia medica (31 ottobre 1893)                                      pag. 643

IV.2.5   Anatomia chirurgica e corso d'operazioni    

(6 giugno 1894)                                                                          pag. 644

IV.2.6   Medicina legale (19 giugno 1894)                                      pag. 645

IV.2.7   Patologia speciale medica (22 giugno 1894)               pag. 646

IV.2.8   Patologia speciale e clinica propedeutica

chirurgica (7 novembre 1894)                                                  pag. 647

IV.2.9   Clinica dermosifilopatica (22 giugno 1895)                          pag. 648

IV.2.10 Cinica psichiatrica (27 giugno 1895)                            pag. 659

IV.2.11 Clinica oculistica (30 giugno 1895)                                        pag. 650

IV.2.12 Igiene sperimentale e Igiene applicata

alla polizia sanitaria (4 luglio 1895)                                                      pag. 651

IV.2.13 Anatomia patologica (12 giugno 1896)                            pag. 652

IV.2.14 Clinica ostetrica (22 giugno 1896)                                        pag. 653

IV.2.15 Clinica medica (27 giugno 1896)                                        pag. 654

IV.2.16 Clinica chirurgica (28 giugno 1896)                                        pag. 655

IV.2.17 Patologia e clinica pediatrica (9 luglio 1896)                  pag. 656

IV.2.18 Tesi di laurea in Medicina e Chirurgia                                  pag. 657

originale da pp. 1-100; seguita dalla trascrizione da pp. I-LXXV

IV.2.19 Certificato di laurea in Medicina e Chirurgia

rilasciato il 29 luglio 1896                                                                   pag. 658

IV.2.20 Esame di laurea in Medicina e Chirurgia

(10 luglio 1896)                                                                          pag. 659

 

IV.3  CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN POLIZIA SANITARIA

IV.3.1  Libretto d'iscrizione al Corso di

perfezionamento in polizia sanitaria

(20 gennaio 1900)                                                                          pag. 661

IV.3.2  Registro d'iscrizione comprendente

l'excursus scolastico per gli anni

accademici 1890-92, 1893-96 e 1900                                        pag. 662

IV.3.3  Documento della carriera scolastica

(1890-1904), presente presso AGSUR                                               pag. 663

IV.4  FACOLTÀ DI FILOSOFIA

 

IV.4.1  Registro d'immatricolazione del corso di laurea

in Filosofia per gli anni accademici 1902-04

 (matricola 1437)                                                                          pag. 665

IV.4.2  Attestato di frequenza delle lezioni

per l'anno accademico 1902-03                                                          pag. 666

IV.4.3  Modulo d'iscrizione alla Facoltà

di Filosofia (anno 1903-04)                                                                  pag. 667

 

PARTE V

DOCUMENTI

NOTA INTRODUTTIVA                                                                 pag. 669

 

Documenti relativi al I Capitolo: Maria Montessori: vita e prima formazione educativa

 

V.I.1  Certificato di nascita (31 agosto 1870)                           pag. 671

V.I.2  Attestato di licenza Fisico-Matematica

(20 settembre 1890)                                                                          pag. 672

Documenti relativi al II Capitolo: Maria Montessori e gli anni dell'Università

 

V.II.1  Lettera del 29 luglio 1897                                                    pag. 674

V.II.2  Lettera del 13 agosto 1897                                                    pag. 676

V.II.3  Lettera del 18 agosto 1897                                                    pag. 678

V.II.4  Lettera del 4 gennaio 1900                                                    pag. 680

V.II.5  Lettera del 6 gennaio 1900                                                    pag. 684

V.II.6  (b) Lettera del 6 gennaio 1900                                       pag. 686

V.II.7  Lettera del 17 gennaio 1900                                                    pag. 688

V.II.8  Lettera del 10 ottobre 1902                                                    pag. 690

V.II.9  Lettera del 16 ottobre 1902                                                    pag. 692

V.II.10 Lettera del 23 ottobre 1902                                                    pag. 695

V.II.11 Lettera del 27 ottobre 1902                                                    pag. 697

V.II.12 Lettera del 29 ottobre 1902                                                    pag. 699

V.II.13 (b) Lettera del 29 ottobre 1902                                        pag. 701

V.II.14 Lettera del 30 ottobre 1902                                                    pag. 703

V.II.15 Lettera del 3 novembre 1902                                                    pag. 705

V.II.16 Lettera del 10 novembre 1902                                                 pag. 707

V.II.17 Lettera del 21 novembre 1902                                                pag. 709

V.II.18 Lettera del 23 novembre 1902                                                pag. 711

V.II.19 Lettera del 27 novembre 1902                                                pag. 713

V.II.20 Lettera del 3 dicembre 1902                                                    pag. 715

V.II.21 Lettera del 17 febbraio 1903                                                    pag. 717

V.II.22 Lettera del 21 febbraio 1903                                                    pag. 719

V.II.23 Lettera del 27 febbraio 1903                                                    pag. 722

V.II.24 Lettera del 28 febbraio 1903                                                    pag. 724

V.II.25 Lettera del 3 Marzo 1903                                                    pag. 726

V.II.26 Lettera del 6 marzo 1903                                                    pag. 728

V.II.27 Lettera del 21 marzo 1903                                                    pag. 731

V.II.28 Lettera del 2 aprile 1903                                                    pag. 733

V.II.29 Lettera del 11 aprile 1903                                                    pag. 735

V.II.30 Lettera del 7 giugno 1903                                                    pag. 736

V.II.31 Lettera del 8 giugno 1903                                                    pag. 739

V.II.32 Lettera del 16 luglio 1903                                                    pag. 740

V.II.33 Lettera del 19 luglio 1903                                                    pag. 742

V.II.34 Lettera del 23 luglio 1903                                                    pag. 745

V.II.35 Lettera del 29 luglio 1903                                                    pag. 747

V.II.36 Lettera del 24 ottobre 1903                                                    pag. 749

V.II.37 Lettera del 6 novembre 1903                                                    pag. 751

V.II.38 Lettera del 14 gennaio 1904                                                    pag. 753

V.II.39 Lettera del 31 marzo 1904                                                    pag. 755

V.II.40 Lettera del 27 maggio 1904                                                    pag. 757

V.II.41 Lettera del 28 maggio 1904                                                    pag. 759

V.II.42 Lettera del 4 giugno 1904                                                    pag. 761

V.II.43 Lettera del 8 giugno 1904                                                    pag. 763

V.II.44 Lettera del 24 agosto 1906                                                    pag. 765

V.II.45 Lettera del 11 gennaio 1908                                                    pag. 767

V.II.46 Lettera del 11 gennaio 1912                                                    pag. 770

V.II.47 Lettera del 24 gennaio 1912                                                    pag. 772

V.II.48 Lettera del 25 gennaio 1912                                                    pag. 774

V.II.49 Lettera del 7 febbraio 1912                                                    pag. 776

V.II.50 Lettera del 13 marzo 1912                                                    pag. 777

V.II.51 Lettera del 12 marzo 1913                                                    pag. 779

V.II.52 Lettera del 13 marzo 1913                                                    pag. 781

V.II.53 Lettera del 21 marzo 1913                                                    pag. 782

V.II.54 Lettera del 10 aprile 1913                                                    pag. 783

V.II.55 Lettera del 5 gennaio 1914                                                    pag. 784

V.II.56 Lettera del 9 marzo 1914                                                    pag. 785

V.II.57 Lettera del 15 marzo 1914                                                    pag. 786

V.II.58 Lettera del 20 marzo 1914                                                    pag. 787

V.II.59 Lettera del 28 marzo 1914                                                    pag. 788

V.II.60 Lettera del 21 dicembre 1914                                     pag. 790

V.II.61 Lettera del 28 dicembre 1914                                     pag. 791

V.II.62 Lettera del 29 marzo 1916                                                    pag. 792

V.II.63 Lettera del 19 settembre 1916                                                pag. 793

V.II.64 Lettera del 11 novembre 1916                                                pag. 794

V.II.65 Lettera del 13 aprile 1917                                                    pag. 795

V.II.66 Lettera del 27 luglio 1917                                                    pag. 796

V.II.67 Lettera del 16 ottobre 1917                                                    pag. 797

V.II.68 Lettera del 4 gennaio 1919                                                    pag. 798

 

 

INDICE DELLE TAVOLE

 

Tav. 1  Maria Montessori all'età di cinque anni                              pag. 42

Tav. 2  I genitori di Maria Montessori: Alessandro e Renilde Stoppani                                                                                                                      pag. 51

Tav. 3  Maria Montessori quando era studentessa all'Istituto Tecnico

all'età di sedici anni                                                                              pag. 56

Tav. 4  Maria Montessori laureata in Medicina e Chirurgia (1896)                                                                                                                         pag. 120

Tav. 5  Maria Montessori durante un lezione di Antropologia alla

Facoltà di Scienze naturali dell'Università di Roma                                                                                                                                                           pag. 187

Tav. 6  Maria Montessori direttore della Casa dei bambini mentre

mostra il suo speciale materiale tecnico                                     pag. 264

 

 

NOTA INTRODUTTIVA                                                                 pag. 799

INDICE DELLE IDEE RICORRENTI                                            pag. 800

 

NOTA INTRODUTTIVA                                                                 pag. 805

INDICE DEI NOMI                                                                                    pag. 806

 

AVVERTENZA                                                                                 pag. 816

BIBLIOGRAFIA                                                                             pag. 818

 

 

 

 

 

 

 

INTRODUZIONE

 

Gli obiettivi di questa ricerca sono indirizzati verso la ricostruzione in modo tematico e narrativo del periodo "giovanile" di Maria Montessori.

Le motivazioni che ci hanno spinto ad indagare il "primo" periodo montessoriano sono state fondamentalmente due. Il primo motivo che ci ha indotto ad indagare quel l'arco di tempo che va dal 1890 al 1904 è stato la scarsità di attenzione ed approfondimento del periodo nel quale la Montessori si è formata. Il secondo motivo è stato quello di analizzare gli scritti "giovanili" per estrarne i futuri interessi e progetti partendo dal patrimonio culturale preesistente.

Gli studi da noi condotti si sono orientati quindi verso la ricostruzione accurata del curriculum scolastico e accademico della studiosa marchigiana, dei contenuti della sua didattica e delle prospettive pedagogiche sviluppate all'interno delle sue ricerche e dei suoi scritti "giovanili".

L'intenzione di intraprendere una ricerca di questo tipo è nata dall'interesse di coniugare la formazione giovanile della studiosa con la sua maturità, partire cioè dalla Montessori giovane allieva sino ad arrivare alla Montessori matura insegnante, per averne una visione quanto più completa ed esauriente.

Il primum movens è stato quello di tracciare la storia formativa della studiosa sia attraverso il percorso educativo personale-accademico, evidenziando i legami con gli scritti apparsi in quel periodo, sia attraverso un percorso storico relativo agli orientamenti educativi, ai curricola scolastici, evidenziando gli ordinamenti e l'organizzazione del sistema universitario italiano dell'epoca. Congiuntamente a questa impostazione della ricerca abbiamo presentato una vasta documentazione, utile soprattutto per giungere a valide conclusioni e spingerci verso ipotesi che possono contribuire a darci una attenta e valida visione dei contenuti formativi, intellettuali e professionali della Montessori.

Spesso quando parliamo di Maria Montessori abbiamo presente l'immagine della grande pedagogista, di colei che ha forgiato Il Metodo; un metodo fondato sull'osservazione diretta e sul rispetto del singola individualità infantile; di colei che si è mossa sempre a favore dei più deboli, del riscatto dell'infanzia abbandonata, dell'educazione dei bambini anormali e normali, una donna che non ha saputo tacere dinanzi alle disuguaglianze e discriminazioni sociali.

Noi abbiamo sottolineato che sin dalla sua esperienza universitaria la Montessori si è occupata dei bambini; ciò è dimostrato dal suo curriculum scolastico, dalla frequenza dei corsi di pediatria, psichiatria, igiene, psicologia e pedagogia.

Occupandoci della "giovane" Montessori ci siamo voluti soffermare sulla formazione accademica e professionale prima che sull'elaborazione del Metodo, cioè si è voluto centrare l'attenzione sul percorso educativo, mettendo a fuoco i momenti della sua carriera studentesca e della sua vita che si sono rivelati importanti per spiegare il successivo approdo alla pedagogia, tutto ciò collocato nell'ambiente storico, culturale e sociale dell'epoca.

Abbiamo cercato attraverso una minuziosa ed impegnativa ricerca di reperire anche il materiale cartaceo relativo all'arco di tempo che va dal 1890 al 1904. Contemporaneamente ci siamo occupati di approfondire gli anni dal 1904 al 1918. Tale scelta è stata mossa dal desiderio di arricchire una biografia già ampiamente esistente per rafforzarla nella sua validità storica e scientifica.

Nel condurre questa ricerca ci siamo avvalsi per la parte riguardante gli anni universitari, della documentazione conservata nell'Archivio Generale Studenti dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza", e per la parte riguardante Maria Montessori nella veste di docente dei documenti conservati nell'Archivio Centrale dello Stato di Roma. Queste ricerche durate alcuni anni ci hanno permesso di arricchire la biografia della Montessori e di dare un piccolo contributo al lettore, fornendogli una originale ed alternativa chiave di lettura.

La ricca documentazione reperita ci ha spinto a dividere la nostra ricerca in tre parti. Una prima parte riguarda il percorso educativo ed è stata divisa in quattro capitoli. Nel primo capitolo dal titolo: Maria Montessori: vita e prima formazione educativa, si esplora la prima fase di vita, storia e formazione della studiosa, partendo dall'infanzia sino ad arrivare all'adolescenza, cioè al diploma ottenuto presso il Regio Istituto Tecnico Leonardo da Vinci di Roma, nel 1890.

Nel secondo capitolo dal titolo Maria Montessori e gli anni dell'Università, ripercorriamo l'excursus universitario soffermandoci in modo particolare sul sistema universitario, sull'ambiente storico, culturale, politico e sociale in cui si è venuta a formare la studiosa. In questo secondo capitolo trattiamo anche degli anni di libera docenza in Antropologia presso l'Università di Roma, e dell'insegnamento di Igiene e di Antropologia presso l'Istituto di Magistero Femminile di Roma, tenuto da Maia Montessori sino al 1918.

Nel secondo capitolo abbiamo approfondito gli anni in cui la giovane Montessori si iscrive all'Università, entra in un ambiente per lei nuovo ed affascinante, dove comincia ad assimilare tutto ciò che attraverso lo studio e la cultura riceve, avvicinandosi man mano a ciò che più si accosta ai suoi interessi. Abbiamo privilegiato l'ambiente universitario in cui si è venuta a trovare la studiosa, un ambiente ancora ostile alle donne, soprattutto alle donne "medichesse", un ruolo ancora intessuto di pregiudizi.

La realtà universitaria fu per la Montessori ben diversa, probabilmente, più di quanto si aspettasse lei stessa. Nonostante ciò, è stata in grado di difendersi e di proseguire portando con sé le sue idee, nonostante qualche sconforto e delusione. Ella incominciò a seguire le lezioni universitarie col desiderio di studiare e apprendere insegnamenti nuovi; infatti si trovò dinanzi a studi quali: l'Istologia, la Fisiologia, la Psichiatria, l'Anatomia, la Pediatria, l'Igiene ed altri, che tanto destavano il suo entusiasmo ed interesse. La Montessori è stata allieva di personaggi illustri, a tutt'oggi ricordati per il notevole contributo scientifico apportato, come il fisiologo Jacopo Moleschott, l'igienista Angelo Celli, lo psichiatra Clodomiro Bonfigli, il clinico Guido Baccelli, il pediatra Luigi Concetti, l'anatomo-patologo Ettore Marchiafava, lo psichiatra Giovanni Mingazzini, ed altri.

Di fronte a sé la Montessori aveva un futuro ragguardevole come psichiatra, in quanto aveva scelto un argomento inerente alla psichiatria come oggetto di lavoro per la propria tesi, che portava il titolo di Contributo clinico allo studio delle allucinazioni a contenuto antagonistico.

In seguito continuò a frequentare la Regia Clinica Psichiatrica, e nella stessa Clinica diventa assistente volontaria, mentre inizia a praticare la professione medica presso vari Ospedali tra cui il Manicomio Santa Maria della Pietà a Roma. Ed è proprio attraverso la pratica medica che la studiosa marchigiana acquisisce una conoscenza maggiore degli stati fisiologici e patologici di quei bambini "deficienti" ricoverati con gli adulti al manicomio romano.

Da questa esperienza con i deficienti ebbe inizio per la Montessori un cammino lungo e complesso, fatto di incontri e dibattiti nazionali ed internazionali per sensibilizzare la società a prendere coscienza dell'esistenza di una realtà così diversa, ma così bisognosa d'aiuto. In questo percorso si è appoggiata ed è stata appoggiata da alcuni dei suoi docenti universitari che ricoprivano, oltre ad incarichi accademici, anche politici, quali: Clodomiro Bonfigli, psichiatra e deputato, da Guido Baccelli, medico e ministro della Pubblica Istruzione ed Angelo Celli, igienista e deputato, tutti interessati ai problemi dell'infanzia rifiutata e trascurata.

A questo periodo iniziale di studi appartengono le ricerche nei settori della psichiatria fatti insieme a Sante De Sanctis e Giuseppe Montesano, con i quali collaborò all'uscita di due scritti: Sulle cosiddette allucinazioni antagonistiche e Ricerche batteriologiche sul liquido cefalo-rachidiano dei dementi paralitici, entrambi pubblicati nel 1897 dopo l'avvenuta laurea in Medicina e chirurgia.

Comincia ad occuparsi seriamente dei bambini frenastenici tanto che per approfondire le sue ricerche si reca a Londra e Parigi, per conoscere le più recenti acquisizioni scientifiche sui bambini anormali. A Parigi approfondì gli studi di Séguin ed Itard dei quali analizzò le ricerche scientifiche; analisi che l'aiutò nella sua lotta contro i pregiudizi che governavano sulla malattia mentale. La Montessori proseguì nello studio e nelle ricerche con l'intento di arrivare alla fondazione di appositi Istituti di accoglienza per quei bambini anormali. Ella si rese conto che la questione dei bambini deficienti era di natura pedagogica prima ancora che medica, e che era necessario predisporre e organizzare in modo nuovo i maestri. Da ciò venne alla luce nel 1900 la Scuola Magistrale Ortofrenica, in cui la Montessori accanto a Giuseppe Montesano, formò i futuri maestri. La Scuola Magistrale nacque  per iniziativa della «Lega nazionale per la protezione dei fanciulli deficienti», promossa da Clodomiro Bonfigli, ex docente di Maria Montessori; la stessa pedagogista fece parte della Lega sin dalla sua fondazione. Con lei nella Scuola Magistrale collaborava Montesano con il quale ella cooperava anche nell'Istituto medico-pedagogico, dove vennero dislocati i bambini prima ricoverati nel manicomio romano. Tra Montesano e la giovane Maria ci fu un legame molto forte iniziato probabilmente quando entrambi prestavano servizio presso la Clinica Psichiatrica e finito dopo la nascita del figlio Mario.

Nel suo complesso questo capitolo ha affrontato ed approfondito l'insegnamento condotto dalla Montessori sia all'Università di Roma che all'Istituto Superiore Femminile di Magistero, sottolineando le continue ricerche e scritti di quegli anni, ed arricchendo la ricerca, con alcuni documenti d'Archivio che avvalorano l'analisi scientifica e storica della nostra studiosa.

Nel terzo capitolo dal titolo Maria Montessori e la Scoperta del bambino si percorre il "periodo maturo", quello in cui ha elaborato il metodo pedagogico fondato sull'osservazione, sul rispetto dell'individuo e sulla libertà ed autonomia del bambino. Abbiamo voluto approfondire l'approccio ai bambini deficienti, l'elaborazione di quello che sarà conosciuto come metodo montessoriano, l'apertura della prima Casa dei bambini e la pubblicazione della sua grande opera Il metodo della pedagogia scientifica. Questa opera espone i propri esperimenti pedagogici, manifestando in maniera clamorosa ed indelebile la gioia per quella "intuizione scientifica" che si esalta nel trionfo dell'Umanità.

Nel quarto ed ultimo capitolo dal titolo Maria Montessori: la conferenziera si è ripercorso ed approfondito l'impegno della studiosa marchigiana nella campagna di sensibilizzazione delle categorie sociali più deboli e bisognose di protezione. La Montessori si è mossa attraverso conferenze e Congressi nazionali ed internazionali, denunciando sempre la necessità di migliorare la società, coinvolgendo in questo progetto di progresso civile anche il mondo politico e accademico.

L'immagine che vogliamo dare al lettore di questo scritto è un'immagine "inedita" di una donna che prima di diventare un personaggio di fama mondiale è stata una ragazza con le proprie incertezze ed insicurezze, ma anche con tanta determinazione nel suo intento di dare un contributo alla società.

Oggi Maria Montessori è celebre in tutto il mondo e le sue scuole hanno avuto un'espansione eccezionale sia nel nostro Paese che all'estero. La Montessori ha avuto infatti all'estero molti riconoscimenti come anche in Italia; infatti la sua figura compare su di un francobollo prima, poi sulla moneta da 200 lire ed infine sulle banconote da 1000 lire; questa è la prova che dopo un inizio in sordina per il suo modello di scuola, elaborato sulla fase di una continua sperimentazione e verifica ella è stata apprezzata e addirittura imitata. Infatti anche gli Ordinamenti del 1991 per la scuola dell'infanzia recepiscono molti motivi montessoriani, anche se la Montessori non è mai purtroppo esplicitamente citata.

