Università degli Studi di Roma “La Sapienza”

Facoltà di Lettere e Filosofia

Corso di Laurea in Lettere

 

 

 

 

 

Tesi in Pedagogia Generale

 

Scritture di bambini shqipëtarë

tra Albania e Italia

1931-2001

 

 

 

 

Relatore

Correlatore

Prof.

Nicola Siciliani de Cumis

Prof.

Furio Pesci

(Pedagogia Generale)

(Storia della Pedagogia)

 

 

 

Candidata

Paola Gagliarducci

Matr. 10068291

 

 

 

 

Anno Accademico

2000-2001

 

 

 

 

 

A Martina, a Daniele,

ai miei cari.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Spesso gli errori non stanno nelle parole

ma nelle cose;

bisogna correggere i dettati, ma bisogna soprattutto correggere il mondo…

Il mondo sarebbe bellissimo se ci fossero solo

i bambini a sbagliare.

 

Gianni Rodari

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INDICE GENERALE

 

 

 

SIGLE E ABBREVIAZIONI                                                                          XI

 

 

INTRODUZIONE

 

Premessa                                                                                                                 XV

Ragioni della ricerca                                                                                            XVI

Partenze e traguardi: soggetti e finalità della ricerca                                         XVIII

Partenze e traguardi: itinerario di ricerca                                                        XXI

 

 

 

PARTE PRIMA

Conoscere l’Albania

 

Capitolo I

 

Albania: cenni storici, geografici, politici, economici, culturali                       3

   La storia                                                                                           5

   Il territorio                                                                                     32

   La situazione economica                                                                  32

   Popolazione, lingua e cultura                                                            37

 

Capitolo II

 

Albania: presente e passato di un popolo ‘migratore’                                         53

   Itinerario di indagine                                                                                             53

   L’emigrazione albanese ai giorni nostri                                                              55

   Storia dell’emigrazione albanese                                                                     62

 

 

 

PARTE SECONDA

Italiano - albanese, albanese - italiano: dinamiche, percorsi,

esperienze nell’odierna scuola elementare ‘plurilingue’

 

Capitolo I

 

Italiano come Lingua 2                                                                                              75

   Attualità del problema                                                                                                  75

   Riferimenti normativi                                                                                           79

   Alcune problematiche                                                                                               82

   Modalità di acquisizione della L2                                                                      84

   Pareri e considerazioni di adulti ed esperti                                                       90

   Indicazioni dal film “Lamerica”                                                               96

   Esperienze di apprendimento spontaneo                                               101

Testi prodotti da alunni albanesi residenti in Albania:

Luglio 2001                                                                                                                        106

 

Capitolo II

 

Alunni albanesi: presenza nelle scuole elementari di Roma                                    109

   Tappe della ‘ricerca’                                                                                          110

 

Capitolo III

 

Alunni albanesi: le osservazioni degli insegnanti                                        117                                                

 

Capitolo IV

 

Le ‘scritture albanesi’ di oggi                                                                          141

   Premessa                                                                                                              141

   Sintesi delle osservazioni                                                                                   142

Testi prodotti da alunni di etnia albanese delle scuole elementari

di Roma: a.s. 2000/2001                                                                                               145

 

Capitolo V

 

Le ‘scritture albanesi’: lingua madre e lingua italiana a confronto                 167

   Nuovi problemi e ipotesi risolutive                                                                 167

 

 

 

PARTE TERZA

Il processo di penetrazione della lingua italiana in Albania nella prima metà del ’900

 

Premessa                                                                                                                 173

 

Capitolo I

 

Il fascismo e la sua azione per l’introduzione della lingua italiana

nelle scuole albanesi                                                                                            177

   ‘Primi passi’                                                                                                           178

   ‘Conquista’ del settore dell’insegnamento professionale                                180

   L’insegnamento dell’italiano diventa obbligatorio
   nelle scuole medie albanesi                                                                             185

   La scuola albanese negli anni dell’annessione                                         190

   Attività scolastica in Albania dopo l’8 settembre 1943               ……..195

Capitolo II

 

Reclutamento, utilizzo trattamento degli insegnanti di lingua italiana

nelle scuole albanesi                                                                                            197

   Caratteri e requisiti degli insegnanti in servizio in Albania

   precedentemente al ’39                                                                                       199

   Insegnanti italiani di madrelingua nell’Albania ‘Imperiale’              200

   Situazione degli insegnanti italiani in Albania dopo

   l’8 settembre 1943                                                                                                 204

 

Capitolo III

 

Produzione, stampa e diffusione di libri di testo specifici per

l’insegnamento della lingua italiana                                                                      205

   I libri di testo per le scuole all’Estero nell’ottica della D.I.E.S                         206

   I libri di testo per le scuole albanesi                                                                  210

 

Capitolo IV

 

Le ‘scritture albanesi’ di ieri                                                                            215

   Cenni storici                                                                                                          217

   La didattica dell’italiano a Krionero                                                              221

   L’ ‘italiano’ dei giovani albanesi di Krionero                                         223

Testi prodotti dagli alunni dell’Istituto Commerciale albanese

di Krionero: a.s. 1931/1932                                                                          231

 

Capitolo V

 

La “Dante” in Albania per la diffusione della lingua

e cultura italiane                                                                                                         251

   Storia dell’Associazione                                                                                      252

   Primi tentativi                                                                                                       265

   Nasce il Comitato di Tirana                                                                                  267

   L’attività della “Dante”                                                                                          270

   I “Corsi serali gratuiti di lingua italiana”: organizzazione

   e funzionamento                                                                                                       273

   Gli insegnanti                                                                                                   283

   Gli allievi                                                                                                             292

   ‘Lettere’ alla “Dante”                                                                                               303

   Le biblioteche della “Dante” e l’impegno per la diffusione

   del libro italiano                                                                                                        307

   La “Dante” sui giornali                                                                                     311

   Cessazione dell’attività in Albania                                                               313

 

Capitolo VI

 

‘Scritture albanesi’ di ieri e di oggi: contesti diversi,

 problemi identici                                                                                             317

 

 

 

CONCLUSIONI

Prospettive di ricerca                                                                                         333

 

 

 

APPENDICE

Nota metodologica                                                                                                           345

Scritture di bambini shqipëtarë tra Albania e Italia (1931/2001)                  347

Lingua albanese: alcune osservazioni funzionali alla ricerca                                  365

Intervista agli insegnanti: struttura                                                                   369

 

Insegnamento dell’italiano nelle scuole elementari albanesi:

Bando di Concorso - 30 luglio 1940                                                             373

 

 

 

BIBLIOGRAFIA                                                                                               377

 

 

INDICE DOCUMENTARIO E FOTOGRAFICO                                      389

 

 

INDICE DELLE IDEE RICORRENTI                                                      393

 

 

INDICE DEI NOMI                                                                                              403

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SIGLE  E  ABBREVIAZIONI

 

 

a.s.

anno scolastico

A.C.S.

Archivio Centrale dello Stato

AA.EE.

Affari Esteri (Ministero/Ministro degli)

A.C.N.U.R.

Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati

AS

Archivio Scuole

A.S.M.AA.EE.

Archivio Storico del Ministero degli Affari Esteri

A.S.S.D.A.

Archivio Storico della Società “Dante Alighieri”

B.

Busta (o faldone, d’archivio)

c.a.

corrente anno

c.m.

corrente mese

C.M.

Circolare Ministeriale

C.O.

Carteggio Ordinario

C.R.A.

Croce Rossa Americana

cap.

capitolo

Cies

Centro Informazione e Educazione allo Sviluppo

Comm.

Commendatore

C.S.C.E.

Conferenza per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa

D.G.P.

Direzione Generale della Propaganda

D.I.E.

Direzione Generale degli Italiani all’Estero

D.I.E.S.

Direzione Generale degli Italiani all’Estero - Ufficio Scuole

Dott.

Dottore/Dottoressa

E.N

Educazione Nazionale (Ministero/Ministro della)

fasc.

fascicolo

G.L.

Giustizia e Libertà

Gab.Alb.

Gabinetto Albania

I.P.A.

Istruzione Pubblica Albanese (Ministero/Ministro della)

ISTAT

Istituto Superiore di Statistica

I.S.U.

Indice di Sviluppo Umano

L1

lingua d’origine

L2

seconda lingua

LPI

lingua del paese d’immigrazione

LS

lingua straniera

Min.Cul.Pop.

Ministero della Cultura Popolare

mod.

modulo

O.S.C.E.

Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa

ott.

ottimo/a

P.F.A.

Partito Fascista Albanese

P.I.

Pubblica Istruzione (Ministero/Ministro della)

P.S.I.

Partito Socialista Italiano

P.I.L.

Prodotto Interno Lordo

P.N.L.

Prodotto Nazionale Lordo

Prof.

Professore

R.

Règio/a

RR.

Regi

sc.

scuola

s.d.

senza data

S.d.N.

Società delle Nazioni

S.N.

Società Nazionale

Segr.Part.Duce

Segreteria Particolare del Duce

SS.AA.

Sottosegretariato/Sottosegretario di Stato per gli Affari Albanesi

T.U.

Testo Unico

U.N.D.P.

United Nations Development Programme

U.N.I.C.E.F.

United Nations International Children’s Emergency Fund

suff.

sufficiente

S.V.

Signoria Vostra

t.p.

tempo pieno

tt.

testi

t.

testo

trad.

traduzione

vol.

volume

INTRODUZIONE

 

 

 

Premessa

 

«Il materiale su cui si è ragionato è un insieme - potremmo dire - di scritture minori, perché prodotte dall’infanzia […]. Tuttavia non minori per l’interesse […] che suscitano […], perché è proprio qui, sotto la superficie faticosa della parola tracciata dalla mano infantile […], che emergono problemi e paradossi della condizione bambina».

Con queste parole esordiscono Quinto Antonelli ed Egle Becchi, nella presentazione del volume di cui sono curatori, dedicato ad una rivalutazione degli scritti infantili, in barba allo ‘snobismo’ di molti storici che ancora li stimano come oggetto «sprovvisto di dignità ».[1]

Sotto la suggestione del medesimo testo, nella piena condivisione dell’importanza di un materiale documentario che appare «non solo […] ricco, ma inquietante e denso di interrogativi che vanno al di là della pagina scritta dalla mano del non adulto»,[2] nasce, si struttura e si sviluppa la ricerca esposta nelle pagine che seguono.

A queste righe introduttive è affidato il compito di coordinare e riassumere, in una dimensione unitaria, un percorso d’indagine assai frastagliato e composito, nato dall’intenzione di aggiungere un capitolo nuovo al tema delle ‘scritture bambine’: di dare cioè ascolto alle ‘voci italiane’ dell’infanzia albanese.

 

 

 

Ragioni della ricerca

 

L’attenzione e l’interesse per il mondo bambino in generale, e per le problematiche connesse alla conquista di un’autonomia di scrittura in lingua italiana da parte di alunni stranieri, in particolare, scaturiscono innanzitutto da una sorta di ‘deformazione professionale’: chi scrive, si occupa, infatti, da oltre dieci anni - in qualità di docente di scuola elementare -, dell’ambito linguistico, all’interno di una realtà scolastica sempre più connotata dalla convivenza di diverse etnie e, conseguentemente, di molteplici linguaggi e differenti radici storico-culturali.

 

La pratica educativa e l’esperienza didattica danno quotidiana conferma di quanto sia essenziale, ogni qualvolta si operi con alunni non italiani, la conoscenza del loro paese d’origine, della storia e cultura che li accompagnano, delle loro precedenti esperienze scolastiche, della struttura della lingua di appartenenza, poiché ciò facilita la comunicazione e la relazione e consente un intervento mirato ed efficace dal punto di vista cognitivo e relazionale.

A questa urgenza si contrappone la consapevolezza, dolorosamente nota a chi scrive, della generale impreparazione degli insegnanti, che è il risultato di una mancata formazione-informazione teorica sulle dinamiche dell’integrazione e dell’insegnamento-apprendimendo della ‘seconda lingua’, premessa indispensabile per un’azione educativa qualitativamente valida.

Tutto ciò genera dispendio di energie e danni, a volte, irreversibili .

 

 

Entro una dinamica che evoca la figura di Penelope, la scuola disconosce i saperi e le competenze già acquisiti altrove, per ricominciare dal principio il percorso dell’alfabetizzazione, secondo una logica per la quale “chi non sa la lingua italiana, non sa in generale.[3]

Da qui la

 

 

necessità di una formazione sui temi della pedagogia interculturale e della didattica dell’italiano come LPI, che […] metta in grado di operare consapevolmente scelte e decisioni sulla base di competenze teorico-pratiche specifiche ed approfondite.[4]

 

 

 

E’ quanto viene costantemente ribadito da alcuni anni, da quando cioè le problematiche interculturali hanno smesso di costituire un fenomeno sporadico ed episodico e sono penetrate, a volte drammaticamente, nell’odierna società occidentale, investendo ogni aspetto della vita pubblica, scuola inclusa, sconvolgendo stereotipi culturali ed imponendo un cambiamento di prospettive e mentalità, oltre che un’assunzione di responsabilità da parte di singoli individui ed istituzioni.

 

L’itinerario percorso nei capitoli che seguono si sviluppa proprio a partire da questa presa di coscienza e dalla volontà di sperimentare un approccio più adeguato al testo scritto da bambini in fase di apprendimento dell’idioma italiano.

 

La scelta degli ‘albanesi’, come interlocutori privilegiati, attraverso i loro elaborati, è invece legata a sollecitazioni di altro tipo.

 

Si tratta di un soggetto proposto dal docente relatore, Professor Nicola Siciliani de Cumis, e accolto con qualche perplessità iniziale, dovuta soprattutto alla consapevolezza di non aver mai operato con alunni appartenenti a tale etnia, oltrettutto pressoché assenti nella sede lavorativa di chi scrive, che è invece fortemente connotata da allievi originari del Sud-Est asiatico (Cina in particolare), del Nord-Africa e, recentemente, della Romania.

Dopo le prime letture esplorative, si è invece sviluppata un’attrazione crescente per una realtà poco nota (se non attraverso le sollecitazioni dei media) e anche per questo capace di offrire la possibilità di coniugare gli interessi intellettuali della sottoscritta (la Storia è il filo conduttore del proprio piano di studi universitari) con quelli più specificamente professionali.

 

Le ‘scritture albanesi bambine’ hanno trovato progressivamente il loro posto nella cornice temporale di una vicenda, quella del ‘Paese delle Aquile’, che diventa cronaca per gli avvenimenti politici e sociali che la collocano tra i protagonisti dell’attualità; che ha, con la storia italiana, legami antichi e recenti.

 

 

 

Partenze e traguardi: soggetti e finalità della ricerca

 

Chi sono questi ‘scrittori bambini’, con il loro italiano un po’ sgrammaticato, che vivacizza, anima, dà corpo e struttura unitaria, a tutta la ricerca?

 

 

E L’italia è molto bellissima perché le cose non le buttano per terra le buttano sull’imbondizi- a e le persone sono, con educazione e per me L’Italia è molto bella e bella.[5]

 

Geraldo ha 11 anni, vive a Shënkoll, un paesino dell’Albania Nord-Occidentale. La sua conoscenza dell’Italia, e della lingua italiana, si è costruita attraverso la televisione e l’esperienza di ‘campo estivo’ offertagli da un gruppo di giovani volontari romani durante la scorsa estate.

 

Lo stile generoso ed accogliente che, in genere, contraddistingue le iniziative di volontariato, rinforza una convinzione costruitasi progressivamente sulle ‘immagini illusorie’ trasmesse dalla tv via cavo: Geraldo sogna in albanese, ma descrive in un italiano da ‘autodidatta’, un paese «molto bellissimo» e pulito.

 

 

Vivo a Roma, pero vengo dall’Albania. Sento la nostalgia dell mio paese.[6]

 

Manfred è uno dei tanti giovani albanesi che frequentano la scuola elementare romana (nell’anno scolastico 1999/00 l’etnia shqipëtara[7] è risultata prevalente nella capitale).

E’ arrivato nel settembre ’99 e in pochi mesi, con due sole frasi comprensibilissime, sa già riassumere la sua storia, piena di ricordi del mondo che ha lasciato.

 

 

Ho già due mesi che sono venuto qui ala nostra scuola per continuare i miei studi. In quest’anno faccio il terzo corso. Le lezioni sono difficili ma io con la mia potenza darò tutta la volontà per continuare le lezioni e per essere insieme coi mie compagni.[8]

 

Petro frequenta la terza classe dell’istituto Commerciale di Krionero, località costiera in prossimità di Valona, nell’Albania Sud-Occidentale.

E’ l’anno 1931: l’italiano è materia di studio nella scuola; la sua conoscenza è essenziale per seguire alcuni insegnamenti specifici impartiti esclusivamente in questa lingua.

Alle prese con un classico tema da ‘programma’, La mia scuola, Petro scrive, senza troppi errori, della sua fatica e determinazione.

 

 

Sua Brillantissima Eccellenza Duce Mussolini - Roma

 

Come un pover giovinoto  Albanese che sono,  vi prego per grazia di Dio d’accettare a prendere in considerazione la mia domanda …[9]

 

Nell’Albania del 1937 Georgio ha completato la frequenza del corso serale d’italiano organizzato a Durazzo dalla Società Nazionale “Dante Alighieri” e sogna un impiego nelle Forze Armate del vicino Paese.

Con questo obiettivo, in maniera del tutto autonoma, scrive una personalissima lettera al Duce, in cui ‘sfoggia’ i risultati del percorso di apprendimento di una lingua che potrebbe rappresentare il suo futuro.

 

 

Sono queste, solo alcune delle ‘scritture’ incontrate nel corso della ricerca: ‘voci’ sparse qua e là, fissate sulla carta e raccolte in luoghi e momenti differenti, seppure con significativi elementi di identità: l’Albania, il loro essere ‘non adulte’, l’idioma italiano.

 

 

L’indagine si è configurata, inizialmente, come un approccio ai testi in lingua italiana realizzati da bambini albanesi frequentanti alcune scuole elementari Roma; successivamente il campo di ricerca si è esteso all’osservazione analitica di altre tipologie testuali prodotte autonomamente da alunni residenti in Albania, seppure in contesti, luoghi e tempi diversi.

Il tutto, sotto l’impulso di verificare un’opinione diffusa: la familiarità degli albanesi con la lingua italiana.

 

Perché noi siamo popoli mediterranei, popoli fratelli, noi e gli italiani e parliamo anche la lingua un po’, quelli anziani e colonizzati dal Duce se non sono già morti ma soprattutto noi ragazzi per la televisione.[10]

 

 

Si è trattato principalmente di comprendere il perché di questa facilità nell’acquisire la lingua del vicino Paese, costantemente sottolineata da diretti interessati, ‘addetti ai lavori’, stampa, senso comune; di individuare le modalità con cui tale apprendimento si realizza - tra i bambini in modo particolare -; di ipotizzare infine alcune possibili spiegazioni delle eventuali difficoltà rilevate nell’analisi dei testi, attraverso un confronto tra i due idiomi, italiano e albanese, alla ricerca di analogie e differenze.

 

 

 

Partenze e traguardi: itinerario di ricerca

 

I contatti tra le due sponde opposte dell’Adriatico hanno radici lontane nel tempo, che rimandano all’epoca della Roma Imperiale e alla sua espansione anche sul territorio albanese, destinato a diventarne provincia per oltre cinquecento anni.

 

Finito l’Impero, è di turno la ‘Serenissima’, scesa in campo, a più riprese, per sottrarre il controllo dell’Albania all’avversario turco; quindi - a indipendenza appena conquistata, dopo cinque secoli di dominazione Ottomana (1912) -, la breve occupazione italiana nel corso della I Guerra Mondiale, conclusasi al termine del conflitto; nuovamente, la penetrazione fascista, coronata dall’annessione al Regno d’Italia, nel ’39; infine, dopo il lungo isolamento voluto dal comunismo, le molteplici missioni umanitarie e i piani di sviluppo coordinati dal governo e dall’esercito italiano in territorio albanese.

 

Nella Parte Prima del documento ampio spazio viene quindi dedicato alla conoscenza della Storia dell’Albania, con particolare riguardo per quegli eventi che, direttamente o indirettamente, giustifichino l’odierna situazione politico-economico-sociale del paese, e siano più esplicitamente connessi con la tematica linguistica.

 

Un’attenzione particolare è riservata all’epoca fascista, che, all’interno di questo percorso, ricopre un ruolo fondamentale nel processo di incontro-scontro della lingua italiana con la popolazione albanese.

La penetrazione linguistica fu uno dei canali privilegiati utilizzati dal Regime per sollecitare consensi e favorire la sua espansione politico-ideologica all’interno del Paese. La Parte Terza della tesi è dedicata interamente ad illustrare l’opera di diffusione della lingua italiana nel territorio albanese, culminante con l’introduzione dell’obbligatorietà di tale insegnamento nelle scuole di stato.

 

Accanto alla propaganda linguistica fascista - con modalità di intervento parallele e finalità di natura più specificamente culturali e patriottiche, anche se a volte sostanzialmente coincidenti con quelle del Regime -, si svolgono i “Corsi serali gratuiti di lingua italiana” gestiti dai Comitati albanesi della Società Nazionale “Dante Alighieri”, una prestigiosa Associazione nostrana che dal 1889 promuove la conservazione e diffusione della cultura e della lingua italiane all’Estero.

La sua storia e le sue iniziative sono esposte dettagliatamente sempre all’interno di questa sezione della tesi.

E’ indispensabile sottolineare come la trattazione degli argomenti suindicati si fondi quasi esclusivamente su materiali documentari conservati nell’Archivio Storico del Ministero degli Affari Esteri, nell’Archivio Storico Centrale della Società “Dante Alighieri” e nell’Archivio Centrale dello Stato: il loro reperimento ha rappresentato forse la fase più difficile della presente ricerca, ma anche quella maggiormente significativa e gratificante.

 

 

La familiarità del popolo shqipëtaro con la lingua italiana non nasce esclusivamente da questi ripetuti incontri ‘storici’. Essa si è consolidata all’interno di una vicenda drammatica, ancora inconclusa: quella dell’emigrazione albanese.

 

Nel secondo capitolo della Parte Prima del documento si possono ripercorrere le tappe di questo percorso migratorio, sviluppatosi a partire dalla metà del XV secolo e culminante nei veri e propri esodi degli anni ’90.

 

Secondo uno studio di Alessandro Silj (Limes, n. 2/2001) si può stimare che a partire dal 1990 oltre mezzo milione di albanesi, uno su sette della popolazione totale, abbiano lasciato il paese per espatriare innanzitutto in Grecia e quindi in Italia. La prima ondata migratoria si verificò nella primavera e nell’estate del 1991, al crollo dell’ultimo regime stalinista sopravvissuto in Europa, e la seconda nel 1997, come conseguenza dei disordini civili provocati dal fallimento delle piramidi finanziarie con gravi conseguenze per un buon terzo della popolazione albanese.[11]

 

 

La dittatura comunista di Enver Hoxha, durata oltre un quarantennio, con il progressivo isolamento dell’Albania, ha distrutto lo spirito di iniziativa di un popolo già secolarmente provato dalla miseria e dallo sfruttamento, che non è più stato capace di trovare, nel suo Paese, la forza e le possibilità di sopravvivere.

La ‘fuga’ all’Estero, con ogni mezzo, è sembrata l’unica alternativa possibile, la sola speranza in un futuro migliore; da qui le immagini, tristemente note, di navi allo sfascio e gommoni strapieni di disperati, dirette verso il ‘Bel Paese’ su cui a lungo si è fantasticato guardando la tv italiana.

 

Ma io no che non ci resto a fare l’uomo in Albania […] per crescere un vitello da vendere in città e vedere morire la mia famiglia di fame. Io preferisco andarmene […].

Così […] cercavo di studiare bene a scuola per prepararmi ad una vita diversa.

Perché una volta all’anno la mamma […] riusciva ad ottenere dal babbo che ci conducesse per far Natale a vedere la televisione dell’osteria e avevo ben visto come erano trattati i bambini in Italia.[12]

 

 

 

All’interno delle dinamiche migratorie e, insieme, del processo di alfabetizzazione alla lingua italiana, un ruolo fondamentale è giocato dalla televisione.

 

In Albania le reti televisive italiane hanno avuto, sin dalla loro prima comparsa, negli anni ’70, un seguito strepitoso, riuscendo a penetrare attraverso il muro di isolamento eretto dal comunismo.

Le immagini ‘idilliache’ trasmesse dalle pubblicità, i milioni e i miliardi elargiti dalle lotterie e dai giochi a premi, hanno popolato per anni l’immaginario albanese creando l’illusione di un ‘paradiso’, per raggiungere il quale è lecito usare qualunque mezzo.

Imparare l’italiano è la prima ‘mossa’, perché la conoscenza della lingua rappresenta il passaporto più funzionale all’immigrato: gli consente di orientarsi, capire, integrarsi, cogliere più facilmente le opportunità. Essa svolge il ruolo di principale mediatore nel processo di integrazione  con la società ospitante.

 

Strada, sogno, figlio, marito, pane, canzone, amore, freddo, ragazzo, fiore, bene, mano, mela, scarpe, nave, mare…

 

Poco prima dell’imbarco su una nave stracarica in partenza per l’Italia, un gruppo di ragazzini ripete a cantilena e memorizza un ‘Bignami’ della lingua che presto ascolterà ed imparerà a capire e a parlare. E’ una delle immagini finali del film Lamerica, di Gianni Amelio, ma potrebbe essere facilmente scambiata per una scena da reportage giornalistico.

 

La stragrande maggioranza degli albanesi, i giovani in particolar modo, ha imparato, in questi anni, le parole chiave della lingua italiana: tutti, in generale, per una sorta di condizionamento inevitabile, prodottosi dall’ascolto dei messaggi televisivi; molti perché inconsciamente o in modo consapevole, sapevano che ne avrebbero avuto un giorno la necessità.

 

La facilità con cui gli albanesi, in generale, apprendono l’italiano, si spiega pertanto con la familiarità acquisita nel tempo e, insieme, con alcune somiglianze nella struttura delle due lingue (stessa rappresentazione grafica, ambedue si leggono come si scrivono - premessa la conoscenza dei rispettivi alfabeti fonetici -, stesse parti variabili…).

Su questo argomento sono state raccolte opinioni di adulti di origine albanese e di esperti nel settore, illustrate sinteticamente nella Parte Seconda, al capitolo primo; è inoltre riportato, in Appendice, un confronto tra i due differenti idiomi, che sottolinea elementi simili e differenze sostanziali.

 

 

Queste diversità, in modo particolare, sono state la chiave interpretativa che ha guidato la lettura dei testi scritti in italiano da bambini albanesi, acquisiti in momenti diversi della ricerca e presentati, con le stesse modalità di approccio, nelle tre parti costitutive della tesi.

Nella Parte Seconda del documento vengono analizzate alcune produzioni spontanee in lingua italiana realizzate da 6 bambini albanesi nel corso di un’esperienza di campo estivo organizzata nel loro paese; quindi i temi eseguiti da venti alunni shqipëtari di 11 scuole elementari di Roma, accompagnati dalle osservazioni dei rispettivi insegnanti; si tratta, in ambedue i casi, di materiale raccolto da chi scrive negli ultimi due anni.

Seguono, nella Parte Terza, diversi esercizi di scrittura di cui furono autori 28 allievi albanesi di un Istituto Commerciale situato nei pressi di Valona, durante l’anno scolastico 1931/32; vennero inviati dai loro insegnanti, a testimonianza del lavoro svolto, all’Ufficio Scuole della Direzione Generale degli Italiani all’Estero, e conservati fino ad oggi in un fondo dell’Archivio Storico della ‘Farnesina’.

 

I diversi materiali sono stati esaminati dal punto di vista della forma, mediante un identico procedimento, finalizzato all’individuazione - al di là della facilità di acquisizione della lingua italiana (rilevata nella quasi totalità dei testi) - di peculiarità espressive, errori ricorrenti, difficoltà di strutturazione delle frasi e quant’altro potesse emergere come caratteristico del processo di apprendimento dell’italiano scritto da parte di questi bambini.

 

 

Il confronto tra le tre differenti raccolte (a cui si è aggiunto un quarto documento, unico esemplare presente a testimonianza dei Corsi di lingua italiana promossi dalla Società “Dante Alighieri” in Albania, reperito, nella sua forma originaria, nell’Archivio Storico Centrale dell’Associazione), viene riportato nel sesto ed ultimo capitolo della tesi.

Nonostante i diversi contesti di provenienza, le disomogeneità relative all’età, alle modalità e ai tempi di apprendimento, è stato possibile individuare alcuni elementi di convergenza.

In particolare, le difficoltà linguistiche risultate prevalenti (percezione dei suoni ‘forti’, degli accenti tonici, trascrizione di sillabe ‘difficili’, concordanze), sono state riscontrate in proporzioni più o meno simili nei diversi gruppi di testi; esse potrebbero trovare spiegazione proprio in alcune sostanziali differenze individuate tra le due lingue in oggetto, l’italiana e l’albanese.

 

Tali osservazioni giustificherebbero le incertezze degli alunni, senza per questo entrare in contraddizione con le ipotesi di familiarità linguistica e facilità di acquisizione dell’italiano da parte dei giovani albanesi espresse in altri luoghi della presente ricerca.

 

 

Si torna allora, con insistenza, alla problematica accennata inizialmente (sviluppata, nel documento, nella Parte Seconda, al capitolo primo):

 

 

A livello scolastico, se non si conosce il dato sulle lingue di cui sono portatori gli allievi, gli insegnanti difficilmente possono intervenire sui processi di interferenza; sapere almeno quali lingue arrivano in classe e quali sono le loro principali caratteristiche potrebbe aiutare soprattutto il lavoro degli insegnanti, che molto spesso vedono fallire il proprio intervento didattico perché gli è sconosciuto il sistema di regole di cui è portatore l’immigrato con la propria L1.[13]

 

 

Questa considerazione estremamente lucida e concreta, formulata da Massimo Vedovelli e Andrea Villarini all’interno di una trattazione sulle lingue immigrate, dà un senso preciso ai contenuti espressi nelle pagine che seguono.

 

 

Essi rappresentano un contributo alla riflessione sul difficile processo di adattamento della scuola ad una nuova, per molti aspetti ancora inesplorata, realtà educativa, caratterizzata da una presenza crescente di alunni immigrati, nei confronti dei quali la necessità di predisporre opportuni interventi, finalizzati non solo all’integrazione, ma anche all’attuazione di specifici percorsi di apprendimento, è sentita con sempre maggiore consapevolezza ed urgenza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LE  ‘SCRITTURE ALBANESI’ DI IERI

 

 

 

 

 

 

.

 

[…] Siccome che noi, Albanesi, siamo nuovi alla civiltà non sapevamo l’importanza che ha una tale scuola ma adesso avendo il bisogno per commercio, e volendo il popolo di progredirla li mandano i loro figli per imparare il commercio.

 

Harilla Cume[14]

 

 

 

 

 

 

 

Se la raccolta di testi scritti in italiano da bambini albanesi contemporanei non è stata semplice, è facile immaginare quanto possa essere risultata laboriosa e complessa la ricerca di materiale analogo, prodotto però in Albania circa un sessantennio fa!

 

Scartata a priori l’eventualità di un’indagine sul posto, inattuabile a causa di vari fattori, tra cui, non ultimi, le difficoltà linguistiche, i trascorsi passati (la lunga dittatura, con il suo rifiuto della parentesi fascista e la conseguente epurazione minuziosa delle tracce di questa) e recenti (l’instabilità politica, che si riflette nella gestione disordinata del Paese e di tutte le sue strutture) rimaneva come unica pista percorribile, la ricerca d’archivio.

 

La fonte di informazione più ‘generosa’ è stata sicuramente il Ministero AA.EE. con i suoi numerosi fondi dedicati all’Albania; purtroppo, come già sottolineato in precedenza,[15] i documenti relativi al periodo storico esaminato sono molto pochi e frammentari.

Come ulteriore complicazione, non va dimenticato che lo studio obbligatorio della lingua italiana nella scuola elementare albanese venne introdotto solo nel 1940, mentre negli anni precedenti era fortemente ostacolato dal Governo locale:[16] questi fatti, è comprensibile, riducono notevolmente le possibilità di reperire materiale prodotto da alunni della scuola primaria, eventualmente inviato alla Farnesina a scopo documentario o a testimonianza dei risultati raggiunti.

 

Nell’Archivio Storico del Ministero AA.EE., per quanto riguarda la tipologia di alunni selezionata, è conservata tutta la documentazione relativa agli esami straordinari svoltisi a Tirana nel 1945, per iniziativa del “Comitato Assistenza fra Italiani in Albania”:[17] è un fascicolo completo, contenente, tra le altre cose, le prove d’italiano elaborate dagli allievi delle varie classi del ciclo elementare. Purtroppo però si tratta esclusivamente di bambini di nazionalità italiana, rimasti nel Paese, assieme alle rispettive famiglie, dopo l’8 settembre ’43, i quali precedentemente frequentavano le scuole della D.I.E.S..

 

L’unico incartamento di una certa rilevanza, perché contenente materiale scritto in lingua italiana da alunni albanesi, è quello proveniente dall’Istituto Commerciale di Krionero (Valona).[18]

Malgrado si tratti di ragazzi di scuola media inferiore, in un contesto storico, sociale e culturale completamente diverso da quello dei piccoli ‘connazionali’ delle odierne scuole di Roma, pure è possibile ricercare, senza troppe forzature, elementi e particolari affini e ricorsivi.

Tale confronto viene effettuato, in modo sistematico, nel capitolo conclusivo della Parte Terza.

 In questa sede, come premessa alla successiva analisi, è invece approfondita la conoscenza della Scuola in questione, con la sua storia e le sue dinamiche, privilegiando le problematiche maggiormente connesse con l’insegnamento dell’italiano, nei suoi aspetti organizzativi e didattici.

 

 

 

Cenni storici

 

La scuola-convitto Commerciale Albanese di Krionero (località distante circa cinque chilometri da Valona) viene fondata dal Governo Albanese verso la fine del 1925, utilizzando l’edificio dell’ex Ospedale Militare Italiano, costruito durante l’occupazione[19] e poi divenuto proprietà dello Stato.

 

Nei primi tre anni scolastici il direttore della R. Scuola Elementare Italiana di Valona, Sig. Saporetti, riceve l’incarico di insegnare italiano e stenografia nel nuovo istituto, «con un orario ridottissimo: due ore settimanali!».[20]

 

La struttura  si apre quindi in modo più radicale alla presenza di professori italiani - ed al conseguente insegnamento della lingua omonima - a partire dall’anno scolastico 1928/29: ne danno testimonianza una serie di documenti conservati presso l’Archivio Storico della Farnesina:

 

Rimetto poi copia di un’altra lettera del Ministro dell’Istruzione (albanese) il quale chiede l’invio di 3 insegnanti di italiano per il Convitto e Scuola Commerciale di Valona.

Ai detti professori verrebbe affidato tutto l’insegnamento scientifico e matematico […], oltre alla geografia, la lingua e letteratura italiana e la stenografia.[21]

 

 

Il Ministro della Pubblica Istruzione d’Albania ha fatto domanda a quella nostra Legazione […] di tre insegnanti italiani per il Convitto e la Scuola Commerciale di Valona. Ad essi verrebbe affidato tutto l’insegnamento scientifico e matematico di detta scuola, oltre la geografia, la lingua e letteratura italiana e la stenografia.[22]

 

 

Il Governo albanese ci ha anche chiesto due insegnanti per l’Istituto Medio Commerciale di Valona […]. [23]

 

 

Nel decorso anno scolastico, a richiesta del Governo albanese […] questa medesima Direzione ha anche provveduto al personale insegnante della scuola media commerciale albanese di Krionero […].[24]

 

 

 

Le prime relazioni del personale italiano dell’Istituto alla D.I.E.S., inerenti all’attività svolta, si riferiscono all’anno scolastico 1929/30;[25] esse contengono informazioni circa le frequenze, le ore ed i programmi d’insegnamento.

La popolazione scolastica - 143 alunni in tutto, contro i 78 del corso precedente - è suddivisa in due classi I, una classe II, una III e una IV, per un totale di cinque sezioni: l’aumento numerico è attribuito alla riconferma degli insegnanti italiani nell’organico.

 

Questi risultano essere:

 

-         Prof. Costanzo Enrico, docente di scienza commerciale, banco modello, diritto commerciale, economia, dattilografia, stenografia, disegno, per un totale di 31 ore settimanali;

 

-         Sig. Crimi Calogero, docente di lingua, letteratura italiana e calligrafia, per 32 ore complessive;

 

-         Prof. Pentassuglia Fabio, docente di matematica, scienze fisiche e naturali, chimica e merceologia.

 

Le materie restanti - lingua e letteratura albanese, corrispondenza commerciale, contabilità, storia, ginnastica, e, in parte, geografia - sono gestite da cinque professori albanesi.

Basilare si rivela pertanto lo studio della nuova lingua, che «in questa scuola, non solo deve mirare all’apprendimento ex novo dell’italiano da parte dei giovani delle due prime classi, ma deve altresì metter loro, per gli anni successivi, nelle condizioni di capire gli altri insegnamenti […] impartiti in lingua italiana da insegnanti italiani»; esso è facilitato dalla «versatilità di questi giovani nell’apprendimento delle lingue in genere».[26]

Tale insegnamento è affidato - quattro ore per ogni classe - ad un maestro elementare; ma

 

Occorre assolutamente l’assegnazione di un laureato in lettere […], perché di fronte alla vastità e all’entità del programma non si può pretendere da un licenziato dell’Istituto Magistrale la preparazione soda necessaria per un ottimo svolgimento del programma di scuole medie.

 

Occorre sempre il maestro a cui sarebbero affidate le due sezioni del corso preparatorio (I anno) e l’insegnamento della calligrafia […].[27]

 

 

Nella scuola funziona, come nell’anno precedente, una piccola biblioteca circolante di libri italiani, fruita soprattutto dagli alunni delle classi superiori.

 

L’anno 1930/31 vede l’ulteriore ampliamento dell’Istituto, evidente nell’apertura di un’altra sezione di II e  nell’istituzione della V classe conclusiva del corso di studi.

La lingua italiana è ora insegnata da due docenti - le cui generalità e competenze professionali non vengono specificate nelle relazioni -, uno dei quali si occupa del corso preparatorio, inserito nel programma del I anno, mentre l’altro insegna lingua e letteratura nelle classi II, III, IV e V.

I contenuti e le finalità generali di detto insegnamento sono chiaramente indicate nella premessa al «Programma per l’anno scolastico 1930/31/ Anno IX E.F.»

 

Fine precipuo dell’Istituto Commerciale Albanese essendo quello di preparare gli alunni già forniti di una prima cultura generale, ad esercitare il commercio od una professione, l’insegnamento della lingua italiana deve avere una caratteristica di praticità tale da metterli nella possibilità di utilizzare in breve tempo questa lingua per la loro corrispondenza commerciale e per la conversazione su argomenti di utilità pratica.

Essi devono perciò essere addestrati all’uso semplice e corretto della lingua italiana senza pretese di una minuta erudizione o di sottigliezze linguistiche.

Oltre all’esposizione, a linee generali della letteratura, delle biografie dei maggiori scrittori che hanno esercitato una notevole influenza sulla cultura e sulla civiltà nazionale, si faranno letture ed esercitazioni di carattere commerciale, pratico ed insieme istruttivo che serviranno a richiamare i giovani ai sensi dei doveri che sono fondamento di ogni civile educazione.

Le letture dei brani verranno integrate dal riassunto degli interi componimenti onde fissare in concreto il valore estetico ed umano dell’opera d’arte. Ma questa esposizione letteraria sarà alternata da letture di brani d’opere che hanno attinenza ai commerci, alle industrie ed alle attività economiche dell’Italia, dell’Albania e del mondo.[28]

 

 

Il fascicolo contiene, relativamente alle classi successive alla prima, un elenco dettagliato dei temi svolti, delle poesie studiate, delle letture fatte e dei testi usati per la parte grammaticale, il quale, oltre ad offrire uno spaccato di vita scolastica del tempo, fornendo opportunità di ricerca storiografica apprezzabili, è estremamente utile come chiave di lettura dello stile linguistico che gli alunni acquisiscono attraverso tale insegnamento e che evidenziano nelle loro produzioni.

 

 

 

 

La didattica dell’italiano a Krionero

 

L’anno scolastico 1931/32 è particolarmente interessante ai fini della ricerca, in quanto l’attività d’insegnamento della lingua è testimoniata dalla presenza, nei fondi d’Archivio della Farnesina, di una serie di elaborati in  italiano prodotti dagli alunni dell’istituto di Krionero.

Il materiale esaminato si apre con due riflessioni, del coordinatore dei docenti italiani della Scuola Commerciale, Prof. Dott. Enrico Costanzo, e della D.I.E.S.: ambedue convengono sui vantaggi che sarebbero scaturiti dall’affidare a maestri elementari l’insegnamento delle scienze nei corsi inferiori ( I, II e III classe), dove gli alunni, «in quanto a conoscenza della lingua italiana, sono nelle condizioni di una scolaresca elementare»[29]:

 

 

Non essendo questa una Scuola italiana, gli’insegnanti elementari sono più indicati per lo sviluppo degli argomenti da trattare; abituati all’esposizione semplice di elementi scientifici possono con più profitto avviare l’alunno ad una preparazione preliminare, senza sottigliezze di termini, d’altra parte incomprensibili per gli alunni albanesi, dato che nei corsi inferiori appena riescono ad esprimersi in italiano.[30]

 

 

Dall’esame dei documenti risulta che ad insegnare lingua italiana a Krionero nell’a.s. ’31/32 furono i Signori Luigi Errico, Gino Tommasi e Dante Antoniani,[31] quasi certamente maestri elementari. L’aumento di personale, rispetto all’anno precedente, è giustificato dall’apertura di una seconda sezione di III: le classi ora sono otto in tutto.

 

Nella presentazione dei programmi di insegnamento relativi al nuovo anno scolastico, i tre docenti ne sottolineano le peculiarità e le linee guida:

 

L’insegnamento […] deve avere carattere di praticità […] non devo dimenticare che […] viene impartito a stranieri […].[32]

 

 

[…] ho tenuto conto del fatto che la Scuola è frequentata nella quasi totalità da alunni albanesi che non parlano affatto la lingua italiana e che devono essere quindi messi nella condizione di correttamente parlare e scrivere nella nostra lingua nel più breve tempo possibile. Non quindi pretese di una minuta erudizione, ma addestramento pratico […].[33]

 

 

[…] ho avuto cura di preparare un programma in cui, senza soverchiamente affaticare gli alunni, tra varie nozioni di ogni materia esposte in forma elementarissima siano inserite in modo pratico, e quindi spiegate, quelle regole di morfologia e di sintassi che sono assolutamente necessarie per rendere chiari i più semplici pensieri.[34]

 

Come strategie didattiche privilegiate emergono la conversazione, il dettato, la memorizzazione di poesie.

 

Segue l’esposizione sintetica dei contenuti dei programmi delle singole classi: è un percorso ambizioso, considerate anche le ore a disposizione, se si pensa che solo nel corso preparatorio, dove gli alunni sono completamente privi di conoscenza della nuova lingua, viene presentata tutta la Coniugazione

dei verbi, comprese le forme irregolari, e analizzata la frase sul piano logico, oltre che grammaticale.

L’acquisizione delle regole di base, sul piano ortografico, morfologico e grammaticale è condizione indispensabile per iniziare, dalla II classe in poi, un percorso di lettura e scrittura finalizzato all’arricchimento lessicale e alla conquista della capacità di comprendere facilmente, di comunicare oralmente e in forma scritta con maggiore sicurezza e proprietà.

A partire dalla IV classe, si inserisce nel programma anche la Storia della Letteratura Italiana, che viene tratteggiata dalle origini al Dopoguerra: già dal primo anno, però, vengono utilizzate letture e traduzioni dai ‘classici’, a cominciare dal notissimo Cuore, selezionandole da diverse antologie.

Sempre nel corso superiore, una parte dell’attività didattica è riservata alle «scritture di uso pratico riguardanti il commercio, le industrie, le vie di comunicazione, le invenzioni e le applicazioni», a supporto degli insegnamenti propri dell’indirizzo commerciale, che sono impartiti anche da professori italiani.[35]

 

 

 

L’‘italiano’ dei giovani albanesi di Krionero

 

A testimonianza dell’operato svolto, al termine del primo trimestre d’insegnamento - ottobre/dicembre 1931 - il coordinatore, Prof. Dott. E. Costanzo, invia alla D.I.E.S. «alcuni lavori redatti dagli alunni», secondo il seguente prospetto:

 

 

 

I A

2 d’Italiano

I B

3 d’Italiano

II A

11 d’Italiano

II B

5 d’Italiano

III A

5 d’Italiano

III B

5 d’Italiano

IV

3 d’Economia e 7 di Ragioneria

V

2 d’Economia e 9 di Ragioneria[36]

 

Questi sono accompagnati da uno «Specchietto numerico degli iscritti, dei frequentanti e dei numeri indici delle classifiche del 1° trimestre».[37]

Insieme, i documenti forniscono un quadro discretamente indicativo della Scuola e di quanto di essa attinente alla lingua italiana.

 

La quasi totalità degli alunni (202) frequenta regolarmente le lezioni (200); essi si distinguono in ‘interni’ - essendo l’Istituto anche un Convitto -, che costituiscono la maggioranza, ed ‘esterni’, provenienti prevalentemente da Valona e dai dintorni di Krionero.

Le classi sono abbastanza numerose, soprattutto nel corso inferiore: la struttura è considerata infatti «unica per la sua importanza in Albania, destinata a formare le future menti direttive di questa Nazione»,[38] cosa di cui gli stessi allievi mostrano consapevolezza: «La nostra scuola è la più buona delle scuole commerciali che si trovano nel nostro stato», dice un ragazzo della III B nel suo tema.[39]

Nella premessa agli elaborati scolastici, il Prof. Costanzo sottolinea il dislivello esistente tra le competenze raggiunte dagli studenti del corso superiore rispetto a quelli dell’inferiore: ciò sembrerebbe ovvio, poiché i primi hanno alle spalle più anni di studio - almeno quattro, se si considera che l’insegnamento dell’italiano viene introdotto stabilmente nell’a.s. 1928/29 ; a questa motivazione se ne aggiunge però un’altra: mentre gli alunni di IV e V classe «sin dall’inizio intesero studiare la nostra lingua non per la semplice mira di parlarla ma per impossessarsi della specifica preparazione tecnica professionale impartita loro da italiani», a quelli più giovani

 

Fin dal secondo corso, attraverso l’insegnamento della computisteria, a me (Costanzo) tolto, per essere impartito in albanese, è stato fatto […] comprendere che in tale lingua verranno impartiti l’Economia, il Diritto, la Ragioneria e il Banco Modello.

In tal guisa, prospettata loro la possibilità di studiare in albanese le materie in questione dei corsi superiori, curano la lingua italiana come materia d’insegnamento linguistico ed oggi i frequentanti del II corso commettono errori di morfologia.[40]

 

 

Tali considerazioni, riferite schiettamente, «tanto per la verità», dal Coordinatore, confermano l’ambiziosità degli obiettivi dell’insegnamento della lingua italiana a Krionero: una lettura rapida dei temi degli alunni, anche del I anno, mostra come questi siano in grado, dopo tre mesi scarsi di lezione, per sole quattro ore settimanali - e seguendo ancora poche materie in lingua italiana -[41] di scrivere sotto dettatura un testo, seppure con qualche comprensibilissima difficoltà ortografica.

 

Un’ultima curiosità, prima di passare all’analisi dei testi, riguarda la valutazione.

Nello «Specchietto» già menzionato, tra le «Osservazioni», compare la voce

Qualifica delle classifiche:

 

1=   ottimo

2=   buono

       3=   sufficiente

          4=   insufficiente

 

Non esistono altre classifiche; i mezzi voti sono assegnati per comodità degli insegnanti.[42]

 

 

Questa scala numerica viene utilizzata dagli insegnanti come espressione del proprio giudizio, sia riguardo ai singoli elaborati, che al rendimento complessivo di ogni alunno.

 

 

 

Veniamo più direttamente ai testi.