Eppure inevitabilmente l'immagine della straordinaria pedagogista ha posto in secondo piano quella della studentessa, giovane medico, psichiatra e femminista; noi con questo lavoro abbiamo voluto occuparci dell'educazione e della formazione scolastica e accademica della professoressa marchigiana, nella speranza di esserci riusciti.

L'esperienza del periodo giovanile della Montessori fu l'avviamento ad un lavoro pedagogico ed educativo mai sperimentato prima e che quasi sicuramente portò la studiosa a muoversi sempre più dalla medicina alla pedagogia.

Nella ricerca che abbiamo condotto, abbiamo voluto mostrare che il passaggio dalla medicina alla pedagogia non è stato improvviso, ma risiede nelle esperienze professionali vissute dalla Montessori nel periodo giovanile. Tuttavia nella nostra ricerca abbiamo rilevato elementi di continuità tra la giovane e la matura Montessori, elementi che ci hanno aiutato a comprendere la Montessori adulta.

Nel ripercorrere l'itinerario della studiosa è emerso che non ha avuto vita facile e non si è assolutamente arricchita. Indubbiamente ha ricevuto in ogni Paese dove è stata, ospitalità e sostegno; basti menzionare alcuni dei suoi interventi all'estero come al Congresso Internazionale di Berlino svoltosi nel 1896, quello di Londra nel 1899, quello degli Stati Uniti, ed altri che l'hanno vista sempre impegnata in prima linea in favore dell'educazione, della pace, della giustizia, della parità tra i sessi.

Nella "giovane" Montessori è costante la sua profonda sensibilità verso la sfera sociale, che in un "primo periodo" si manifesta nella cognizione del legame tra scuola e società e nella necessità che la pedagogia sia posta a fondamento di un programma proteso alla liberazione dell'individuo. Nell'affrontare le questioni a lei più care c'è sicuramente, come si può rilevare dai suoi scritti giovanili, una Montessori attiva, dinamica, laboriosa, a volte caratterizzata dall'impulsività (dall'indomito desiderio di vedere subito cambiar le cose). Un esempio ci viene dato dalle sue prime ricerche di antropologia pedagogica, nelle quali suggerisce la divisione tra bambini "più intelligenti" e bambini "meno intelligenti", e lo fa non per creare una "divisione per classi", ma per mettere in evidenza ciò che alla studiosa sta a cuore, cioè di proteggere e sorreggere i più bisognosi. A tal proposito abbiamo ricordato due scritti importanti: Sui caratteri antropometrici in relazione alle gerarchie intellettuali dei fanciulli nelle scuole e Influenza delle condizioni di famiglia sul livello intellettuale degli scolari. In questi scritti la Montessori nel presentare la separazione tra i cosiddetti "bambini più intelligenti" e "meno intelligenti", riscontra le profonde influenze sociali che possono condizionare l'evoluzione scolastica del bambino.

Accanto al "primo periodo" abbiamo sottolineato un "secondo periodo" (1909-1918) nel quale la Montessori ha raggiunto una maturità personale che l'ha portata ad accogliere il riconoscimento di un risultato scientifico di grandi proporzioni teoriche ma soprattutto pratiche.

In questo "secondo periodo" la studiosa si affida ad una scrittura più matura, arricchita da esempi pedagogici da lei direttamente vissuti e sperimentati. Nella Montessori colpisce ora la consapevolezza con cui guarda all'esperienza sin allora compiuta; consapevolezza che la conduce a dare risalto alla libertà ed all'indipendenza del bambino, limitando l'importanza della figura del maestro. L'insegnante per la Montessori deve svolgere il suo ruolo di giudice con umiltà; egli deve conquistare una agilità morale fatta di calma e pazienza, aspetti che sino a quel momento non erano stati sufficientemente considerati.

Attraverso la nostra ricerca possiamo evincere che la Montessori del "primo periodo" è una persona che si prepara su basi positiviste e riformiste, e che pensa il suo metodo in base al reale contesto storico e sociale, ed alle questioni che riesce a sollevare con la sua continua ed incessante operosità. Grazie al suo impegno in campo culturale, accademico, politico e sociale, hanno fatto sì che fosse collocata al centro della pedagogia scientifica, nata con l'audace proponimento di modificare l'educazione. La Montessori del secondo periodo è una persona che si adopera per la conoscenza e diffusione del suo metodo nel mondo.

La seconda parte della nostra ricerca è dedicata ad alcuni temi già affrontati nel lavoro di tesi e che abbiamo riproposto in Appendice e che possono definirsi "inediti".

Infatti proprio in Appendice abbiamo riproposto il tema riguardante l'Università da un punto di vista diverso, soffermandoci su l'arco di tempo degli studi di Maria Montessori. Anche in questo caso abbiamo ritenuto opportuno dividere la ricerca in quattro parti.

Una prima parte dal titolo Maria Montessori all'Università degli studi di Roma "La Sapienza", in cui abbiamo esposto minuziosamente i corsi e gli esami che la Montessori ha frequentato e sostenuto alla Facoltà di Scienze fisiche matematiche e naturali dell'Università di Roma, alla Facoltà di Medicina e chirurgia e per il Corso di perfezionamento in polizia sanitaria. Per la Facoltà di Filosofia invece abbiamo esposto solo le lezioni frequentate dal 1902-04, poiché non abbiamo trovato nessuna documentazione riguardante gli eventuali esami sostenuti o l'eventuale ottenimento della laurea in Filosofia da parte di Maria Montessori. L'unica cosa che dalla nostra ricerca è emerso riguardo alla Facoltà di Filosofia è stata la frequenza dei corsi di Filosofia teoretica, Storia della filosofia, Filosofia morale, Pedagogia, Psicologia ed altre discipline, impartiti da docenti come Antonio Labriola, Luigi Credaro, Sante De Sanctis, ed altri; personaggi con i quali la pedagogista fu anche legata da rapporti professionali.

Per agevolare il lettore, abbiamo ritenuto opportuno, in questa prima parte della nostra Appendice, ripartire in anni accademici gli esami sostenuti e superati dalla "studentessa" Montessori, inserendo per ogni esame il probabile programma seguito e i testi sui quali la "studentessa" avrebbe studiato.

La seconda parte dell'Appendice è costituita da una nota biografica dei docenti universitari con cui la Montessori ha frequentato i corsi; anche in questo caso abbiamo utilizzato la suddivisione dei docenti per Facoltà, e all'interno di ogni gruppo i nomi sono in ordine alfabetico.

Nella terza parte, invece, dal titolo Gli studi e gli interessi accademici di Maria Montessori nei suoi scritti giovanili, abbiamo approfondito la nostra ricerca evidenziando come negli scritti compresi tra il 1896 ed il 1907 risaltino i frutti dei suoi studi giovanili. In questo caso abbiamo ritenuto importante ripartire gli scritti della studiosa in base agli anni di pubblicazione.

La scelta di indagare alcuni tra gli scritti pubblicati sino al 1907, è stata conseguente a quella di occuparci della "giovane Montessori", pur restando ferma l'importanza di tutti i contributi della pedagogista sino al 1909.

Nella quarta parte dal titolo: Documenti relativi agli esami sostenuti da Maria Montessori all'Università degli studi di Roma "La Sapienza" sono compresi tutti i certificati degli esami sostenuti dalla Montessori tra il 1890 ed il 1896, ed i registri d'iscrizione della Facoltà di Filosofia.

Per la vastità della documentazione raccolta è stato opportuno raccogliere i documenti in un secondo volume, dove oltre ad inserire una vasta documentazione della carriera scolastica della Montessori, abbiamo inserito una quinta parte costituita da una serie di lettere relative alla libera docenza e all'insegnamento di Igiene e Antropologia nell'Istituto Superiore Femminile di Magistero di Roma.

In definitiva, se le motivazioni di questa ricerca sono state precisate, non si può tuttavia nascondere che proprio il tipo di lavoro condotto presentava delle difficoltà di un certo rilievo, che non è stato in fondo possibile risolvere completamente. Infatti un primo nodo problematico è stato quello della reperibilità e limitatezza delle fonti e della loro disorganicità. Un altro nodo è stato quello della interpretazione dei documenti, scritti per lo più a mano e di non facile interpretazione, e delle lacune che la stessa documentazione presenta, come la mancanza dei certificati riguardanti i programmi ed i testi d'esame.

Nonostante tutto bisogna dire che gli studi e le ricerche si sono rivelati quanto mai interessanti. Ci riferiamo in particolare allo studio degli Annuari scolastici (1890-1910) ed ai testi che riguardano la storia dell'Università, dei relativi regolamenti, ed al materiale documentario che ci ha permesso di compiere una riflessione approfondita e che in qualche caso ci ha consentito di delineare il percorso formativo di Maria Montessori in modo diverso rispetto a quanto rintracciato da altri autori[1].

Un merito che hanno avuto queste indagini è stato quello di portare alla luce documenti sepolti o dimenticati negli Archivi, visto che il lavoro di ricerca è caratterizzato spesso da problemi metodologici e dallo stato di conservazione degli stessi documenti.

Quindi alla luce di quanto è stato fatto, questa ricerca ha avuto come scopo di completare un quadro già esistente della storia di Maria Montessori, utile per eventuali future indagini.

Nel concludere questo lavoro sono molte le persone cui dobbiamo una stretta di mano. Difatti, non possiamo dimenticare il primo suggerimento a occuparsi di Maria Montessori datoci dal professor Nicola Siciliani de Cumis, nonché relatore di questo lavoro, al quale va la nostra gratitudine per l'aiuto e supporto che ci ha dato in questi anni per lo sviluppo del lavoro. Dobbiamo molto a Furio Pesci professore della cattedra di Storia della pedagogia, nonché correlatore di questo lavoro, al quale va il nostro ringraziamento per l'attenzione e gentilezza offertaci; un pensiero particolare va alla Dott. Paola Trabalzini per i suoi suggerimenti che tanto hanno arricchito il nostro lavoro, e per la sua nobiltà d'animo e sostegno morale datoci in questi anni di lavoro.

Dal momento che la nostra ricerca è stata condotta per lo più su fonti d'Archivio, abbiamo desiderio a ringraziare Angelino Iona per la disponibilità nel segnalare il materiale presente presso l'Archivio Generale Studenti dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza".

 

 

 

 

 

 

I  Laurea in Medicina e chirurgia e primi riconoscimenti scientifici

 

Il regolamento universitario della Facoltà di Medicina e chirurgia prevedeva per i laureati in Scienze naturali, aspiranti alla laurea in Medicina, oltre l'iscrizione al terzo anno di corso, anche l'obbligo di attendere a due corsi di Anatomia patologica e di Clinica medica e sostenere i relativi esami, e poi di assistere ai corsi di Anatomia umana, di Istologia, Anatomia topografica, con esercitazioni anatomiche, Fisiologia, Farmacologia sperimentale e Materia medica, Patologia generale, Clinica propedeutica medica, Patologia speciale medica, Patologia speciale chirurgica con Clinica oculistica e sostenere i relativi esami.

Ulteriormente la Facoltà di Medicina, prevedeva che qualora i laureati in Scienze naturali avessero frequentato come uditore il corso di Anatomia con le relative esercitazioni e quello di Fisiologia, potevano ottenere l'iscrizione al quarto anno, con l'obbligo di frequentare i corsi e sostenere gli esami delle suddette materie, escluse l'Anatomia e la Fisiologia. In ogni caso la Facoltà non concedeva l'iscrizione al terzo e al quarto anno, se gli aspiranti non avessero sostenuto gli esami anche nelle materie di cui avevano seguito i corsi come uditori[2].

La Montessori aveva sempre nutrito una grande passione per la medicina, si era avvicinata ad essa, perché questi studi le consentivano di dedicarsi a fondo alla scienza dell’uomo, e perché le permettevano di dedicarsi attivamente al servizio sociale.

Ella vedeva nella professione di medico il missionario, ossia colui che impiega le sue forze per prendersi cura dei poveri e degli ammalati. Questa passione umanitaria, costante nella sua vita, la indusse a ricordare durante la commemorazione avvenuta nel giugno del 1951 a Roma di Donna Maria Maraini Guerrieri Gonzaga[3], sua amica e collaboratrice che aveva fatto aprire la scuola regolare per infermiere a Roma che:

«alla medicina si aprirà un grande avvenire se si penserà a curare lo spirito dell’ammalato oltre che il suo corpo. Questo può essere di grande aiuto alla scienza medica, perché è una cura imperfetta quella che si rivolge al corpo senza curare lo spirito. E’ così anche per l’educazione del bambino. La maestra non può solo insegnare: essa deve saper vedere dentro l’anima dei bambini affidati alle sue cure; essa deve formare la personalità non solo attraverso gli insegnamenti, ma parlando alla loro anima, al loro spirito, alla loro intelligenza, con comprensione, umiltà e rispetto. Questa comprensione non può venire che da uno spirito eletto, raffinato, che sappia approfondire i problemi della umanità»[4]

 

Queste parole mettono in risalto il significato della sua missione caritatevole ed educativa al servizio degli altri, missione che portò la Montessori ad approfondire sempre più la scienza umana e sociale.

Il desiderio di dedicarsi allo studio della medicina, le fu dato anche dal Cesare Lombroso, il quale voleva essere uno scienziato oggettivo, uno che osservava il mondo e l’essere umano attraverso l’osservazione diretta.

La Montessori si sentiva già da tempo pronta a contribuire allo sviluppo sociale per mezzo della scienza. E’ questa trasformazione in senso positivistico la portò a conoscere, una scienza nuova, una scienza tutta per l’umanità non la scienza per la scienza.

La Montessori cominciò a frequentare i corsi obbligatori e liberi[5]. Questo ambiente non le risultò nuovo anche perché si trovò a seguire alcuni corsi tenuti da quegli stessi professori conosciuti alla Facoltà di Scienze. Infatti incontra nuovamente i professori di Anatomia topografica, Francesco Todaro, Michele Giuliani, di Anatomia microscopica, suo grande conoscente, Giovanni Mingazzini, di Anatomia del sistema nervoso centrale, ma entra in contatto anche con materie e insegnanti nuovi, come ad esempio Moleschott, insegnante di Fisiologia sperimentale, che Montessori stimava molto sia come docente che come uomo.

In quegli anni lo sviluppo sociale e scientifico interessava tutte le Facoltà (specialmente quella di medicina), che potevano contare sulla solerte presenza di docenti pronti a uscire dai canoni della ricerca tradizionale, per apprezzare e avviare la ricerca verso specialità mediche aperte all'approccio sperimentale. Erano anni in cui la medicina rivendicava capacità e competenze e innalzava la scienza come fondamento per il miglioramento sociale e civile del paese.

Molti furono i docenti che risentirono del culto del positivismo come: Jacob Moleschott, docente di fisiologia sperimentale, prima all’Università di Torino e che poi grazie alla chiamata di Francesco De Sanctis[6], giunse nel 1879 all’Università di Roma; Angelo Celli al quale nel 1888 venne affidata la cattedra di Igiene Sperimentale; Clodimiro Bonfigli, psichiatra, che diresse prima il manicomio di Ferrara, poi nel 1893 entrò alla Clinica psichiatrica di Roma e cominciò ad occuparsi dell’infanzia dei bambini deficienti.

L’interesse della Montessori alle tematiche della medicina sociale già si delineavano da tempo, quando discipline mediche differenti quali la Fisiologia, l’Antropologia e l’Igiene si univano per lanciare una triste denuncia: quella delle ingiustizie sociali.

Non vi è dubbio che gl'insegnamenti universitari seguiti in quegli anni dalla giovane Maria abbiano influenzato la sua vita futura. Infatti tra tutti gli esami sostenuti la Montessori superò con buoni voti specialmente quelle discipline che successivamente verranno a distinguere il suo impegno professionale. Un prova del suo impegno scientifico venne data dal superamento dell’esame di Fisiologia sperimentale (superato con voto di 30/30) seguito con il professor Jacob Moleschott, e dal superamento dei due esami di igiene (superati con il voto di 25/30) sostenuti rispettivamente nel luglio del 1895 con i professori Angelo Celli e Luigi Pagliani.

La Montessori era entusiasta nel frequentare le lezioni di fisiologia e di igiene anche perché andavano ben oltre il campo specialistico della disciplina: toccando tematiche riguardanti le condizioni di vita delle classi povere. In particolare le lezioni del professor Celli interessarono molto la giovane Maria perché, oltre ad essere lezioni teoriche, erano anche pratiche, ed in esse l'igienista seppe unire l'attività didattica al suo interesse per quelle patologie come la malaria e la tubercolosi diffuse tra le classi indigenti. L'impegno per gli studi sulla malaria, raggiunsero importanti acquisizioni di ordine epidemiologico e profilattico, tanto che fondò nel 1890 la Società di igiene e medicina tropicale e nel 1898, con la collaborazione del professor G. Fortunato e L. Franchetti, la Società per gli studi sulla malaria.

Il professor Celli apportò un contributo prezioso alla profilassi antimalarica, fu il primo a dare al problema un approccio sperimentale. Egli poté infatti dimostrare che nelle zone in cui la malaria era endemica, accorgimenti come, ad esempio, la protezione adeguate delle abitazioni dalle zanzare (vettore della malaria) e il coinvolgimento degli abitanti nella prevenzione erano essenziali per arginare la diffusione delle epidemie. Questi studi costituirono la base dell'opera svolta da Celli per la redenzione dell'Agro romano e delle zone più povere di Roma.[7]

Il Celli si impegnò anche politicamente facendosi promotore di leggi contro la malaria ed a favore di un'educazione igienico-sanitaria da effettuarsi in particolar modo attraverso l'istruzione scolastica. Egli rivolse la sua attenzione alle condizioni igieniche delle zone più degradate di Roma, occupandosi dello sviluppo dell'assistenza sanitaria e fu sensibile ai problemi dell'infanzia fondando a Roma nel 1891 l'ambulatorio «Soccorso e lavoro» per i bambini poveri, il cui scopo principale era quello di insegnare ai bisognosi a servirsi dell'assistenza sanitaria gratuita[8]. In questo impegno, fu sostenuto soprattutto dall'Associazione femminile, nella quale oltre, alla moglie di Celli, Anna Fraentzel, prestavano la loro opera molte donne e nobildonne romane, tra le quali la Montessori che allora ancora studentessa, si impegnò in un'attività ambulatoriale.

Probabilmente proprio gli studi universitari contribuirono a farle rendere conto che esisteva un risvolto della medaglia, che non vi era solo gente sana, che vestiva abiti eleganti, ma gente, bambini poveri, incolti, costretta a suo malgrado a vivere in condizioni misere.

Particolarmente importanti per la Montessori risultarono le lezioni di Clinica psichiatrica condotte dal professor Clodomiro Bonfigli, anche lui proveniente dalle Marche come Celli e la stessa Montessori. L’anno in cui la Marchigiana scelse di frequentare le lezioni di psichiatria, il professor Bonfigli dedicò l’intero corso al rapporto tra educazione infantile e pazzia: ricercando tra i fattori sociali della follia una formazione lacunosa specialmente per quanto riguardava lo sviluppo del carattere e la costruzione del senso morale. La Montessori frequentò il corso con particolare attenzione, dal momento che scelse di laurearsi in quella disciplina. La sua scelta era ormai evidente: di condurre una vita dedicata alla medicina mentale infantile e alla conoscenza e alla trasformazione della realtà in cui l’uomo vive e quasi sempre si dibatte tra tante difficoltà.

Conferma dell’attenzione verso l’infanzia e la medicina sociale, venne anche dalla scelta del suo ultimo esame complementare: Clinica pediatrica, che sostenne con il professor Luigi Concetti[9]. La cattedra era stata istituita di recente nell'Ateneo romano, infatti il primo accenno a questo insegnamento si ebbe nel 1871-72, quando l'Ostetricia acquistò il nome più naturale di Ostetricia e malattie speciali delle donne e dei bambini. Questo insegnamento al suo inizio fu tenuto dal professor Ercole Pasquali ed era per lo più teorico, riguardando solo i neonati. In seguito, nel 1896, grazie al professor Luigi Concetti, ebbe inizio l'effettivo studio della Pediatria, insegnamento istituito da Guido Baccelli nel 1896 e inteso come studio delle patologie che colpiscono il neonato, i bambini e gli adolescenti[10].

Il Concetti fu il primo insegnante a ricoprire questa cattedra che veniva ad aiutare l'attività dell'ambulatorio pediatrico di Trastevere, sorto già da alcuni anni sotto il segno della carità di Angelo Celli, e che contava nell'aiuto di alcune signore della borghesia romana.

In un articolo dal titolo: Il medico dei bambini e le signore, apparso nel 1895 sulla «Rivista delle signore», l'igienista Angelica Devito Tommasi[11] menzionava come nella Clinica pediatrica e in quella di «Soccorso e lavoro», lavorassero gli «stessi giovani e generosi colleghi», ma non mancava di evidenziare che poco o nulla avrebbero compiuto i dottori Concetti e Ruggeri senza il sostegno materiale di quelle signore. Sul finire dell'articolo la Devito Tommasi nomina la Montessori è dice: «fra un anno avremo laureata in medicina Maria Montessori»[12]. L'accenno alla Montessori ci fa pensare come fosse già noto il suo impegno per l'infanzia e come fosse attivo il suo impegno nell'ambulatorio di Trastevere.

L’anno in cui la Montessori si iscrisse all’Università, l’Italia attraversava una fase di grande sviluppo in tutti i campi. L’Università italiana viveva in modo particolare un periodo di massima espansione. Infatti nel ventennio che va dal 1880 al 1900 gli iscritti all’università passarono da 13.387 unità a 26.761, ed in particolare la facoltà di medicina aveva registrato un aumento degli iscritti: nel decennio che va dal 1880-81 al 1890-91 erano passati da 4.000 a 6.000 e gli insegnanti nell’Ateneo di Roma dal 1870 al 1890 erano triplicati e con essi anche la popolazione scolastica, che dai 400 iscritti del 1875 era passata ai 1600 nel 1890[13].

Questo cambiamento in tutta Italia era il segno di una incalzante e impellente ascesa della piccola e media borghesia, che voleva affermarsi come classe dirigente e vedeva come unica traccia per attuare ciò l’accesso dei propri figli all’Università. La politica del tempo aveva inteso bene le aspirazioni borghesi, cercando di rinnovare e innovare tutti gli ambiti istituzionali, in particolare quello dell’istruzione dove il processo di sviluppo era lento e difficile, specialmente per una donna.

Difatti non va sottovalutata la preoccupazione e il desiderio di quell’Italia piccolo-borghese che vuole acculturare e dare ai propri figli un avvenire. Una prova è data dal fatto che tra gli iscritti all’università risulta scarsa la presenza di giovani provenienti da ceti medio-alti: figli di professori o di uomini politici[14]. Per la donna italiana di una certa classe sociale, risultava più facile entrare all’università che non nella scuola classica nella quale l’ammissione di una certa classe socio-economica faceva temere una svalutazione della cultura. Nel 1874-75 il ministro Bonghi concesse alle donne, che avessero ottenuto privatamente la licenza liceale, di frequentare l’Università a pieno diritto. Anzi questo provvedimento venne giudicato positivamente nel 1896 da Antonio Labriola. In tal modo la frequenza andò aumentando sempre più anche perché vennero aperte alle donne le porte della scuola classica. L’Italia entrò, per quanto riguarda la divulgazione della cultura, in un processo di sviluppo ormai equiparato a quello europeo. Infatti c’era da notare, che all’estero come in Italia, le donne preferivano studi tradizionalmente giudicati maschili, come la medicina, l’ingegneria, la giurisprudenza. Per le donne che intendevano intraprendere la via l’insegnamento, c’era la possibilità di frequentare gli Istituti Superiori Femminili di Magistero, una sorta di università di serie B: di conseguenza, mentre formalmente la cultura ufficiale accettava le donne, di fatto si tentava o di scoraggiarle o di dirottare i loro interessi verso scuole femminili. Un esempio viene dato da un’inchiesta dal titolo “Le donne possono essere medichesse?..” apparso nel 1896 su "l’Illustrazione Popolare" dalla quale si evince ancora un forte pregiudizio per l’ingresso delle donne alla professione medica[15].

Anche se in quasi tutti i Paesi europei (e anche in Italia) il corso di laurea in medicina era il ponte che agevolava l’ingresso delle donne nelle università, indubbiamente l’esercizio della medicina incontrava, almeno a livello teorico, minore difficoltà rispetto ad altre professioni, quali ad esempio l’avvocatura da cui le donne erano categoricamente escluse. Infatti si guardava positivamente alle donne medico specialmente alle pediatre o ginecologhe, in quanto il loro istinto materno le avrebbe predisposte a prendersi cura di più della propria salute e cercare nel proprio sesso l’interlocutore più valido.

La scelta della Montessori di iscriversi alla Facoltà di Medicina, come è noto, non fu corriva. Ad altre donne, come ad esempio la figlia del famoso antropologo Cesare Lombroso[16], Gina Lombroso accadde di non potersi iscriversi alla Facoltà di Medicina perché nessuna ragazza si era ancora iscritta, e preferì iscriversi alla Facoltà di Lettere e Filosofia (l’unica allora frequentata da ragazze)[17]. Un altro esempio eccezionale, fu quello di Anna Kuliscioff alla quale venne impedito nel 1887 di esercitare la professione medica presso l’Ospedale Maggiore di Milano, benché un’altra donna-medico, Giuseppina Cattani, avesse conseguito a Torino la libera docenza in Patologia Generale[18].

La Montessori all’Università si sentiva sola ed emancipata: quando passava nei corridoi gli studenti la guardavano con stizza, era costretta ad entrare nell’aula solo quando gli altri studenti erano seduti, in modo tale da non accentuare l’inquietudine[19]. Tutto questo era imputabile al preconcetto che una donna potesse frequentare e studiare medicina. Maria con la stessa fermezza di sempre, diceva: “Più soffiate e più vado in alto”[20] e così fronteggiava la quotidianità.

Proprio con questo spirito Maria continuò a frequentare le lezioni di anatomia, nonostante la restrizione iniziale dovuta al fatto che quando partecipò per la prima volta ad una dissezione di un cadavere, «in quella stanza semi buia, piena di teschi, scheletri e vasi di vetro con dentro diversi organi umani, Maria sentì un senso di disgusto e cercò di prendere le distanze pensando ad altro». Man mano però:

« […] una forza invincibile mi costrinse a pensare al mio stesso cervello, che era fatto allo stesso modo, tanto da farmi trovare con i miei pensieri le mie proprie circonvoluzioni. Mi sembrava che nel cervello mi stessero crescendo tante protuberanze…volevo scuotermi ma non ci riuscivo. Il sangue continuava a salire e già le orecchie mi fischiavano talmente che non riuscivo a percepire nessun altro suono. Un dolore acuto mi pugnalava le tempie e mi sentivo la testa così pesante che dovetti appoggiarmi. Quando la lezione finì il sangue ancora mi opprimeva il cervello»[21].

 

Quando raccontò ai genitori il disgusto avvertito in quell’aula di dissezione, entrambi le  consigliarono di  non  seguire

le lezioni di Anatomia. Ma dopo un rifiuto iniziale Maria decise di continuare a frequentare le lezioni. Ed anzi nel ritornare in quell’aula, ella si sentì più forte che mai, e pagò un uomo che durante la sezione dei cadaveri le fumasse vicino in modo tale da impedirle di svenire durante la lezione. Quando ciò non fu più possibile, cominciò a fumare lei stessa[22].

Probabilmente ciò che turbava la giovane Maria non era solo il confronto con la morte, ma anche, e ancor di più, il confrontarsi con alcuni argomenti tratti ad esempio quello della riproduzione umana[23]. Ciò dipese quasi certamente dal fatto la madre, pur avendola preparata a tante cose, non aveva affrontato con lei in linea con l'educazione che le giovani ragazze del tempo ricevevano, temi riguardanti la sessualità e la corporeità. Renilde aveva tenuto Maria nell'innocenza: una innocenza giustificata dalla madre come purezza femminile; purezza che Maria, chiamerà in futuro “falsa”, prendendo le parti della donna, e cioè al diritto ad una corretta conoscenza del corpo[24].

La Montessori, in una lettera scritta all’amica Carla, spiega le ragioni per cui riusciva a scindere l’emotività dalla medicina: e

«La mia celebrità deriva da questo fatto: sembro delicata e piuttosto timida, si sa che osservo i cadaveri e che li tocco,… io una ragazza sola tra tanti uomini!… Che nulla mi scuote, nulla; neanche un esame in pubblico; che parlo ad alta voce di cose difficili con tale indifferenza e sangue freddo…E così, eccomi qui: famosa! D’altro canto, mia cara non è difficile, come vedi. Io non sono famosa grazie alla mia abilità o alla mia intelligenza, ma per il mio coraggio e la mia indifferenza nei confronti di tutto. E’ una cosa che, se la si desidera, si può sempre ottenere, ma ci vogliono degli sforzi spaventosi»[25].

 

Qui emerge una delle caratteristiche che contraddistinguono la Montessori. Infatti mentre esteriormente, cerca di adattarsi alle norme del positivismo divenendo temeraria e forte, internamente si ribella a questo modo oggettivo di vedere l’uomo, e lo fa seguendo quell’impulso dettato dall’emozione, dall’amore, dalla gioia di vivere che la porterà a scoprire il suo pensiero pedagogico.

Lo studio della medicina, non si limitava per Maria Montessori solo a sezionare e analizzare i cadaveri, ma esso era unita al desiderio di vita di amore, è così che Maria volle vivere il suo rapporto con la medicina, cioè mescolando amore e scienza[26]

La Montessori nonostante l’isolamento a cui l’essere donna l’aveva costretta, continua ad impegnarsi nel suo cammino. Continua a vivere gli anni universitari con coerenza, attenzione e con tanta voglia di conoscere. Lo dimostra il suo curriculum universitario, le scelte dei corsi da frequentare, i relativi esami sostenuti, le borse di studio vinte ed i successivi riconoscimenti per i suoi lavori.

La Fondazione Rolli concedeva annualmente ad uno studente di medicina una borsa di studio consistente in una somma di L.1000 che veniva assegnata tramite un concorso per esami. Per la prima volta, nell’ottobre del 1894, il premio fu dato alla Montessori, nonostante il disappunto dei propri compagni del quarto anno di corso, per essere stata lei, una donna, a ricevere il premio[27].

Fu il suo primo riconoscimento scientifico, seguito da una serie di altre borse di studio, che permisero alla Montessori di continuare e approfondire gli studi, grazie alla sua indipendenza economica.

Quando la Montessori cominciò a frequentare nel 1892-93 i corsi di medicina, solo una donna si era già laureata in medicina nell’Ateneo romano.

La Montessori già nel maggio del 1892 fu segnalata dalla stampa, come l’unica donna scelta tra tanti studenti maschi ad offrire, in occasione della seconda edizione della festa dei fiori, lo stendardo di seta alla regina Margherita. I giornali nel riportare la notizia della sfilata organizzata dall’aristocrazia romana e dagli studenti dell’Università, mettevano in evidenza la tranquillità e la dolcezza con cui la giovane studentessa di scienze naturali e medicina (così i giornali indicano la Montessori) riuscì a persuadere la sovrana a ritirare il premio[28].

Quell’anno avvenne il suo esordio pubblico, non solo per essere apparsa per la prima volta su un giornale, ma anche per aver colto l’attenzione di molte personalità della politica e dell’aristocrazia, con le quali la Montessori non mancherà di rincontrarsi in futuro. Nel giugno del 1893 la Montessori fu nuovamente messa in evidenza dalla stampa per aver presenziato, insieme ai suoi compagni del terzo anno di medicina, alla veglia funebre per il professor Moleschott. I giornali non fecero che accentuare quell’unica presenza femminile che vegliava il suo amato e stimato professore.

La Montessori si laureò nel 1896[29], ma come affermano molti, non è stata la prima donna a laurearsi in medicina e chirurgia, ma una delle prime. Infatti, la prima donna ad ottenere la laurea in medicina e chirurgia nell’Ateneo Romano è stata nel 1890 Edvige Benigni, e nel 1894 Marcellina Corio Viola, la Montessori risulta invece la terza donna laureatasi in medicina[30].

La Montessori si laureò nell’Ateneo romano il 10 luglio 1896, con una tesi dal titolo: Contributo clinico allo studio delle allucinazioni a contenuto antagonistico, discussa alla presenza del suo relatore il professore Ezio Sciamanna, direttore della Clinica Psichiatrica dell’Università di Roma[31].

Durante l’anno 1895-96 nella clinica psichiatrica di Roma vennero esaminati vari casi di allucinazioni, che per il loro meccanismo, per la loro frequenza e nonché per la condotta degli alienati meritarono particolare attenzione. Alcuni di questi casi vennero presi in considerazione dalla Montessori e da Sante De Sanctis (presente presso la Clinica psichiatrica universitaria già dal 1892) a sostegno nel lavoro di tesi. Già da qualche tempo, alcuni studiosi di psichiatria si erano interessati a quelle particolari allucinazioni, che  erano state  osservate  in modo  particolare dalla

 

scuola francese. I vari casi esaminati portarono i medici francesi Magnan e Séglas a definire quelle allucinazioni come “antagonistiche”: cioè allucinazioni di senso contrario, chiamato in francese fenomeno della double voix[32].

Su questo particolare tipo di allucinazione si sapeva poco, in quanto mancava una loro definizione precisa e uno studio dal punto di vista psicologico. Ad approfondire questo tema fu la Montessori.

La Montessori nel lavoro di tesi, prese in esame, durante l’anno scolastico 1895-96, nella Clinica psichiatrica di Roma, diretta dal prof. Sciamanna, nove casi clinici dove le allucinazioni a contenuto antagonistico si mostravano in diverse forme. La Montessori in modo sintetico riferì le storie e le vicende di tutti i casi presi in esame e cercò di dare una definizione clinica delle allucinazioni antagonistiche o allucinazioni di contrasto[33].

«Per allucinazioni antagonistiche io intendo due o più allucinazioni del medesimo senso o di sensi diversi, che succedendosi in uno spazio limitato di tempo differiscono in modo nel loro contenuto, da riuscire l’una contraddittoria dell’altra»[34].

Quanto si desume dalla tesi è presente anche in un articolo di Maria  Montessori e Sante De Sanctis apparso sul «Policlinico» nel 1897. In questo articolo, tenendo conto dei casi osservati, viene messo in evidenza il carattere distintivo di detta allucinazione. Infatti viene specificato che la denominazione “allucinazioni antagonistiche” è riferita solo a quei casi studiati in cui l’opposizione o l’antitesi, rientra in due allucinazioni e non invece in quei casi in cui l’opposizione si verifica tra un’allucinazione e un’idea delirante, ovvero tra un’allucinazione e la condizione affettiva, oppure il carattere o le abitudini del malato[35].

La Montessori nella tesi, spiega inizialmente che cosa si intende per allucinazioni antagonistiche, poi riassume la letteratura relativa a quelle allucinazioni, ed in fine espone i casi clinici da lei osservati nella Clinica romana. La Montessori approfondendo il suo lavoro, mostra che esistono delle lacune relative a qualche varietà di allucinazioni, le quali per la loro frequenza meritano invece uno studio particolare.

Nella tesi la Montessori specificava cosa intendeva per allucinazioni antagonistiche ed elenca una serie di esempi:

 [...] Se ne trova un primo esempio in Pinel che riporta l’osservazione d’un maniaco, nel giorno, calmo ma che di notte si credeva circondato da anime e da fantasmi: egli s’intratteneva ora con l’uno ora con l’altro dei buoni e dei cattivi angeli, e secondo il carattere delle sue visioni era buono o malvagio, e portato a degli atti di dolcezza o di una crudele barbaria [...] Vi sono allucinati che si intrattengono successivamente con tre, quattro, fino a dodici o quindici interlocutori invisibili di cui affermano distinguere facilmente le differenti voci[36].

 

La Montessori riporta esempi di allucinazioni verbali, visive, uditive, gustative, tattili, del senso muscolare e del genitale, tratti da studiosi come: Pinel, Baillaryer, Leuret, Griesinger, Leglas e Magnan. Infine conclude il suo lavoro spiegando che le allucinazioni antagonistiche non erano altro che uno dei tanti segni del contrasto psicopatologico le cui cause erano da ricercare nella vita psichica normale.

Il raggiungimento della laurea per la Montessori significò la realizzazione di un progetto a cui si era impegnata con perseveranza e fedeltà e l’inizio del suo inserimento nella comunità medico scientifica del tempo.

Il suo impegno durante gli anni universitari condussero la giovane Montessori a prestare servizio in vari ospedali, il professor Sciamanna, infatti l'anno successivo alla sua laurea in Medicina, propose di nominare la signorina Montessori assistente volontaria presso la Regia Clinica Psichiatrica di Roma, allora accorpata al Manicomio Santa Maria della Pietà. Dalla nostra documentazione risulta difatti che il professor Sciamanna fece richiesta al Rettore dell'Università allora Giuseppe Cugnoni di inviare una lettera al Ministero della Pubblica Istruzione di Roma, datata 29 luglio 1897, nella quale si chiedeva che: «in luogo al Dott. Beniamino Nespa, che lascia volontariamente il posto, [il professor Sciamanna] propone la nomina di Assistente volontario al D. Montessori Maria»[37].

Il Ministero con una lettera datata 13 agosto 1897 rispose al Rettore dichiarando che: «Non ho motivo di oppormi a che il Prof. Sciamanna, Direttore della Clinica psichiatrica, si valga dell'opera del Dott. Mario Montessori in qualità assistente volontario gratuito»[38]. In questa lettera il Ministro chiamò la Montessori, "Mario" e non Maria, probabilmente questa fu la riprova del fatto che alla fine dell'800 la professione intrapresa dalla Montessori non poteva considerarsi una via "normale" per una donna e l'appellativo con cui il Ministro si riferì, allude implicitamente a un ambiente totalmente maschile.

In seguito il Rettore inviò una lettera, datata 18 agosto 1897 al Direttore dea Clinica di psichiatria, nella quale si legge che: «Il Ministero della Pubblica Istruzione in sua nota del 13 corr. […] mi dichiara di non aver motivo di opporsi a che la S. V. Ill.ma si valga dell'opera della Sig.na Dott. Maria Montessori in qualità di assistente volontaria gratuita, sotto la (…) di Lei responsabilità e senza alcun impegno per parte del Ministero»[39].

In quegli anni la giovane Montessori oltre a prestare servizio presso la Clinica Psichiatrica romana, vinse nel 1895 un concorso come assistente all'Ospedale San Giovanni e nel 1896 all'Ospedale Santo Spirito di Sassia, sede quest'ultimo della Clinica medica universitaria[40].

In questi ambienti, ella ebbe l’opportunità di entrare in contatto con alcune personalità considerevoli nella cerchia medica. Il compenso alla diligenza mostrato dalla Montessori ebbe modo di materializzarsi nel 1896 con la pubblicazione di un articolo Sul significato dei cristalli del Leyden nell’asma bronchiale[41]. E l’anno successivo con altre due pubblicazioni: Sulle cosiddette allucinazioni antagonistiche[42] e Ricerche batteriologiche sul liquido cefalo rachidiano dei dementi paralitici[43]. Entrambe le ricerche di carattere scientifico trattano le ultime indagini e studi fatti su alcuni pazienti ricoverati presso la Clinica Psichiatrica dell’Università di Roma ed il frutto del lavoro svolto in suddetto Istituto.

La Montessori mostrava interesse per le scienze, quali: la biologia, l’antropologia, la medicina mentale, l’igiene, la psicologia sperimentale, come possibile via d’uscita dalla povertà, dalla malattia, dalla miseria che ancora segnava la degenerazione di intere masse sociali. La Montessori riponeva fiducia in questi nuovi saperi che per di più si concentravano nell’ambito accademico.

Infatti in quegli anni nacquero a Roma l’Istituto di neuropsichiatria (fondato dal prof. Ezio Sciamanna) e l’Istituto di psicologia sperimentale (fondato dal prof. Sante De Sanctis), che porteranno una più aggiornata visione della malattia mentale in particolare di quella infantile.

L’interessamento della giovane Montessori allo studio della mente e delle patologie affini, risultava insolito  specialmente

per una donna. Infatti in un documentato articolo del giornalista  Padelletti risultava chiaro l’apprezzamento rivolto alle donne che si dedicavano attivamente agli studi medici, pur suggerendo alle donne-medico, a conclusione del discorso, di specializzarsi in discipline più vicine alla loro natura, come pediatria e ostetricia; giacché una vita di studio e applicata ad una professione, significava sbarrare matrimonio e maternità[44].

Non è escluso che la scelta della Dottoressa di conoscere e approfondire lo studio dell’infanzia affetta da handicap mentale fosse stata data dalle lezioni di Bonfigli e Moleschott, nonché (come si vedrà in seguito) dall’istituzione della psicologia empirica sostenuta da Antonio Labriola nelle sue lezioni di pedagogia. L’opera di divulgazione promossa da questi docenti costituì per la Montessori la base della scelta di intraprendere e approfondire ricerche sul funzionamento della mente.

Nonostante l’impegno delle donne e gli ottimi risultati ottenuti negli studi, ancora l’opinione comune più diffusa appariva incredula e scettica verso l’emancipazione femminile e verso l’uguaglianza tra i sessi, per la quale i tempi non sembravano ancora maturi.

La laurea ottenuta dalla Montessori faceva notizia, infatti in alcuni giornali quali il «Messaggero» e «Il Don Chisciotte», che riportarono l’avvenimento, giacché in quell’anno accademico su 21.813 iscritti in tutte le università italiane solo 132 erano donne[45].

L’attenzione pubblica verso la Montessori “studentessa” fu concentrata sul suo sesso piuttosto che sulle sue capacità, ma dal 1894 in poi questi due elementi si legano: la stampa cominciò ad interessarsi e si stupì che in lei avvenenza e femminilità si unissero all’inclinazione intrepida e vigorosa necessaria per percorrere ogni tipo di professione in particolar modo quella medica. La Montessori si sentiva continuamente osservata e faceva fatica a resistere alle tentazioni del successo. Infatti sentiva il bisogno di vestirsi elegante, di ondularsi i capelli per essere il più attraente possibile, tanto che «L’Illustrazione popolare» pubblicò nell’ottobre del 1896 il ritratto di Maria Montessori per  soddisfare

i lettori che desideravano decorare i propri album con la fotografia della «vezzosa medichessa chirurga»[46]. La Montessori riceveva molte attenzioni maschili ed ella reagiva a queste attenzioni in modo ambivalente, infatti da una parte ne era felice e lusingata, dall’altra la rendevano nervosa.