Sono state esaminate 28 composizioni, tutte relative alle sei classi del ciclo inferiore,[43] secondo la distribuzione seguente:

 

I A                     1 questionario e 2 dettati

I B                     2 dettati

II A                    3 componimenti su traccia assegnata, 4 riassunti e      

                           4 traduzioni/autodettati

II B                    4 componimenti su traccia assegnata

III A                   1 componimento su traccia assegnata e 3 riassunti

III B                   4 componimenti su traccia assegnata

 

Gli argomenti sviluppati nei temi sono legati all’esperienza quotidiana: La mia scuola, La mia famiglia, Lettera ad un amico; nei riassunti e nei dettati campeggiano i racconti e le favole a sfondo morale.

 

Gli insegnanti inviano la copia originale, manoscritta, con le proprie correzioni e valutazioni.

 

 

Una prima lettura, più superficiale, dei testi rivela immediatamente alcune peculiarità:

 

-       gli alunni, all’interno delle singole classi, manifestano differenti livelli di conoscenza e padronanza della lingua italiana scritta: non è possibile determinarne le ragioni, poiché non si possiedono altri dati al di fuori degli elaborati da essi prodotti;

 

-         il linguaggio utilizzato è semplice; molte composizioni seguono uno schema preciso, secondo un’impostazione presumibilmente data dall’insegnante: ciò è particolarmente evidente nei testi descrittivi, sulla famiglia e la scuola; a volte troviamo frasi fatte («La famiglia è la mia Patria del core», t. n° 10); il linguaggio è chiaramente più articolato nei riassunti, nei dettati ed anche nei due testi ad argomento scientifico («La digestione», testi\tt. n° 18 e 19), con espressioni tipiche dello stile dell’epoca («le onde si dondolavano soavemente», t. n° 22);

 

-         la punteggiatura essenziale è discretamente corretta: non bisogna dimenticare che si tratta di alunni che hanno già frequentato la scuola elementare, e quindi possiedono le strumentalità di base della lingua albanese, la quale non si discosta da quella italiana, relativamente ai segni d’interpunzione. Solo sei testi mostrano qualche indecisione, quattro dei quali (dal n° 13 al n° 16) sono la traduzione di una sorta di inno che probabilmente contiene, a tale riguardo, delle licenze poetiche. In altrettanti elaborati troviamo alcune incertezze nell’uso della lettera maiuscola, soprattutto nella trascrizione di nomi propri di località.

 

 

 

 

Venendo alle difficoltà linguistiche più ricorrenti, all’interno delle composizioni esaminate, troviamo, in ordine di incidenza, le seguenti:

 

-         problemi di concordanza, innanzi tutto tra preposizione e nome («si trova nella Crionero», t. n° 20) e viceversa («della patrio», t. n° 13), tra articolo e nome («una panorama», t. n° 20); ancora, in misura minore, tra aggettivo e sostantivo («scuola medie», t. n° 11) e tra sostantivo e voce verbale («il cibo […] si masticano », t. n° 19). E’ questo uno dei due errori più ricorrenti. Si può riscontrare in ben 23 testi;

 

-         trascrizione errata dei vocaboli. Anche questa difficoltà è individuabile in 23 elaborati: meno evidente nei dettati e nei riassunti, è invece frequente nei temi, dove l’alunno è costretto ad autodettarsi le parole, confondendo spesso i suoni (si vedano, a titolo d’esempio, i tt. n° 14, 17, 20 e 25). Un’ulteriore complicazione è creata dai digrammi, dai dittonghi e, più in generale, dai suoni difficili («cuesto», t. n° 14; «quoco», t. n° 20; «orgolio» invece di ‘orgoglio’, t. n° 14; «vine» invece di ‘viene’, t. n° 18; «inpariamo», t. n° 1; «escamò» al posto di ‘esclamò’, t. n° 23) e, non meno importante, dalla funzione dell’h nel modificare i suoni dolci c e g: spesso questa consonante viene usata in modo esattamente contrario («formicha», t. n° 18; «giandole», t. n° 19);

 

-         scarsa percezione dei suoni ‘forti’: omissione del raddoppiamento («abiamo», t. n° 3) o, al contrario, uso della consonante ‘doppia’ quando non è necessaria («esterrni», t. n° 3). Anche questo è un errore molto frequente: lo troviamo infatti in 20 elaborati, in forma più o meno accentuata;[44]

 

-          incertezza nella trascrizione dell’accento tonico, che in alcuni casi viene fatto cadere sulla sillaba sbagliata («pércio», t. n° 1); si può anche trovare accentata la ‘e’ congiunzione («si vede il mare Adriatico è la picola isola di Saseno», t. n° 4), ma è più facile che l’omonima voce verbale ausiliare presenti un suono chiuso («La mia famiglia e composta», t. n° 10). Compare in 20 testi;

 

-          imprecisione nella costruzione sintattica delle frasi, che, spesso già appesantite da problemi di tipo ortografico, risultano, anche per questo, poco chiare, a volte difficilmente comprensibili («mi terebe in labra per l’amore che aveva per me», t. n° 11; «un refetorio per mangiare gli alunni ed un altro per mangiare i profesori», t. n° 17). Emerge con evidenza in 18 componimenti;

 

-         omissione dell’apostrofo («po», t. n° 21; «un altra», t. n° 23) o, viceversa, uso dello stesso quando non necessario («un’altro», t. n° 2; «un’magnifico», t. n° 25). Interessa 7 elaborati;

 

-         trascrizione errata di nomi di località albanesi, forse a causa del tentativo di ‘italianizzarli’: ne derivano degli ‘ibridi’ («Criontero», t. n° 1; «Crionera» t. n° 3; «Sciasciza» invece di ‘Shashica’, t. n° 20). Riscontrabile in 4 testi;

 

-         uso dell’h nelle preposizioni che hanno suono identico ad alcune forme verbali dell’ausiliare ‘avere’ («vicino ha crionero», t. n° 4): questo problema è presente solo in 2 componimenti;

 

-         insicurezza nella divisione in sillabe di parole contenenti un dittongo          («lezi- one», t. n° 5). Accade solamente in due casi.

 

Segue la trascrizione degli elaborati, alcuni originali dei quali sono raccolti in Appendice:[45] in ciascuno sono stati sottolineati gli errori ed evidenziate le espressioni e le frasi inesatte, concludendo con delle brevi osservazioni sulle difficoltà maggiormente ricorrenti.[46]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TESTI PRODOTTI DAGLI ALUNNI DELL’ISTITUTO COMMERCIALE ALBANESE DI KRIONERO

a.s. 1931/1932

 

 

CLASSE I A

DOCENTE: D. ANTONIANI

 

 

 

1.      (2/12/31 - valutazione: 1)

Dettato

La nostra scuola si trova vicino a Criontero, su una collina che si chiama Shashica.

E’ lontana da Valona più di 5 Km.

Questa scuola ha cinque classi.

La prima, la seconda e la terza classe hanno ognuna 2 sezioni, la quarta e la quinta hanno una sezione sola; percio nella scuola ci sono otto aule.

Noi siamo nella classe prima, sezione A.

In questa classe ci sono trenta alunni. Abbiamo sette insegnanti: tre di questi sono Italiano e quattro sono Albanesi.

Le materie che noi inpariamo in questa classe sono: lingua albanese, lingua Italiana, matematica, storia, geografia, scienze, calligrafia e disegno.

Ilia Guma

 

Osservazioni: l’alunno ha mancato di accentare l’unica parola del testo che richiedesse tale segno ortografico; per il resto, fatta eccezione per tre parole (di cui una contenente il suono mp), il dettato è stato trascritto regolarmente.

 

 

 

2.      (9/12/31 - valutazione: 1)

Dettato

Il nostro Istituto si chiama „Istituto Commerciale„.

Esso è formato di sei edifici: uno piccolo nel quale dorme il signor Direttore, un’ altro piccolo nel quale abitano i servi, un terzo, un po’ più grande, dove si trova la biblioteca, un’aula ed un dormitorio; tre edifici sono più grandi: uno nel quale si trova la direzione, la segreteria, alcune stanze per gli insegnanti ed alcuni dormitori; uno dove si trova la cucina e dove mangiano gli alunni; uno nel quale ci sono sette aule.

Petraq Cheka

 

Osservazioni: il testo si presenta corretto: da notare soltanto l’apostrofo a seguito dell’articolo indeterminativo maschile, come errore di una certa importanza.

3.    (s.d. - valutazione: 3)

 

Esercizio Dommestico

Rispondete alla seguenti domanande.

I. Come si chiama la vostra scuola?

La vostra scuola si chiama Istituto commerciale.

II. Dove si trova la vostra scuola?

La vostra scuola si trova una collina che si chiama Shashica.

III. E molto lontana da Valona?

E cinque km. Lontana da Valono.

IV. Quante classi ha la nostra scuola?

La nostra scuola ha cinque classi.

V. In quale classe siete voi?

Noi abiamo otto insegnanti.

VI. Che insignor matematica nella vostra classi?

La matematica la insegna il signor Ceco.

VII Quanti alunii interrni e quante aluni esterrni vis sono nella vostra classi?

16 Alunni sono esterrni e dodici alunni interrni

VIII. Dove abitano gli aluni esterrni?

Gli alunni esterrni alcuni a Valona e alcuni stanzi per il vilaggio di Crionera.

Berdo A… (non leggibile)

 

Osservazioni: l’alunno rivela diverse insicurezze ortografiche: nella percezione della è voce verbale, con conseguente omissione dell’accento, nonché della differenza tra suoni ‘deboli’ e suoni ‘forti’(doppie); molte parole sono trascritte in modo erroneo, forse per scarsa comprensione del significato o semplicemente dei fonemi dettati; alcune discordanze nell’abbinamento articolo/aggettivo-nome.

 

 

 

 

 

CLASSE I B

DOCENTE: D. ANTONIANI

 

 

 

4.      (5/12/31 - valutazione: 2)

 

Dettato

La nostra scuola si trova su una collina, vicino ha crionero, lontana da Valona piu di cinque km..

Dalla nostra scuola si vede il mare Adriatico è la picola isola di Saseno.

Nella nostra scuola ci sono piu di duecento alunni, dei quali molti sono interni è alcuni sono esterni.

 

 

 

Gli alunni interni vivono nell’istituto; gli alunni esterni, invece, vengono ha scuola alla mattina e ritornano a casa quando finisce la lezione, con un picolo trama a cavalli. Nella nostra scuola ci sono cinque classi; ma la prima, la seconda e la terza hanno ognuna due sezioni; pèrcio ci sono otto aule.

Noi siamo nella classe prima, sezione B.

In questa classe noi abbiamo otto insegnanti ed impariamo nove materie.

Le materie che noi impariamo sono: Lingue albanese, lingua italiana, matematica, storia, geografia, scienze, disegno, calligrafia e ginnastica.

Satiraq Adhamidhi

 

Osservazioni: l’elaborato manifesta prevalentemente tre tipologie di errori: la scarsa percezione degli accenti tonici e dei suoni ‘forti’; la mancata distinzione tra la voce verbale degli ausiliari e le congiunzioni/preposizioni omofone; l’incertezza nella concordanza aggettivo/nome.

 

 

 

5.    (s.d. - valutazione: 2)

 

Dettato

La nostra scuola si trova su una collina, vicino a Crionero, lontana da Valona più di cinque km..

Dalla nostra scuola si vede in mare Adriatico è la picola isola di saseno.

Nella nostra scuola ci sono più di duecento alunni, dei quali molti sono interni è alcuni sono esterni.

Gli alunni interni vivono nell’istituto; gli alunni esterni, invece, vengono a scuola alla mattina e ritornano a casa quando finisce la lezi- one, con un piccolo tram a cavalli. Nella nostra scuola ci sono cinque classi; ma la prima, la seconda e la terza hanno ognuna due sezioni; pèrcio ci sono otto aule.

Noi siamo nella classe prima, sezione B.

In questa classe noi abbi- amo otto insegnanti ed ipariamo nove materie.

Le materie che noi impariamo sono: Lingua Albanese, Lingua Italiana, Matematica, storia, geografia, scienze, disegno, calligrafia e gimnastica.

Nenella Bulka

 

Osservazioni: l’esercizio mostra insicurezza nella percezione del dittongo (e nella conseguente divisione in sillabe della parola, dovendo andare a capo rigo), quindi nell’attribuzione dell’accento tonico, specialmente quando è funzionale a discriminare la è verbo dalla e congiunzione; minore è l’incertezza nella trascrizione delle consonanti doppie e dei digrammi

 

 

 

 

 

 

 

 

CLASSE II A

DOCENTE: L. ERRICO

 

 

 

6.      (2/12/31 - valutazione 1 ½)

 

Riassunto

La colomba e la formica.

Sull’orlo d’una fontana giuocava una colomba, e vide cadere vicino ad essa una formica che stava per annegare.

La colomba ne ebbe dolore e pensò di darle qualche aiuto; prese un pezzettino d’erba in bocca, e la mise con tanta maestria che la formica rampicandosi di salvò; la colomba dopo volò su un muro vicino.

In quel momento di lì passò un villanaccio scalzo e vide la colomba sul muro, allora fu tutto contento e fra se disse: - O buon boccone che ho trovato!

Tirò subito l’arco dalla spalla e stava per saettarla.

La formica quando vide in pericolo quella che aveva salvato la sua vita, con tanta rabbia li morse un tallone, che quel cacciatore per il dolore diè un urlo tale, che l’uccello volò via.

Spiro Panozaq

 

Osservazioni: il testo è piuttosto corretto, sia nella struttura che nella forma: i pochi errori sottolineati sarebbero stati commessi facilmente anche da alunni italiani; evidenziate inoltre la coniugazione inesatta di una voce verbale e una frase male impostata sul piano logico.

 

 

 

7.      (9/12/31 - valutazione: 2)

 

Riassunto

Cuoricino ben fatto

Un giorno Ida Baccini di ritorno dalla scuola mentre infilava il portone di casa sentì dietro a se un scalpiccìo discreto.

La povera bambina disse: «Signorina un po’ di carità» e mentre diceva queste parole alzò un lembo della gonelina e vide ché era scalza e ignuda.

Allora Ida Baccini sciolse la sottana di flanella,  levò le scarpe e le calze e senza perdere tempo ne vestì la povera bambina la quale resto meravigliata.

Dopo andò nella casa e racontò con poche parole il caso alla sua mamma.

Quando racontò brevemente il caso alla sua mamma questa le disse: «Hai fatto molto bene.»

Elmas Miftar

 

Osservazioni: la difficoltà emergente dal riassunto è la trascrizione delle doppie; di minore importanza l’unico caso di discordanza articolo/nome e l’omissione dell’accento sul pronome riflessivo, attribuito invece erroneamente alla congiunzione che. Nel sintetizzarere la storia, inoltre, alcuni passaggi importanti sono omessi.

8.      (9/12/31 - valutazione: 1 ½)

 

Riassunto

Cuoricino ben fatto

Un giorno, Ida Baccini, ritornando dalla scuola, mentre infilava il portone della sua casa sentì dietro di sé uno scalpiccìo discreto accompagnato da un mugolìo. Si voltò e vide una povera bambina che le disse:- Signorina, un po’ d’elemosina!- La povera ragazza mentre disse queste parole, alzò un pezzo della sua sottana stracciata e le fecce vedere ch’era senza scarpe e ignuda in mezzo di febbraio.

Ida Baccini, vedendo questa povera bambina di sua età, tremando dal freddo, ebbe pietà, alzò i panni, sciolse la sottana di flanella, levò le calze e le scarpe e in men che non si dice vestì la povera ragazza la quale restò meravigliosa senza parlare, nel vedere questa carità.

Dopo aver fatto quest’azione Ida Baccini, salì i tre piani e andò alla sua abitazione.

Quando esposse in poche parole il caso ch’era successo alla mamma, questa stringendo forte sul cuore le disse:- Hai fatto molto bene. - .

Vangjel Papa

 

Osservazioni: si nota qualche incertezza nell’uso dei tempi dei verbi e nella percezione dei suoni ‘forti’, manifesta con il raddoppiamento della consonante dove non richiesto; alcune frasi sono un po’ confuse nella loro struttura.

 

 

 

9.      (9/12/31 - valutazione: 1 ½)

 

Riasunto

Cuoricino ben fatto.

Un giorno Ida Baccini di ritorno alla scuola, mentre infilava il portona di casa, sentì dietro a sé un rumore dei piedi acompagnato con un rumore della bocca si voltò e si trovo viso a viso una bambina che aveva circa la sua età col viso violaccio dal freddo e che le disse a Ida Baccini: «Signorina un po’ di carità» e nel dire cosi alzò un pezzo della sua gonellina stracciata per farle vedere che era senza scarpe.

Allora Ida Baccini alzò la veste sciolse la sottana di flanella levò le scarpe e calze e le diede alla povera bambina che era rimasta meravigliata da quell’aiuto.

Quando espose con pocchi parole il caso alla sua mamma questa stringendossi forte sul cuore le disse:«Hai fatto molto bene.

Pando Todhe

 

Osservazioni: la difficoltà più evidente, anche in questo testo, è legata al raddoppiamento o meno delle consonanti, in relazione alla loro intensità; seguono l’omissione dell’accento tonico, la trascrizione errata di due termini ed una ripetizione all’interno di una frase.

 

10.  (16/11731 - valutazione: 3)

 

Tema: La mia famiglia

Svolgimento

La mia famiglia e composta di to tanti personi, i quali prendono il nume di dicianove, coè formano un gruppo, mangiano e lavorano insieme.

Ho due zii, i quali sono grandi e vecchi, hanno figli e figli. Uno di essi è il capo della famiglia.

Il mio padre è morto e adesso ho la mamma, due fratelli e due sorelle che sono più piccoli da me.

Uno dei mie fratelli, il più grande va a scuola elementare di vilaggio e l’altro che è piccolo sta a casa.

La mamma lavora nella casa coè il mangiere, scoppa e tutte le altre cose che ha la casa.

Le mie sorelle aiutano la mamma nelle sue lavore domestiche.

La famiglia è la mia Patria del core, coè ho un grande amore per esse e solamente per la mamma.

Ismet Shuaipi

 

Osservazioni: l’alunno, nella produzione autonoma, mostra una difficoltà evidente nello scrivere correttamente diverse parole, che presentano lettere e sillabe mancanti o altrettante non adeguate; incertezza anche nella attribuzione del genere ad alcuni nomi e nel raddoppiamento delle consonanti, quando necessario. Appropriato è invece l’uso della punteggiatura.

 

 

 

11.  (16/11/31 - valutazione: 2 ½)

 

La mia famiglia

Svolgimento

La mia famiglia e la parte del mio cuore.

A cappo della mia famiglia sta il padre. La madre per grande sfortuna e morta queste estate, e io sono in lutto grande, perché se lei fosse stata viva, mi terebe in labra per l’amore che aveva per me.

I fratelli io impiegati allo stato che prendono al mese tutti due venti napolioni.

Le mie sorelle frequentano le scuole: una di esse e nella scuola magistrale di Elbasan. L’altra nella scuola medie di Tirana.

Il mio Zio e commerciante a Fieri

Vasil Kilica

 

Osservazioni: nel componimento si evidenziano l’omissione costante dell’accento sulla è voce verbale e del raddoppiamento di consonante, quindi la mancata concordanza aggettivo-nome; ci sono alcune espressioni ed alcune frasi costruite in modo poco convenzionale. Qualche incertezza nella punteggiatura.

 

 

12.  (16/11/31 - valutazione: 1 ½)

Tema.

La mia famiglia.

Svolgimento

La mia cara famiglia è composta dal babbo, dallo zio, dalla zia e dai cugini. Nella famiglia non ho nominato la madre. Ah, la madre, povera madre. Essa che mi è stata sempre la persona più cara in tutta la famiglia, ma da una malattia ha dovuto abbandonarmi.

Il dolore era insoportabile, ma l’uomo deve sopportare le disgrazie come anche le altre cose.

Gioie più pure di quelle della famiglia non si possono trovare, è ciascuno gli sente all’allontanamento.

Siccome il mio padre è impiegato a Santa, ora è a capo della famiglia lo zio.

L’affetto mio verso la famiglia  è immagoinabile, perché pensando il bene ch’essi fanno per me, anch’io desidero quando sarò grande di essere utile ad essa.

L’affetto della mamma verso i propri figli ed immaginabile ed appunto la chiamano Angelo della famiglia

Ruscit Mucio

 

Osservazioni: il tema mostra una certa confusione nell’uso dell’ausiliare essere che viene confuso con le congiunzioni  e, ed; problemi anche nella scelta delle preposizioni e nella costruzione logica di alcune frasi.

 

 

 

13.  (30/12/31 - valutazione: 3)

Traduzione

Autodettato

Il Pane.

Amate il pane

Cuore della casa

Profumo della mensa

Gioia dei focolari

Custodite il pane

Sudore della fronte,

Orgoglio dell lavore

Poema dell sacrifizio

Rispettate il pane

Gloria del campo

Fiore della terra

Festa della vita

Risparmiate il pane

Ricchezza della patrio

E il piu fragrande dono di Dio

Il compenso più santo

All’uomina fatica

B. Mussolini

Faco Mezini

 

 

Osservazioni: forse si tratta di un brano mandato a memoria e poi autotrascritto, altrimenti, se fosse una semplice traduzione, non si spiegherebbero la mancanza dei segni di punteggiatura e l’omissione degli accenti. Qualche incertezza nella concordanza preposizione-nome e nella determinazione del genere dei nomi.

 

 

 

14.  (30/12/31 - valutazione: 4)

 

Traduzione

Autodettato

Il pane.

 

Armate il pane

Cuore della cassa,

odere della monte,

gioia dei focollori.

         ______

Cuesto dite il pane

Sudoire dello fronte

Orgoolio dell llavo

Poemo dell’sacrificio

         ______

Rispetate il pane

Glloria dell’campo,

 fiore della tere

festa della vita

         _______

Risparmiate il pane

Ricchezza della patria

Il piu frangrato

Dono di dio

Il compenso piu santo

All’una fatica

B Mussolini

(non leggibile)

 

Osservazioni: (vedi t. n° 13); il testo rivela difficoltà linguistiche notevoli: oltre alle ‘classiche’, già notate nei lavori precedenti (accenti, raddoppiamento di consonanti, concordanza preposizione-nome), evidenti sono le ‘storpiature’ di parole - spesso anche interrotte - che rendono molte di esse quasi incomprensibili. La punteggiatura è assolutamente casuale.

 

 

 

 

 

15.  (30/12/31 - valutazione: 2)

Traduzione

Autodettato

Il pane.

 

Amate il pane

Quore della casa

Profumo della mensa

Gioia dei focolari.

Custodite il pane

Sudore della fronte

Orgoglio del lavoro

Poema del sacrifizio.

Rispettate il pane

Gloria del campo

Fiore della terra

Festa della vita

Risparmiate il pane

Ricchezza della patrio

Il più fragrante

Dono di Dio

Il copenso più santo

All’umana fatica.

B. Mussolini

Martico Gica

 

Osservazioni: (vedi t. n° 13); il testo è discretamente corretto nella forma, ad eccezione di un errore nel genere di un nome e nella trascrizione di due digrammi, qu e mp.

 

 

 

16.  (s.d. - valutazione: 1)

Traduzione

Autodettato

Il pane.

Amate il pane

cuore della casa

profumo della mensa

Gioia dei focolari.

Custodite il pane

Sudore della fronte

Orgoglio del lavoro

Poema del sacrifizio

Respettate il pane

Gloria del campo

fiore della terra

festa della vita

Risparmiate il pane

Ricchezza della Patria

 

Il più fragrante

dono di Dio

Il compenso più santo

All’umana fatica.

Benito Mussolini

Polikron Tako

 

Osservazioni: il componimento risulta corretto, tranne per una trascurabile imprecisione e per la distribuzione dei punti al termine di ogni strofa.

 

 

 

 

CLASSE II B

DOCENTE: G. TOMMASI

 

 

 

17.  (14/11/31 - valutazione: 2 ½)

 

Tema          

La mia Scuola

La mia scuola si trova su una collina, 5 chilometri lontano della città Valona, sopra la nostra scuola c’è un monte che si chiama sciasiza, sotto c’è il mare Adriatico.

La mia scuola è una scuola commerciale, la quale e formata da cinque classi che sono: la prima, la segonta, la terza, la quarta e la quinta, ma la prima, la segonta e la terza sono divise in due. E cosi sono la prima “A„ la prima “B„, la segonta “A„ , la segonta “B„ la terza “A„ e la terza “B„

In questa scuola sono cinque stanze per dormire, la direttoria la secretaria ed un refetorio per mangjare gli alunni ed un altro per mangjare i profesori.

Nella mia scuola sono circa 187 alunin e 12 profesori.

Io sono nella classe segonta  “B„.

Le mateie che noi impariamo nella segonta sono: Albanese, Italiano, la corrispondenza, la mattematica, la stenografia, la calligrafia, la computisteria, la contabilita, la scienza, la Geografia, la storia, ed il disegno.

La mia scuola ha una clima salutissima.

Iorgji  … (non leggibile)

 

Osservazioni: l’alunno ha qualche difficoltà nella discriminazione tra alcuni suoni di medesima formazione (c/g e d/t), tra suoni deboli e forti, tra vocali toniche e non; delle parole sono trascritte erroneamente, o confuse nel genere; due frasi emergono per lo stravolgimento del loro senso logico.

 

 

 

 

 

18.  (5/12/31 - valutazione: 1 ½)

Tema: la digestione.

Presa del cibo._ Gli uomini e le scimie prendono il cibo con le mani e lo mettono in bocca. Gli animali carnivori con i denti (cane, gatto), gli erbivori con la labbra (capra), l’elefante con la proboscide, gli uccelli col becco e la formicha con la lingua.

Esame del cibo._ L’uomo quando mangia, prima vede il cibo da tutte le parti e poi lo mette in bocca. Lo vede con gli occhi; il naso sente l’odore la lingua sente il freddo ed il caldo, l’amaro e il salato del cibo.

Occhi, naso, lingua, labra, bocca e denti sono servizi di stomaco e sono sempre pronti.

Masticazione del cibo._ Il cibo prima lo mettiamo in bocca dove vine masticato dai denti e insalivato dalla saliva, e poi va facilmente nello stomaco dove si incontra col succho gastrico poi negl intestini dove si individua in due parti: una liquida che è necessaria e viene assorbita dal sangue e una solida che non è necessaria e viene espulsa.

 

 (non leggibile)

 

Osservazioni: il testo contiene incertezze soprattutto nella percezione dei suoni ‘forti’ e della c ‘dura’; difficoltà anche nella costruzione di alcune frasi.

 

 

 

19.  (5/12/31 - valutazione: 2 ½)

 

Tema

La Digestione.

Tutti gli esseri viventi hanno bisogno per nutrirsi.

La nutrizione, la digestione e la circolazione sono organi più usati del corpo. P. ess.

Noi lo mettiamo il cibo nella bocca, si masticano per mezzo dei denti, e salivano con le giandole salivari e prende il nome bolo alimentare; attraverso nelle faringe vanno nell’esofago negli intestini e poi nello stomaco.

Ormai si trasformano come un coltiglia grigiastra e prende il nome detto chimo.

Il cibo nello stomaco si divide in due parti, una parte liquido ch’è utile come il latte e prende il nome detto chilo, e un parte solida ch’è inutile viene espulsa attraverso dei intestini grossi.

Le parte utile va nei polmoni, qua assorba l’aria pura e per mezzo nelle vene va nel cuore e prende il nome sangue.

Il cuore attraverso del arterie distribuisce in tte le parte del corpo.

Durgut Shinga

 

Osservazioni: l’alunno nel componimento rivela incertezza nella scelta delle preposizioni e nella concordanza articolo/aggettivo-nome; alcune frasi sono scarsamente comprensibili, perché mancanti di parti essenziali e contenenti parole interrotte o modificate.

 

 

20.  (14/11/31 - valutazione: 3 ½)

Tema

La mia scuola

La mia scuola sitrova nella Crionero, e sitrova (3) tre chilometri lontano da Valona. Questa Scuola è una panorama bellisimo.

Sitrova ha i piedi del monte Sciasciza

 Nell questa scuola sono 175 centosetanta cinque alluni dele qualli 126 sono interni è 44 coranta cinque sono esterni

Sono anche 11 undici proffesori e il direttore 5 cinque soni italiani e 6 sei soni Albanesi.

Sono è 8 servi e anche il quoco.

Nel questa scuola soni 5 clase la prima, seconta, terza, quarta, e quinta.

La prima si devide in due parti: la I A e I B la seconta si devide in 2 parti. II A è II B è la terzia si de vive in 2 parti III A è III B.

Io frequento la Scuola comerciale Albanese e sono nella classe II B seconta bi.

 (non leggibile)

 

Osservazioni: il testo rivela una serie di difficoltà linguistiche: oltre alle più comuni (raddoppiamento di consonanti, concordanza preposizione/voce verbale-nome, accenti), evidenti sono le ‘storpiature’ di parole, dovute anche alla presenza di digrammi o suoni simili (d/t, qu), che rendono molte di esse quasi incomprensibili, fuori dal contesto.

 

 

 

 

CLASSE III A

DOCENTE: G. TOMMASI

 

 

 

21.  (18/11/31 - valutazione: 2)

Componimento

Il Tema: La nostra scuola.

La mia scuola, dove io studio è la scuola Commerciale, la quale ha un bel panorama, e Adriatico ed al falde del monte “Shashica„.

La scuola è formata dalle cinque classe, alle quale studiano circa 190 allievi, dei quali 50 sono esterni e gli altri interni; ma speriamo che si aumenterano anche due classe ancora, cioè: VI e VII, e cosi saremo felici perché sarà una scuola completa come tutte le altre.

Gli edifici della scuola son ben formati ed in ordine, e lontano hanno un pittoresca panorama; uno dei quali è la salla delle classe in quale si trova la mia classa, dove i miei compagni ed io studi- amo diversi lezioni che sono: Matematica, Computisteria, Ragioneria, la Lingua Italiana, Storia Commerciale, Fisica, Chimia ecc.

Nei primi anni la scuola è stata un po’ delicata in ogni rispetto, e specialmente i lezioni non erano complessa, ma adesso è forzata coi Professori inteligenti e lavoratori e cosi i lezioni sono arriovati in un buon grado, che si studiano dagli allievi con una grande volontà.

Come tutte le scuole che hanno diverse indirizzi, così anche la mia scuola ha professione del commercio.

La nostra scuola è molto importante, perché per mezzo di noi, il commercio, che è un po indietro, si svilupperà; e cosi sarà un buon avvenire per noi.

Ecco! La mia scuola, in che ho passato due anni ed ancora passerò più o meno un lungo tempo, in quale studierò con molta volontà.

Negiat Hahi

 

Osservazioni: l’alunno ha difficoltà nel collegare le proposizioni all’interno del testo, soprattutto quelle subordinate, la cui comprensione è aggravata da forti problemi di scelta e concordanza articolo/preposizione-nome; incertezze anche nella percezione dei suoni ‘forti’ e dell’accento tonico.

 

 

 

22.  (21/12/31 - valutazione: 1 ½)

 

Tema:

Perseverando arrivi

Alcuni anni prima, nel mio paese abitava un uomo molto povero. Aveva cinque figli ed la sua moglie.

Lavoro non trovava e cosi alcune volte, lui con la sua famiglia non avevano da mangiare. Lui diceva spesso: “Perseverando arrivi„ E infatti un giorno venne nel paese un straniero ricco, un Francese. Pietro, il nome del contadino, sapeva la lingua Francese, perché alcuni anni prima era stato in Francia. Il straniero stette nel paese alcuni giorni e diede al contadino molti denari per mantenere la famiglia.

Adesso cominciò per Pietro e sua famiglia una nuova vita. Sentendo dal popolo che in America c’era lavoro con i denari che gli aveva datto il Francese partì lasciando cosi la famiglia sola. Andò subito al porto dove si trovava la nave e partì. Era inverno. La pioggia cadeva terribilmente sulla terra ed il vento mandava la nave in diverse direzioni.

La nave attraversò il mare Mediterraneo. Entrò nel Oceano Altlantico. Il vento sussurava di più.

La nave si trovava in disgrazia perché questa volta venne davanti un pezzo di gello quanto una montagna. Il secondo capitano ordinò il primo di rivolgere la nave da sinistra: ma il capitano rispose: “La mia nave e forte tanto che non si rompe dal gello.„

Appena finito le parole  il gello rompo la nave.

Il nostro caro Pietro si trovava in pericolo.

Pensava sempre i suoi figli e la sua moglie Teresa.

Trovò un pezzo di legno, sali sopra e per due giorni il mare lo buttò in una piccola isola innabitata.

Stando nella riva del mare tristo e melanconico vide sopra a una montagna fumo. Andò subito a vedere che uomini abitavano e infatti trovò una compagnia di carbonai.

 

 

 

Stette lì due giorni finché passò una nave italiana. Gl’Italiani della nave sapevano la lingua Francese e parlarono con Pietro il quale raccontò il fatto per filo e per segno.

Allora gl’Italiani lo pressero nella nave senza denari. Ecco dove si mostra la generosità degli Italiani.

Pietro sempre pensava la sua famiglia perche aveva tanto tempo separato. La nave comincio la sua strada tranquilla. Non si vedeva altro che mare e cielo. Era una bella giornata e il sole splendeva, e molto lontano vicino a una isola si vedeva una piccola nave come un pezzo d oro buttato nel mare. Il sole tramontò.

La nave adesso arrivò vicino alla isola. Il capitano fermò la nave e tutti uscirono fuori.

Stettero nella riva mangiando carne e bevendo vino della bassa Italia. Si aggiornò. Entrarono tutti nella nave e cominciarono il viaggio.

Pietro stava in un angolo della nave triste e piangendo.

Che cosa aveva? Senz’altro pensava per la sua famiglia perché la aveva lasciata i un modo cosi cattivo. Lui sempre diceva: “Perseverando arrivi„.

Per tre ore arrivarono in America. Pietro subito andò in una fabbrica perché sapeva fabbro ferraio e con cinque anni che stette, guadagnò una grande somma di denari. Ricordava sempre la sua famiglia e il suo paese.

Ricordava le sue campagne dove si lavorava con la sua moglie e i figli. E specialmente ricordava quell’acqua fresca e spesso diceva: “Non posso stare qui devo andare al paese.„ Andò subito al porto di Washington con scopo di andare al paese. Adesso il tempo è bello, il sole splende l’acqua del mare, e le onde si dondolavano soavemente. Sperava che da poco tempo arrivasse nel paese.

Era lunedì quando la nave arrivò. Subito andò nel paese dove trovò fuori dalla sua casa nativa il suo piccolo Giuseppe. Si abbaciarono e si bracciarono per lungo tempo. Il figlio maggiore adesso ha finito una scuola commerciale superiore e dà lezioni a una scuola commerciale.

Così il povero uomo che prima non aveva il pane quotidiano adesso non lavora, non si fattica come prima ma passa una vita tranquilla e quieta.

Così anche noi dobbiamo avere volontà di poter arrivare in un grado di sapienza e riccezza.

Aleks Baci

 

Osservazioni: è un testo molto ampio, specie se confrontato con quelli dei coetanei e, in generale, degli altri alunni, che si svolge in modo consequenziale, in uno stile tipico delle letture scolastiche dell’epoca e riassume in sé le principali problematiche linguistiche emerse dall’esame dei ventotto elaborati: omissione di accento ed apostrofo, dell’h in unione con la vocale dolce nella formazione del suono che, confusione nel riconoscimento dei suoni ‘forti’, difficoltà nell’accordare preposizioni-nomi, incertezza nell’uso di alcune espressioni e nella strutturazione di frasi.

 

 

 

 

 

 

 

23.  (7/11/31 - valutazione: 2 ½)

Lavoro domestico

Tema:

La parte del leone

In prosa

Svolgimento

 Si racconta che una volta le tre amiche strette, la pecora, la mucca, la capra; fecero compagnia con il signorotto del loro paese “leone„ a questo patto: che se si capita qualche danno o guadagno, avevano stabilito di dividerlo insieme.

Un giorno avvenne che nella fossa della capretta andasse un cervo.

La capretta per mantenere la parola giurata ai suoi compagni andò in fretta a trovarli. Nel momento che giunse il leone escamò: «Che fortuna!…. adesso lo divideremmo in quattro parti» e rapidamente con le unghione stracciò la bestia sfortunata in quattro parti.

Dopo prende la prima per il diritto ch’era Messer Leone; e poi aggiunse: «Un altra parte spetta a me, perché sono il più forte da voi altri ed il terzo la prendo perché sono il leone ed il quarto se non me la cedete qualcheduno di voi la pagherà caro

Dalla questa poesia potei trarre questo senso che: davanti alla forza  l’intilligenza o la ragione non ha una valuta.

Dunque, anche noi non dobbiamo contrastare a coloro che hanno forza e non ragionano.

Hulusi Bakiri

 

Osservazioni: nel tema si evidenzia una certa difficoltà nella costruzione di alcune frasi, unita alla scelta di vocaboli non adeguati al contesto; a ciò si aggiungono alcune incertezze nella concordanza aggettivo/preposizione-nome, una sola omissione dell’apostrofo e la trascrizione errata di due parole.

 

 

 

24.   (7/12/31 - valutazione: 2 ½)

Lavoro domestico

Tema: La parte del leone «in prosa»

Svolgimento

Si racconta che una volta le tre amiche strette, la pecora, la mucca, la capra, fecero compagnia con il signorotto del loro paese, “leone„ a questo patto: che se si capita qualche danno o guadagno, avevano stabilito di dividerlo insieme.

Un giorno avvenne che nella fossa della capretta andasse un cervo.

La capretta per mantenere la parola giurata ai suoi compagni andò in fretta a trovarli. Nel momento che giunse il leone escamò: «Che fortuna!…. adesso lo divideremmo in quattro parti» e rapidamente con le unghione stracciò la bestia sfortunata in quattro parti.

Dopo prende la prima per il diritto ch’era Messer Leone; e poi aggiunse: «Un altra parte spetta a me, perché sono il più forte da voi altri ed il terza la prendo perché sono il leone ed il quarto se non me la cedete lo pagherete cara.»

Da questa poesia potei trarre questo senso che.

Davanti alla forza e l’intilligenza o la ragione non ha una valuta.

Dunque, anche noi non dobbiamo contrastare a coloro che hanno forza e ragionano.

Lefter Papa

 

Osservazioni: il testo è identico al precedente, tranne nella conclusione, dove si osserva un accentuarsi dei problemi di strutturazione delle frasi.

 

 

 

 

CLASSE III B

DOCENTE: G. TOMMASI

 

 

 

25.  (s.d. - valutazione: 2 ½)

Componimento

Tema: La mia scuola

Svolgimento

La Scuola Commerciale, dove ci troviamo, si è costruita a piè del monte di Shashica durante dieci anni prima. Esiste un’ magnifico panorama. Il mare, Lasseno, …(non leggibile) e la citta di Valona gli dano una vista, cosi bella. Il cimitero dei austriaci, sopra le rocce, le piante e due ruscelletti che la circondano dano un’armonia e specialmente alla primavera quando le greggie pascolano lungo il monte e quando gli usignoli con le loro melodie e quando le rondine gridano ogni giorno.

Rispetto al luogo, dunque, però la nostra scuola dieci anni fa, fu stato un ospedale dell’esercito Italiano.

Essendo che dopo la guerra mondiale l’Italia lasciò la citta di Valona, tutti i locali restarono vuoti.

Siccome che il nostro stato, Albania, in quei tempi era proclamato un stato indipentente voleva aumentare la civiltà per mezzo delle scuole.

Così avendo bisogno per una Scuola commerciale la stabili presso a Valona, nel … (non leggibile) (Crio nero) con inisiativa del Sig. Dott. Prof. Leonida Naci, il quale fu il primo direttore.

Fra questo periodo (1920-1931) erano stati molti direttori, ma il più notevole è il Sig. Pheladin Mushi, il quale due anni che stava cominciò a progredirla abbastanza, come nelle lezione cosi nelle altre maniere. Una altra cosa che ha fatto il sullodato, è la conoscienza del questo istituto dalla Scuola Superiore di Bari.

Il luogo, la natura e la clima lo fanno l’alunno di studiare.

Le lezioni si seguono in regola. I professori sono tanto che si vogluno. Siamo 150 studenti e sono cinque classe.

Pero, avendo tutte queste qualità la nostra scuola da i frutti più belli.

Quando vengono gli esteri per visitarla la scuola restano contenti, tanto che dopo alcuni giorni, qualche volta, si vedono nei giornali gli articoli che lo lodano e lo crescono il Titolo dell’Istituto Commerciale.

Siccome che noi, Albanesi, siamo nuovi alla civiltà non sapevamo l’importanza che ha una tale scuola ma adesso avendo il bisogno per commercio, e volendo il popolo di progredirla li mandano i loro figli per imparare il commercio.

Harilla Cume

 

Osservazioni: la difficoltà maggiormente evidente nel componimento è la presenza di espressioni o di intere frasi sintatticamente e logicamente non adeguate, legate anche a problemi di concordanza pronome/ articolo/preposizione-nome e di percezione esatta dei suoni corrispondenti alle lettere e sillabe presenti nella parole - in vari casi modificate nella loro morfologia. Incertezze anche nella distribuzione degli accenti e degli apostrofi.

 

 

 

26.  (s.d. - valutazione: 2)

 

Componimento

in classe

Tema: La mia scuola

Svolgimento

Ho già due mesi che sono venuto qui ala nostra scuola per continuare i miei studi. In quest’anno faccio il terzo corso. Le lezioni sono difficili ma io con la mia potenza darò tutta la volontà per continuare le lezioni e per essere insieme coi mie compagni.

La nostra scuola è la più buona delle scuole commerciali che si trovano nel nostro stato.

E’ costruita nel piè del monte Scuscica, sul’una collina vicino al mare Adriatico. Un po lontano sulla riva del mare si vide il porto di Valona. Dal’ (a capo) altra parte si alungo il monte … (non leggibile) in mezzo si vide la isola di Laseno.

Intorno ala scuola sono molti alberi che fanno il clima buona e dano il panorama buona della nostra scuola.

La nostra scuola è formata da cinque classi ma la prima, seconda e la terza sono divise in due A e B.

Nella nostro scuola insegnano solamente due lingue. La lingua Albanese e la lingua Italiana.

Non solo il panorama e bella ma anche gli costruzioni sono ben reguleti anche da dentro, come le stanze da dormire cosi anche la mangiaria dove facciamo anche lo studio.

La nostra scuola preparando sempre in un tempo sara la piu buona del nostro stato.

Petro Condi

 

Osservazioni: il componimento presenta, come difficoltà più evidenti,  l’omissione degli accenti, delle ‘doppie’ ed un unico caso di mancata elisione, nonché discordanza tra preposizione/aggettivo-nome; alcune voci verbali sono scelte o scritte in modo errato e non si adeguano al testo, così come qualche attributo o espressione.

 

 

 

 

 

27.  (10/12/31 - valutazione: 2)

Componimento

Tema:

Chiedete ad un vostro amico un libro

Svolgimento

Caro Amico

Sto bene spero anche per te che stia cosi bene.

L’ultima volta che fu in casa tua mi facesti leggere alcuni brani delle letture Italiane come “La Divina Comediami piace tanto, che sono molto invogliato di legger tutto quel bel libro.

Me lo prestoresti per qualche settimana?

Se non ti incresce di contentarmi certo che io terrò conto di quel volume, più che se fosse mio proprio; e se fra i libri miei ve ne è qualcuno che tu voglia leggere, disponi pure, che ti renderà il contracambio col massimo piacere.

Il tuo amico

Lubhi Jahja

 

Osservazioni: il testo mostra lievi incertezze ortografiche, tra le più comuni sinora incontrate ed una certa confusione nella scelta e trascrizione di alcune voci verbali.

 

 

 

28.  (10/12/31 - valutazione: 3 ½)

Compito

Tema:

Chiedete a un vostro amico un libro

Svolgimento

Caro compagno

Xhelal Glina

Prima domandò per la sua salute come anche io sto bene.

Molto tempo e passato e non ho ricevuto nessuna lettera da te.

Sono due mesi e per questo sono molto disperato non solo io ma anche i miei genitori i quali ti considerano come un figlio.

Io penso se hai alcuna, malatia ma nel 2(due) dicembre ho preso una letera da nostro compagno, Llazuri, il quale mi ha deto che se bene e cosi io sono molto cotento.

Io adesso ho cominciato i miei studi nella scuola commerciale di Valona nella classe III; per la quale mi manga un libro col nome “Hija e Malevetper la quale ti prego molto di mandarmi quello libro, il quale mi serve molto perché si può considerare una delle più belle novelle che si trovano nel nostro stato (Albania).

Quello libro che io dico si trova na casa e ditirce di Ibrahim Shyti.

Altro non ho che di scrivere e cosi Vi porgo i miei distinti saluti.

Il tuo caro compagno

Leonioha Bellami

 

Osservazioni: la lettera rivela incertezza nell’attribuzione degli accenti, mancato raddoppiamento di consonanti, problemi nella trascrizione di alcune parole e nell’organizzazione di varie frasi dal punto di vista sintattico.

A conclusione di questa analisi, può essere interessante affiancare agli scritti degli alunni di Krionero due lettere successive, stilate nel luglio del ’37 da Vasil Aleksi Georgio, studente albanese dei corsi serali della S.N. “Dante Alighieri”.[47]

Pur essendo più grande d’età - ha venti anni - ed avendo alle spalle un differente percorso di apprendimento della lingua italiana, le sue composizioni presentano molte affinità con quelle dei ragazzi della Scuola Commerciale: difatti nei due testi si riconoscono facilmente le  principali difficoltà linguistiche registrate nella precedente analisi.

 

 

Durazzo li 31 Luglio 1937

 

Illustrissimo Sign. Presidente.

Prego la vostra eccellenza, per grazia di Dio d’accettare a prenderla in considerazione la mia domanda come segue:

Al giorno 6 marzo 1937, mandai una domanda alla vostra eccellenza, a mezzo della presidenza delle Scuole Dante Alighieri d’Albania; dove avevo dichiarato la mia grande volonta, di seguire le lezzioni, in una delle Scuole d’aeronautica Italiana per la quale ho un indimenticabile idea.

Nella prima domanda erano indicato tutte le mie generrazioni e la disciplina del nostro proffessore di scuola Dante.

Sono nato nel anno 1917, ed non avendo i mezzi non potei finir la Scuola meddia, ma ho seguito i studi senza mai fermarsi ed ora mi sento sicuro l’abilità, più che di averla finita, ed son pronto (non leggibile) ogni prova. Ho frequentato dal cominciamento per anni intieri i corsi serali di Scuola Dante Alighieri, dove imparai la santa lingua Italiana in questo modo, e a mezzo dei studi conosco bene anche la lingua Inglese.

Sappendo la vostra gentilissima persona, vi prego come il vostro fedelissimo allievo, d’avere la  bonta a fare l’operazioni che occorrerano, di darmi un posto nelle sudette Scuole; per ciò non manchero mai d’esser sempre sotto il vostro altissimo Tricollore e di dare in ogni momento la vita.

Addolorati ringraziamenti

Il vostro devottissimo allievo di Scuola Dante Aligheri

Georgio Vasil Aleksi

 

 

 

 

 

 

Durazzo li 31 Luglio 1937

Sua Brillantissima Eccellenza

Duce Mussolini

Roma

 

Come un pover giovinoto Albanese che sono, vi prego per grazia di Dio d’accettare a prendere in considerazione la mia domanda come segue:

Essendo che ho frequentato i corsi serali di Scuola Dante Alighieri durante cinque anni, dove ho imparato la santa lingua Italiana, ora prego la vostra splendore Eccellenza, d’avere la bontà di darmi un posto in una delle Scuole d’Aeronautica Italiana, per la quale ho avuto l’idea da anni fa di essere nella vostra vastissima campa aerea fino sarò vivo ed non manchero in ogni momento di dare la vita per la difesa del altissimo Tricollore Italiano.

Perciò ho mandato al gorno 6 marzo 1937, una domanda, a mezzo della Presidenza delle Scuole Dante Alighieri d’Albania, per la presidenza Generale della Società Nazionale Dante Alighieri Roma; dove nel quale erano indicato tutte le mie pure generazioni dal proffessore di Scuola Dante.

Son nato a Berati nell anno 1917, e non avendo mezzi non potei finir la Scuola meddia, ma invece ho seguito i Studi senza fermarsi mai, e mi sento sicuro l’abilità piu che di averla finita ed perciò son pronto a dare ogni prova, e a mezzo dei studi conosco bene anche la lingua Inglese.

Sappendo la gentilissima vostra persona che non ha manchato mai d’aiutare i giovani poveri rimango in speranza che la mia domanda si prenderà in considerazione di darmi un posto nelle sudette Scuole oppure nell Accademia Marina di Livorno per la quale ho un gran pazienza. abbiate pietà di salvarmi.