Alla Montessori non sembrava vero che dopo quegli anni difficili di lotta continua per sconfiggere i pregiudizi, l’attenzione dei giornalisti si spostasse intorno alla sua persona, al suo carattere, alla sua forza e intelligenza. Questo cambiamento portò suo padre a far tramontare quel atteggiamento distaccato e freddo nei confronti della figlia per le scelte prese. Il modo in cui avvenne questo mutamento fa parte della narrazione tradizionale della Montessori.

Nell’anno accademico 1895-96 la Montessori doveva tenere una conferenza a tutti gli studenti, quando:

«la mattina del grande avvenimento Alessandro Montessori si aggirava per le strade di Roma senza l’intenzione di parteciparvi. Venne allora avvicinato da un amico, che lo persuase ad assistere. Quando Maria fu in procinto di parlare ebbe l’impressione, come raccontò dopo, di essere un domatore di animali feroci che entrava nella gabbia dei leoni. Tuttavia parlò ed ebbe un successo straordinario. I testimoni raccontano che Alessandro rimase ad ascoltare con atteggiamento severo e freddo, e si sciolse soltanto quando i presenti si congratularono con lui, dopo aver applaudito Maria»[47].

 

Da quel momento in poi suo padre non criticò più Maria e in occasione del suo trentesimo compleanno le regalò tutti gli articoli dei suoi trionfi che aveva accuratamente raccolto in quegli anni.


AVVERTENZA BIBLIOGRAFICA

 

Nella bibliografia che accompagna il nostro lavoro, l'indicatore di lavoro che abbiamo utilizzato segue una linea storica divisa in:

I periodo (1896-1918), che comprende gli scritti di Maria Montessori "giovane studentessa" e "matura insegnante".

II periodo che comprende le opere di Maria Montessori dal 1919 in poi.

Accanto alla ricostruzione storica degli scritti di Maria Montessori, abbiamo inoltre presentato una bibliografia generale, divisa al suo interno in due gruppi:

I gruppo, che comprende la letteratura generale utilizzata su Maria Montessori.

II gruppo, che comprende la letteratura sui singoli aspetti indagati nel nostro lavoro.

Abbiamo raggruppato la bibliografia in due parti: una prima parte in cui come evidenziato precedentemente, abbiamo suddiviso l'opera di Maria Montessori in due periodi storici, adoperando un criterio cronologico; una seconda parte di letteratura di riferimento sull'argomento suddivisa in due gruppi, per la quale abbiamo utilizzato un procedimento alfabetico.

Il nostro fine è stato quelle di presentare accanto ad una bibliografia storica di Maria Montessori, una bibliografia di riferimento generale su temi ricorrenti nella nostra ricerca, in modo da porgere al lettore interessato uno strumento in più per orientarsi in un campo vastissimo di ricerca.

Oltre a ciò abbiamo illustrato le fonti archivistiche, nelle quali abbiamo incluso tutti gli Annuari scolastici consultati presso l'Archivio Generale Studenti dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza".

 


I periodo: bibliografia delle opere di Maria Montessori scritti e compresi tra il 1896 e il 1918 incluso

 

Montessori M., Sul significato dei cristalli del Leyden nell’asma bronchiale, in «Bollettino della Società Lancisiana degli Ospedali di Roma», a XVI, fasc. I, 1896.

Montesano G., Montessori M., Ricerche batteriologiche sul liquido cefalo rachidiano dei dementi paralitici, Roma, F.lli Capaccini, 1897, estratto dalla «Rivista quindicinale di Psicologia, Psichiatria, Neuropatologia», fasc. 15, 1 dicembre 1897, pp. 1-13.

Montessori M., Sulle cosiddette allucinazioni antagonistiche, in «Policlinico», a. IV, vol. IV, fasc. 2, febbraio 1897, pp. 68-71, fasc. 3, marzo 1897, pp. 113-124.

Montessori M., recensione a Tambroni, La olofoterapia nelle malattie nervose, «Rivista quindicinale di Psicologia, Psichiatria, Neuropatologia», vol. I, fasc. 4, 15 giugno1897.

Montessori M., recensione a Baccelli, Turbe nervose per astinenza d tabacco in soggetti nevro-psicopatici, «Rivista quindicinale di Psicologia, Psichiatria, Neuropatologia», vol. I, fasc. 4, 15 giugno1897.

Montessori M., recensione a P. Lombroso, La psicosi di Beccaria, «Rivista quindicinale di Psicologia, Psichiatria, Neuropatologia», vol. I, fasc. 8, 1897.

Montessori M., Assistenza e clinica, «Rivista quindicinale di Psicologia, Psichiatria, Neuropatologia», vol. I, fasc. 9, 1897.

Montessori M., recensione a S. Venturi, Origine dei caratteri differenziali fra l'uomo e la donna, «Rivista quindicinale di Psicologia, Psichiatria, Neuropatologia», fasc. 13-14, 1897.

Montessori M., recensione a G. Lumbroso, Sopra un caso di miopatia atrofica progressiva con partecipazione di un muscolo oculare, «Rivista quindicinale di Psicologia, Psichiatria, Neuropatologia», fasc. 13-14, 1897.

Montessori M., recensione a R. Stanziale, Ulteriori ricerche istologiche sulle alterazioni luetiche delle arterie cerebrali, «Rivista quindicinale di Psicologia, Psichiatria, Neuropatologia», fasc. 16, 1897.

Montessori M., Miserie sociali e nuovi ritrovati della scienza, in «Il Risveglio educativo», a. XV, n. 17, 10 dicembre 1898, pp. 130-132 e n. 18, 17 dicembre 1898, pp. 147-148; ripubblicato in «Vita dell’Infanzia», a. XLIV, n. 4, aprile 1995, pp. 4-9.

Montessori M., Nel mondo dell'infanzia, «Roma», a. II, fasc. XXXVI, 1898.

Montessori M., L'educazione dei piccoli degenerati, in «Atti del Primo Congresso Pedagogico Nazionale Italiano Torino 8-15 settembre 1898», pubblicati per cura di G. C. Molineri e G. C. Alessio, Torino, Stabilimenti Tipografico F. Camandona, 1899, pp. 122-124, inseriti nell'Appendice presente in E. Catarsi, La giovane Montessori, Ferrara, Corso Editore, 1995, pp. 111-112.

Montessori M., La questione femminile e il Congresso di Londra, in «L'Italia Femminile», a. I, n. 38, 1 ottobre 1899, pp. 298-299, 8 ottobre 1899, pp. 306-307, ed inserito nell'Appendice presente in E. Catarsi, La giovane Montessori, Ferrara, Corso Editore, 1995, pp.129-138.

Montessori, M, Il saluto delle donne italiane, in «International Council of Women», Report of Transaction of Second Quinquennial meeting held in London, July 1899, vol. I, Fisher Unwin, London 1900, pp. 255-257, e inserito nell'Appendice presente in E. Catarsi, op. cit., pp. 139-140.

Montessori M., Il lavoro manuale nelle scuole elementari, in «Women in education», being the transactions of the Educational Section of the International Congress of Women, London, July 1899, vol. II, Fisher Unwin, London 1900, pp. 51-52, e inserito nell'Appendice presente in E. Catarsi, op. cit., pp. 141-142.

Montessori M., L'impiego dei bambini nelle miniere e nei lavori pericolosi, «Women in industrial life», the transactions of the industrial and Legislative Section of The International Congress of Women, London, July 1899, vol. VI, Fisher Unwin, London 1900, pp.81-82, inserito nell'Appendice presente in E. Catarsi, op. cit., p. 143.

Montessori M., Lettera a Febea, «Don Chisciotte» di Roma, 1 gennaio 1899.

Montessori M., Scuole di redenzione, «Il Risveglio educativo», a. XV, n. 23, 1899, inserito nell'Appendice presente in E. Catarsi, op. cit., pp. 144-146.

Montessori M., Riassunto delle lezioni di didattica, Roma, Laboratorio Litografico Romano, 1900 poi inserito nell’Appendice presente in L’autoeducazione nelle scuole elementari, Roma, Milano, Garzanti, 1992 (I edizione 1916), pp. 639-675.

Montessori M., Norme per una classificazione dei deficienti in rapporto ai metodi speciali di educazione, in Atti del Comitato Ordinatore del II Congresso Pedagogico Italiano 1899-1901, Napoli, Trani, 1902, pp. 144-167, e ripubblicato in «Vita dell’Infanzia», a XI, n. 9, settembre 1962, pp. 3-12

Montessori M., La via e l'orizzonte del femminismo, «Cyrano de Bergerac», a. II, n. 6, luglio 1902, pp. 203-206, inserito nell'Appendice presente in E. Catarsi, op. cit., pp. 149-151.

Montessori M., L’Antropologia pedagogica, Milano, Antonio Vallardi, 1903, pp. 3-22, ripubblicato in «Vita dell’Infanzia» a. XLVI, n. 8, ottobre 1997, pp. 8-15.

Montessori M., La teoria Lombrosiana ed educazione morale, «"Rivista d'Italia" Lettere Scienze ed Arte», a. VI, vol. II , 1903, pp. 326-331.

Montessori M., Sui caratteri antropometrici in relazione alle gerarchie intellettuali dei fanciulli nelle scuole, in «Archivio per l’Antropologia e l’Etnologia», vol. XXXIV, fasc. 2, 1904, pp. 243-300.

Montessori M. Influenze delle condizioni di famiglia sul livello intellettuale degli scolari, in «Rivista di filosofia e scienze affini», a. VI, vol. II, n. 3-4, settembre-ottobre 1904, pp. 234-284

Montessori M., Caratteri fisici delle giovani donne del Lazio, Roma, Società Romana di Antropologia, 1905 estratto dagli «Atti della Società Romana di Antropologia», vol. XII, fasc. I, pp. 3-83.

Montessori M., Il V Congresso di psicologia, «I diritti della Scuola», n. 32, 21 maggio 1905, pp. 232-233, inserito nell'Appendice presente in E. Catarsi, op. cit., p. 145.

Montessori M., Proclama alle donne italiane, «La Vita», 26 febbraio 1906.

Montessori M., A proposito di minorenni corrigendi, «La Vita», 3 giugno 1906.

Montessori M., Gli odierni riformatori per minorenni corrigendi, «La Vita», 6 giugno 1906.

Montessori M., Sulla questione dei minorenni corrigendi, «La Vita», 16 giugno 1906.

Montessori M., Per i minorenni delinquenti, «La Vita», 14 luglio 1906.

Montessori M., Per il voto politico alle donne, «La Vita», 1 agosto 1906.

Montessori M., Lottiamo contro la criminalità, «La Vita», 8 settembre 1906.

Montessori M., Per il voto alle donne, «La Vita», 21 ottobre 1906.

Montessori M., Per il voto. La vittoria, «La Vita», 8 dicembre 1906.

Montessori M., L’importanza dell’etnologia regionale nell’antropologia pedagogica, in «Ricerche di Psichiatria e Nevrologia, Antropologia e Filosofia», Milano, Vallardi, 1907, pp. 603-619.

Montessori M., Maternità, «La Vita», 4 febbraio 1907.

Montessori M., La casa dei bambini dell’Istituto Romano dei Beni Stabili, Conferenza tenuta il 7.4.1907, Roma, Bodoni, 1907.

Montessori M., Come si insegna a leggere e a scrivere nelle “Case dei Bambini” di Roma, in «I diritti della scuola», a. IX, n. 34, 31 maggio 1908, e ripubblicato in «Il quaderno Montessori», a. VIII, n. 17, 1988 pp. 3-7.

Montessori M., Il metodo della pedagogia scientifica applicato all’educazione infantile nelle Case dei Bambini, Città di Castello, Tip. Casa editrice S. Lapi, 1909.

Montessori M., Corso di pedagogia scientifica, Città di Castello, Società Editrice, 1909.

Montessori M., Per una nuova pedagogia, in «“Vita” rivista d’azione per il bene», a. VI, n. 9-10, settembre-ottobre 1909, pp. 414-424.

Montessori M., Antropologia pedagogica, Milano, Vallardi, s.d. (ma 1910).

Montessori M., La morale sessuale nell’educazione, in Atti del I Congresso Nazionale delle donne italiane, Roma 24-30 aprile 1908, Roma, Stab. Tip. della Società Editrice Laziale, 1912, pp. 272-281, e ripubblicato in «Vita dell’Infanzia», a. VII, n. 8-9, agosto-settembre 1958, pp. 3-7. Un resoconto della conferenza tenuta dalla Montessori venne pubblicato anche in «“Vita” rivista d’azione per il bene», a. V, n. 13-14, 31 luglio 1908, pp. 281-290.

Montessori M., The Montessori Method Scientific pedagogy as applied to child education in “The children house”, with addition and revision by the author, London, William Heinemann, 1912.

Montessori M., Il metodo della pedagogia scientifica applicato all’educazione infantile nelle Case dei Bambini, II edizione accresciuta ed ampliata, Roma, Loescher & C, 1913.

Montessori M., I principi fondamentali del metodo, in «La cultura popolare», a. IV, n. 22, dicembre 1914, pp. 1013-1015.

Montessori M., Quando al scienza entrerà nella scuola, in «La coltura popolare» a. V, n. 15 gennaio 1915, pp. 12-14.


II periodo: bibliografia delle opere di Maria Montessori dal 1919 in poi

Montessori M., Il metodo della pedagogia scientifica applicato all’educazione infantile nelle Case dei Bambini, III edizione accresciuta ed ampliata, Roma, Maglione & Strini, s.d. (ma 1926).

Montessori M., I reattivi psichici, in «Montessori», a. I, n. III, 15 marzo 1931, pp. 3-8.

Montessori M., Il compito preciso del maestro, in «Montessori», a. I, n. IV, aprile 1931, pp. 3-12.

Montessori M., La preparazione spirituale del maestro, in «Montessori», a. I, n. V, settembre-ottobre 1932, pp. 259-264.

Montessori M., Deviazione e normalizzazione, in «Opera Montessori», a. II, n. 2-3, marzo-giugno 1934, pp. 7-16, 18-31, 33-43 e 44-49.

Montessori M., Psicoaritimetica, Barcellona, Araluce, 1934

Montessori M., Il metodo della pedagogia scientifica applicato all’educazione infantile nelle case dei bambini, III edizione accresciuta ed ampliata con molte tavole e figure, Roma, Maglione & Strini Succ. Loescher, 1935 (in realtà ristampa della terza edizione).

Montessori M., Manuale di pedagogia scientifica, Napoli, Alberto Morano Editore, 1935 (I edizione originale inglese con il titolo Dr. Montessori’s Own Handbook, 1914; I edizione italiana 1921).

Montessori M., Educazione e pace, Milano, Garzanti, 1949.

Montessori M., Onoranze alla Medichessa Maraini, in «Vita dell’Infanzia», a. I, n. 1, 15 gennaio 1952.

Montessori M., La scoperta del bambino, Milano, Garzanti, 1999.

Montessori M., Il maestro, in «Vita dell’Infanzia», a. XII, n. 6-7, giugno-luglio 1963 pp. 5-6 (già apparso in «L’Idea Montessori», a. I, n. 3-4, 30 settembre 1927, pp. 3-4).

Montessori M., La vita in Cristo, Milano, Garzanti, 1970 (I edizione 1931, I edizione Garzanti 1949).

Montessori M., La santa messa, Milano, Garzanti, 1970 (I edizione originale inglese con il titolo Mass Explained to Children, 1932; I edizione Garzanti 1949).

Montessori M., I bambini viventi nella Chiesa, Milano, Garzanti, 1970 (I edizione 1922).

Montessori M., Psicoaritmetica, Milano, Garzanti, 1971.

Montessori M., La mente del bambino. Mente assorbente, Milano, Garzanti, 1987 (I edizione originale in lingua inglese con il titolo The absorbent mind, 1949; I edizione Garzanti 1952).

Montessori M., Il bambino in famiglia, Milano, Garzanti, 1991 (I edizione originale tedesca con il titolo Das Kind der Famiglie, 1923; I edizione italiana 1936; I edizione Garzanti 1956).

Montessori M. Educazione per un mondo nuovo, Milano, Garzanti 1991 (edizione originale in lingua inglese con il titolo Education for a new world, 1947; edizione Garzanti 1970).

Montessori M., Il segreto dell’infanzia, Milano, Garzanti, 1992 (I edizione originale francese con il titolo L’Enfant, 1936; I edizione in lingua italiana 1938; I edizione Garzanti 1950).

Montessori M., Come educare il potenziale umano, Milano Garzanti, 1992, (I edizione originale in lingua inglese con il titolo To educate the human potential, 1947; I edizione Garzanti 1970).

Montessori M., L’autoeducazione nelle scuole elementari, Milano, Garzanti, 2000 (I edizione 1916; I edizione Garzanti 1962).

Montessori M., Formazione dell’uomo, Milano, Garzanti, 1993 (I edizione 1949; I edizione Garzanti).

Montessori M., Dall’infanzia all’adolescenza, Milano, Garzanti, 1994 (I edizione originale francese con il titolo De l’enfant à l’adolescent, 1948; I edizione Garzanti 1949).

Montessori M., Lezioni di metodo: Cenni sull’origine delle “Case dei Bambini”, in «Vita dell’Infanzia», a. XLV, n. 1, gennaio 1996, pp. 9-13.

Montessori M., Lezioni di metodo: L’organizzazione dell’ambiente-scuola e la sua funzione psichica, n. 2, febbraio 1996, pp. 5-9.

Montessori M., Lezioni di metodo: L’organizzazione dell’ambiente-scuola e la sua funzione psichica, n. 3, marzo 1996, pp. 10-17.

Montessori M., Lezioni di metodo: La maestra e l’ambiente organizzato, n. 4, aprile 1996, pp. 4-9.

Montessori M., Lezioni di metodo: L’esercizio del silenzio, n. 5, maggio-giugno 1996, pp. 5-9.

Montessori M., Lezioni di metodo: L’esercizio del silenzio n. 9, novembre 1996, pp. 3-5.

Montessori M., Lezioni di metodo: Gli incastri solidi: un esercizio totale, n. 10, dicembre 1996, pp. 3-8.

Montessori M., Lezioni di metodo: I materiali e l’educazione della mente, a. XLVI, n. 1, gennaio 1997, pp. 3-7.

Montessori M., Lezioni di metodo: Il piacere di scrivere e di leggere nella “Casa dei Bambini”: dalle origini alla “esplosione”, n. 2, febbraio 1997, pp. 3-6.

Montessori M., Lezioni di metodo: Il piacere di scrivere e di leggere nella “Casa dei Bambini”: dalle origini alla “esplosione”, n. 3, marzo 1997, pp. 4-7.

Montessori M., Lezioni di metodo: Il piacere di scrivere e di leggere nella “Casa dei Bambini”: dalle origini alla “esplosione”, n. 4, aprile 1997, pp. 7-10.

Montessori M., Lezioni di metodo: Il piacere di scrivere e di leggere nella “Casa dei Bambini”: dalle origini alla “esplosione”, n. 5, maggio-giugno 1997, pp. 4-7.

Montessori M., Lezioni di metodo: Il piacere di scrivere e di leggere nella “Casa dei Bambini”: dalle origini alla “esplosione”, n. 8, ottobre 1997, pp. 4-7.

Montessori M., Lezioni di metodo: Il piacere di scrivere e di leggere nella “Casa dei Bambini”: dalle origini alla “esplosione”, n. 9, novembre 1997, pp. 4-7.

Montessori M., Lezioni di metodo: Il piacere di scrivere e di leggere nella “Casa dei Bambini”: dalle origini alla “esplosione”, n. 10, dicembre 1997, pp. 11-15.

Montessori M., Il Metodo della Pedagogia Scientifica applicato all'educazione infantile nelle Case dei Bambini. Edizione critica, Roma, Edizioni Opera Nazionale Montessori, 2000.


I gruppo: bibliografia della letteratura generale utilizzata sulle opere della Montessori

Babini V. P., Maria Montessori: biografia o autobiografia?, in La Vergata A. (a cura di), Le biografie scientifiche, «Intersezioni», a. XV, n.1, 1995, pp. 171-175.

Babini V. P., La questione dei frenastenici. Alle origini della psicologia scientifica in Italia, Milano Angeli, 1996.

Babini V. P., Lama L., Una «Donna nuova» il femminismo scientifico di Maria Montessori, Milano, Franco Angeli, 2000.

Barbera M., Luci ed ombre nel metodo Montessori, in «La Civiltà Cattolica», a. 81°, vol. II, quaderno 1917, 3 maggio 1930, pp. 238-248.

Barbera M., L’educazione nuova e il metodo Montessori, Milano, Ancona, 1946.

Boni Felini P., I segreti della fama, Roma, Centro Editoriale dell'Osservatorio, 1955

Broccolini G., Psicologia e metodo Montessori, in «Vita dell’Infanzia», a. XIV, n. 6, giugno 1965, pp. 7-12.