Il Vostro Giovinoto fedelissimo

Georgio Vasil Aleksi

 

Osservazioni: emerge, nei due testi, la confusione nella percezione dei suoni ‘forti’, unita all’omissione dell’accento tonico; seguono incertezze nelle concordanze genere-numero, nella scelta di congiunzioni e preposizioni, l’uso improprio dell’h nella sillaba ca, e varie espressioni e frasi sintatticamente e logicamente non corrette.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CONCLUSIONI

 

 

 

Prospettive di ricerca

 

Il percorso sviluppato finora ha, abbracciato, come si è visto, diversi ambiti, muovendosi tra indagini storiografiche, problematiche sociali, esperienze pedagogico-didattiche: tutti facenti riferimento alle ‘scritture bambine’, denominatore comune e unificante. Al suo interno, un duplice contesto, l’Albania e l’Italia, un soggetto, i giovani albanesi, due codici comunicativi a confronto, la lingua albanese e quella italiana.

 

La vastità delle tematiche coinvolte non ha sempre consentito una trattazione esaustiva: pertanto il presente documento può rappresentare un punto di partenza significativo per ulteriori piste di approfondimento.

 

 

Già in altri luoghi si è detto come l’interesse per la realtà albanese si stia sviluppando solo da pochi anni, da quando cioè, con la caduta del regime comunista di Enver Hoxha, essa si è rivelata tragicamente agli occhi del mondo esterno, con la sua povertà, il suo travaglio politico ed economico, la sua fragilità di popolo allo sbando, alla ricerca di punti di riferimento, che in mezzo allo sfacelo - e a dispetto di secoli di dominazione - mantiene comunque salda la propria identità linguistica; da quando ancora la fuga disperata verso un futuro più accettabile, ha sollevato, in Italia soprattutto, il problema di una convivenza reclamata dagli uni - in nome di una fratellanza ‘geografica’, di antichi legami storici, di responsabilità politiche più o meno recenti -, sentita come imposta dagli altri, una volta superato il primo momento di pietismo; non sempre vissuta, da ambo le parti, secondo i canoni del vivere umano e civile.

 

Un nuovo centro di interesse potrebbe pertanto svilupparsi intorno alle vicende della migrazione albanese, in primo luogo attraverso l’analisi di ciò che  è stato già scritto e che si sta ancora scrivendo, per focalizzare motivazioni, ragioni e responsabilità.

 

Ed è così che ci imbarchiamo su navi arrugginite come topi alla ricerca dei sacchi di granaglie nascoste nella stiva.

Accade anche di annegare come topi senza nemmeno incontrarla nel reale l’italia dei nostri sogni e a buttarci a mare sono in genere delinquenti anche se albanesi che han perso anche l’ultimo barlume di ritegno. […]

Così se qualcuno dice che siam topi di fogna ed anche jene noi potremo sempre rispondere che l’aquila della nostra bandiera brillava sull’elmo di un eroe che fu anche grande statista e diplomatico (si riferisce a Skanderbeg); dunque quel che siamo lo dobbiamo a chi fece da padrone nella nostra terra occupandoci ed abbandonandoci a noi stessi sempre più affamati.[48]

 

 

Un contributo, insomma, perché non venga ‘spenta la luce’ su un problema ancora fortemente attuale.

 

 

Una diversa lettura della realtà albanese, con particolare attenzione al fenomeno migratorio che la riguarda potrebbe emergere, in secondo luogo, dall’approfondimento del tema attraverso l’esame della filmografia esistente sull’argomento.

 

Nel corso della presente indagine si è fatto esplicito riferimento al film Lamerica, realizzato nel 1994 dal regista Gianni Amelio;[49] di esso vengono sottolineati particolarmente gli aspetti legati alla problematica linguistica.

Il film offre però ampi spunti sulla realtà dell’emigrazione che viene rivissuta in modo fortemente realistico attraverso la vicenda «di un giovane uomo d’affari italiano, che fa il suo ingresso in una situazione potenzialmente lucrativa, per poi ritrovarsi sulla strada, a fianco delle migliaia di profughi».[50]

 

Un altro film che tocca, seppure marginalmente ed in modo episodico la problematicità dell’esodo albanese, è Lo sguardo di Ulisse, del regista Theo Angelopoulos:[51] un ampio e drammatico viaggio nella tragedia del conflitto jugoslavo.

 

Si ha notizia di almeno altre due produzioni cinematografiche che chiamano in causa l’Albania:

 

-        un film-dossier edito da “L’Espresso” il 29/5/97 e intitolato L’Albania dal Duce a Prodi;  esso ripercorre la storia del Paese a partire dagli anni ’30 fino al marzo ’97, nelle sue tappe fondamentali (conquista fascista, regime di Hoxha, crisi politico-economica e conseguente fuga di massa), attraverso filmati d’epoca dell’Istituto Luce, sequenze di immagini televisive, documentari, unici nel loro genere, girati nel 1979, in piena dittatura comunista;[52]

 

-        il film-tv in quattro parti Quando la scuola cambia, girato nel ’78 dal regista Vittorio De Seta. Il secondo episodio, trasmesso dalle reti Rai il 17 aprile 1979 e intitolato Tutti i cittadini sono uguali senza distinzione di lingua, è ambientato a San Marzano di San Giuseppe (Taranto), nel contesto bilingue tipico delle comunità italo-albanesi. Esso testimonia fedelmente il progetto messo in atto da un insegnante, Carmine De Padova, il quale «vuole mantenere vive le tradizioni di lingua e di cultura arbëreshë, ma non riesce a svolgere questa attività nella scuola. E’ costretto allora a tenere ‘corsi privati’, gratuiti, a casa sua, dove persone di tutte le età e condizioni, dai cinque ai settant’anni, dopo aver studiato la lingua originaria, cantano e ballano sui motivi tradizionali». Alle immagini documentarie si alternano alcune riflessioni di Tullio De Mauro sulle problematiche connesse al bilinguismo e all’apprendimento di una seconda lingua. [53]

 

__________

 

 

La realtà dell’immigrazione albanese è piuttosto nota nelle sue manifestazioni più appariscenti e immancabilmente fotografate dalla stampa e dalla tv (sbarchi, ‘gommoni’, episodi di violenza e delinquenza, sfruttamento, ecc.); meno pubblicizzate sono invece le forme d’intervento costruttivo messe in atto per favorire l’integrazione, la tolleranza, la conoscenza e la convivenza civile tra i due popoli.

Ciò dipende in parte dal diverso impatto che tali informazioni avrebbero sull’opinione pubblica, ormai assuefatta alla ‘sindrome del negativo’ che affligge il giornalismo in generale, con la sua tendenza a mostrare sempre il brutto e il peggio di ciò che accade nel nostro mondo.

Va inoltre tenuto in considerazione che la maggior parte dei progetti di inserimento e di accoglienza, sia nella fase di emergenza che in quella attuale, sono stati realizzati per iniziativa delle singole realtà locali, laddove il fenomeno ha avuto ed ha ancora una forte risonanza.

Paradossalmente, è più facile venirne a conoscenza ‘casualmente’, attraverso la navigazione in internet, che rivolgendosi ad istituzioni ministeriali, regionali, comunali ecc..

 

Lo stesso problema di informazione, comunicazione e confronto delle esperienze si pone in ambito scolastico, dove è ancora difficile acquisire un’esatta e aggiornata cognizione dei progetti, attuati ed in atto, aventi come protagonisti i minori stranieri, nella fattispecie quelli di origine albanese.

Ciò non significa che l’istituzione non stia lavorando in questo senso: l’educazione interculturale è un aspetto sempre più significativo all’interno del curricolo, coinvolgendo non solo le singole scuole, ma anche il territorio e gli altri enti che in esso operano; in molti casi però manca ancora il collegamento, la condivisione di strategie comuni, mentre prevalgono le esperienze isolate, spesso realizzate dalla base, con interventi a volte ‘artigianali’ e sperimentazioni costruite più sul ‘buon senso’ che su una effettiva competenza professionale.[54]

 

Può riuscire pertanto interessante e funzionale approfondire l’argomento, monitorando le iniziative che, dal momento del primo esodo albanese, agli inizi degli anni Novanta, sono state attivate nelle regioni maggiormente interessate da questo fenomeno; raccogliere, esaminare, confrontare in particolare, progetti di accoglienza, integrazione, didattica della L2 e valorizzazione della L1, nonche di formazione-aggiornamento del personale docente.[55]

 

A questo proposito, si è a conoscenza della pubblicazione di un ‘kit multimediale’, Educazione interculturale nella scuola dell’autonomia, prodotto dal Ministero della P.I. - Direzione Generale dell’Istruzione Elementare, nel gennaio 2000: esso contiene, oltre ad una serie di contributi teorici sul tema, le schede sintetiche informative relative a 300 progetti di educazione interculturale presentati negli ultimi anni dalle scuole italiane di ogni ordine e grado.

 

Ancora, dal 9 al 12 settembre 1999 si è tenuto a Lecce e a Otranto il Convegno di Studi Ripensiamo il Mediterraneo, incentrato sulle problematiche dell’emigrazione, dell’integrazione sociale e scolastica, della valorizzazione delle diverse culture di appartenenza connesse alla penisola balcanica, con specifici riferimenti alla realtà albanese.

Il convegno è stato patrocinato dall’Osservatorio Provinciale sull’Immigrazione, dall’Università degli Studi di Lecce, dalla Provincia di Lecce, in collaborazione con il Ministero della P.I..

Potrebbe essere interessante visionarne gli atti: nel programma dell’incontro si parla infatti di contributi specifici, tra i quali, a titolo d’esempio: I figli degli immigrati nella scuola salentina, La valigia dell’Albania: libri e materiali per ragazzi, Dall’Albania al Mediterraneo: otto anni di esperienze interculturali realizzate da Agimi, ecc..

 

__________

 

 

Nella Parte Seconda, ai capitoli II, III, IV e V, viene descritta un’indagine condotta sui testi di 20 alunni di origine albanese frequentanti 11 scuole elementari romane, il cui rapporto con la lingua italiana scritta è stato ricostruito, anche alla luce delle osservazioni dei rispettivi insegnanti.

Si è trattato (come più volte precisato) di una semplice esperienza condotta secondo criteri ‘artigianali’, che non pretende di essere un prodotto di ricerca costruito in base a rigorosi parametri scientifici, ma che ha ugualmente portato alla formulazione di alcune ipotesi.[56]

Queste potrebbero rappresentare lo spunto per intraprendere un vero e proprio disegno sperimentale che, oltre ad essere più attendibile nelle sue conclusioni, favorisse la costruzione di strumenti didattici efficaci, capaci cioè di produrre cambiamenti significativi nel percorso di apprendimento degli alunni in questione.[57]

 

Alessandro Vaccarelli, nel suo volume più volte citato L’italiano e le lingue altre nella scuola multiculturale, mette seriamente in guardia dal rischio legato al divario esistente «tra spirito legislativo (in cui) troviamo il riconoscimento e la valorizzazione delle diversità come elemento fondante dell’agire educativo nelle realtà multietniche […] e realtà scolastica in materia di educazione interculturale, di integrazione scolastica degli stranieri, di didattica dell’italiano come lingua seconda»:[58] quest’ultima infatti, spesso si traduce - per mancanza di adeguati strumenti di formazione e informazione - in una azione di ‘emergenza’ tesa al raggiungimento della sola alfabetizzazione di base, negando all’alunno straniero le opportunità di apprendimento concesse ai suoi coetanei, spesso mortificandolo con inserimenti ‘penalizzanti’ in classi inferiori rispetto alla sua età anagrafica e con interventi che tendono a ‘sommergerne’ lingua e cultura di provenienza.

 

Queste considerazioni confermano una constatazione che scaturisce dall’esperienza di insegnamento di chi scrive: spesso, lo si ribadisce, mancano nella scuola, la formazione e gli strumenti per interagire positivamente con gli alunni stranieri e molti errori vengono commessi proprio per l’ignoranza della realtà che questi bambini hanno alle spalle, della loro bagaglio di storia, cultura, abitudini, tradizioni; della loro lingua.

Veniamo dunque al punto: sapere con una certa esattezza - perché indagini specifiche e metodologicamente corrette, su campioni di osservazione, lo hanno rilevato - qual è il rapporto degli alunni stranieri, albanesi in particolare, con la L2, quali sono, concretamente, le difficoltà linguistiche da essi maggiormente evidenziate, da cosa queste dipendano, ecc., può essere la base di partenza per formulare strategie di intervento più mirate, quindi efficaci, che ovviamente presuppongano un adeguato aggiornamento dei docenti.

 

__________

 

 

Uno spazio nel percorso di lettura delle ‘scritture di bambini albanesi’ è dedicato al breve ‘incontro’ con la loro lingua d’appartenenza.

Si è trattato di un approccio di emergenza, strettamente funzionale al confronto con la lingua italiana, con l’obiettivo di formulare delle ipotesi relativamente all’origine di alcune difficoltà linguistiche evidenziate dagli alunni suddetti nei loro testi scritti.

La prosecuzione naturale di questo percorso potrebbe essere allora quella di un approfondimento delle peculiarità della lingua albanese (a cominciare dal suo alfabeto fonetico), che è interessante anche perché solo recentemente definita e che costituisce un unicum tra le lingue europee, in quanto la sua struttura si è mantenuta originaria nonostante nel Paese si siano alternati, nel corso dei secoli, molteplici invasori, sempre intenzionati a sommergere l’idioma originario per imporre il proprio, come strategia di dominazione.[59]

 

__________

 

A questa sollecitazione squisitamente linguistica se ne aggiunge un’altra, ad essa in parte collegata: nella trattazione delle vicende storiche e storico-migratorie legate al popolo albanese si è fatto cenno, in modo molto sintetico, alla presenza plurisecolare, nell’Italia Centro-meridionale, di numerose comunità arbëreshë, ossia italo-albanesi.[60]

Si tratta come già detto, di gruppi etnicamente e linguisticamente connotati, pur se bene inseriti nel tessuto sociale del Paese, i quali convivono da lungo tempo con una situazione di bilinguismo che presenta forti componenti positive ma anche fattori di svantaggio.

Esistono studi, passati e recenti, che descrivono la realtà italo-albanese nelle sue molteplici sfaccettature: potrebbe essere interessante ripercorrerli ed individuare elementi di novità, anche alla luce dell’attuale normativa nazionale sulle minoranze linguistiche.[61]

 

__________

 

 

Infine, ma non meno affascinante come pista di ricerca, perché più vicina delle altre al mondo bambino, un’ultima sollecitazione potrebbe essere quella di avvicinare i testi degli alunni albanesi secondo una diversa prospettiva, più attenta ai contenuti che non alla forma. Trovare cioè negli scritti infantili, la loro ‘valigia dall’Albania’: il loro mondo, la realtà che si portano dietro, il loro pezzetto di patria d’origine (molti di essi, non va dimenticato, sono nati in Italia).

Emerge dai testi il rapporto con la loro terra? Con la terra dei propri familiari? Con il nuovo Paese? Con la nuova lingua?

Come vivono il bilinguismo, la fatica di apprendere un nuovo modo di parlare, di vivere…?

L’esperienza della ‘migrazione’, diretta o vissuta attraverso i genitori, risalta nelle loro composizioni, nei loro disegni? In che modo?

 

E’ interessante, a questo proposito, un fondo conservato presso l’Archivio Storico della Farnesina:[62] si tratta della documentazione relativa agli esami di ammissione alle varie classi della scuola elementare e di licenza elementare, sostenuti dagli alunni italiani ancora residenti in Albania sul finire della II Guerra Mondiale.

Tale sessione straordinaria si tenne a Tirana nel luglio 1945, per iniziativa del “Comitato Assistenza fra Italiani in Albania”.

Nelle ultime due cartelle del faldone si possono esaminare i temi, i problemi, i disegni dei bambini, gli esiti delle prove, i programmi didattici.

Ricorrono titoli classici del genere La mia patria, Perché sono fiero di essere italiano….[63] Un tentativo tra l’eroico, il retorico e il patetico, da parte degli adulti, di sollecitare la comune fedeltà ed aderenza ad un’Italia irraggiungibile, seppure vicina, provata dalla guerra e dall’occupazione tedesca; ad un paese ‘a ragione’ rinnegato dagli albanesi, di nuovo liberi (seppure per poco), che in questo momento tollerano a stento i pochi italiani rimasti ancora ad ‘occupare’ il loro suolo.

 

Cosa scriverebbero oggi i bambini shqipëtari, in un tema del genere: Perché sono fiero di essere albanese…

 

 

APPENDICE

NOTA METODOLOGICA

 

 

La presenza di un’Appendice conclusiva risponde alla precisa esigenza di completare ed ampliare alcune informazioni basilari riferite in forma sintetica in diversi luoghi della trattazione.

Si ritiene infatti che la loro presentazione in forma integrale, in una sezione separata, possa consentire una maggiore comprensione ed un’osservazione più accurata, trattandosi di riferimenti, documentari e non, che costituiscono la struttura portante su cui la ricerca si è costruita, nelle sue dfferenti dimensioni storico-pedagogico-metodologiche:

 

-         i testi dei bambini di nazionalità albanese, elaborati in momenti, luoghi e contesti diversi, in un arco temporale che si estende dal 1931 al 2001, costituiscono la ‘ragion d’essere’ di tutta l’indagine;

 

-         l’esposizione sintetica della struttura della lingua albanese, nelle sue caratterizzazioni principali, da parte di un’esperta di madre lingua, è condizione indispensabile per la riflessione sulle ‘scritture’ dei bambini albanesi e per la formulazione di ipotesi giustificanti le principali difficoltà ortografico-sintattiche emerse dai testi;

 

-         l’intervista preliminare agli insegnanti è stato il canale attraverso cui acquisire informazioni in merito alla realtà di provenienza e alle capacità linguistiche degli alunni delle scuole elementari romane, le quali hanno rivestito un ruolo significativo nel processo di analisi dei testi;

 

-         il bando di concorso per insegnanti di italiano nelle scuole elementari albanesi, del 30 luglio 1940, rappresenta il punto di arrivo e partenza di tutta l’indagine storica sviluppata nella Parte Terza della tesi.

 

Nelle pagine che seguono, ciascuno dei quattro documenti è preceduto da una premessa che giustifica in modo piu chiaro la sua presenza all’interno dell’Appendice, ed esplicita, dove necessario, i criteri con cui il materiale esposto è stato selezionato.

 

N.B.: i testi originali dei bambini ed il bando di concorso non sono stati riportati in questa copia, come da esplicita consegna del prof. Siciliani, perché inseriti nel documento originale attraverso il programma imaging. Quelle che seguono sono pertanto le sole presentazioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SCRITTURE DI BAMBINI SHQIPËTARË, TRA ALBANIA E ITALIA (1931/2001)

 

 

Pur avendo già presentato integralmente i testi dei bambini albanesi, collocandoli, all’interno di specifici capitoli, secondo la loro differente connotazione storico-geografica, diverse ragioni impongono una loro, seppure parziale, presenza in questa Appendice.

I vari componimenti sono stati precedentemente trascritti utilizzando un criterio uniforme relativamente al carattere, ricorrendo a medesimi espedienti per l’indicazione delle difficoltà linguistiche: ciò in risposta all’esigenza di semplificare il processo di lettura ed analisi degli stessi.

Di conseguenza, appare particolarmente interessante e significativo esporre almeno una minima parte del materiale originario manoscritto, che, oltre a costiutuire una prova documentaria rilevante (soprattutto per quanto attiene ai testi del ’31), potrebbe, in un’indagine successiva, prestarsi ad osservazioni di altro tipo, in merito, ad esempio, alla organizzazione del foglio, alla calligrafia, ecc..

 

Le tre ‘serie’ di componimenti si susseguono in ordine cronologico: al loro interno i testi ‘campione’ sono stati selezionati secondo i criteri che vengono ora indicati:

 

-         Istituto commerciale di Krionero (Valona).

Di ogni classe sono rappresentate le due sezioni (A e B) e le diverse tipologie testuali prodotte, possibilmente scegliendo gli elaborati indicanti un differente livello di competenza nella lingua italiana scritta:

-        due dettati per il corso preparatorio;

-        un riassunto, un tema e un autodettato per la classe II;

-        un tema e una lettera per la classe III;

Un criterio successivo a questo è stato quello della comprensibilità: vengono cioè riportati i testi più chiaramente leggibili.

 

-         Scuole Elementari di Roma.

Sono stati selezionati due elaborati di diverso livello per ciascuna delle cinque classi, ad eccezione della prima, non avendo a disposizione che un unico prodotto (di cui si possiede unicamente la trascrizione). La scelta ha successivamente privilegiato i componimenti accompagnati da disegni (purtroppo in bianco e nero poiché la maggior parte degli insegnanti ha fornito solo le fotocopie degli originali).

 

-         Colonia estiva a Shënkoll.

L’unico criterio possibile è stato quello di optare per tre testi rappresentanti differenti livelli di competenza nella lingua italiana scritta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LINGUA ALBANESE:

ALCUNE OSSERVAZIONI FUNZIONALI ALLA RICERCA

 

 

Si riferisce il contenuto del colloquio avuto con la Dott. Brunilda Dashi, collaboratore ed esperto di madre lingua presso l’Istituto di Studi Albanesi, Facoltà di Lettere e Filosofia, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, in merito alle caratteristiche principali della lingua albanese.

 

La vastità dell’argomento, unita alla completa ‘ignoranza’ della materia da parte di chi scrive, ha reso necessario circoscrivere il campo di riflessione a quegli aspetti dell’idioma in questione, che lo assimilano o, al contrario, lo distinguono dalla lingua italiana; ciò anche in considerazione dello scopo del colloquio: verificare se le difficoltà emerse dall’analisi dei testi scritti dagli alunni albanesi, siano o meno generate dall’incontro-scontro tra due strutture linguistiche differenti.

 

«La lingua albanese ha un alfabeto di 36 lettere, ciascuna corrispondente ad un unico suono (a differenza dell’italiano dove alcune consonanti, come c, g, si diversificano nella pronuncia, se seguite da vocali diverse o dall’h e se precedute da altre consonanti, ad esempio sc).

 

Le vocali sono 7 ed hanno tutte una pronuncia aperta; oltre alle cinque presenti anche nell’italiano, vi sono le seguenti: y e ë.

 

Le consonanti sono 29, alcune strutturate in forma di digrammi, ma corrispondenti ad un suono unico; in aggiunta a quelle italiane troviamo: ç (pron. c’ dolce), sh (pron. ‘sc’), th, dh, zh, xh (pron. ‘g’ dolce), rr, nj (pron. gn’), gj (pron. ‘ghi’ ), k (pron. ‘c’dura). In particolare, l’ h, che nell’italiano non ha un suono specifico, ma modifica quello di alcune consonanti o il significato di alcuni vocaboli, in albanese ha una pronuncia aspirata; la q, che in italiano è sempre associata alla vocale u, in albanese si pronuncia ‘c’ dura.

Il suono ‘gl’, presente in italiano, non ha corrispondenti nella lingua albanese.

Non esiste il raddoppiamento della consonante: il digramma che lo prevede, rr, ha una pronuncia più debole di quella tipica della lingua italiana.

 

Il tono delle parole è fisso e l’accento tonico, che nella lingua attuale generalmente non viene indicato,[64] cade sempre sulla stessa sillaba, anche se i vocaboli vengono accresciuti con l’aggiunta dei morfemi del plurale o dei casi.

 

In conclusione si può dire che, conoscendo il suono corrispondente ad ogni lettera dell’alfabeto, la lingua albanese si legge come si scrive.

L’albanese possiede quattro declinazioni dei nomi, ciascuna con sei casi, come quelli latini.

L’Accusativo è il caso più semplice, poiché ha un’unica desinenza, -n, che non ha altre funzioni, in contesti diversi.

Il Dativo e il Genitivo si formano con l’aggiunta del grafema -ve; l’Ablativo si caratterizza invece per la desinenza -sh, quando è plurale e determinativo, mentre è identico ai primi due quando è plurale ma indeterminativo.

 

La formazione del plurale dei sostantivi è molto complessa: esistono almeno 15 modi diversi. Riguardo al genere dei nomi, ci sono, come in italiano, il maschile, il femminile ed il neutro, ma non c’è corrispondenza tra le due lingue, perciò un nome femminile nell’una, ad esempio, non necessariamente lo è nell’altra.