Bucci S., Educazione dell’infanzia e pedagogia scientifica da Froebel a Montessori, Roma, Bulzoni Editore, 1990.

Buttafuoco A., Le Mariuccine. Storia di un’istituzione laica. L’asilo Mariuccia., Milano, Angeli, 1985.

Cambi F., Maria Montessori e la politicità della pedagogia: una doppia  frontiera, in «Scuola e Città», a. XXXXIII, n. 8, agosto 1992, pp. 321-327.

Canfield Fisher, Dorothy, A Montessori Mother, New York, 1912.

Catarsi E., Gli interventi di Maria Montessori al Congresso di Londra, in «Vita dell'Infanzia», n. 6, febbraio 1980.

Catarsi E., Maria Montessori al Congresso di Londra nel 1899, «Vita dell'Infanzia», n. 6, febbraio 1980

Catarsi E., Il dibattito sul metodo: Rosa Agazzi e Maria Montessori, in E. Catarsi, G. Genovesi (a cura di), L’infanzia a scuola. L’educazione infantile in Italia dalle sale di custodia alla materna statale, Bergamo, Juvenilia, 1985, pp. 92-120.

Catarsi E., I socialisti e Maria Montessori, in Catarsi E., Genovesi G. (a cura di), Educazione e socialismo in cento anni di storia d’Italia (1892-1992), Ferrara, Corso Editore, 1993, pp. 63-72.

Catarsi E., La giovane Montessori, Ferrara, Corso Editore, 1995.

Cives G., Attivismo e antifascismo in Giuseppe Lombardo Radice, Firenze, La Nuova Italia, 1983.

Cives G., Senso e attualità de la scoperta del bambino, in Maria Montessori: il pensiero e l'opera, vol. I, Petriccione, Lisciani & Giunti Editori, 1993, pp. 63-88.

Cives G., La pedagogia scomoda. Da Pasquale Villari a Maria Montessori, Firenze, La Nuova Italia, 1994.

Cives G., Montessori dall’antropometria alla pedagogia, in «Vita dell’Infanzia», a. XLIV, n. 2, febbraio 1995, pp. 6-8.

Cives G., Montessori dall’antropometria alla pedagogia, in «Vita dell’Infanzia», a. XLIV, n. 3, marzo 1995, pp. 8-10.

Cives G., Programmazione e metodo Montessori, in «Vita dell’Infanzia», a. XLIV, n. 7, settembre 1995, pp. 14-19.

Cives G., L’insegnante montessoriano, in «Scuola e Città», a. XLVII, n. 8, 31 agosto 1996, pp. 323-333, e n. 10, 31 ottobre 1996, pp. 417-424.

Cives G., Trabalzini P., Significato e importanza della Conferenza “L’Antropologia Pedagogica” del 1903 della Montessori, in «Vita dell’Infanzia», a. XLVI, n. 9, 1997, pp. 8-12.

Cives G., Carattere e senso delle varianti di Il Metodo, in Montessori M., Il Metodo della Pedagogia Scientifica applicato all'educazione infantile nelle Case dei Bambini. Edizione critica, Roma, Edizioni Opera Nazionale Montessori, 2000, pp. XVII-XXX.

Cives G., Riflessioni su Maria Montessori, in «Vita dell'Infanzia», n. 4, 1985 e ripubblicato in Cives G., I miei maestri da Gabelli a Dewey, Roma, Anicia, 2001, pp. 69-85.

Cives G., Le risposte di Maria Montessori ai problemi d’oggi, in «Vita dell’Infanzia», a. XLIV, n. 6, luglio-agosto, 1995, pp. 26-34 e ripubblicato in Cives G., I miei maestri da Gabelli a Dewey, Roma, Anicia, 2001.

Cives G., Maria Montessori pedagogia complessa, Pisa, Edizioni ETS, 2001

Dal Pane L., Antonio Labriola nella politica e nella cultura italiana, Torino, Piccola Biblioteca Einaudi, 1975.

De Bartolomeis F., Maria Montessori e la pedagogia scientifica, Firenze, La Nuova Italia, 1953.

De Sanctis C., Giuseppe Ferruccio Montesano, Roma, 1961.

Della Valle G., Le «Case dei Bambini» e la pedagogia scientifica di Maria Montessori, in «Rivista pedagogica», a. IV, n. 1 luglio 1911, pp.67-80.

Di Pol R. S. Scienza e Pedagogia in Maria Montessori, in Di Pol R. S., Studi sulla Pedagogia Scientifica in Italia, Sintagma Editrice Torino, 1988, pp. 175-219.

Fornaca R., Le varie edizioni de «Il metodo della pedagogia scientifica», in «Vita dell’Infanzia», a. XXXVIII, n. 4, dicembre 1989, pp. 22-24.

Fornaca R., Per una nuova cultura pedagogica e didattica, in «Vita dell’Infanzia», a. XLII, n. 7-8, luglio-agosto 1993, pp.14-22.

Fornaca R., Maria Montessori tra neoevoluzione e complessità. Appunti significativi, in «Vita dell’Infanzia», a. XLIV, n. 6, luglio-agosto 1995, pp. 69-79.

Gentile G., Il Metodo Montessori, in «L’Educazione Nazionale», a. IV, n. 7, 1922, pp. 25-27.

Grazzini M., Bibliografia Montessori, Brescia, La Scuola, 1966.

Grazzini M., Nel centenario della nascita di Maria Montessori, Bergamo, Centro Internazionale di Studi Montessoriani, 1970.

Heiland H, Maria Montessori, Reinbek bei Hamburg, 1991.

Honegger Fresco G., Maria Montessori: perché no? Una pedagogia per la crescita. Che cosa né è oggi della proposta pedagogica di Maria Montessori in Italia e nel mondo, Milano, Angeli, 2000.

Kramer R., Maria Montessori. A Biografy, Reading Massachusetts, Addison-Wesley, Publshing Company, 1988.

Il Metodo Montessori, in «La Civiltà Cattolica», a. 62°, vol. I, quaderno 1454, 21 gennaio 1911, pp. 197-201.

La medichessa Maria Montessori. Le sue strane vicende e le sue conferenze, in «Illustrazione popolare». Giornale per le famiglie, 5 marzo 1899.

Leccese Pinna M. L., Maria Montessori. Educazione alla libertà, Bari, Universale Laterza, 1986.

Le donne possono essere medichesse?, (curiosità della posta), in «Illustrazione popolare». Giornale per le famiglie, vol. XXXIII, n. 9, 1 marzo 1896.

Leenders H., Con viva fede nel lavoro a venire. Intorno alla pubblicazione della terza edizione italiana del Metodo della pedagogia scientifica, 1926, in «I problemi della pedagogia», a. XLII, n. 4-6, luglio-dicembre 1996, pp. 349-356.

Leonarduzzi A., Maria Montessori. Il pensiero e l’opera, Brescia, Paideia, 1967.

L’inaugurazione del XV Corso internazionale “Montessori”, in «Annali dell’istruzione elementare», a. V, fasc. 1, febbraio 1930, pp. 28-37.

Lombardo Radice G., La nuova edizione del «Metodo della pedagogia scientifica» di Maria Montessori, in «L’Educazione Nazionale», a. VIII, n. 7, luglio 1926, pp. 33-50.

Lombardo Radice G., A proposito di Maria Montessori, in «L’Educazione Nazionale», a. VIII, n. 7, luglio 1926, pp. 21-25.

Lombardo Radice G., La Franchetti e la Montessori, in L. Stefanini (a cura di), Saggi di critica didattica, Torino, SEI, 1927, pp. 179-187.

Luci ed ombre cattoliche sul metodo Montessori, in «Montessori», a. I. n. 4, aprile 1931, pp. 33-46.

Maccheroni A. M., 10 novembre 1910, in «Vita dell'Infanzia», a. I, n. 10-11, 1952, p. 7.

Maccheroni A. M., Come conobbi Maria Montessori, Roma, Editrice Vita dell’Infanzia, 1956.

Mancia M., Mario Montessori (1921-1993), «Rivista di psicoanalisi», a. XXXIX, n. 2, aprile-giugno 1993.

Maria Montessori cittadina del mondo, (a cura di), Pignatari M., Roma, Comitato Italiano Dell'Omep, 1967.

Maria Montessori e il XXI secolo, Atti del Congresso Internazionale 16-17-18 novembre 2000, in «Vita dell’Infanzia», a. L. n. 5/6, maggio-gigno/luglio-agosto 2001.

Mazzetti R., Maria Montessori nel rapporto tra normali e normalizzazione, Roma, Armando Editore, 1963.

Montessori Mario, Associazione Renilde Montessori, in «L'Idea Montessori. Organo dell'Opera Nazionale Montessori», a. II, n. 11, 1929, pp. 1-3.

Movimento femminile e notizie, in «Vita femminile», a. II, n. 4, aprile 1896, p. 32.

Opera Nazionale Montessori (a cura di), Maria Montessori: il pensiero, il metodo, vol. 2, Petruccione, Lisciani & Giunti Editori, 1993.

Pesci F., L’insegnamento di Maria Montessori al Magistero di Roma, in «Educazione e scuola», a. VIII, n. 30-31, aprile-settembre 1989, pp. 106-114.

Pesci F., L’istruzione superiore nei magisteri femminili dal 1878 al 1923, in «Educazione e scuola», a. VIII, n. 32, ottobre-dicembre 1989, pp. 60-67.

Pesci F., Pedagogia capitolina. L'insegnamento della pedagogia nel Magistero di Roma dal 1872 al 1955, Parma, Ricerche Pedagogiche, 1994.

Pignatari M., Il Metodo Montessori, Rovigo, Istituto Pagano di Arti Grafiche, 1952.

Pignatari M. (a cura di), Maria Montessori e il pensiero pedagogico contemporaneo, Roma, Edizioni Vita dell’Infanzia, 1958.

Pignatari M., Maria Motessori e la sua riforma educativa, Firenze, Giunti-Bemporad Marzocco, 1970.

Pizzoli U., I «test-mentali» nelle Scuole, in «Bollettino dell’Associazione Pedagogica Nazionale fra gli Insegnanti delle Scuole Normali», a. IV, n. 4, aprile 1901, pp. 145-151.

Pizzoli U., Relazione nel secondo corso di pedagogia tenuto a Crevalcore nell'agosto 1903, «Bollettino del laboratorio di pedagogia scientifica», a. I, fasc. VII-VIII-IX, 1903.

Pizzoli U., L'Istituto di pedagogia sperimentale di Milano, «Bollettino dell'Istituto di pedagogia sperimentale di Milano», a. IV, n. 1-2, 1907.

Pollard M., Maria Montessori, Harrisburg, Morehouse, 1990.

Prati F., Relazione del II Corso di Pedagogia scientifica in Crevalcore, «L'Università popolare», vol. III, n. 17, 1903.

Prezzolino G., Il Metodo Montessori, in Prezzolino G., Paradossi educativi, Roma, «La Voce» Società Anonima Editrice, 1919, pp. 42-58.

Rossi L., L’antropologia pedagogica di Maria Montessori, in «Ricerche Pedagogiche», a XX, n. 74, gennaio-marzo 1985, pp. 21-30.

Santucci G., La Montesca. “Una” esperienza educativa, in via di stampa.

Schwegman M., Maria Montessori, Bologna, Il Mulino, 1999.

Scocchera A., Maria Montessori. Quasi un ritratto inedito, Firenze, La Nuova Italia, 1990.

Scocchera A., Maria Montessori: una biografia intellettuale, in Maria Montessori: il pensiero e l'opera, vol. I, Petriccione, Lisciani & Giunti Editori, 1993, pp.7-62.

Scocchera A., (a cura di), «Casa dei Bambini» e nuova scuola degli Orientamenti, Roma, Anicia, 1995.

Scocchera A., Maria Montessori. Una storia del nostro tempo, Roma, Edizioni Opera Nazionale Montessori, 1997.

Scocchera A., Introduzione a Mario Montessori, Roma, Edizioni Opera Nazionale Montessori, 1998.

Scocchera A., Da Il Metodo della Pedagogia Scientifica a La scoperta del bambino: storie di nomi, di titoli e di illustrazioni, in Montessori M., Il Metodo della Pedagogia Scientifica applicato all'educazione infantile nelle Case dei Bambini. Edizione critica, Roma, Edizioni Opera Nazionale Montessori, 2000, pp. XXXI-XLIII.

Spirito U., L’errore fondamentale del metodo Montessori, in «Rivista Pedagogica», a. XIV, n. 1-2, gennaio-febbraio 1921, pp. 37-47.

Standing E. M., Maria Montessori. Her life  and work, Plume Book New American Library, New York and Scarborough, Ontario, 1984 (I edizione 1957).

Stoppani A., Il bel paese. Conversazioni sulle bellezze naturali, la geologia e la geografia fisica dell'Italia, Milano, 1875.

Stoppani A., Il dogma e le scienze positive ossia La missione apologetica del clero nel moderno conflitto tra la ragione e la fede, Milano 1882.

Stoppani A., Sulla Cosmogonia Mosaica. Triplice saggio di una Esegesi della storia della Creazione secondo la ragione e la fede, Milano, 1887.

Talamo E., La casa moderna nell'opera dell'Istituto Romano dei beni stabili, Roma, 1910.

Talamo E., Requisiti ai quali deve rispondere la casa popolare per esercitare influenza morale e sociale, Secondo Congresso Nazionale per e case popolari, Roma 29-30 e 31 ottobre 1911, Roma, Tip. Bodoni, 1911.

Talamo E., La casa popolare moderna, Roma, 1914.

Tomasi T., Società e umanità in Maria Montessori, in «Scuola e Città», a. XXII, n. 11-12, novembre-dicembre 1971, pp. 464-470.

Tornar C., Attualità scientifica della pedagogia di Maria Montessori, Roma, Anicia, 1990.

Trabalzini P., Il Metodo della Pedagogia Scientifica di Maria Montessori: scritture, sviluppi, edizioni, tesi di laurea in Storia della pedagogia, relatore prof. G. Cives, Università degli Stidi di Roma "La Sapienza", Corso di laurea in Filosofia, Anno Accademico 1997-98.

Trabalzini P., Maria Montessori: liberazione e normalizzazione, in «Vita dell’Infanzia», a. XLVII, n. 2, 1998, pp. 9-13.

Trabalzini P., Maria Montessori: un itinerario biografico e intellettuale (1870-1909), in Errore. Il segnalibro non è definito., a. I, ottobre 1999.

Trabalzini P., Il metodo Montessori nella critica cattolica (1870-1934), in «Scuola e città», a. L, 30 aprile 1999, pp. 131-139.

Trabalzini P., Il Metodo della Pedagogia Scientifica: genesi e sviluppi, in Montessori M., Il Metodo della Pedagogia Scientifica applicato all'educazione infantile nelle Case dei Bambini. Edizione critica, Roma, Edizioni Opera Nazionale Montessori, 2000, pp. XLV-LXVII.

Valitutti S., La vita e l'opera di Maria Montessori, in «Vita dell’Infanzia», a. I, n. 10-11, ottobre-novembre 1952, pp. 1-11.

Valitutti S., Il problema dell’educazione nel pensiero di Maria Montessori, Roma, Editrice Vita dell’Infanzia, 1953.

Valitutti S., L’educazione e la pace nel pensiero di Maria Montessori, in «Vita dell’Infanzia», a. IV, n. 5, 31 maggio 1955, pp. 3-9.

Valitutti S., Maria Montessori nel suo e nel nostro tempo, Roma, Roma, Vita dell’Infanzia, 1964.

Valitutti S., Giovanni Gentile e il metodo Montessori, in «Vita dell’Infanzia», a. XVII, n. 6-7, giugno-luglio 1968, pp. 11-16.

Vighi M. Maria Montessori e la pedagogia scientifica, in «Infanzia», nuova serie, a. II, n. 9-10, maggio-giugno 1984, pp. 20-29.

Volpicelli L., Dall’infanzia all’adolescenza, Brescia, La Scuola, 1957.

Wilson C., Montessori was a theosophist, in «History of Education Society Bulletin», n. 36, 1985, pp. 52-54

Zanzi C., Le “Case dei Bambini” della Montessori, in «Rivista Pedagogica», a. XI, n. gennaio-febbraio, pp. 1-27, marzo-aprile 1918, pp. 157-182. 

Zizzoli U., Laboratorio di Pedagogia Scientifica di Crevalcore, in «Bollettino dell’Associazione Pedagogica Nazionale fra gli Insegnanti delle Scuole Normali», a. IV, n. 3, marzo 1901, pp. 97-102.


II gruppo: bibliografia di riferimento generale utilizzata

AA.VV., La cultura italiana tra '800 e '900 e le origini del nazionalismo, Firenze, Olschki, 1981.

AA. VV., L'insegnamento della pedagogia nelle Università, Brescia, La Scuola, 1979.

Aleramo S., Il Congresso femminile (1908), in Conti B., La donna e il femminismo, Roma, Editori Riuniti, 1978.

Aleramo S., La donna, Milano, Feltrinelli, 2000.

Ambrosoli L., Luigi Credaro e la scuola italiana dell'età giolittiana, in «Scuola e Città», a. XXXI, n. 5, 31 maggio 1980, pp. 199-206.

Ancarani F., La scienza accademica nell'Italia post-universitaria, Milano, Franco Angeli, 1991.

Andriuli F., Discorrendo del «monopolio dell'uomo». Ala signora Anna Kuliscioff, in «Critica sociale», a. VIII, n. 12, 1908.

Arslan A., Ideologia e autorappresentazione. Donne intellettuali fra '800 e '900, in Buttafuoco A., Zancan M. (a cura di), Svelamento. Sibilla Aleramo, una biografia intellettuale, Milano, Feltrinelli, 1988.

Asor Rosa A., La cultura, in «Storia d'Italia», Torino, Einaudi, IV, 1975.

Babini V. P., Cotti M., Minuz F., Tagliavini A., Tra sapere e potere. La psichiatria italiana nella seconda metà dell'Ottocento, Bologna, Il Mulino, 1982.

Banti A. M., Storia della borghesia italiana. L'età liberale, Roma, Donzelli, 1996.

Bartoccini F., Roma di fine secolo. Realtà e interpretazioni, in «Studi romani», a. XXVII, 1979.

Bedeschi L., Il modernismo italiano: voci e volti, Cinisello Balsamo, San Paolo, 1995.

Bellatalla L., Classici e storia della pedagogia: una lezione di Credaro del 1903, Cives G., Genovesi G., Russo P. (a cura di), I classici della pedagogia. Atti del seminario del CIRSE Cassino, 3-4 dicembre 1997, Milano, Angeli, 1999.

Berlinguer G., L'opera medica e sociale di Angelo Celli nel centenario dalla nascita (1857-1914), «Difesa sociale», Roma, 1958.

Bertoni Jovine D., Funzione emancipatrice della scuola e contributo della donna all’attività educativa, in L’emancipazione femminile in Itali. Un secolo di discussioni 1861-1961, Atti del Convegno organizzato dal “Comitato di Associazioni femminili per la parità di retribuzione” in occasione delle Celebrazioni del Primo Centenario dell’Unità d’Italia Torino 27-8-9 ottobre 1961, Firenze, La Nuova Italia, 1963, pp. 223-275.

Bertoni Jovine D., Enciclopedia moderna della donna, Roma, Editori Riuniti, 1967 (prima edizione 1963).

Bertoni Jovine D., Storia dell'educazione popolare in Italia, Bari, Laterza, 1965.

Bertoni Jovine D., La scuola italiana dal 1870 ai giorni nostri, Roma, Editori Riuniti, 1972.

Bonetta G., Corpo e nazione. L'educazione ginnastica, igienica e sessuale nell'Italia liberale, Milano, Angeli, 1990.

Bonetta G., L'educazione sessuale della donna fra Otto e Novecento in Covato C., Luzzi M. C., E l'uomo educò la donna, Roma, Editori Riuniti, 1989.

Bonetta G., Educazione e socializzazione a Roma (1907-1914), in Lacaita C. G., Cultura, istruzione e socialismo nell'età giolittiana, Milano, Angeli, 1991.

Bonetta G, Storia della scuola e delle istituzioni educative. Scuola e processi formativi in Italia dal XVIII al XX secolo, Firenze, Giunti, 1997, pp. 349-385.

Brizzi G P., Varni A., L'università italiana, fra età moderna e contemporanea, aspetti e momenti, Bologna, Clueb, 1991.

Brizzi G., La presenza studentesca nelle università italiane nella prima età moderna. Analisi delle fonti e problemi di metodo, in Brizzi G P., Varni A. (a cura di), L'università italiana, fra età moderna e contemporanea, aspetti e momenti, Bologna, Clueb, 1991, pp. 85-109.

Buttafuoco A., Condizione della donna e movimento di emancipazione femminile, in Storia della società italiana, in AA. VV. (a cura di), vol. 20, Milano, Teti Editore, 1981.

Buttafuoco A., Vite esemplari. Donne nuove di primo '900, in Buttafuoco A., Zancan M., (a cura di), Svelamento. Sibilla Aleramo, una biografia intellettuale, Milano, Feltrinelli, 1988.

Buttafuoco A., Apolidi. Suffragismo femminile e istituzioni politiche dall'Unità al fascismo, in Le donne e la costituzione, Roma Camera dei Deputati, 1989.

Cambi F., Ulivieri S., Storia dell'infanzia nell'età liberale, Firenze, La Nuova Italia, 1988.