 

Un’ulteriore peculiarità della lingua albanese riguarda gli articoli. Ne esistono di quattro tipi:

 

-        determinativo: non precede mai il nome ma è posposto ad esso come suffisso (es. mal = montagna, mali = la montagna). L’articolo determinativo plurale, a differenza dell’italiano, è unico e corrisponde al suffisso -t, aggiunto a fine parola, dopo il morfema del plurale del nome (es. mal -e -t = malet = le montagne, dove -e è la desinenza del plurale del nome, -t è l’articolo determinativo plurale);

 

-        indeterminativo: ha una forma unica, një, e precede il nome;

 

-        prepositivo: si trova generalmente in corrispondenza dell’aggettivo (ma anche di altre parti del discorso), precedendolo, ma non viene riportato nella traduzione (es. i mire = bravo);

-        congiuntivo: congiunge un genitivo al sostantivo che precede; dovrebbe somigliare alla preposizione semplice italiana.

 

Il verbo albanese ha come forma rappresentativa non l’Infinito ma il Presente Indicativo.

I modi sono gli stessi dell’italiano, con l’aggiunta di altri due, l’Ottativo e l’Ammirativo, usati nelle esortazioni e nelle esclamazioni (in italiano questa funzione è attribuita al Congiuntivo).

Il Passato ha più tempi, come nella lingua italiana, però gli albanesi utilizzano prevalentemente il Passato Remoto, mentre nell’italiano è più comune l’uso del Passato Prossimo».

 

Le informazioni appena esposte (la cui esatta trascrizione è stata verificata, con grande disponibilità, dalla Dottoressa Dashi) sono completate da alcune note di pronuncia, ricavate da una tabella dell’International Phonetic Association, in uso all’Istituto di Studi Albanesi, integrata attraverso la consultazione del Dizionario interculturale illustrato edito dalla EMI,[65] della scheda fonetica inserita tra le prime pagine del testo di Padre Fulvio Cordignano L’Albania a traverso l’opera e gli scritti di un grande Missionario italiano[66] e di alcuni siti internet.[67]

 

a

[a] di albero

 

n

[n] di nome

b

[b] di barca

 

nj

[gn] di gnomo

c

[ts] di zio

 

o

[o] ‘aperta’, di oca

ç

[ch] dell’inglese church

 

p

[p] di palo

d

[d] di dardo

 

q

[ch] di chiesa

dh

[ð] dell’inglese this

 

r

[r] ‘debole’, di riso

e

[e] ‘aperta’, di erba

 

rr

[r:] dello spagnolo burro

ë

[e muta] del francese le

 

s

[s] di sole

f

[f] di fumo

 

sh

[sc] di sciame

g

[g] di gatto

 

t

[t] di tavolo

gj

[gh] di ghiaia

 

th

[θ] dell’inglese thank

h

[h] aspirata

 

u

[u] di uva

i

[i] di iride

 

v

[v] di vita

j

[j] dell’inglese yes

 

x

[dz] di zero

k

[c] di casa

 

xh

[dg] dell’inglese jingle

l

[l] di luce

 

y

[u:] del tedesco über

ll

[ll] dell’inglese ball

 

z

[z] di rosa

m

[m] di madre

 

zh

[j] del francese jour

 

INTERVISTA AGLI INSEGNANTI:

STRUTTURA

 

 

Lo schema dell’intervista agli insegnanti viene di seguito riprodotto, perché reputato indispensabile per la comprensione delle modalità adottate nella ricerca delle informazioni circa le capacità linguistiche dei singoli alunni albanesi frequentanti le 11 scuole elementari di Roma contattate.

 

Esso è inoltre propedeutico alla lettura delle tabelle 3, 4, 5, 6 e 7 contenute nel capitolo III, Parte Seconda, Alunni albanesi: le osservazioni degli insegnanti (p. 117 sgg.), le quali propongono un confronto tra i dati contenuti nelle schede compilate da ciascun docente.

 

Infine, sempre dall’intervista, sono state tratte le informazioni poi riproposte sinteticamente, nel successivo capitolo IV, come premesse ai testi prodotti dai 20 alunni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Anno scolastico_________                                           

Scuola ________________

Classe_________________

 

                   

 

 

DATI INFORMATIVI SULL’ALUNNO

 

 

 

 

Ø     Nome alunno:________________________________________________

 

Ø     Età:________________________________________________________

 

Ø     Luogo di nascita:_____________________________________________

 

Ø     Data della venuta in Italia (se è nativo dell’Albania):_________________

 

Ø     Data dell’ingresso nella scuola (precisare se ha frequentato la scuola d’infanzia): __________________________________________________

 

 

 

 

Ø     Strategie didattiche adottate:

 

q       ha sempre seguito la programmazione di classe

 

q       ha inizialmente seguito una programmazione individualizzata

 

q       segue una programmazione individualizzata

 

q       ha usufruito inizialmente di un’attività specifica di “Pronto Soccorso linguistico”

 

q       ha partecipato, sin dall’inizio, a tutte le attività proposte al gruppo classe

 

 

 

 

 

 

Ø     Competenze linguistiche iniziali:

 

 

Ø     Competenze linguistiche attuali:

 

comprensione:                                       

comprensione:                                       

q       scarsa

q       scarsa

q       sufficiente

q       sufficiente

q       buona

q       buona

q       ottima

 

 

q       ottima

espressione orale:

espressione orale:

q       scarsa

q       scarsa

q       sufficiente

q       sufficiente

q       buona

q       buona

q       ottima

q       ottima

 

 

 

 

lettura:

lettura:

q       scarsa

q       scarsa

q       sufficiente

q       sufficiente

q       buona

q       buona

q       ottima

q       ottima

 

 

 

 

scrittura sotto dettatura:

scrittura sotto dettatura:

q       scarsa

q       scarsa

q       sufficiente

q       sufficiente

q       buona

q       buona

q       ottima

q       ottima

 

 

 

 

scrittura autonoma:

scrittura autonoma:

q       scarsa

q       scarsa

q       sufficiente

q       sufficiente

q       buona

q       buona

q       ottima

q       ottima

 

 

 

 

 

 

 

 

Ø     Osservazioni specifiche in merito alla produzione scritta autonoma:

 

 

 

scarsa

sufficiente

buona

ottima

calligrafia

 

 

 

 

 

chiarezza nell’espressione

 

 

 

 

correttezza ortografica

 

 

 

 

ricchezza di vocaboli

 

 

 

 

 

Concordanze (nome- articolo/aggettivo/ verbo/preposizione)

 

 

 

 

consecutio temporum

 

 

 

 

 

 

 

 

Altre osservazioni:_______________________________________________

__________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INSEGNAMENTO DELL’ITALIANO NELLE SCUOLE ELEMENTARI ALBANESI: BANDO DI CONCORSO

30 LUGLIO 1940

 

E’ con una certa soddisfazione che si inserisce, a conclusione di questa Appendice - ma non ultimo per importanza - il documento che segue.

Si tratta infatti del Bando di Concorso emesso dal Ministero dell’I.P. Albanese e divulgato dalla D.I.E.S. in Italia, con lo scopo di selezionare il personale docente che avrebbe dovuto insegnare la lingua italiana nelle classi quarte e quinte delle scuole elementari di Stato d’Albania, a partire dall’a.s. 1940/41.

La notizia circa l’avvenuto Concorso è emersa durante la consultazione del fondo Albania presso l’Archivio Storico della Società “Dante Alighieri”: da qui l’ipotesi che la selezione degli insegnanti fosse premessa all’introduzione dell’italiano come materia obbligatoria nelle scuole shqipëtarë la conseguente ricerca di un documento comprovante tale supposizione.

Dopo una serie di tentativi fallimentari presso l’Archivio Centrale dello Stato e la Biblioteca del Ministero della P.I., il Bando è stato rinvenuto in un fondo esaminato presso l’Archivio Storico del Ministero AA.EE. (A.S.M.AA.EE., D.I.E., AS, 1936/45, B. n° 56).

Le prescrizioni in esso contenute hanno rappresentato un punto di partenza certo per la ricostruzione di tutta la vicenda storico-politica legata alla diffusione della lingua italiana in Albania, che è argomento centrale della Parte Terza della tesi.

 

 

 

 

BIBLIOGRAFIA

 

 

 

 

La bibliografia indicata in questa sede si riferisce esclusivamente ai volumi citati ed utilizzati espressamente nel corso dell’indagine;[68] in realtà la fase iniziale di consultazione ha interessato una maggiore quantità di testi e documenti, i quali, pur avendo attinenza con l’argomento trattato, non sono risultati funzionali alla ricerca e pertanto non vengono esplicitati.

 

La maggior parte del materiale è stato visionato presso le seguenti strutture:

 

Biblioteca Nazionale Centrale “Vittorio Emanuele II” - Roma

Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea - Roma

Biblioteca dell’Archivio Centrale di Stato - Roma

Biblioteca del Ministero della Pubblica Istruzione - Roma

Biblioteca Centrale per Ragazzi - Roma

Biblioteca Comunale Pennazzato (VI Circoscrizione) - Roma

Centro Documentazione del Cies - Roma

 

 

Si è creduto opportuno adottare, nell’esposizione delle opere consultate, un ordine tematico: l’elenco che segue si articola infatti in cinque sezioni, ognuna delle quali (eccetto l’ultima) presenta uno primo segmento, con trattazioni di tipo storico-politico-sociale (utilizzate prevalentemente per la stesura della Prima e Terza Parte della tesi), ed un secondo, con indicazioni metodologiche e contributi socio-pedagogici riferiti al tema delle ‘scritture bambine’, nonché alle problematiche connesse al bilinguismo (propedeutiche alla stesura della Seconda Parte del documento).

I diversi segmenti, al loro interno, sono quindi ordinati secondo il criterio alfabetico.

 

Sono stati riportati anche i siti internet consultati e quindi utilizzati a scopo informativo, ciascuno con una brevissima nota relativa al suo contenuto.

 

L’ultima sezione dà notizia del materiale cinematografico visionato a cui si fa riferimento in alcuni luoghi della tesi.

 

A conclusione della bibliografia viene data indicazione dei fondi esaminati presso alcuni archivi: il corpo centrale della presente ricerca è stato infatti costruito prevalentemente con il materiale documentario ivi reperito.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

q       Monografie, raccolte di leggi, saggi, manuali e ricerche

 

 

Albania Fascista, Firenze, Marzocco, 1940.

 

G. AMBROSINI, L’Albania nella comunità imperiale di Roma, in Quaderni dell’INCF, Roma, Istituto Nazionale di Cultura Fascista, 1940, serie X, n° 5.

 

T. BELLONE, Albania: i giorni della rivolta, Galatina (Lecce), Congedo Ed., 1999.

 

F. BENEDETTI, M. GUSPINI, Note in limine ad una tragedia: appunti storici intorno alla guerra balcanica, Roma, Anicia, 1999.

 

F. CAPARELLI, La “Dante Alighieri”, Roma, Bonacci Editore, 1987.

 

Z. CHIARAMONTE, a cura di, Noi veniamo dall’Albania, Roma, Sinnos, 1992.

 

CONSIGLIO CENTRALE DELLA SOCIETA’ DANTE ALIGHIERI, I cento anni della Dante Alighieri – 1889-1989, Roma, Società “Dante Alighieri”, maggio 1990.

 

F. CORDIGNANO, L’Albania a traverso l’opera e gli scritti di un grande Missionario italiano, Roma, Istituto per l’Europa Orientale, 1933.

 

M. DAZZI, L’Albania di Matilde è sempre meravigliosa, Piacenza, Editrice Berti, 2001.

 

N. DELL’ERBA, Storia dell’Albania, Roma, Tascabili Economici Newton, 1997.

 

E. C. DEL RE, Albania punto a capo, Roma, SEAM, 1997.

 

DIBATTITI IRES: Albania oltre l’emigrazione, Torino, Istituto di Ricerche Economico-Sociali, 1997.

 

S. GIULIANI, Assestamento e rinascita dell’Albania, Milano, Tipografia del “Popolo d’Italia”, 1929.

F. G. GUSTINCICH, Albania. Sull’onda degli anni, Lecce, Argo, 1994.

 

F. JACOMONI DI SAN SAVINO, La politica dell’Italia in Albania nelle testimonianze del Luogotenente del Re, Bologna, Cappelli, 1965.

 

V. LACIRIGNOLA, Albania oggi, Nardò, Besa, 1999.

 

F. LAZZARATO, V. ONGINI, La vecchia che ingannò la morte, Milano, Mondadori, 1992.

 

LEGGI E DECRETI DEL REGNO D’ITALIA 1939/II, Regio Decreto 18 aprile 1939-XVII, n° 624: Istituzione, presso il Ministero degli affari esteri, del Sottosegretariato di Stato per gli affari albanesi.

 

LEGGI E DECRETI DEL REGNO D’ITALIA 1939/II, Regio Decreto 16 aprile 1939-XVII, n° 580: Accettazione della Corona di Albania da parte del Re d’Italia, Imperatore d’Etiopia.

 

LEGGI E DECRETI DEL REGNO D’ITALIA 1940/IV, Regio Decreto 12 febbraio 1940-XVIII n° 740: Testo unico delle norme legislative sulle scuole italiane all’Estero.

 

G. LUCATELLO, La natura giuridica dell’unione italo-albanese, Padova, CEDAM, 1943.

 

O. C. MANDALARI, L’Albania del 1939. Pagine della vigilia; di Terenzio Tocci, Roma, Archivio Storico dei Reduci di Guerra, 1940. 

 

F. MARTELLI, Capire l’Albania, Bologna, Il Mulino, 1998. 

 

G. MASSANI, Albania, Roma, Il Rubicone, 1940.

 

A.MESSINA, Albania, Milano, Clup Guide, 1992.

 

E. MISEFARI, La resistenza degli albanesi contro l’imperialismo fascista, Milano, Ed. di Cultura Popolare, 1976.

 

I. MONTANELLI, Albania una e mille, Torino, Paravia, 1939.

 

H. MYRTO, Albanesi alla porta, documenti dell’esodo, Lecce, Piero Manni, 1991.

 

L. PERRONE, a cura di, Naufraghi albanesi: studi, ricerche e riflessioni sull’Albania, Roma, Sensibili alle Foglie, 1996.

 

A. RAIS, a cura di, Il cinema di Vittorio De Seta, Palermo, Regione Sicilia/Giuseppe Maimone Editore, 1995.

 

D. SCALZO, a cura di, Gianni Amelio un posto al cinema, Torino, Lindau, 2001.

 

A. SERRA, Albania 8/9/43 - 9/3/44, Milano, Longanesi & Co., 1974.

 

G. SOFI, G. VOLPI, Vittorio De Seta. Un mondo perduto, introduzione di F. MARESCO, Torino, Lindau, 1999.

 

A.VEHBIU, R. DEVOLE, La scoperta dell’Albania: gli albanesi secondo i mass media, Milano, Paoline Editoriale Libri, 1996.

 

G. VOLPE, Formazione storica dell’Albania, Roma, Reale Accademia d’Italia, 1940.

 

L. ZARRILLI, Geografia della transizione, Milano, Franco Angeli, 1999.

 

 

_ _ _ _ _

 

 

O. ANDREANI DENTICI, Abilità mentale e rendimento scolastico, Firenze, La Nuova Italia, 1970.

 

Q. ANTONELLI, E. BECCHI, a cura di, Scritture bambine, Bari, Laterza, 1995.

 

P. BALBONI, Didattica dell’italiano a stranieri, Roma, Bonacci Editore, 1994.

G. FAVARO, Alunni stranieri a scuola, Roma, CIES, 1992.

 

G. FAVARO, a cura di, Imparare l’italiano, imparare in italiano: alunni stranieri e apprendimento della seconda lingua, Milano, Guerini e Associati, 1999.

 

M. LAENG, Pedagogia sperimentale, Scandicci (Firenze), La Nuova Italia, 1993.

 

P. MASSIMEO, G. PORTOGHESE, P. SELVAGGI, a cura di, L’educazione interculturale e l’inserimento degli alunni albanesi nella scuola dell’obbligo, Bari, IRRSAE Puglia, CEE, Ministero P.I., 1992.

 

G. RODARI, Il libro degli errori, Trieste, Einaudi Ragazzi, 1997.

 

A. VACCARELLI, L’italiano e le lingue altre nella scuola multiculturale, Pisa, ETS, 2001.

 

 

 

 

 

q       Riviste, testi enciclopedici, dossier, dizionari

 

 

Almanacco italo-albanese 1940-XVIII, Firenze, Marzocco, 1940.

 

“Il Sole 24 Ore”, I Balcani. Dossier: alle radici della crisi, Milano, 25 aprile 1999, p. 3.

 

“Katundi Ynë”, rivista italo albanese di cultura e di attualità, La legge sulle minoranze linguistiche approvata dalla Camera, Civita (CS), 1998/2-anno XXIX, n° 95, p. 5.

 

“Limes”, Rivista Italiana di Geopolitica, Albania, emergenza Italiana, Roma, Editrice Periodici Culturali, 1997, supplemento al n° 1/97.

 

“Limes”, Rivista italiana di Geopolitica, Dopo la guerra: Kosovo dietro alle quinte; come rifare i Balcani, Roma, Editrice Periodici Culturali, 1999.

“Limes”, Rivista italiana di Geopolitica, Macedonia/Albania: le terre mobili, Roma, Gruppo Editoriale l’Espresso, 2001, n. 2.

 

F. PITTAU, M. REGGIO, Il caso Albania: immigrazione a due tempi, in “Studi Emigrazione”, Roma, Centro Studi Emigrazione, n° 106, giugno 1992-XXIX.

 

 

_ _ _ _ _ _

 

 

Calendario Atlante De Agostini 1999, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 1998.

 

Calendario Atlante De Agostini 2001, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2000.

 

Enciclopedia Storica De Agostini: I percorsi della Storia, Novara, Istituto geografico De Agostini, 1997.

 

Enciclopedia Universale,  Milano, Garzanti, 1997.

 

Grande Atlante Geografico d’Europa e d’Italia, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 1995.

 

Guida del Mondo 2001/2002: il mondo visto dal Sud, Bologna, EMI, 2001.

 

Il Nuovissimo Atlante del Touring, Milano, Touring Editore, 1998, vol. I.

 

I Percorsi della Storia: Enciclopedia storica, Novara, Istituto Geografico de Agostini, 1997.

 

Terra sat.: Atlante Fotosatellitare, Milano, Mondadori, 2000.

 

Terra sat.: Dizionario Enciclopedico Geografico, Milano, Rcs Editori, 2000.

 

 

_ _ _ _ _

 

CARITAS DI ROMA, Immigrazione. Dossier statistico ’99, Roma, Anterem, 1999.

 

CARITAS DI ROMA, Immigrazione. Dossier statistico 2000, Roma, Anterem, 2000.

 

CARITAS DI ROMA, Immigrazione. Dossier statistico 2001, Roma, Anterem, 2001.

 

ISCOS, Italia multiculturale: i paesi d’origine degli immigrati, Roma, Edizioni Anterem, 1995.

 

ISTAT, Annuari, Roma, 1991 - 1996.

 

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, Alunni con cittadinanza non italiana. Scuole statali e non - Anno Scolastico 1998/99, Roma, EDS, Settembre 1999.

 

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, Alunni con cittadinanza non italiana. Scuole statali e non - Anno Scolastico 1999/00, Roma, EDS, Ottobre 2000.

 

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, Alunni con cittadinanza non italiana. Scuole statali e non - a.s. 2000/01, Roma, EDS, Giugno 2001.

 

 

_ _ _ _ _

 

 

F. CORDIGNANO, Dizionario albanese-italiano, italiano-albanese, Milano, Hoepli, 1934.

 

A. DEL NERO, C. IAZZONI, Il nuovo ‘A spron battuto’. Grammatica italiana per la scuola media, Roma, Angelo Signorelli Editore, 1972.

 

Dizionario Enciclopedico Italiano Treccani, Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, 1970.

 

Dizionario Sandron della Lingua Italiana, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 1984.

G. VENTURA, a cura di, Lexico Minimo: vocabolario interculturale illustrato (lingua albanese), Bologna, EMI, 1998.

 

 

 

 

 

q       Siti Internet

 

 

http://www.ecn.org/est/balcani/albania/albania11.htm

 

(beve ritratto politico dell’attuale presidente albanese, Rexhep Mejdani - 29 ottobre 1998)

 

http://www.ecn.org/est/balcani/albania/albania15.htm

 

(riflessioni circa l’eventualità di un nuovo ‘protettorato’ italiano sull’Albania - 19 febbraio 1999)

 

http://www.ecn.org/est/balcani/albania/albania16.htm

 

(Riflessioni circa l’eventualità di un nuovo ‘protettorato’ italiano sull’Albania - 1 marzo 1999)

 

http://www.ecn.org/est/balcani/albania/albania17.htm

 

(Analisi della situazione politica in Albania all’indomani dal rimpatrio dei profughi kosovari precedentemente ospitati nel suo territorio - 21 settembre 1999)

 

http://www.ecn.org/est/balcani/albania/albania19.htm

 

(Osservazioni sulla politica dell’attuale premier albanese, Ilir Meta e sulla tutela esercitata dall’O.S.C.E. in occasione delle ultime elezioni amministrative indette nel Paese - 1 ottobre 2000)

 

http://www.ecn.org/est/balcani/jugo/jugo23.htm

 

(Riferimenti alle relazioni Albania-Kosovo, nel contesto del più recente conflitto scatenatosi nell’area balcanica - 12 marzo 1998)

 

http://www.ecn.org/est/balcani/jugo/jugo40.htm

 

(Considerazioni sull’ipotetico nuovo assetto del Kosovo, dal punto di vista del Governo albanese - 11 giugno 1998)

 

http://www.geocities…MotorCity/Track/4165/historia.htm

 

(Albanian history.Chronology of events: cronaca dei principali avvenimenti  caratterizzanti la storia albanese, dal 1225 a.C. al 1997 d.C. compreso)

 

http://www.luce.it/

 

(Archivio Storico dell’istituto Luce: contiene, in particolare, la descrizione sintetica del materiale filmografico girato in Albania durante l’occupazione fascista)

 

http://www.parlamento.it/parlam/leggi/99482l.htm

 

(Vi si trova il testo della Legge n° 482 - 15/12/99 sulla tutela delle minoranze linguistiche in Italia)

 

http://www.polisci.com/world/nation/AL.htm

 

(The Political Reference Almanac: contiene una scheda sintetica dell’Albania, aggiornata al marzo 1999, che ne evidenzia l’ordinamento politico-economico-amministrativo)

 

 

_ _ _ _ _

 

 

http://www.caritasroma.it/immigrazione/advstran.asp

 

(Contiene informazioni dettagliate sul numero di stranieri iscritti all’Anagrafe e residenti nelle varie circoscrizioni di Roma, distinguendoli in base al sesso e alla provenienza. Aggiornato agli inizi del 1999)

 

http://www3.chiesacattolica.it/caritasroma/immigrazione/dati.htm

 

(Contiene informazioni dettagliate sul numero di stranieri iscritti all’Anagrafe e residenti nelle varie circoscrizioni di Roma, distinguendoli in base al sesso e alla provenienza. Aggiornato al dicembre 1998)

http://www.istruzione.it/mpi/pubblicazioni/2000/nonita01.pdf

 

(Vi è pubblicato per intero il dossier prodotto dal Ministero della Pubblica Istruzione sugli Alunni con cittadinanza non italiana. Scuole statali e non - Anno Scolastico 1999/00)

 

http://www.istruzione.it/mpi/pubblicazioni/2001/nonita01.pdf

 

(Vi è pubblicato per intero il dossier prodotto dal Ministero della Pubblica Istruzione sugli Alunni con cittadinanza non italiana. Scuole statali e non -a.s. 2000/01)

 

http://members.xoom.it/_XOOM/Albanesi/la%20lingua.htm

 

(Contiene la trascrizione completa dell’alfabeto albanese, con osservazioni in merito alla fonetica)

 

 

 

 

 

q       Filmografia

 

 

Lamerica, di Gianni Amelio, Italia, 1994.

 

Lo sguardo di Ulisse, di Theo Angelopoulos, Italia-Grecia-Francia, 1995.

 

Albania dal Duce a Prodi, di Nicola Caracciolo, Italia, 1997.