Cambi F., L'educazione tra ragione e ideologia. Il fronte antidealistico della pedagogia italiana 1900-1940, Milano, Mursia, 1989.

Cammelli A., Di Francia A., Studenti, università, professioni: 1861-1993, in Storia d'Italia. Annali, 10. I professionisti, Malatesta M. (a cura di), Torino, 1996, pp. 7-77.

Canestri C., Ricuperati G., La scuola italiana da Casati ad oggi, Torino, 1976.

Caracciolo A., Roma capitale. Dal Risorgimento alla fine dello Stato liberale, Roma, Editori Riuniti, 1974.

Casalini M., La signora del socialismo italiano. Vita di Anna Kuliscioff, Roma, Editori Riuniti, 1987.

Castellazzo M. S., L’inserimento della donna nella vita socio-culturale italiana, in «I problemi della pedagogia», a. XXII, n. 4, luglio-agosto, 1976, pp. 617-622.

Ciampi G., Gli studenti della Facoltà di Lettere e Filosofia: dati e notazioni, Capo L., Di Simone M. R. (a cura di), Storia della Facoltà di lettere e Filosofia de "La Sapienza", Roma, Viella, 2000, pp. 629-666.

Cives G., L’educazione in Italia. Figure e problemi, Napoli, Liguori, 1984.

Cives G., Cento anni di vita scolastica in Italia. Ispezioni e inchieste dall'idealismo ad oggi, Roma, Armando, 1967.

Cives G., Appunti sulla storia e sulla situazione dell'Università di Roma "La Sapienza", in CIRSE, Cento anni di Università. L'istruzione superiore in Italia dall'Unità ai nostri giorni, De Vivo F., Genovesi G., Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1986, pp. 297-302.

Cives G., La "scuola" di pedagogia della Facoltà di Lettere Filosofia della "Sapienza" di Roma. Da Labriola a Credaro, in «Scuola e Città», a. XLV, n. 12, 31 dicembre 1994, pp. 513-522.

Cives G., La "scuola" di pedagogia della Facoltà di Lettere Filosofia della "Sapienza" di Roma. Da Credaro a Visalberghi, in «Scuola e Città», a. XLVI, n. 1, 31 gennaio 1995, pp. 3-16.

Coleman W., Biology in the Nineteenth Centuary, Cambridge, Cambridge University Press, 1977 (tr. it. di S. Marino, La biologia nell’Ottocento, Bologna, Il Mulino, 1984).

Colombo A., Per una storia dei modelli di università dalla legge Casati all'autonomia degli atenei, in L'università in Italia fra età moderna e contemporanea. Aspetti e momenti, in Brizzi G. P., Varni A. (a cura di), L'università italiana, fra età moderna e contemporanea, aspetti e momenti, Bologna, Clueb, 1991, pp. 29-58.

Cordova F., Massoneria e politica in Italia 1892-1908, Bari, Laterza, 1985.

Correnti V., L'Istituto di Antropologia dell'Università di Roma «La Sapienza». Origini, vicende, attività, «Rivista di antropologi», vol. LXIII, 1984-85.

Cosmacini G., Storia della medicina e della sanità in Italia, Bari, Laterza, 1995.

Covato C., Donne, istruzione e università nell’Italia post-unitaria, in «Scuola e Città», a. XXXVII, n. 8, 31 agosto 1986, pp. 332-338.

Dalla Casa B., Tarozzi F., Da «studentinnen» a «dottoresse»: la difficile conquista dell'istruzione universitaria tra '800 e '900, in Alma Mater Studiorum, la presenza femminile dal XVIII al XX secolo. Ricerche sul rapporto donna/cultura universitaria nell'Ateneo bolognese, Bologna, Clueb, 1988.

Dal Pozzo F., Ancona 1906: “Le donne hanno diritto al voto”, in «Storia e Problemi Contemporanei» a. II, n. 4, luglio-dicembre 1989, pp. 109-125.

Danzinger K., La costruzione del soggetto. Le origini storiche della ricerca psicologica, Bari, Laterza, 1995.

D'Arcangeli M. A., Luigi Credaro e la "Rivista Pedagogica" (1908-1939), Roma. 2000.

De Bernardi A., Pellagra, Stato e scienza medica: la curabilità impossibile, in «Storia d'Italia». Annali 7. Malattia e medicina, Torino, Einaudi, 1984.

De Bernardi A., Pellagra e alcolismo: sviluppo capitalistico e trasformazioni nella configurazione sociale del ricovero psichiatrico (1770-1915), in De Bernardi A., De Peri F., Panzeri L., Tempo e catene, Milano, Angeli, 1980.

De Giorgio M., Donne e professioni «in Storia d'Italia». Annali 10. I professionisti, Torino, Einaudi, 1996.

De Giorgio M., Signore e signorine italiane fra Otto e Novecento. Modelli culturali e comportamenti sociali regolati da uno stato civile, in Ferrante L., Palazzi M., Pomata G. (a cura di), Ragnatele di rapporti. Patronage e reti di relazione nella storia delle donne, Bari Laterza, 1993.

De Sanctis S., Educazione dei deficienti, Milano, Valardi 1915.

De Sanctis S., Relazione sull'Asilo-scuola per i fanciulli deficienti poveri, «L'educazione dei frenastenici», a. I, fasc. 5, 1901.

De Vivo F., Genovesi G. (a cura di), Cento anni di Università. 'istruzione superiore in Italia dall'Unità ai nostri giorni, Napoli, ESI, 1986.

Detti T., Medicina, democrazia e socialismo in Italia tra '800 e '900, «Movimento operaio e socialista», a. II, 1979.

Dewey J., Democrazia e educazione, Firenze, La Nuova Italia, 1949.

Dewey J., Le fonti di una scienza dell'educazione, Firenze, La Nuova Italia, 1951.

Di Bello G., Mannucci A., Santoni Rugiu A., Documenti e ricerche per la storia del Magistero, Firenze, Manzuoli, 1980.

Di Domizio M., L'Università italiana. Lineamenti storici, Milano, AVE, 1952.

Dolza D., Essere figlie di Lombroso. Due donne intellettuali tra '800 e '900, Milano, 1990.

Ferraris C. F., Gli iscritti nelle università e negli istituti superiori italiani nel decennio scolastico dal 1893-94 al 1902-03, estratto da «Atti del R. Istituto Veneto di scienze, lettere ed arti», 1902-1903.

Ferriani L., Nel mondo dell'infanzia, Roma, Cogliati, 1898.

Finzi R., Lama L., I conti dell'Università prime indagini: 1880/1923, in Brizzi G. P., Varni A. (a cura di), L'università italiana, fra età moderna e contemporanea, aspetti e momenti, Bologna, Clueb, 1991, pp. 59-82.

Fornaca R., La scuola italiana e il positivismo, in Papa E. R. (a cura di), Il positivismo e la cultura italiana, Milano, Franco Angeli, 1985, pp.335-349.

Fornaca R., La pedagogia italiana contemporanea, Firenze, Sansoni, 1982.

Fornaca R., La pedagogia filosofica del '900, Milano, Principato, 1989.

Fornaca R. Sante De Pol R., La pedagogia scientifica del'900, Milano, Principato Editore, 1981.

Fornaca R., Storia della scuola moderna e contemporanea, Roma, Anicia, 1994.

Forti Messina A., Il sapere e la clinica, Milano, Angeli, 1998.

Froio F., Università e classe politica, Milano, 1968.

Galoppini A. M., Il lungo viaggio verso la parità, Bologna, Zanichelli, 1980.

Garin E., La cultura italiana tra '800 e '900, Bari, 1962.

Garin E., La questione femminile (Cento anni di discussioni), in L’emancipazione femminile in Italia. Un secolo di discussioni 1861-1961, Atti del Convegno organizzato dal “Comitato di Associazioni femminili per la parità di retribuzione” in occasione delle Celebrazioni del Primo Centenario dell’Unità d’Italia Torino 27-8-9 ottobre 1961, Firenze, La Nuova Italia, 1963, pp. 19-44.

Garin E., Il positivismo come metodo e come concezione del mondo, in Garin E., Tra due secoli. Filosofia e socialismo dopo l’Unità, Bari, De Donato, 1983, pp. 65-89.

Garin E., A scuola con Socrate. Una ricerca di Nicola Siciliani de Cumis, Firenze, La Nuova Italia, 1993.

Garito M. A., L'Università in Europa, Torino, ERI, 1983.

Good P. Igiene morale, Milano, Tipografia Rampenti, 1903.

Gould S. J., Intelligenza e pregiudizio. Le pretese scientifiche del razzismo, Roma, Editori Riuniti, 1985.

Guarnirei P., Luigi Credaro. Lo studioso e il politico, Sondrio, Società storica Valtellinese, 1979.

Guarnirei P., Luigi Credaro nella scuola e nella storia, Sondrio, Società storica Valtellinese, 1984.

Guarnirei P., «La volpe e l’uva». Cultura scientifica e filosofica nel positivismo italiano, in «Physis», a. XXV, fasc.4, 1983 pp. 601-36.

Guarnirei P., Filosofia e scuola nell'età giolittiana, Torino, Loescher, 1980.

Guerra A., Labriola educatore e moralista, in Guerra A., Il mondo della sicurezza. Ardigò, Labriola, Croce, Firenze, Sansoni, 1963, pp. 87-140.

Heid M. L., Uomini che non scompaiono, Firenze, Sansoni, 1944.

Isastia A. M., Ernesto Nathan. «Un Mazziniano inglese» tra i democratici pesaresi, Milano, Angeli, 1994.

Labriola A., Saggi sul materialismo storico, introduzione di Guerra A., Roma, Editori Riuniti, 2000.

Labriola A., Scritti pedagogici, Siciliani De Cumis N. (a cura di), Torino, UTET, 1981.

Labriola A., Epistolario 1890-1995, con introduzione di Garin E., Gerratna V., Santucci A. A. (a cura di), Roma, Editori Riuniti, 1983.

La formazione del medico in una società che cambia, in «Quaderni della Fondazione Smith Kline», n. 2, 1980.

La Penna A., Università e istruzione pubblica, in «Storia d'Italia», vol. V, I documenti, Torino, Einaudi, 1973.

Lacaita C., Sviluppo e cultura, Milano, Angeli, 1984.

Lacaita C. G., Cultura, istruzione e socialismo nell'età giolittiana, Milano, Angeli, 1991.

Landucci G., I positivisti e la «servitù» della donna, in Soldani S. (a cura di), L’educazione delle donne: scuole e modelli di vita femminile nell’Italia dell’800, Milano, Franco Angeli, 1989, pp. 463-493.

Lombardi F., La filosofia italiana negli ultimi cento anni, Asti, Arethusa, 1958.

Luzzato G., L'Università, in La scuola italiana dall'Unità ai nostri giorni, Cives G. (a cura di), Firenze, 1994.

Macioti M., Ernisto Nathan. Un sindaco che non ha fatto scuola, Roma, Janua, 1983.

Maiolo Molinari O., Storia della stampa periodica romana, Roma, Istituto di Studi Romani, 1963.

Mameli T., Educazione e società in Labriola, in «Scuola e Città», a. XXVI, n. 10, ottobre 1975, pp. 447-461.

Mangoni L. Una crisi di fine secolo, Torino, Einaudi, 1985.

Marchi D., La pedagogia di Antonio Labriola, Firenze, La Nuova Italia, 1971.

Marengo A. M., Vigli M., Religione e scuola, Firenze La Nuova Italia, 1984.

Marhaba S., Lineamenti della psicologia italiana. 1870-1945, Firenze, Giunti, 1981.

Mayr E., Biologia ed evoluzione, Torino, Boringhieri, 1981.

Martinazzoli A., Credaro L. (a cura di), Dizionario illustrato di pedagogia, Milano, Vallardi, s.d. 1892-1903.

Miozzi U. M., Lo sviluppo storico dell'Università italiana, Firenze, Le Monnier, 1993.

Mondella F., Meccanicismo ed evoluzione in C. Naegeli, in S. Tagliagambe, A. Di Meo (a cura di), Scienza e teoria, analisi critica e problemi attuali, Roma, Critica marxista-Editori Riuniti, 1980.

Monsagrati G., Verso la ripresa: 1870-1900, in Capo L., Di Simone M. R. (a cura di), Storia della Facoltà di lettere e Filosofia de "La Sapienza", Roma, Viella, 2000,

Mozzoni A. M., La liberazione della donna, Milano, Mazzotta, 1975.

Murri A., In memoria del prof. Guido Baccelli, in «Policlinico», n. 7, 1 luglio 1916, pp. 5-67.

Negri A., La questione universitaria, Roma, Armando, 1977.

Orazi S., Angelo Celli (1857-1914), Roma, Bulzoni, 1993.

Palazzolo M., I salotti di cultura nell'Italia dell'800, Milano, Angeli, 1985.

Parise P., Manuale di ortofrenia, Milano, Hoepli, 1899.

Pasquali G., Scritti sull'Università e sulla scuola, Firenze, Sansoni, 1978.

Pazzaglini M., San Lorenzo1881-1981, Roma, Officina Edizioni, 1989.

Pesci F., Scuole di magistero, istituti superiori femminili di magistero e “scuole pedagogiche” dal 1869 al 1922, in «Scuola e Città», a. XXXIX, 31 dicembre, 1988, pp. 519-527.

Piacentini M., Le vicende edilizie di Roma dal 1870 ad oggi, Roma, Palombi, 1952.

Pick D., Volti della degenerazione, Firenze, La Nuova Italia, 1999.

Pieroni Bortolotti F., Socialismo e questione femminile in Italia (1892-1922), Milano, Mazzotto, 1974.

Pioli A., Follia, enfant sauvage, idiota : per una storia pedagogica dell’handicap, in E. Becchi (a cura di), Storia dell’educazione, Firenze, La Nuova Italia, 1987, pp. 205-225.

Pizzitola A., Gli studenti della nuova Italia, in Brizzi G. P., Varni A. (a cura di), L'università italiana, fra età moderna e contemporanea, aspetti e momenti, Bologna, Clueb, 1991, pp.135-147.

Poggi S., Antonio Labriola. Herbartismo e scienze dello spirito dalle origini del marxismo italiano, Milano, Longanesi, 1978.

Pogliano C., Mondo accademico, intellettuali e questione sociale dall'Unità alla guerra mondiale, in Storia del movimento operaio, del socialismo e delle lotte sociali in Piemonte, Bari, De Donato, 1978.

Pogliano C., L'utopia igienista (1870-1920), in Della Peruta F. (a cura di), Storia d'Italia, VII, Annali: Malattia e medicina, Torino, 1984, pp. 589-635.

Pogliano C., Discorsi inaugurali nelle Facoltà mediche italiane, 1875-1925, in «Nuncius», a. IX, fasc. 1, 1994.

Pogliano C., La fisiologia in Italia fra Ottocento e Novecento, in «Nuncius», a. VI, fasc. 1, 1991.

Polenghi S., La politica universitaria italiana nell'età della destra storica, Brescia, La Scuola, 1993.

Pontecorvo C., Università e formazione continua degli insegnanti, Firenze, La Nuova Italia, 1979.

Porciani I., Moretti M., Il reclutamento accademico in Italia. Uno sguardo retrospettivo, in «Annali di storia delle università italiane», n. 1, 1997, pp. 11-39.

Porciani I., Le donne a scuola. L'educazione femminile nell'Italia dell'Ottocento, Firenze, Il Sedicesimo, 1987.

Porciani I., Il Plutarco femminile, in Soldani S. (a cura di), L'educazione delle donne. Scuole e modelli di vita femminile nell'Italia dell'Ottocento, Milano 1989, pp. 297-318.

Porciani I. (a cura di), L'Università tra Ottocento e Novecento: i modelli europei e il caso italiano, Napoli, Jovene, 1994.

Raicich M., Liceo, università, professioni: un percorso difficile, in Soldani S. (a cura di), L’educazione delle donne: scuole e modelli di vita femminile nell’Italia dell’800, Milano, Franco Angeli, 1989, pp. 147-181.

Ravà V., Le donne laureate in Italia, in «Bollettino Ufficiale della Pubblica Istruzione», Roma, a. XXIX, vol. I, n. 14, 3 aprile 1902, pp. 634-654.

Resta R., Luigi Credaro e la sua vita, in «Rivista Pedagogica», a. XXXII, fasc. 1, gennaio-febbraio 1939, pp. 1-3.

Richter P., Gli sforzi per educare e istruire i fanciulli frenastenici in Italia, in «L'educazione dei frenastenici», a. I, fasc. IX-X, 1901.

Ricuperati G., Università e scuola in Italia, in Letteratura italiana, vol. I, Il letterato e le istituzioni, Torino, Einaudi, 1982, pp. 983-1007.

Rifelli G., Ziglio C., Per una storia dell'educazione sessuale 1870-1920, Firenze, La Nuova Italia, 1995.

Roma nei secoli XIII e XIV. Cinque saggi, in Hubert E. (a cura di), Roma, 1993.

Roggero M., Professori e studenti nelle Università tra crisi e riforme, in «Storia d'Italia. Annali», vol. IV, Torino Einaudi, 1981.

Roncoroni F., Lingua, storia e società. Sezione dall'inizio dell'Ottocento ai giorni nostri, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1992.

Rossi D., Individualità e valore di genere nel pensiero politico delle suffragiste, in Calabrese R. (a cura di), Felicità di dialogo. Relazioni tra donne, Palermo, Palma, 1991.

Rossi M., Università e società in Italia alla fine dell'Ottocento, Firenze, La Nuova Italia, 1976.

Rossi P. (a cura di), L’età del positivismo, Bologna, Il Mulino, 1986

Rovigatti M. T., Montesano Giuseppe Ferruccio, in Laeng M. (a cura di), Enciclopedia pedagogica, Brescia, Editrice La Scuola, 1990.

Salvadori M. L., La sinistra nella storia italiana, Bari, Laterza, 1999.

Salvatori P., Novelli C., Non per oro ma per libertà. Lotte sociali a Roma 1900-1926, Roma, Bulzoni, 1993.

Sanguini M., Per il metodo negli asili, in «La coltura popolare», a. I, n. 9-10, 1 agosto 1911, pp. 393-396.

Sanguini M., A proposito di un corso di insegnamenti di asilo, in «La coltura popolare», a. II, n. 2, gennaio 1912, p. 68.

Santamaria Formaggini E., Luigi Credaro con documentazione, in «Rivista Pedagogica», a. XXIV, fasc. 5, novembre-dicembre 1931, pp. 666-698.

Santarelli E., Protagoniste femminili del primo Novecento. Schede biografiche, in «Problemi del socialismo», n. 4, 1976.

Santoni Rugiu A., Storia sociale dell'educazione, Milano, Principato, 1990.

Santoni Rugiu A., Il professore nella scuola italiana, Firenze, La Nuova Italia, 1981.

Santucci A., Scienza e filosofia nella cultura positivistica, Milano, Feltrinelli, 1982.

Sarogni E., La donna italiana. Il lungo cammino verso i diritti 1861-1994, Parma, Pratiche Editrice, 1995.

Sbarbieri F. (a cura di), Antonio Labriola nella cultura europea dell'Ottocento, Roma, Lacaita Editore, 1988.

Scaramuzza E., La maestra italiana tra '800 e '900. Una figura esemplare di educatrice socialista: Linda Malnati, in Lacaita C. G. (a cura di), Cultura, istruzione e socialismo nell'età giolittiana, Milano, Angeli, 1991.

Sergi G., Due obiezioni alle nostre idee sulla legge di Malthus e sul sociale della donna, in «Critica sociale», a. III, n. 15, 1 agosto 1893, pp. 245-249.

Sergi G., Per l'educazione del carattere, Torino, Bartolero, 1885.

Sergi G., Di un gabinetto antropologico per le applicazioni pedagogiche, «Rivista Pedagogica italiana», a. I, n. 2, 1886.

Sergi G., Le degenerazioni umane, Milano, Dumolard, 1889.

Sergi G., Educazione e istruzione, Milano, Trevisini, 1892.

Sergi G., La cura e la educazione dei fanciulli deficienti col sistema degli educatori, in «Rivista di filosofia, pedagogia e scienze affini», 1899.

Sergi G., L'evoluzione umana individuale e sociale, Torino, Bocca, 1904.

Siciliani De Cumis N., Filosofia e Università. Da Labriola a Vailati 1882-1902, Urbino, Argalia, 1975.

Siciliani De Cumis N., Studi su Labriola, Urbino, Argalia, 1976.

Siciliani De Cumis N., Laboratorio Labriola. Ricerca, didattica, formazione, con presentazione di Garin E., Firenze, La Nuova Italia, 1994.

Simili R., I laboratori sperimentali. Cure e ricette, in Simili R. (a cura di), Ricerca e istruzioni scientifiche in Italia, Bari, Laterza, 1998.

Sitran-Rea L. (a cura di), La storia delle università italiane. Archivi, fonti, indirizzi di ricerca, Trieste, Lint, 1996.

Soldani S. Turi G., Fare gli italiani. Scuola e cultura nell'Italia contemporanea, vol. I, Bologna, Il Mulino, 1993.

Soldani S., L'educazione delle donne. Scuole e modelli di vita femminile nell'Italia dell'800, Milano, Angeli, 1989.

Somenzi V., L’evoluzionismo, Torino, Loescher, 1971.