 

Quando la scuola cambia, di Vittorio De Seta, Italia, 1978

 

 

 

 

 

q       Archivi 

 

 

ARCHIVIO STORICO DEL MINISTERO DEGLI ESTERI:

 

Fondo: Direzione Generale Italiani all’Estero, Archivio Scuole

   Anni 1923/28    Buste n° 598, 697

   Anni 1929/35    Buste n° 888, 1027

   Anni 1925/45    Busta n° 195

   Anni 1936/45    Buste n° 55, 56, 108, 186

 

 

ARCHIVIO CENTRALE DELLO STATO:

 

Fondo: Ministero della  Cultura Popolare - Gabinetto - Direzione Generale della Propaganda, Inventario 19/1, anni 1932/1943

   Busta n° 2

   Busta n° 3      

 

Fondo: Segreteria particolare del Duce, Carteggio ordinario, anni 1922/1943

   Busta 1947, fascicolo 531.783

 

 

ARCHIVIO STORICO DELLA SOCIETÀ “DANTE ALIGHIERI”:

 

Busta Scutari 1909/11 Busta Tirana 1929/37

Busta Tirana 1938/40

Busta Tirana 1940/49                                                                                                                               

Busta Tirana 1944/56                                                                                                                                                

Busta Tirana 1952/64

 

INDICE DOCUMENTARIO E FOTOGRAFICO

 

 

Figura 1:

Carta tematica dell’Albania, indicante le località menzionate nella tesi, con la loro denominazione ai tempi del fascismo e attuale.

 

 

Documento 1:

R.D. 16/4/1939, n° 580: Accettazione della Corona d’Albania da parte del Re d’Italia, Imperatore d’Etiopia (Leggi e Decreti del Regno d’Italia, 1939/II, pp. 1071-1072). [tra le pp. 18-19]

 

 

Documento 2:

 

R.D. 18/4/1939, n°624: Istituzione del Sottosegretariato di Stato per gli Affari Albanesi (Leggi e Decreti del Regno d’Italia, 1939/II, p. 1196). [tra le pp. 18-19]

 

 

Figura 2:

Copertina del volume Albania fascista, Firenze, Marzocco, 1940. [tra le pp. 176-177]

 

 

Documento 3:

Circolare n° 13, 22/2/1923, della D.I.E. ai Consolati italiani in terra straniera: campagna per la diffusione della lingua e della cultura italiana all’Estero (A.S.M.AA.EE., D.I.E., AS, 1923/28, B. n° 598). [tra le pp. 180-181]

 

 

Documento 4:

Telespresso della Regia Legazione d’Italia al Ministero AA.EE., 11/4/1930: l’insegnamento dell’italiano diviene obbligatorio nelle scuole medie albanesi (A.S.M.AA.EE., D.I.E., AS, 1929/35, B n° 888). [tra le pp. 186-187]

 

 

Documento 5:

Telegramma 30/8/33 della Regia Legazione d’Italia al Ministero AA.EE.: l’insegnamento dell’italiano diviene obbligatorio nelle scuole secondarie albanesi (A.S.M.AA.EE., D.I.E., AS, 1929/35, B n° 888). [tra le pp. 186-187]

Foto 1, 2, 3 e 4:

Interni ed esterni della “Casa d’Italia” a Valona, costruita per iniziativa della D.I.E. nel 1939 e adibita a uso scolastico (A.S.M.AA.EE., D.I.E., AS, 1936/45, B. n° 55, B. n° 108). [tra le pp. 192-193]

 

 

Figure 3 e 4:

Alunni albanesi delle scuole ‘Fasciste’ (In Albania Fascista, Firenze, Marzocco, 1940, p. 159). [tra le pp. 192-193]

 

 

Documento 6:

Lettera al Duce degli alunni della Scuola Media Italiana “Bruno Mussolini” di Tirana, 2/3/1942 (A.C.S., Segr.Part.Duce, C.O., 1922/43, B. 1947, fasc. 531.783). [tra le pp. 192-193]

 

 

Documento 7:

Corso di Lingua Italiana trasmesso nel gennaio 1940 da “Radio Tirana”: lezione n° 23 (Min.Cul.Pop., D.G.P., 1932/43, B. n° 3). [tra le pp. 192-193]

 

 

Documento 8:

Lettera del Consigliere Permanente presso il Ministero dell’I.P. Albanese alla Luogotenenza Generale, 5/9/1940: dà notizia dell’introduzione, a   cominciare dall’a.s. 1940/41, dell’insegnamento obbligatorio dell’italiano nelle classi IV e V della scuola elementare di stato albanese (A.S.M.AA.EE., D.I.E., AS, 1936/45, B. n° 55). [tra le pp. 194-195]

 

 

Documento 9:

D.I.E., 1940: primo e secondo foglio della scheda per la compilazione del rapporto informativo annuale sugli insegnanti in servizio in Albania (A.S.M.AA.EE., D.I.E., AS, 1936/45, B. n° 56). [tra le pp. 200-201]

 

 

Documenti 10 e 11:

Istituto Commerciale di Krionero (Valona): programma di lingua italiana per il corso preparatorio, a.s. 1931/32 (A.S.M.AA.EE., D.I.E., AS, 1929/35, B. n° 888). [tra le pp. 222-223]

 

 

Documento 12:

Scheda di adesione alla Società Nazionale “Dante Alighieri” del primo Presidente del Comitato Albanese, Luigi Sottili, 29/1/32 (A.S.S.D.A., B. Tirana 1929/37). [tra le pp. 270-271]

 

 

Foto 5, 6:

La “Casa della Dante” a Tirana, 12/2/1934 (A.S.S.D.A., B. Tirana 1929/37). [tra le pp. 272-273]

 

 

Foto 7:

Il primo Comitato della “Dante” di Tirana, 12/2/1934 (A.S.S.D.A., B. Tirana 1929/37). [tra le pp. 272-273]

 

 

Documento 13:

Corso di lingua italiana della “Dante” a Santi Quaranta: prospetto riassuntivo delle frequenze e dei risultati conseguiti, 3/6/1935 (A.S.S.D.A., B. Tirana 1929/37). [tra le pp. 302-303]

 

 

Documento 14:

Lettera di Georgio Vasil Aleksi, allievo della “Dante” al Presidente della Società Nazionale “Dante Alighieri”, 31/7/1937 (A.S.S.D.A., B. Tirana 1929/37). [tra le pp. 304-305]

 

 

Documento 15:

Lettera di Georgio Vasil Aleksi, allievo della “Dante”, al Duce, 31/7/1937 (A.S.S.D.A., B. Tirana 1929/37). [tra le pp. 304-305]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INDICE DELLE TEMATICHE RICORRENTI

 

 

 

Nell’elenco alfabetico degli argomenti trattati nel corso dell’indagine non sono state inserite in modo specifico le voci ‘Albania/albanese/albanesi’ e ‘Italia/italiano/italiani’, poiché entrambi fanno da sfondo alla ricerca nella sua globalità.

Le tematiche registrate sono quelle contenute nelle pagine numerate.

 

 

 


Accoglienza, 54, 64,  65n., 77, 78,  81n.,  97, 109, 336, 337

Accordo, 13

Acquisizione (vedi appren-dimento)

Adattamento, 59, 199

Aggiornamento (insegnanti), 9, 80, 337 e n., 338, 340

Aiuti (economici, umanitari), 20, 25, 28, 29, 30n., 34, 35, 66, 68

Albanismo, 44

Alfabetizzazione, 24 e n., 45 e n., 50, 87n., 93, 167, 321, 322, 339

Alfabeto (albanese), 47, 48, 95, 168, 325, 340, 365, 366, 387; (italiano), 95, 168, 341, 365

Alleanze, 16, 22, 23

Allievi (vedi Alunni)

Alunni (albanesi), 53, 54, 61, 95, 96, 102, 103, 106, 109, 110,   113  sgg.,   145  sgg.,

    163, 179, 180, 184, 192, 193, 195 sgg., 212, 214, 221, 224, 231 sgg., 240, 242, 243, 246, 247, 273, 318 sgg., 333, 337n., 338, 340, 341, 342, 345, 347, 362, 365, 369, 390; (della “Dante”), 292 sgg., 303 sgg., 308, 309; (italiani), 216, 342; (stranieri), 75 sgg., 82,  83,  85,  87, 89, 95, 339, 340, 387

Amministrazione fascista (in  Albania), 17, 174, 198, 291

Analfabetismo, 49, 50

Analisi, 36n., 141, 173, 178n., 217, 225, 249, 304 e n., 333,  345,  347,  365,  385

Annessione, 17, 20, 48, 173, 174, 177, 192, 197, 201, 200, 203, 206, 211, 255, 294, 312

Apertura, 23, 25 e n., 26, 85, 102 sgg., 129, 130, 315, 319

Apprendimento (meccanismi di), 87,  89, 90,  95, 96, 339

Apprendimento (spontaneo), 85, 323; (guidato), 85, 86, 319, 320; (della lingua italiana), 78,  80, 83 sgg., 87, 88, 95, 96, 118, 129, 130, 205, 219, 319, 320, 322, 339

Arretratezza, 8, 9, 20,  23, 27, 32, 33, 38

Assimilazione, 316n.

Assistenza, 20, 29, 70, 102n., 196

Ateismo (di stato), 24, 26, 44

Ateocrazia (vedi Ateismo di stato)

Attività integrative, 152, 153, 164

Autarchia, 23, 33, 34

Autonomia (politica), 10, 11, 44

Autoritarismo, 15, 24, 27

 

 

Bambini (vedi Alunni)

Benessere, 57, 64, 69, 76, 322

Biblioteche (vedi Libro italia-no)

Bilinguismo, 88 e n., 89 e n., 96, 122, 134, 148, 149, 150, 164, 169, 170, 324, 341, 342, 378; (aggiuntivo /sottrattivo), 89

Bonifiche, 20, 32, 33

Bunker, 25

Buon senso, 337

 

 

Cambiamento, 30n., 38 sgg., 45,  50,  55,  64,  75,  181

Campione/i, 107, 110, 113, 117,  119,  120,   123,  142,

     318,  320,  339,  346,  347

Clandestini, 52, 68, 69, 71, 111, 113

Codice linguistico, 46, 83, 322

Collettivismo, 24, 33

Collettivizzazione (vedi Na-zionalizzazione)

Competenza linguistica, 82, 83, 86, 88, 89, 98, 101, 103, 123, 126, 127, 128, 130 sgg., 145, 346 sgg., 371

Componimenti (vedi Testi)

Comprensione, 84, 85, 94, 124, 125, 371

Comunicazione, 84, 85, 101, 103, 125, 127, 191

Comunismo (orientamento politico), 21 e n., 22 e n., 23n., 25, 26, 28, 30, 34, 40, 56, 333, 335

Comunità (albanesi), 62; (italo albanesi), 8, 63 e n., 200, 341; (religiose), 24, 42 sgg.; (vita di), 59 e n., 60, 76, 77, 110n., 111

Condizionamento televisivo (vedi anche Televisione), 40, 39, 93

Condizione femminile (vedi Donna)

Confessioni religiose (vedi Comunità religiose)

Confini, 10, 11, 14, 21, 22, 255

Conflitto (vedi Guerra)

Confronto (tra lingue, dati, testi), 114, 117, 167, 168, 178, 217, 295n., 300n., 316, 318 e n., 319, 333, 336, 340, 369 e n.

Conoscenze pregresse, 85

Consumi, 38, 39

Contesto, 3, 4, 12, 76n., 81, 83, 84, 85, 93n., 94, 96, 103, 115, 127, 130, 164, 173, 216, 242, 246, 267, 293, 296, 319, 322, 323, 325,  325,  333, 386

Contrabbando, 28n., 36, 66

Convivenza, 333, 336

Corporativismo (vedi Colletti-vismo)

Corsi (di lingua italiana), 90, 102n., 184 e n., 192n., 207

Corsi della “Dante” (di lingua italiana), 92, 249, 253, 260, 264, 266, 268 sgg., 390, 391; (di lingua albanese), 83, 273 e n., 301 e n., 312

Coscienza nazionale, 10

Costituzione, 14, 22, 30n., 44n., 49, 109

Criminalità, 65, 68

Crisi (economica/finanziaria), 25, 26, 28, 30n., 35, 36, 58, 63, 66, 68, 71, 120n., 333; (politica), 10,  25n., 31, 56,

     61n., 63, 96, 120n., 333; (sociale), 63, 71

Cristianesimo, 8

Cultura/e, 37, 45, 49, 57n., 75, 80, 81 e n., 109, 161, 179, 197, 200, 208, 209, 211, 213, 220, 251, 252, 256, 257, 260, 268 e n., 271, 281, 307, 309, 310, 338,  339,  389

Curricolo, 323, 337

 

 

Dati  (emigrati / immigrati),

60n., 62, 64, 65, 67, 71, 112;   (scuola / alunni), 39, 61, 76, 111, 115 sgg., 179n., 182, 184, 188, 191, 195, 197, 297 sgg., 369

Debito estero, 35, 37

Democrazia, 14, 25, 29, 63, 64

Dialetti, 46, 277

Didattica (vedi Insegnamen-to)

Difficoltà linguistiche, 82, 83, 96, 104 sgg., 122, 138 sgg., 168, 169, 215, 225, 228, 230 sgg., 282, 324 sgg., 326 sgg., 334, 340, 345, 347, 365 (ma in tutti i capitoli dedicati ai testi)

Diffusione (della lingua ita-liana in Albania), 92, 210, 251, 252, 268n., 271n., 304, 311, 373, 389

Diritto allo studio, 80, 81 e n., 82, 113n.

Diritto Consuetudinario, 15n., 41 e n., 43

Disoccupazione, 31, 35, 37, 56, 57, 64, 67

Dittatura, 22, 24, 33, 44, 58, 63, 91, 215, 315, 335

Diversità, 348

Docenti (vedi Insegnanti)

Documenti, 173, 177, 178, 185, 197 e n., 200, 205 e n., 210, 214, 216, 226, 231, 232, 224, 251 sgg., 266, 273, 293, 299, 300, 303, 307, 309, 310, 332, 342, 346, 347, 373, 377, 378 (ma tutto il testo)

Dominazione, 6 sgg., 20, 21, 47, 48,  63,  173,  333,  340

Donna (condizione e presen-za), 24, 41 e n., 42, 55, 296, 297 e n.

 

 

Economia, 8, 27, 28, 32 sgg., 68, 103

Editoria, 39, 40

Educazione (multiculturale), 4, 75, 77, 348; (inter-culturale), 80, 81 e n., 109, 121, 337 e n., 338, 339

Elaborati (vedi Testi)

Emigrati, 35, 36, 39, 60n., 253, 254, 259, 265n.

Emigrazione, 7 e n., 9, 22n., 29, 50, 53, 55, 58 e n., 60n., 62, 64, 66, 95, 97, 251, 334, 337n., 338

Esodo, 29, 30, 57, 63 sgg., 68, 71, 335, 337

Espansionismo, 11, 16

Espressione orale (vedi Co-municazione)

Etnia, 11 e n., 53, 54, 61, 62, 71, 87n., 91, 110, 113

Evoluzione (vedi Cambia-mento)

 

 

Facilità (nell’apprendere la lingua italiana), 90, 91n., 95, 96,  101, 219,  322,  323

Famiglia/e, 41, 58, 68, 83; (nei testi), 152, 161, 162, 236, 237, 243, 244, 304, 319

Fascismo, 17n., 19n., 20, 21, 92, 174, 177, 179, 185n., 193, 194, 198 sgg., 205, 211 e n., 215, 251, 256, 258 sgg., 270, 272n., 281, 293, 301, 304, 307, 310 e n., 311, 313n., 322n., 386, 389

Fascistizzazione, 19, 256

Film, 91n., 96, 97, 98 e n., 101, 107, 334, 335, 387

Finanziamenti, 15, 23, 66, 260,  262,  270

Formazione (vedi Aggiorna-mento)

Fossilizzazione, 86

Fratellanza, 333

Fuga (vedi anche Esodo), 16, 25, 35, 68n., 99, 333

 

 

Giovani (vedi Minori)

Giudizio (vedi Valutazione)

Guerra, 10, 12, 13, 20 sgg., 31, 32, 36, 63, 71, 174, 178, 194, 195, 202, 213, 214, 246, 255, 256, 258, 259, 261, 262, 267, 313, 315, 335, 342, 386; (civi-le), 28 sgg., 56, 58, 68

 

 

Identità, 11n., 19, 39, 45, 84, 252, 333

Idioma (vedi Lingua)

Idoneità degli insegnanti (vedi Selezione)

Illegalità, 39

Immigrazione, 25, 54, 60 e n., 64, 65, 70n., 71, 76n., 77 sgg., 87, 92n., 93, 109, 111, 127, 255, 260, 336, 338

Indagine (vedi Ricerca)

Indipendenza, 10, 11, 12, 14, 22, 43, 48, 267, 310

Indottrinamento, 49, 50, 91n., 191

Inflazione, 35

Insegnamento della lingua italiana (vedi anche Corsi), 84, 91, 180, 181 sgg., 191, 193, 194 e n., 199 sgg., 210, 212, 217, 220 sgg., 268, 272 sgg., 284, 320, 322, 339, 373, 374, 389, 390

Insegnanti, 49, 75, 78 sgg., 84, 90, 95, 117, 121 sgg., 142 sgg., 153, 180 sgg., 193, 194, 198 sgg., 217 sgg., 240, 242, 246, 247, 261, 267, 273, 277, 280, 281, 284 sgg., 289 sgg., 296, 299, 308, 314, 321, 322, 324, 337 e n., 338, 340, 345, 348, 369, 373 sgg., 390

Inserimento (degli alunni stranieri/albanesi), 79 sgg., 95, 96, 118 sgg., 131, 132, 337n., 339; (degli immi-grati), 8, 59, 77, 93, 336

Instabilità (politica), 12, 31, 37, 56, 71, 215

Insuccesso scolastico, 82

Insurrezione, 8, 10, 13, 25, 63, 68

Integrazione, 58, 59, 76n., 77, 78, 80, 81, 122, 321 e n., 336, 337, 339

Interferenze, 87, 89

Interlingua, 89, 90 e n.

Intervento individualizzato (vedi Programmazione in-dividualizzata)

Interventi umanitari (vedi Aiuti umanitari)

Invasione (vedi anche Domi-nazione), 7 sgg., 21, 25, 65, 340

Investimenti (vedi Aiuti economici)

Ipotesi, 88, 96, 167, 338, 340

Irredentismo, 252, 255

Islamizzazione, 8, 47, 63

Isolamento, 7n., 23, 25, 33 sgg., 57, 64

Istruzione, 49n., 50n., 58n., 81n., 113n., 190, 191, 193, 195, 304

Italiani (all’Estero/in Alba-nia), 16, 178, 179, 182, 185, 195, 196, 216, 252, 257, 261, 265, 309, 312

 

 

L1 (lingua materna, lingua d’origine), 80, 81n., 83, 84 e n., 87 sgg., 95, 98, 131, 321, 337

L2 (lingua seconda, lingua del paese d’immigrazione), 82, 84 sgg., 94, 100, 131, 183, 319, 321, 337, 340

Lavori (vedi Testi)

Lavoro minorile, 51

Lettura, 128 sgg., 283, 369, 371

Liberazione, 8, 22

Libro italiano, 21, 171n., 204 sgg., 220, 255, 258, 260, 265 e n., 268 sgg., 277, 279, 282, 307 sgg.

Lingua (albanese), 5, 9, 45 sgg., 87, 89, 102, 129, 135n., 149, 167 sgg., 177n., 181, 188, 189, 200, 201, 207, 211, 227, 231, 233, 240, 242, 246, 247, 249, 250, 266, 273, 277, 278, 312, 328, 333, 339, 340, 345, 349, 350, 365 sgg.; (italiana), 59, 80, 85 sgg., 90, 92, 93, 95, 96, 98, 100, 103, 104, 106, 107, 120, 122, 123, 126, 128, 129, 146, 148, 149, 153, 154, 159, 163, 167 sgg., 177n., 179 sgg., 194, 197, 199,   205,  207,  208,  210,

     216, 218 sgg., 231, 233, 242, 247, 249, 250, 253, 257, 266, 271, 274, 278, 279, 281, 291, 294, 295, 307, 314, 319 sgg., 328, 333, 338, 341, 347, 348 sgg., 354, 362, 365 sgg., 373, 389 sgg.

Lingua orale, 5, 46 e n., 86, 103, 104, 126, 127, 371

Lingua scritta, 47, 86, 130 sgg., 135, 138, 142, 338, 347, 348, 371, 372

LS (lingua straniera), 50, 90, 100, 188, 189, 265, 267, 319, 320, 322

 

 

Maestri (vedi Insegnanti)

Metodologia (vedi Strategie didattiche)

Migrazione (vedi anche Emi-grazione), 53, 55, 56, 61, 67, 75 sgg., 81, 91, 110n., 333

Minoranze (linguistiche), 76, 179, 341 e n., 386

Minori, 38, 44, 50, 56, 58, 60 e n., 67, 76, 79 sgg., 91, 337

Miseria, 31, 33, 51, 64, 97, 101, 103, 333

Mobilità, 76, 110, 284

Motivazioni (dell’esodo) 61, 110, 333

Mutamento (vedi Cambia-mento)

 

 

Nazionalismo, 8 sgg., 24, 27, 43, 44

Nazionalizzazione, 16

Normativa (sull’inserimento di alunni immigrati), 79, 80, 81

 

 

Obbligatorietà (dell’insegna-

    mento della lingua italiana in Albania), 19, 23, 48, 50, 184 sgg., 191, 194 e n., 195, 198, 202, 204, 206, 212, 214, 216, 267 e n., 271n., 289 sgg., 294n., 373, 389 sgg.

Obbligo scolastico, 81n.

Occupazione, 7, 8, 12, 16, 20, 32, 33, 174, 177 e n., 195, 200, 217 e n., 267, 314, 335, 342, 386

Offerta formativa, 78

Opinione pubblica, 32, 63, 183, 336

Opposizione, 5, 21, 22 e n., 26 e sgg., 259

Oppressione, 5, 8n., 9, 32, 33, 63

Organizzazioni internazionali, 26, 28, 29, 31, 54, 386

Ortografia, 104, 105, 106n., 135 sgg., 168, 169, 223, 228 sgg. 276, 280, 328, 329, 345, 372

Osservazione, 134, 167, 317, 340, 345

 

 

Padronanza (della lingua italiana),   82,  83,   89,  98,

153, 155, 227

Patria, 5, 9, 22n., 24, 53, 63n., 65, 97, 205, 209 e n., 227, 236, 238, 256, 257, 264, 341, 342

Patriottismo, 252, 253, 256 sgg., 262, 263, 268

Penetrazione (linguistica), 171, 173, 177, 179, 183 e n., 184, 187, 190, 200, 205, 251, 267, 268, 311; (politica/economica/ideolo-gica), 181 sgg., 191, 199, 201, 205, 251, 322n.

Percorso (di ricerca), 53, 55, 86, 109, 110, 173, 317, 318, 340

Pluralismo (religioso), 43, 44

Pluripartitismo, 26,  28n.,  31

Popolazione (albanese), 6, 11, 16n., 20, 22n., 24, 27, 29,  31, 33, 37, 38, 40, 42, 44,  51n., 92, 93, 112, 113, 210, 251, 263, 265, 273, 293, 295, 311, 315n.

Povertà (vedi Miseria)

Presidenzialismo, 27

Privazione, 64

Produzione scritta (vedi Lingua scritta)

Professori (vedi Insegnanti)

Profughi, 30 e n., 31, 56, 57, 64, 65, 70 e n., 71, 334, 385

Progetto/i, 10, 20, 22, 27, 34, 66, 102, 179, 180, 184, 194, 201, 264 e n., 267, 270, 311; (didattico/i) 337, 337

Programmazione, 95, 117, 121, 122, 145 sgg., 156, 159, 162 sgg., 369; (indivi-dualizzata), 121, 149, 150, 154, 163, 164, 165, 370

Programmi (di insegnamento della lingua italiana), 91, 220, 222, 223, 273 sgg., 279, 283

Proibizionismo, 39, 93

Pronto Soccorso linguistico, 121 e n., 146, 149, 150, 154, 165, 370

Propaganda, 191, 192, 205, 206, 211, 212, 257, 292

Protettorato, 12 sgg., 385

Pulizia etnica, 31

Punteggiatura, 104 sgg., 144 sgg., 227, 236, 238

 

 

Recupero linguistico (vedi anche Programmazione individualizzata), 152, 153

Regime (vedi anche Fasci-smo), 24, 49, 50, 64, 93, 305, 333

Relazioni (diplomatiche, poli-tiche e economiche), 23, 27, 177, 180, 386; (sociali), 42, 83

Religiosità, 5, 8, 24, 42 sgg., 57, 96

Repubblica, 6n., 14, 21n., 22, 23, 26, 29, 30n., 31

Resistenza, 8, 16

Ricerca, 3, 53, 76, 92, 93, 95, 109, 110, 112, 114, 115, 123, 125, 131, 133, 142, 173, 215, 317, 318, 333, 338, 339, 341, 345, 347, 365, 369, 373, 377, 378 (ma tutto il testo)

Riforma/e, 10n., 11, 26, 27, 33, 191

Rimesse (degli emigrati), 35, 39, 68

Rimpatrio, 65, 70, 71, 314, 385

Rinascita, 10, 47

Risorgimento (vedi Rinascita)

Risorse (economiche), 15, 20,

     23, 33, 35, 51n., 66, 79, 258, 269

Ritorsioni, 21n.

Rivolta, 28, 62

Rivoluzione democratica, 64

 

 

Sbarchi, 56, 65, 66, 70 e n., 336

Scafisti, 68 sgg.

Scolarizzazione, 50, 122

Scrittura (vedi Lingua scritta)

Scritture albanesi/bambine, 4, 101, 109, 141, 167, 175, 215, 304, 317, 324, 325, 333, 340, 341, 345, 347, 377, 378

Scuola (dell’obbligo), 78, 80, 82n., 129; (d’infanzia), 76, 78 e n., 119, 120, 125, 134, 145, 147, 148, 151 sgg., 154, 370; (elementare italiana), 61, 72, 76, 110, 120, 122, 124, 125, 127, 129, 131 sgg., 142, 144, 145, 147, 149 sgg., 154, 155, 159, 161, 162, 164, 174, 191, 192, 199, 338, 345, 369; (elementare albanese), 49, 104, 118 130, 146, 194, 198, 199, 206, 208, 216, 227, 236, 320, 323, 373sgg., 390

Scuole (italiane), 58, 61, 75, 82, 85, 118, 129, 132, 133, 149, 206, 257, 324; (albanesi), 44, 46 sgg., 177, 180 sgg., 184, 186, 187, 188, 194, 195, 197, 198, 199 sgg., 210, 213, 216, 217, 224, 231 sgg., 240, 242, 243, 246, 247, 268, 282,   290n.,   373; (italiane in Albania), 174, 177 sgg., 182 e n., 185, 187, 192, 195, 196,  202 sgg., 208, 265, 289, 290,  292n.,  314, 390; (italiane all’Estero), 205 sgg., 256, 259

Selezione (degli insegnanti), 199 sgg.

Sfruttamento, 15n., 20, 34, 63, 336

Sintassi, 105, 136 sgg., 169, 223, 228, 229, 232 sgg., 282, 328

Sistema scolastico, 50, 51, 79, 81

Speculazione, 36

Sperimentazione/i, 87, 337, 339

Statalizzazione (vedi Colletti-vizzazione)

Straniero/a/i, 3, 54, 60, 61, 70, 76 sgg., 86, 89, 96, 110, 120 sgg., 163, 196n., 222, 264, 268, 317, 362, 386, 387, 396

Strategie didattiche, 78 sgg., 96, 120, 121 e n., 337, 340

Strumentalità (della lingua italiana), 120, 122, 199; (della lingua albanese), 227

Strumenti didattici, 78, 206, 273, 277, 278, 281, 339

Sviluppo, 15, 20, 34, 36, 37, 66, 87 sgg., 180, 312

 

 

Tappe, 59, 95, 109, 173, 177, 178, 214; (della ricerca), 100 (vedi anche Percorso)

Televisione, 39, 40, 56, e n., 91, 92n., 93, 95, 97 sgg., 315, 319, 322 sgg.

Temi (vedi Testi)

Tensione, 16, 29, 31, 65 sgg.

Testi, 4, 91, 102 e n., 103, 104 sgg., 113, 117, 120, 123 e n., 128, 138, 144 sgg., 177, 205 sgg., 215, 216n., 220, 221, 223 sgg., 231, 232, 237, 241, 244, 245, 249, 281, 294, 304 e n., 308, 310, 318 sgg., 340, 341, 342, 345, 347, 348, 365, 369, 377

Testi degli alunni (trascri- zione), 106 sgg., 145 sgg., 231 sgg.; (manoscritti), tra 304 e 305, 349 sgg.

Tolleranza (religiosa), 44, 109

Traffici illegali (vedi anche Contrabbando), 39, 67, 71, 72

Trasformazione (vedi Cam-biamento)

Trattati, 14n., 15, 22, 232

 

 

Unificazione (linguistica), 9,

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

    10, 47, 48, 188, 248; (politica), 10, 12, 15, 186, 253

Unione, 17, 171, 186, 196, 206, 209, 291

Università, 49, 51, 183, 255, 256

Urbanizzazione, 38

 

 

Valutazione, 102, 121 sgg., 130, 134, 221, 222, 227 sgg., 319


INDICE DEI NOMI

 

 

 

L’elenco alfabetico fa riferimento ai nomi contenuti nelle pagine numerate.

Nei casi in cui non è stato possibile risalire al nome di battesimo, viene indicato il cognome, precisando, in parentesi, la professione. Viceversa, è specificato il luogo di origine.

Con il solo nome di battesimo sono invece registrati gli alunni: indipendentemente dall’età e dal sesso, essi vengono classificati come ‘studenti’.

Nell’indice compare anche la Società “Dante Alighieri”, la quale, pur non essendo una persona fisica, viene costantemente nominata all’interno della ricerca, occupandovi un posto di rilievo.

 


 

 

 

 

 


Agrippa M., 99

Aleks (studente), 244

Alfonso I (d’Aragona), 62, 63n.

Alia R., 25, 29n., 30n., 34

Alighieri D., 266, 268, 275, 280, 281

Alma (studente), 107, 364

Ambrosini G., 7n., 13n., 14n., 17n., 19n., 20n., 53n., 177n., 379

Amelio G., XXV, 91n., 97 e n., 98, 334 e n., 381, 387

Amelio Ujkaj L., 94

Andreani Dentici O., 324n., 381

Angela (studente), 148, 358

Angelopoulos T., 335, 387

Angeli A., 277n., 284 sgg., 296n.

Anita (studente), 107

Annibale M. di Francia (religioso), 102n.

Antonelli Q., XV e n., 381

Antoniani D., 222 e n., 231, 232, 349, 350

Arangio Ruiz V., 262, 263n.

Ariosto L., 281

Augenti L., 289

 

 

Badoglio P., 174

Baglioni E., 282, 289

Balboni P., 84n., 381

Barzilai S., 252 e n.

Bassi A., 182 e n., 199n.

Battisti C., 256

Baudo P., 99

Becchi E., XV e n., 381

Bellami L., 248

Bellone T., 58n., 68n., 69n., 70n., 93n., 379

Benedetti F., 379

Benini Z., 18, 192n., 202n., 213, 214,

Bergamini A., 262

Berisha S., 26 sgg. 29 e n., 30 e n., 68n.,

Besiana (studente), 157

Boiardo M. M., 281

Bonghi R., 252n., 253

Bopp F., 45

Boselli P., 255, 256, 257n., 258, 268

Bottai B., 264

Bottai G., 193

Bozzi R., 94

Broz J., 23

Brunacci B., 285n., 305

Buonaiuti A., 207n.

Buraj A., 94

 

 

Cabras C. 102n., 318

Calabrò (grammatico), 209

Calosso U., 261

Caparelli F., 252n., 379

Caracciolo N., 387

Carducci G., 252, 253, 280

Casati A., 251, 262

Castriota G. (vedi Skander-beg)

Celentano A., 99

Celesia G., 258, 260

Chaminade G. J., 102n.

Chiaramonte Z., 5n., 6n., 22n., 63n., 379

Ciano C. 201, 202

Ciano G., 16, 18n., 270, 272n.

Cinerini (avvocato), 94

Clerico F., 285 sgg.

Çoba A., 289

Cocchi N., 289

Cocchi W., 289

Colacito C., 278n., 285, 286, 294n.

Colombo C., 281

Corbelli A., 265, 266

Cordignano F., 210 e n., 368n., 379, 384

Corte D., 278n., 279n.

Costa P., 289

Costanzo E., 219, 221, 223, 224n., 225e n.

Crimi C., 219 e n.

Crispi F., 10n., 63n.

Croce B., 254

Chruščëv N. S., 23

Cummins J., 88 e n., 89n., 130n.

Cutugno T., 99

Cuzzi M., 21n.

 

 

“Dante Alighieri” (Società), XXII, XXIII, XXVI, 92, 173, 191, 210, 249 sgg. e nn., 266 sgg. e nn., 280 sgg., 290 sgg. e nn., 301n., 303 sgg. e nn., 317n., 318, 319n., 320 sgg., 327, 373, 379,  388,  390,  391

Dashi B. 94 e n., 167, 365, 368

Dattoli M., 183n.

Dazzi M., XXIn., XXIVn., 334n., 379

De Bonis M., 110n.

Dell’Erba N., 9n., 1n., 13n., 15n., 18n., 19n., 22n., 25n., 26n., 28n., 35n., 57n., 71n., 379

Del Nero A., 384

Del Re C., 9n., 21n., 36n., 40n., 43n., 44n., 49n. sgg., 57n., 58n., 93 e n., 185n., 379

De Moja A., 289

De Stefanis L., 286

De Mauro T., 335

Demirel S., 27

Deng Xiaoping, 25

De Padova C., 335

De Seta V., 335, 387

Devole R., 57n., 58n., 315n., 381

Di Giura G., 264

Di Mazzarelli C., 98

Di Revel T., 269n.

Dixdari R., 209

Duce (vedi Mussolini B.)

Dukagjin L., 41

Durgut (studente), 234

Džugašvili I. V., 23

 

 

Eichberg F., 9n., 10n.

Elmas (studente), 234

Elmira (studente), 106, 363

Elvisjana (studente), 106, 107, 167, 363, 364

Erbapi A., 287

Errico L., 222 e n., 234, 351, 353

 

 

Faco (studente), 237

Fallermayer J., 45

Favaro G., 75 e n., 80n. sgg., 85n. sgg., 319n., 382

Felicioni F., 259 e n., 269n., 272n., 290, 291

Ferrabino A., 263

Ferrara R., 275n., 282n., 286, 287

Ferrero G., 12

Fini L., 285n., 291n., 292n., 314n.

 

Fogazzaro A., 255

Foresi (grammatico), 277, 281

Fortunato E., 271, 273, 285

Frasheri A., 45n.

 

 

Galli G., 286, 287

Garibaldi A. (Ribeiro Da Silva A. M.), 252n.

Garibaldi G., 252n.

Garibaldi M., 252

Gashi B., 94

Gentile G., 257, 258n.

Georgio Vasil (studente), XX, 249, 250, 303, 321, 327, 391

Geraldo (studente), XVIII, 108

Gerace S., 281n., 288

Giampietro M., 292n

Giovanni Paolo II, 27

Giuliani S., 179n., 181, 182 e n., 266n., 379

Gobbi G., 268 e n.

Goldoni C., 272n.

Gorbaciov (Gorbačëv) M. S., 25n.

Grandi D., 183, 197

Guspini M., 379

Gustincich F. G., 22n., 25n., 380

 

 

Hamzaraj Z., 286 sgg.

Harilla (studente), 215, 246

Hoëfnagel-Hole M., 320n.

Hoxha E., XXIII, 22 sgg. e nn., 40, 42, 44, 45n., 333, 335

Hoxha N., 29n.

Hulusi (studente), 245

Husha A., 94

 

Iazzoni C., 384

Ilia (studente), 231, 350

Ingletti A., 193n., 279n., 281n., 286, 287 sgg.

Ismet (studente), 236

Ivanaj (Ministro dell’I.P.A.), 185

 

 

Jacomoni di San Savino F., 18 e n., 19n., 174, 190n., 194n., 198n., 201n., 202 e n., 205 e n., 211, 312n., 380

Jackson M., 100

 

 

Kadarè I., 40

Koch A., 267n., 271 e n.

Koka M., 94

Koka V., 94

Koliqi E., 214, 291 e n., 376

Konomi A., 62n.

Kruscëv (vedi Chruščëv N. S.)

 

 

Laeng M., 339n., 382

La Piana M., 177n.

Lacirignola V., 58n., 60n., 70n., 92 e n., 380

Lambert W. E., 89n.

Lazzarato F., 5n., 7n., 62n., 63n., 380

Lefter (studente), 245

Leibniz G. W., 45

Leopardi G., 152, 276, 280

Lepuri A., 289

Lipporini (autore di antologie per l’infanzia), 281

Lo Verso E., 98

Lorusso Attoma N., 270n., 279, 280, 281n., 282n., 296n.,  299n.,  308n., 312n.

Lubhi (studente), 248, 356

Lucani F., 289

Lucatello G., 17n., 175n., 177n., 380

 

 

Magi Angeli A., 284 sgg.

Maino G., 307

Majko P., 30

Mandalari O. C., 210n., 380

Manfred (studente), XIX, 141, 160

Manfredi (Re di Sicilia), 7

Manzoni A., 280

Marconi G., 281

Marini (Ispettore della   “Dante”), 284, 292n.

Martelli C., 65

Martelli F., 7n., 10n., 12n., 15n., 20n., 380

Martico (studente), 239, 353

Martino (professore di lingua italiana), 221

Massani G., 380

Masi A., 264

Massimeo P., 45n., 46n., 85n., 337n., 382

Mattei R., 292n.

Mejdani R., 29, 385

Meksi A., 26

Meloni (Console in Albania), 180, 219n., 223n.

Merlino F., 276, 298

Messina A., 5n., 8n., 9n., 14n., 22n., 56n., 62n., 63n., 102n., 380

Meta I., 30, 386

Misefari E., 16n., 180n., 200n., 380

Montanelli I., 3 e n., 9n., 16n., 191n., 381

Montanelli S., 190, 198n., 210, 282 e n., 291, 292n. sgg., 296n., 301n., 306, 308n., 309

Morelli D., 341n.

Morozzo Della Rocca R., 14n., 21n.

Mortari C., 311

Motti A., 19

Mussolini A., 181

Mussolini Benito, XX e n., 16, 17 e n., 21n., 181, 192 e n., 200, 213, 218n., 237, 238 sgg., 250, 257, 258, 272n., 279n., 303, 304, 323, 335, 353, 388, 391

Mussolini Bruno, 192, 390

Myrto H., 381

 

 

Nano F., 29, 30n.

Nardi L., 288

Nathan E., 252n.

Negiat (studente), 243, 355

Nenella (studente), 233, 349

Nicodemi (commediografo), 272n.

Noli F., 14n., 44n.

 

 

Olivieri C., 275 e n., 277n., 285 sgg., 293n.

Ongini V., 5n., 7n., 62n., 63n., 380

Orlando V. E., 261, 262 e n.

Otranto G., 46n.

 

 

Padellaro G., 263, 265n.

Pallotti G., 87n., 89n., 90n.

Pallottino M., 264

Paloni F., 267n., 285

Pando (studente), 235

Panunzio S., 259 e n.

Parini P., 18, 183n., 194 e n., 209, 259, 260

Paolo (di Tarso), 99

Pascoli G., 276

Pavolini A., 259 e n.

Pedrocchi C., 313

Pentassuglia F., 217n., 218n., 219

Peroni L., 94

Perrone L., 68n., 69, 91 381

Petraq (studente), 231

Petrarca F., 281

Petro (studente), XIX, XX, 230n, 247

Pinon G., 289

Pittau F., 65n., 383

Placido M., 98

Polikron (studente), 240

Portoghese G., 45n., 46n., 85n., 337n., 382

Prodi R., 335, 387

 

 

Rava L., 254

Reggio M., 65n., 383

Reres D., 62

Rocco C., 278n., 285 sgg.

Rodari G., III, 117 e n., 382

Romagnoli G., 19

Ruscit (studente), 244

 

 

San Giuliano A., 255

Saporetti (Direttore Didatti-co), 217

Satiraq (studente), 233

Scalzo D., 97n., 334n., 336n., 381

Schirò G., 53

Scotti V., 66

Sejko R., 110n.

Selinker L., 89

Selvaggi P., 45n., 46n., 85n., 337n., 382

Sereggi Z., 312

Serra A., 190n., 381

Siciliani de Cumis N., XVII

Silj A., XXIII, 56n.

Silvano J., 278

Skanderbeg (eroe albanese), 8 e n., 9n., 17, 24, 63n., 309

Snow C. E., 320n.

Solarino R., 83n.

Sonnino S., 13

Sofi G., 336, 381

Sottili L., 268, 269 e n., 271, 272n., 390

Spiro (studente), 234

Stalin (vedi Džugašvili)

Stringher B., 255

Sulltanije (studente), 306

 

 

Tefta (studente), 304, 305

Teresa (di Calcutta), 99

Thunman J., 45

Tito (vedi Broz J.)

Toçi T. (Tocci), 210 e n., 380

Tolomeo C. (di Alessandria), 7n.

Tommasi G., 222 e n., 240, 242, 246, 352, 355, 356

Tona A., 209n.

 

 

Ugo Maria (studente), 199

 

 

Vaccarelli A., XVIn., 83n., 84n., 86n., 88n., 89n., 320n., 321n., 337n., 339 e n., 382

Valitutti S., 264

Vangjel (studente), 235, 351

Vasil (studente), 236

 

 

 

 

 

 

 

Vedovelli M., XXVII

Vehbiu A., 57n., 58n., 315n., 381

Venezian G., 252n.

Ventura G.,  24n., 32n.,  41n.,

    44n., 47n., 58n., 71n., 86n., 113n., 368n., 385

Verbije (studente), 305, 306

Verlaci E., 193

Villari P., 254

Villarini A., XXVII

Vittorio Emanuele III, 17, 19, 254

Vlora I. Q., 10, 11

Volpe G., 46n., 207n., 381

Volpi G., 336, 381

Von Wied W., 11

 

 

Xheka E., 305

Xhelal (studente), 248

 

 

Ylli (studente), 192

 

 

Zabert A., 292n.

Zama A., 285

Zamputti I., 287 sgg., 291n.

Zarrilli L., 6n., 8n., 23n., 25n. sgg., 30n., 35n., 36n., 38n., 42n., 50n., 56n., 64n., 67n., 180n., 381

Zogu A. (Zog I), 14 e n., 15 e n., 16, 17n., 48, 180 e n., 183n., 264n., 312

Zolia A., 287 sgg.



[1] Q. ANTONELLI, E. BECCHI, a cura di, Scritture bambine, Bari, Laterza, 1995, p. V.

[2] Ibidem, p. XV.

[3] A. VACCARELLI, L’italiano e le lingue altre nella scuola multiculturale, Pisa, ETS, 2001, pp. 153-154.

 

[4] Ibidem, p. 155. Per LPI s’intende la lingua del paese di immigrazione.

[5] Il testo completo si trova nella Parte Seconda, cap. I, p. 108.

[6] Testo realizzato da un alunno di provenienza albanese della scuola elementare “E. Toti” di Roma (v. Parte Seconda, cap. IV, p. 160c.)

[7] I termini che, in lingua originale, corrispondono ad ‘Albania’ e ‘albanese/albanesi’, ossia Shqipëria, shqipëtar/shqipëtarë, vengono più spesso usati nei documenti e nei testi consultati, in forma italianizzata (a volte, nei più ‘datati’, anche storpiata). Chi scrive si è adeguata a questa impostazione, per ragioni di continuità, tranne nell’intitolazione della tesi, dove il termine ‘albanesi’ è trascritto nella forma esatta.

[8] Il tema fa parte di una raccolta di elaborati prodotti dagli alunni dell’istituto di Krionero nel primo trimestre dell’anno scolastico 1931/32, conservati presso l’Archivio Storico del Ministero degli Affari Esteri, Direzione Generale degli Italiani all’Estero, Archivio Scuole, anni 1929/35, Busta n° 888. Nella sua forma completa è stato trascritto nella Parte Terza, cap. IV, p. 247.

[9] La lettera a Mussolini è riportata nella Parte Terza, cap. IV, p. 250; la copia della versione originale, manoscritta, si trova nel successivo cap. V, all’interno del paragrafo ‘Lettere’ alla “Dante”, p. 303 sgg. (Documenti 14 e 15).

[10] M. DAZZI, L’Albania di Matilde è sempre meravigliosa, Piacenza, Editrice Berti, 2001, p. 45.

[11] CARITAS DI ROMA, Immigrazione. Dossier statistico 2001, Roma, Anterem, 2001, p. 117.

[12] M. DAZZI, op. cit., p. 24.

[13] CARITAS DI ROMA, op. cit., p. 225. Per L1 si intende la lingua materna, del paese di provenienza.

[14] E’ il testo n° 25, compreso nell’elenco a fine capitolo, p. 246, prodotto da un’alunna dell’Istituto Commerciale di Krionero (Valona) nell’a.s. 1931/32.

[15] Cfr. Parte Terza, Premessa, p. 173.

[16] Cfr. Parte Terza, cap. I, p. 179 sgg..

[17] Il fascicolo si trova nella B. n° 55 dell’ A.S.M.AA.EE., D.I.E., AS, 1936/45.

[18] La documentazione comprende una serie di elaborati in lingua italiana prodotti dagli alunni delle cinque classi dell’istituto, nel primo trimestre dell’a.s. 1931/32 (A.S.M.AA.EE., D.I.E., AS, 1929/35, B. n° 888).

[19] Si tratta della prima occupazione dell’Albania da parte dell’Italia, avvenuta durante la I Guerra Mondiale ed iniziata proprio da Valona, nel dicembre del 1914 (si veda quanto riferito nella Parte Prima, cap. I, p. 12).

[20] 15/6/30. Relazione finale per l’a.s. 1929/30 del Prof. Fabio Pentassuglia alla D.I.E.S. (A.S.M.AA.EE., D.I.E., AS, 1929/35, B. n° 888).

[21] 26/7/28. Comunicazione della Legazione d’Italia in Durazzo al Ministro AA.EE. Mussolini (Ibidem).

[22] 24/8/28. Comunicazione della D.I.E.S. al Ministero della P.I. Italiano (Ibidem).

[23] 18/10/28. Comunicazione di Mussolini - Ministro AA.EE. - al Ministero delle Finanze (Ibidem).

[24] 18/10/29. Relazione della D.I.E.S. al Ministro AA.EE. (Ibidem).

[25] 13/12/29 e 15/6/30. Relazioni del Prof. F. Pentassuglia alla D.I.E.S. (Ibidem).

[26] 5/1/30. Comunicazione del Console Meloni alla D.I.E.S., contenente i programmi di lingua italiana attuati nella Scuola Commerciale di Krionero, elaborati dal Sig. Crimi Calogero (Ibidem).

[27] Ibidem, 15/6/30.

[28] Il documento viene inviato alla D.I.E.S., per il tramite del Consolato d’Italia, l’8 dicembre 1930 (Ibidem).

 

[29] 29/12/31. Comunicazione della D.I.E.S. al R. Consolato d’Italia (Ibidem).

[30] 14/11/31. Relazione del Prof. Dott. E. Costanzo alla D.I.E.S. (Ibidem).

[31] Ibidem. Tommasi insegna Lingua e Letteratura italiana in II (solo una sezione), in III, IV e V; Antoniani gestisce il corso preparatorio, in I A e B; Errico probabilmente, poiché non è precisato nel documento, lavora nella restante sezione di II.

[32] Ibidem. Presentazione del programma dei corsi tenuti dal Sig. Errico.

[33] Ibidem. Presentazione del programma dei corsi tenuti dal Sig. Tommasi.

[34] Ibidem. Presentazione del programma dei corsi tenuti dal Sig. Antoniani.

[35] 17/11/31. «Programmi particolareggiati e esposizione  didattica dei singoli insegnanti in servizio presso l’Istituto Commerciale Albanese di Krionero», trasmessi dal Console Meloni alla D.I.E.S. (Ibidem).

[36] 16/1/32. Relazione trimestrale, a.s. 1931/32 (Ibidem). In realtà i testi presenti nel fondo d’archivio sono di numero leggermente inferiore.

[37] 10/1/32. Elaborazione del Prof. Dott. Costanzo (Ibidem).

[38] Ibidem, 16/1/32.