Spano N., L'Università di Roma, Roma, Casa Ed. "Mediterranea", 1935.

Spano N., La legislazione universitaria italiana dal 1859 al 1947, Roma, 1948.

Spirito U., La riforma della scuola, Firenze, Sansoni, 1956.

Staderini A., La Facoltà nei primi anni del Novecento (1900-1920), in Capo L. Di Simone M. R. (a cura di), Storia della Facoltà di Lettere e Filosofia de "La Sapienza", Roma, Viella, 2000, pp. 451-508.

Stracca L. (a cura di), L'Università e la sua storia, Torino, ERI, 1979.

Stroppiana L., Storia della Facoltà di Medicina e Chirurgia, Roma, Ateneo, 1985.

Talamo G., La scuola italiana dalla legge Casati alla inchiesta del 1864, Milano, Giuffré, 1960.

Talamo G., Roma agli inizi del '900. Appunti per una ricerca, in «La cultura», a. XII, 1974.

Talamo G., Bonetta G., Roma nel '900. Da Giolitti alla repubblica, Bologna, Cappelli, 1987.

Tomasi T., Bellatalla L., L'Università italiana nell'età liberale (1861-1923), Napoli, Liguori, 1988.

Tona A., Luigi Credaro, in «Diritti della Scuola», a. XL, n. 18, 26 febbraio 1939, p. 277.

Torrini M., Giacomo Barzellotti tra storia della cultura e storia della filosofia, in Cacciatore G., Martirano M., Massimilla E. (a cura di), Filosofia e storia della cultura. Studi in onore di Fulvio Tessitore, Napoli, Morano, vol. III.

Trombetta C., Genesi e sviluppo della psicologia dell'educazione in Italia, Cosenza, Due Emme, 1994.

Tumiati C., Vite singolari di medici dell'800, Firenze, Vallecchi, 1952.

Ulivieri S., La donna e gli studi universitari nell’Italia postunitaria, in F. De Vivo, G. Genovesi (a cura di), Cento anni di università. L’istruzione superiore in Italia dall’Unità ai giorni nostri, Napoli, E.S.I., 1986, pp. 219-228.

Una nuova riforma edilizia e pedagogica, in «La Civiltà Cattolica», a. 61°, vol. I, quaderno 1429, 1 gennaio, pp. 82-87.

Van Ginneken J., Folla, psicologia e politica, Roma, Pieraldo Editore, 1991.

Villari R., Storia contemporanea, Roma-Bari, Editori Laterza, 1990.

Volpicelli L. Prima storia degli asili infantili a Roma, Roma, Bulzoni, 1977.

Vram U.G., L’insegnamento dell’Antropologia Pedagogica nella Reale Università di Roma, in «Rivista Pedagogica», a. XIII, fasc. 1-2, gennaio-febbraio 1920, pp. 91-94.

Zangarelli E., Leopoldo e Alice Franchetti-La scuola della Montesca, Città di Castello, Ed. Prhomos, 1984.


 FONTI ARCHIVISTICHE

Archivio Centrale dello Stato di Roma:

Ministero della Pubblica Istruzione - Direzione Generale dell'Istruzione Superiore, Raccolta dei fascicoli personali dei docenti universitari.

Fascicolo Maria Montessori. Pos. Atti del Consiglio Superiore (1849-1903).

Fascicolo Maria Montessori. Pos. 11, busta 223.

Archivio Generale Studenti dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza":

Posizione n° RS 212. Fascicolo personale di Maria Montessori studente in Filosofia, Raccolta dei fascicoli personali degli iscritti alla Facoltà di Medicina e Scienze Naturali.

Posizione n° RS 170. Fascicolo personale di Maria Montessori studente in Filosofia, Raccolta dei fascicoli personali degli iscritti alla Facoltà di Lettere e Filosofia.

Raccolta dei fascicoli personali dei docenti universitari:

Angelo Celli professore ordinario di Igiene sperimentale pos. AS. 24.

Antonio Labriola professore ordinario di Filosofia teoretica pos. AS. 67.

Codomiro Bonfigli professore ordinario di Psichiatria e Clinica psichiatrica pos. AS. 44.

Giuseppe Ferruccio Montesano professore di Psichiatria e Clinica psichiatrica pos. AS. 4366.

Jacopo Moleschott professore ordinario di Fisiologia sperimentale pos. AS. 169.

Luigi Credaro professore ordinario di Pedagogia pos. AS. 64.

Stanislao Cannizzaro professore ordinario di Chimica generale e organica pos. AS. 28.

Fonti utilizzate per ricostruire l'excursus formativo di Maria Montessori:

Registro d'iscrizione pos. N. 1664. Con l'excursus scolastico di Maria Montessori (1890-1896) e (1900).

Registri dei verbali degli esami sostenuti nella Facoltà di Scienze fisiche, matematiche e naturali e Medicina e chirurgia. Pos. 1664.

Registro verbale degli esami speciali. Pos. 1664/8. Anno 1895-96 (laurea in Medicina e chirurgia.

Registro d'iscrizione pos. 1437. Con l'excursus scolastico di Maria Montessori (1902-'03/1903-'04).

Annuari scolastici degli anni 1890-1910; pubblicati a Roma, Topografia Fratelli Pallotta

Le fonti che si sono rivelate di primaria importanza per ricostruire l'excursus scolastico di Maria Montessori sono state in particolare i verbali degli esami sostenuti dal 1890 al 1896.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTE INTRODUTTIVA

 

L'indice che segue contiene i temi più ampliamente trattati in questa tesi ed anche quelli relativi all'Appendice. I numeri delle pagine che riguardano i temi presenti nell'Appendice, per differenziarli sono in corsivo rispetto a quelli della tesi. Abbiamo, inoltre ritenuto opportuno non menzionare il tema Università, poiché esso è l'argomento principale del nostro lavoro.


INDICE DELLE IDEE RICORRENTI


A

Allucinazione (-i), XIX, XXI, 110-113, 116, 409, 434, 463, 512, 514-518, 522-523, 525-527.

Ambiente, XVI, XVII, 37, 49-50, 53, 59, 62, 85, 91, 115, 131, 157, 184, 191, 205, 211, 235, 255, 262, 264, 270, 272-274, 284, 309, 330, 503, 520, 541-544, 546, 556, 563, 574-576, 585, 590, 592-593, 604, 611, 615.

Anatomia, XIX, 64-67, 69, 77-79, 88-89, 91, 104-105, 174, 179, 282, 348, 350, 353-356, 359, 361-364 366-367, 371-373, 376-378, 388, 390-394, 398-400, 406, 409, 412-413, 419, 422-444, 425, 468, 470, 473-475, 488-496, 583, 586.

Antropologia, XVIII, XXVI, XXXI, 47, 49, 93, 117, 128, 130-131, 147-148, 150, 153, 155, 157, 165, 168, 171, 173-175, 179, 180-182, 188-190, 195-197, 200, 201-203, 205-207, 209-211, 214, 217, 220, 222-226, 228, 230, 246-248, 265, 271, 278, 280, 337, 348, 399, 403, 412, 437-438, 462, 477-479, 495, 498, 506, 510, 541, 578-579, 582, 587, 590, 595, 598, 611, 618-619, 622-624, 626-629.

Antropometria, 147, 453, 462, 465-466, 478, 594-598.

B

Bambino (-i), XXII, XXVI, XXVII, 35,-36, 40-42, 50, 58, 90, 125-126, 133, 135-136, 156, 193-194, 205-208, 237, 241-243, 246, 260-261, 271, 273, 279-281, 302, 305, 307, 309-310, 336, 478, 489, 532-533, 541-543, 554, 556-557, 559, 563-564, 566, 570, 585, 604, 614.

Botanica, 117, 154, 202, 204, 209, 419, 350-354, 368, 477, 483.

C

Casa dei Bambini, XXIII, 213, 228, 265, 267, 269-272, 274-275, 286-287, 333, 334, 336,

Clinica, XIX, XXII, 59, 88, 93, 96-98, 110-112, 114-117, 122, 125, 154, 210, 235-236, 238, 245, 248, 298, 372-375, 382, 386, 390-392, 394, 396, 400, 402-413, 422, 427, 429, 431, 480, 490-494, 522, 524, 526, 529, 581, 589.

D

Deficienti, XX, XXI, XXII, 93, 122-123, 125-127, 132, 137, 151-152, 211, 238, 254, 257-259, 263-264, 298, 303, 306, 308, 310, 414, 483, 507, 536-537, 542-543, 546-548, 554-557, 559-563, 565, 568-569, 571, 589, 598.

Didattica, XIV, 87, 94, 133, 137, 227, 245, 257, 419, 447, 486, 554.

Donna, 39, 58, 60-61, 68, 71, 85, 89, 100, 103, 105, 107-109, 115, 118, 125, 148, 151-152, 177, 182-183, 201-203, 209, 290-292, 294, 311-313, 319-321, 325, 327, 330, 333-334, 336, 338, 438, 503, 550-552, 597, 619-620, 626.

E

Educazione, XXVI, 39, 51-52, 90, 95-96, 105, 123, 132-136, 149, 155-156, 181, 194-195, 197, 208, 216, 240-242, 248, 251-253, 256, 258-262, 264-266, 270, 272-274, 277-279, 282, 286, 290, 295, 298-302, 306, 309, 312, 314, 319, 322, 333, 335-336, 410, 413-414, 445, 447, 456, 458-460, 482, 487, 504, 533-534, 537, 539, 541-543, 545, 547, 550-554, 558, 560-565, 570-577, 582, 590, 594.

F

Famiglia, XXVI, 35, 37-41, 52, 56, 234, 255, 319, 330, 472, 503, 541, 546, 604, 611, 614.

Filosofia, XXIX, XXX, 46, 103, 137-147, 151, 153, 172, 174, 199, 437-442, 445-453, 455-459, 461-463, 466, 477, 502-509, 578-579, 591, 623.

Fisiologia, 338, 349-350, 352, 361-365, 371, 373, 376-377, 380-381, 383, 385, 399, 401, 408, 411, 432, 469-471, 476-477, 488-489, 493-496, 548, 582-586.

G

Genitori, 36-37, 40, 41-42, 53, 237, 272, 287, 614.

I

Igiene (disciplina), 93-94, 117, 124-126, 128-131, 185, 188, 196, 200, 211, 213, 217, 220, 222-226, 228, 230, 246, 248, 259, 279, 333, 377, 399-403, 416-418, 420, 433, 438, 484-487, 496-497, 501, 556, 561, 575, 581, 595, 548, 582-586.

Infanzia, XVII, XX, XXIV, 35-36, 40, 43, 93, 95, 97, 99, 118, 124, 207, 238, 240, 246-247, 262, 312, 325-326, 329, 335, 421, 487, 528, 541, 563, 567.

Insegnamento, XVIII, XXII, XXXI, 97, 101, 121, 129-132, 134, 138-139, 143, 147, 157, 149, 162-163, 172, 174, 186, 188, 195, 197-198, 200, 207, 212-213, 216-228, 230-232, 390, 414, 432-433, 438, 440-441, 445, 449-450, 460, 462, 468, 471-473, 477, 482-483, 488-489, 491, 502, 504, 510, 534, 548, 578, 623.

Istruzione, XX, 62, 82, 85-86, 95, 100, 114-115, 127, 136, 141-142, 149, 151-152, 163, 165, 170, 175, 197, 217, 219, 223-224, 229, 231, 255, 275, 282, 297, 309, 320, 333, 380, 410, 456-458, 466, 470, 480, 484, 493, 495, 504-505, 519, 539, 541, 546, 550, 566, 598, 609.

L

Legge (o Legislazione), 62, 86, 197, 201, 267, 322-323, 328-329, 404, 414, 482, 487, 545, 553, 598.

Lezione (-i), XIX, XXIX, 66-70, 73, 77, 104-105, 161, 174, 180-181, 206, 210, 217, 231, 271, 278, 309, 350, 354, 359, 361-362, 374-375, 377, 384-386, 388, 390-391, 399, 451-453, 455, 459, 461, 463, 465, 470, 543, 554.

M

Madre, 35, 37, 39, 40-41, 54, 105, 160, 202, 209, 216, 284, 286, 288, 331, 335, 563, 604, 614.

Medicina, XXV, XXVII, 58-61, 63, 75, 81-83, 85, 88-94, 97-99, 101-103, 106-109, 114, 117, 121, 128-129, 141-142, 146, 151, 154, 172-173, 184, 209, 234, 263, 298, 366, 370-372, 389, 391, 393-398, 401, 410-411, 421, 429 435, 437, 469, 480-490, 512, 519, 528, 581, 586, 631.

Metodo, XV-XVI, XXII-XXIII, XXVII-XXVIII, XXXII, 47, 49, 133, 135, 137, 151, 154, 157, 194, 203-204, 210, 216, 240-242, 244, 251, 254, 256-257, 259-260, 264, 270, 273-274, 277, 279-286, 288, 336, 379, 382, 388, 406, 488, 528, 530, 533, 537, 543, 547-548, 555, 561-562, 571, 585, 590, 592, 595, 627.

P

Padre, 39, 41-43, 52, 62, 85 120-121, 202, 469, 478, 614.

Pedagogia, XVI, XXVI, XXVIII, XXIX, XXXII, 51, 55, 118, 122, 126-127, 132, 136-138, 141, 144-147, 153-156, 190, 195, 197-198, 200-201, 205, 207, 210, 216, 235, 237, 248, 251, 259, 262-263, 266, 272, 278, 281, 286, 301, 335, 433, 439, 441, 444, 452-453, 455-460, 462, 466, 502, 505, 561, 563, 565, 575, 578-581, 586-590, 595, 598, 604, 623-624, 629.

Positivismo, 46-47, 51, 92, 106, 186, 384, 449.

Psichiatria, XVI, XIX, XX, 96, 110, 115, 117, 136, 245, 248, 408, 414, 437, 464, 482, 495, 565, 623.

Psicologia, XVI, XXIX, 48-49, 117-118, 122, 136, 144-146, 245, 257, 259, 266, 278, 280, 444, 449, 452-453, 461-464, 477-478, 498, 506-507, 548, 561, 573, 575, 582.

S

Scienza (-e), XX, XXVIII, 59, 63, 80-81, 83-84, 88-89, 91, 108, 117, 151, 171-173, 188, 198, 200, 203-204, 212, 227, 235, 278, 280, 295, 299, 303, 307, 312-314, 322, 337, 385-386, 441, 457, 473, 535-536, 538-539, 541, 549, 580-581, 594, 617-618.

 

Scuola, XXI-XXII, XXIV, XXVI, 42, 52-56, 66, 86, 90, 100, 111, 121, 123-124, 127, 131-133, 136-137, 139, 145, 148-152, 156-157, 171-172, 190, 193-194, 196-201, 206-208, 210-211, 214, 243-244, 253-255, 262, 264, 266, 269-271, 274, 279-280, 283, 299-302, 304, 308, 316, 333, 335, 351, 391, 437, 439-440, 445, 458, 466, 470, 477, 482, 486, 489, 505, 523, 533, 534, 536, 546 548, 553, 563, 576, 578, 588, 595, 598, 602, 605, 614-617, 625-626.

V

Vita, 35-37 40-43, 45, 49, 51, 53-54, 65, 76-70, 74, 78, 89, 93, 97, 118, 135, 149, 191, 206 234-235, 237, 245, 258, 266, 268, 272-273, 276, 286, 294, 303, 309, 313, 315, 319, 336, 338, 420, 458, 471, 486, 487, 495, 505, 512, 526, 536, 540, 553, 567, 573, 577, 583-585, 606, 611, 616, 624.


 

 


NOTA INTRODUTTIVA

L'indice che segue contiene sia i nomi di questa tesi che quelli relativi all'Appendice. I numeri delle pagine che riguardano i nomi presenti nell'Appendice per differenziarli sono in corsivo rispetto a quelli della tesi. Inoltre abbiamo ritenuto opportuno non menzionare il nome di Maria Montessori.


INDICE DEI NOMI

A

Aberdeen, contessa di, 318, 324

Aleramo S., 292n, 293 e n, 333, 314n, 327n

Amadori R. M.,290 e n, 294 e n, 327n

Amato D., 471

Ambrosoli L., 461n

Andriulli G.A., 313n

Ardigò R., 47

Arsina M., 108n

Avetta C., 352-354, 468

B

Babini V.P., 108n, 116n, 148n, 155n, 156n, 175n, 247n, 249n, 252n, 296n, 329n, 333n

Baccelli G., 59, 87n, 88n, 97, 123, 127 e n, 128, 131, 198n, 315-316, 320, 402n, 422 e n, 424n, 480, 553, 580

Bailaryer 113, 515-516

Barzellotti G., 144-145, 439, 447, 449-450, 452-453, 502

Bellatalla L., 86n, 88n, 103n, 118n, 158n, 160n, 172n, 460n

Bernabei C., 390 e n, 392 e n, 481

Binet A., 49, 582, 598-599, 609

Blaserna P., 350, 351n, 360-362, 363n, 368

Blum, 154, 581, 587

Bocci B., 65, 363, 363 e n, 365, 376n, 381n, 382-383, 471

Boncompagni Venosa T., 325

Bonghi, 60, 100, 138, 198n, 458n

Bonfigli C., 93, 96, 118, 123-124, 126n, 301, 399-400, 408-409, 413-415, 481-482

Boni Fellini P., 342

Bortolotti Pieroni F:, 311 e n

Boselli P., 87 e n, 81n

Bottero Pagano E., 228, 227, 230

Bourneville D. M., 251, 305, 565

Brizzi G. P., 99n

Broca P., 203, 590, 610

Büchner L., 579

Businelli F., 398-400, 403n, 415, 426, 483

Buttafuoco A.,291n, 292n, 314n, 315n, 323n, 327n, 329n, 332n

C

Cairola, 480

Calasanzio C., 469

Cambi F., 134n

Campana R., 399-400, 405, 407-408, 435, 483-484

Cannizzaro S., 64-65, 141, 349-350, 361, 363n, 368, 469-471

Cantani A., 483

Capo L., 139n, 159n, 198n

Caratullo G. E., 435, 484

Cardani P., 360 e n, 361, 472

Carruccio A., 64, 350, 352, 355-357, 359, 366, 372-373

Casagrande O., 436, 501

Casalini M., 323n

Casati G., 86, 137-138, 158-162, 322

Catarsi E., 208n, 253n, 256n, 299n, 313n, 316n, 318n, 320n, 322n, 323n, 324n, 330n, 331n

Cattani G., 103

Cavallari G., 327n

Cavour C. B., 45, 43 e n

Celli A., 93-96, 98, 185 e n, 235, 399 e n, 400-401, 403, 416 e n, 417, 419-421, 424-425, 433-436, 484-487, 494, 501

Cerruti V., 140, 163-164, 169, 171n

Cives G., 172n, 199n, 200n, 210n, 212n, 442n, 459n, 460n

Coari A., 328n, 333

Colajanni N., 331,

Colasanti G., 373-374, 375 e n, 376-377 e n, 381n, 382, 386-388, 487-489,

Comandini, 328

Comte A., 46n

Concetti L., 97 e n, 98, 399, 402 e n, 422-423, 431, 433-434, 489-490

Condillac, 629

Conti A., 502

Conti B., 292n

Coppino M., 138-139

Corradi G., 491

Cortesi L., 128

Costa A., 328n

Costanzo Aurelio G., 130, 212, 227, 230

Credaro L., 145, 146 e n , 147 e n, 153, 172, 197-198, 199n, 200, 328, 442n, 452-453, 455, 457, 458 e n, 459-460 e n, 462 e n, 502, 505, 578

Crety C. 366-367, 474

Crispi F., 480

Croce B., 449, 491, 507

Cugnoni G., 114, 178

D

D'Aguano G., 327n

Darwin C., 48 e n, 49

De Edda M. G., 333

De Giorgio M., 313n

De Gubernatis A., 146, 450, 452, 454n, 506

De Meis, 92n

De Sanctis F., 92 e n

De Sanctis S. 92 e n, 93n, 110, 111n, 112 e n, 116n, 117,124, 147, 172, 198, 200, 236, 245, 452, 458-459, 462-464, 505-506, 522, 524

De Vries H., 49, 287

Depretis A., 381n, 480

Di Benedetto A., 469

Di Simone M. R., 139n, 159n, 198n

Dolza D., 103n

Dubois, 203

Durante F., 390-391, 397-398, 400, 422, 427, 429-430, 490-491, 496

E

Elena, regina, 90n, 332

Elisabetta d'Austria, 302

F

Favale, 87

Fedeli A., 228-229, 287

Ferrari M, 461n

Ferraresi O., 416, 419, 422, 424 e n, 492

Ferri, 328n

Ferrier D., 432

Finzi R., 99n, 450

Foderà M., 469

Forti Messina A., 60n

Fortunati A., 399 e n, 403 e n, 422, 435, 492

Fortunato G., 94, 487

Franchetti L. 94, 215-216, 276 e n, 277 e n, 278, 282, 487

Fresco G. H., 67n, 77n, 124n, 125n, 149n, 153n, 266n, 283n, 287n,

G

Gabba L., 471

Galassi L. 395-396, 403n, 492

Galli, 87

Garaventa N., 256n

Gasco F. G., 65, 355, 361, 363-364 e n, 366, 474-475 e n

Genovesi G., 172n, 460n

Gentile G., 88, 172, 449, 459, 505

Ginori, 87

Gioberti, 92

Giolitti G., 323n, 329n, 331, 480, 505

Giuliani M., 64-67, 69-70, 77-79, 91, 350, 363, 373-374, 377-378, 394, 475, 492

Gonnelli Cioni A., 253

Graham Bell A., 286

Gramsci, 508

Grassi G. B., 163-164, 173, 175, 178, 182

Griesinger, 113

Grimaldi P., 360, 476

Gualdi T., 436, 501

Gucci P., 368-369, 476

Guerrieri Gonzaga S., 89, 90n, 282-283

H

Haeckel E., 579

Hallgarten Franchetti A., 276, 277 e n

Hartenstein, 445

Hegel, 446, 451, 507

Herbart J. F., 145, 445, 456-457, 505

Hugo V., 324

Huxley T., 579

I

Itard J., 122, 240 e n, 241-245, 249, 252, 554, 562

K

Kingsley M., 487

Koerner G., 471

Kramer R., 60n, 86n, 104n, 105, 106 e n, 284n, 286n, 287n

Kuliscioff A., 103, 313 e n, 314, 323n

L

Labriola A, 100, 118, 144-146 e n, 197-198 e n, 199n, 439, 440 e n, 441-442 e n, 443 e n, 444-446, 457-458e n, 504, 507-508

Labriola T., 329n

Laeng M., 124

Laetitia principessa di, 333

La Torre F., 399, 402 e n, 422, 424, 492

Lama L, 99n, 108n, 116n, 148n, 155n, 175n, 296n, 329n, 333n, 453n

Lamarck, 49

Lanza G., 43 e n, 470, 602

Lapique, 203

Laveran, 425, 485, 494

Leglas, 515

Leccese M. L., 311n

Lenin, 508

Leone XIII, 60

Leoni O., 390, 392n, 393 e n, 396,

Leonori A., 480

Leuret, 113, 515

Lieben A., 471

Lodi O., 269, 317 e n, 327

Lombardo Radice G., 200

Lombroso C., 47, 49, 91, 102 e n, 103n, 156, 203, 209, 304, 317n, 381n, 593

Luciani L., 87, 380, 399, 401 e n, 408, 410, 431-432, 435, 493

M

Maccheroni A. M., 43n, 58 e n, 60 e n,  103, 213, 238-239, 275

MacDonald A., 154, 582, 599

Macioti M., 95n, 332n

Maggi L., 163-164, 173, 175-178, 182

Magini G., 65, 163, 165-167, 169-170, 173, 175-176, 361 e n, 362 e n, 363-364 e n, 376

Magistrelli Sprega C., 128, 218-219, 221, 227-228, 230-231

Magnan V., 111, 113, 523

Mamiani T., 502

Marchiafava E., 390-391, 399-400, 417, 423, 424 e n, 435, 484-485, 493

Marescotti Martini G., 127-128, 325, 329n

Margherita regina di, 108

Marro, 582

Martinazzoli A., 502

Martini F., 87, 484

Marx K., 446

Maudsley, 576-577

Mazzini G., 92n

Mazzoni G., 184, 394, 422-423, 491, 494

Melle G., 405-407, 494

Melloni M., 470

Mendel, 49

Messedaglia A., 63, 203

Milesi G. B., 461n

Mingazzini E., 422

Mingazzini G., 67, 72, 77, 91, 173-174, 176, 178-179, 374-375, 378-379, 390, 392 e n, 399 e n, 403, 409, 411, 422-423, 435, 494

Mingazzini P., 374, 376, 495

Mirabelli R., 328n

Moleschott J., 92, 94, 109, 118, 186, 373, 376 e n, 377, 381n, 395-396,

Molinari L., 155 e n

Monouvrier, 203, 625

Montemartini G., 328n

Montesano G. F., 123, 124, 148, 116n, 234-237, 245, 389

Montesano V., 235

Montessori A., 36, 39, 85n, 120-121, 202, 287

Montessori M., 148, 228, 237, 286, 288

Morel B. A., 523

Moriggia A., 362 e n, 364 e n, 476

Morris Moore G., 128

Morselli E., 173-175, 178-180, 182, 195n, 623, 627

Moschen L., 147, 173-174, 176-179, 182, 453n, 462 e n

Mosso A., 154

Mozzoni A. M., 291, 311, 323n, 329

N

Nasi N., 88n, 143, 147n, 163, 218, 220, 458

Nasotti I., 436, 501

Nathan E., 95, 283, 290n

Nathan V., 290n, 325

Navarro della Miraglia C. E.,

Negri A., 333

Negri G., 448

Nitti F. S., 331

O

Occhini F., 390, 392, 394, 397-398, 427, 496

P

Padelletti, 118

Paper E., 110n

Parkhurst H., 285

Pasolini contessa di, 325

Pasquali E., 97, 399n, 402n, 422-423, 425-426, 435, 497

Pasteur L., 48-49

Paternò E., 471

Pavlov I. P., 48

Pelloux L. G., 480

Pensuti V., 380 e n, 390-391 e n, 399, 403 e n, 427, 497

Perez, 154, 580

Pesci F., 125n, 126 e n, 127n, 197n

Petracci, 602

Pettenkofer J. M., 484

Piccini A., 368, 476

Pignatari M., 90n, 271n

Pinel, 113 e n, 240n, 245

Pirotta R., 64, 350-352, 354, 476

Pizzoli U., 115, 156, 590

Pogliani L., 399 e n, 401-402, 497

Postempski P., 383, 435, 497

Prampolini, 328

Puini, 450

Q

Quincke, 529-530

R

Ragnisco P., 144, 146, 439, 450-452, 462, 508

Raicich M., 100n, 110n

Ravà V., 85n

Romiti G., 163, 166, 169, 170-171

Roncoroni F.,47n, 50n

Roseo R., 395, 498

Rossoni E., 390, 396, 398-399, 422 e n, 426, 498

Rubini G., 87

Ruggieri, 599

S

Saint Simon, 599

Santoliquido R., 375n, 377, 378 e n, 386-387, 498

Santoni Rugiu A., 120n

Scala A, 416-418, 420, 436, 501

Scalzi F., 488, 491

Schiff P., 327n, 471

Schiffner V., 353

Schwegman M., 36n, 40n, 42n, 53n, 105n, 107n, 121n, 235n, 286n

Schuhmann G., 64, 350

Sciamanna E., 110-111, 114-115, 117, 236, 245, 435, 499

Scocchera A., 258n, 262n, 292n, 302n, 307n, 316n

Séglas J., 111, 524

Séguin G., 122-123, 135, 154, 205, 211, 240 e n, 241-245, 249, 251 e n, 252, 259-262, 264, 305, 306, 523, 537, 548, 560-563, 554, 582, 594, 598

Selmi F., 471

Sergi G., 126n, 147, 156, 163-168, 170-173, 197-200, 205, 208 e n, 209, 245, 248n, 285n, 459, 477-478, 498, 505

Siciliani de Cumis N., 198n

Scellingo M., 390, 392, 415, 498

Soldani S., 100n

Sollier, 573

Sonnino S., 333

Spaventa B.,507

Spinoza, 507

Stoppani A., 37-38 e n

Stoppani Montessori R., 36-37, 39, 202, 284 e n

Stroppiana L., 97n

Strümpell, 445

Sutherland, duchessa di, 318, 324

T

Talamo E., 266-267, 269, 333

Tamburini A., 253, 516

Tanturri V., 483

Tassi E., 397, 427, 429, 499

Tassinari P., 471

Taverna L., 315, 325

Tepe, 445

Thilo, 445

Todaro F., 64-67, 70, 77, 79, 91, 350, 363, 373, 375 e n, 376 e n, 377-378, 381 e n, 382, 384, 415, 479, 488

Tomasi T., 86n, 88n, 103n, 118n, 158n, 160n

Tommasi S., 381, 483

Tomassetti G., 147, 453, 462, 464, 509

Tommasi Crudelli C., 486

Tondi Albani A., 290 e n, 327n

Toscani D., 386, 390-391, 395, 434-435, 499

Trabalzini P., 209n, 212n

U

Ulivieri S., 134n

V

Valenti A., 373, 375 e n, 376-377, 380, 405, 431-432, 435, 500

Valentini P. L., 403n

Varni A., 99n

Venosa T., 325

Verga A., 248-249

Villa G., 146

Villari R., 45n

Villari P. 83n, 92n, 331

Vinciguerra D., 355, 357-358, 479

Vitali V., 599

Vittoria regina, 324

Vram U. G., 147, 453, 462, 465 e n, 510

W

Wilson M., 285-286

Wenn, 599

Wundt W., 49

Z

Zanardelli G., 163, 480

Zevi , 130

 



[1]  Mi riferisco al libro di V. P. Babini, L. Lama, «Una donna nuova», Milano, Angeli, 2000.

[2]  Vedi Annuario per l'anno scolastico 1892-93, Roma, Tipografia Fratelli Pallotta, 1892, p. 180.

[3]  Maria Maraini Guerrieri Gonzaga, amica e collaboratrice della Montessori, ad ella si deve l’apertura della scuola regolare per infermiere a Roma, sotto il patrocinio della Regina Elena e i suoi ideali di bene e di fratellanza, ideali comuni ad altre donne.

[4]  M. Pignatari, op. cit., pp. 14-15.

[5] Per le notizie riguardanti la Facoltà di Medicina e chirurgia, si rimanda all'Appendice Parte I .

[6]  De Sanctis Francesco, nato il 28 marzo 1817 a Morra Irpina (Avellino) e morto a Napoli il 19 dicembre 1883. Scolaro a Napoli di Basilio Puoti fu nel 1848 preposto da lui in una scuola privata, nella quale iniziò la sua meravigliosa attività di critico, dove ebbe scolari del calibro di Angelo Camillo De Meis e Pasquale Villari. Il De Sanctis fu nominato segretario della commissione provvisoria per la Pubblica Istruzione, fu arrestato durante la reazione borbonica e chiuso per tre anni e mezzo nel Castel dell’Ovo. Esiliato nel 1853, si rifugiò prima a Torino, donde passò a Zurigo; lettore d’italiano presso il Politecnico, sino al 1859. Hegeliano convinto si formò politicamente sugli storici, i giornali e le riviste liberali francesi sia su la tradizione politica machiavellico-vichiana napoletana. Il De Sanctis si trovò fin da giovane in una posizione indipendente verso i due maestri d’azione italiani del tempo: Mazzini e Gioberti, di cui doveva dare in età matura una valutazione critica. Orientatosi verso l’unitarismo sabaudo, il De Sanctis, liberato il Mezzogiorno, ebbe prima il governo d’Avellino (9 settembre 1860), poi la cura della Pubblica Istruzione nella luogotenenza di Napoli e infine la carica di Ministro della Pubblica Istruzione del Regno (22 marzo 1861 5 marzo 1862). Il De Sanctis sentì il problema scolastico più come problema d’uomini, che come problema dell’istruzione, e rinnovò con scelta intelligente, l’alto personale universitario italiano. Insegnante dal 1871 all’Università di Napoli, il De Sanctis tornò altre due volte al governo come Ministro della Pubblica Istruzione (26 marzo-14 dicembre 1878 e 25 novembre 1879-1 gennaio 1881); combatté l’analfabetismo e sviluppò l’istruzione elementare, mirando a fare delle plebi italiane un popolo libero. Quando il De Sanctis cominciò ad insegnare non tardò a staccarsi dal suo maestro Puoti, per svolgere quelle ricerche d’estetica e quelle applicazioni critiche cui lo conduceva il suo spirito acuto e inclinato alle idee generali. Secondo il De Sanctis il critico non dovrà mai fare il processo alle idee, ai concetti, all’argomento assunto, in quanto tali, ma porger l’orecchio alla vita poetica, al valore espressivo onde concetti, idee e argomenti, vita morale e condizione politiche e civili si animano nell’ispirazione dello scrittore. Di qui la posizione del De Sanctis nella critica romantica in generale. Tra le opere di rilievo ricordiamo: Storia della letteratura italiana, scritta nel 1870, e la Letteratura italiana nel secolo decimonono, tratta dalle lezioni tenute nel 1872-73.

[7]  M. I. Macioti, Ernesto Nathan, Roma, Newton, 1995, pp. 30-33.

[8]  M. I. Macioti, op. cit., p. 64.

[9]  L’esame di clinica pediatrica fu l’ultimo sostenuto dalla Montessori il giorno prima della seduta di laurea (9 luglio 1896 con il prof. Concetti), superato con il voto di 27/30. Si veda a conferma l’Appendice Parte I di questo scritto.

[10]  L. Stroppiana, Storia della Facoltà di Medicina e Chirurgia, Roma, Edizioni dell'Ateneo, 1985, p. 97.

[11]  Angelica Devito Tommasi, nacque a Milano nel 1852. Dopo aver svolto gli studi medici, si trasferì a Roma dove si iscrisse alla Facoltà di Lettere. Socialista e femminista, si dedicò a far conoscere e migliorare la vita delle classi povere e scrisse la Guida della beneficenza in Roma. Questo libro avrebbe dovuto secondo lei incoraggiare le donne ad occuparsi o alquanto ad interessarsi all'opera sociale.

[12] A. Devito Tommasi, Il medico dei bambini e le signore, in «Rivista per le signore», a. II, n. 14, pp. 543-547.

[13]  R. Finzi, L. Lama, I conti dell’Università Prime indagini: 1880/1923, in G. P. Brizzi e A.Varni (a cura di), L'Università in Italia, fra età moderna e contemporanea aspetti e momenti, Bologna, CUEB, 1991, pp. 72-75.

[14]  M. Raicich, Liceo, università, professioni: un percorso difficile, in S. Soldani (a cura di), L’educazione delle donne: scuole e modelli di vita femminile nell’Italia dell’800, Milano, Angeli, 1989, p. 151

[15]  Le donne possono essere medichesse? In “L’Illustrazione Popolare. Giornale per le famiglie”, vol. XXXIII, n. 9, 1 marzo 1896, Curiosità della posta, p. 138. Infatti in tale articolo si denunciava il pregiudizio nei confronti delle donne medico: “Donne medichesse? […] I medici vanno così poco d’accordo fra loro, e si lamentano tanto volentieri e così bene, che non ci pare edificante inserire nuovi elementi di discordia. Pensi molti medici sdegnerebbero di trovarsi a contatto colle medichesse…E ne andrebbero di mezzo i malati!…Ahimè, la pianta medichessa alligna anche in Italia, prevedo ancor più gravi lutti nelle nostre famiglie italiane!…”.

[16]  Cesare Lombroso, Psichiatra e antropologo, nato a Verona il 6 novembre 1835, morto il 9 ottobre 1909. Laureatosi nel 1858 a Pavia, cominciò a farsi notare già con la sua tesi, Ricerche sul cretinismo in Lombardia (1859). In questo anno partecipò come medico militare alla guerra contro l’Austria. Nel 1862 accettò di tenere un corso gratuito di psichiatria all’università di Pavia e nel 1865 lasciò l’esercito. Sono di quegli anni le sue prime ricerche sulla pellagra e pure in quel tempo egli cominciò a elaborare gli Studi per una geografia clinica italiana. Divenne poi medico primario del reparto malattie mentali dell’ospedale civile di Pavia (1866) e nella stessa università professore straordinario di clinica delle malattie mentali (1867), fu anche direttore del manicomio provinciale di Pesaro (1871) ed infine ordinario di medicina legale e Igiene pubblica all’università di Torino (1876). Qui fu nominato nel 1896 ordinario di psichiatria e clinica psichiatrica, e nel 1905 ordinario di antropologia criminale. Muovendosi da una concezione materialistica dell’uomo, il Lombroso cercò di spiegare con le anomalie fisiche la degenerazione morale del delinquente, che dovrebbe perciò costituire uno speciale tipo antropologico. Da questo presupposto nacque la nuova scienza dell’antropologia criminale, i cui fondamenti sono posti nella maggiore opera di Lombroso, L’uomo delinquente in rapporto all’antropologia, alla giurisprudenza ed alle discipline economiche, pubblicata nel 1876.Le teorie del Lombroso ebbero risonanza nel campo del diritto penale. Le applicazioni principali delle teorie del Lombroso si ebbero nel campo di quella che egli chiamò la profilassi e terapia del delitto. Concepito il delitto come una anormalità, il compito della società deve essere di curare il delinquente e di elevare il concetto di difesa sociale a quello di rigenerazione del reo. Tra le opere ricordiamo: Genio e follia 1864, Sulla medicina legale del cadavere 1877 e L’uomo delinquente 1876.

[17]  D. Dolza, Essere figlie di Lombroso. Due donne intellettuali tra ‘800 e ‘900, Milano, Angeli, 1990, p. 120.

[18]  T. Tomasi, L., Bellatalla, op. cit., pp. 156-159.

[19]  A. M. Maccheroni, op. cit., pp. 27-28.

[20]  Ivi, p. 29.

[21]  Quanto detto è tratto da: R. Kramer, op. cit., pp. 41-44.

[22]  R., Kramer, op. cit., pp. 40-45.

[23]  M. Schwegman, op. cit., pp. 33-34.

[24]  Ibidem.

[25]  R. Kramer, op. cit., p. 48.

[26]  M. Schwegman, op. cit., pp. 35-36.

[27]  Vedi Annuario per l'anno scolastico 1893-94, Roma, Tipografia Fratelli Pallotta, 1893, pp. 220-221.

[28]  M. Arsina, La festa dei fiori, La Cronaca di Roma, “Folchetto”, 31 maggio 1892; Ghirigoro, La festa dei fiori a Villa Borghese, La cronaca di Roma. “Il Torneo” 31 maggio 1892; A villa borghese, “Il Fanfulla” 1 giugno 1892, in P. V. Babini, L. Lama, “Una donna nuova” il femminismo scientifico di Maria Montessori.Milano, Angeli, 2000,p. 35.

[29]  Come risulta dal certificato di Laurea in Medicina e chirurgia presente nel fascicolo dell'AGSUR R.S. 212 e da noi Allegato nell'Appendice documentaria, Parte IV.2, n. 19.

[30]  In realtà non risulta prima del 1877 che siano state conferite lauree a donne del regno. Dal 1877 al 1900 le lauree conferite a donne sono 257 e precisamente:

dal 1877 a tutto il 1880 lauree conferite                                       3

  "  1881       "       1884          "                                                      8

  "  1885                1888                                                                 9

     1889                 1892                                                               18

     1893                 1896                                                               79

     1897                 1900                                                              140

     La prima donna laureata in Italia è stata Ernestina Paper che nel 1877 consegue la laurea in medicina e chirurgia presso l’Istituto di Studi Superiori di Firenze, aprendo poi, nel 1878, uno studio medico dove cura le malattie delle donne e dei bambini. M. Raicich, op. cit., p. 156.

[31]  Nell'Appendice documentaria è presente la tesi di laurea di Maria Montessori, da noi riportata e trascritta integralmente. Vedi Parte IV.2, Allegato n. 18.

[32] M. Montessori, S De Sanctis, Sulle cosiddette allucinazioni antagonistiche, in «Policlinico», a. IV, fasc. 2, febbraio 1897, p. 68.

[33]  La tesi di laurea in Medicina e chirurgia di Maria Montessori viene interamente riportata in fotocopia dell’originale e da noi trascritta per agevolare il lettore ad una comprensione del suddetto scritto. Tale tesi è presente nel fascicolo personale R.S. n. 212. dell’AGSUR, e da noi presentata nell'Appendice Parte IV di questo testo.

[34]  Vedi tesi di laurea in Medicina e chirurgia, presente in questo in Appendice Parte IV n. 18 p. 117.

[35]  S. De Sanctis, M. Montessori, Sulle cosiddette allucinazioni antagonistiche, in “Policlinico”, a. IV, vol. IV, fasc. 3, febbraio 1897, pp. 118-119.

[36]  Ivi, pp. 117-118.

[37]  Vedi Parte V.II, Allegato n. 1.

[38]  Vedi Parte V.II, Allegato n. 2.

[39]  Vedi Parte V.II, Allegato n.3.

[40]  V. P. Babini, L. Lama, «Una donna nuova», già cit., p. 44.

[41]M. Montessori, Sul significato dei cristalli del Leyden nell’asma bronchiale, in «Bollettino della Società Lancisana degli Ospedali di Roma», a. XVI, fasc. I, 1896.

[42]M. Montessori, S. De Sanctis, Sulle cosiddette allucinazioni antagonistiche, in «Policlinico», a. IV, vol. IV, fasc. 2, febbraio 1897, pp. 68-71 e fasc. 3, marzo 1897, pp. 113-124.

[43]G. Montesano, M. Montessori, Ricerche batteriologiche sul liquido cefalo rachidiano dei dementi paralitici, Roma, F.lli Capaccini, 1897, estratto dalla «Rivista quindicinale di Psicologia, Psichiatria, Neurologia», fasc. 15, 1 dicembre 1897, pp. 1-13.

[44]  T. Tomasi, L. Bellatalla, op. cit., pp.158-159.

[45]  G. Di Bello, A. Mannucci, A. Santoni Rugiu, Documenti e ricerche per la storia del Magistero, Firenze, Manzuoli, 1980.

[46]  «Illustrazione Popolare». Giornale per le famiglie, n. 42, a. XXXIII, 18 0ttobre 1896.[la pagina risulta illeggibile].

[47]  M. Schwegman, op. cit., p. 39.