Come il mutuo potrebbe costarti molto meno, senza complicazioni

Un risparmio che neanche immaginavi, forse. Eppure basta una piccola accortezza per ottimizzare i costi e le spese. 

La rata del mutuo è troppo pesante per le tue finanze? C’è una strategia che ti consente di risparmiare un bel po’ di soldi ma in pochi la conoscono. Ecco tutto quello che devi sapere.

cancellazione Legge Fornero
Mutuo, puoi risparmiare molto – Foto | Cultureducazione.it

La rata del mutuo rappresenta senza dubbio la maggiore voce di spesa per la maggior parte dei nuclei familiari. E negli ultimi due anni ancor di più visto che, a causa degli aumenti dei tassi d’interesse voluti dalla Bce, le rate dei finanziamenti sono raddoppiate o quasi.

Del resto con le banche non si sgarra: se salti qualche rata puoi anche vederti pignorare la casa. Che fare allora quando la rata del mutuo diventa troppo pesante? Sicuramente una soluzione può essere la rinegoziazione oppure la surroga. Ma c’è un’altra strada che ti permette di risparmiare un bel po’ di soldi.

Mutuo: in questo modo risparmi tanti soldi

Puoi risparmiare parecchi soldi sul mutuo ma molto probabilmente non lo sai. C’è un’agevolazione che pochi conoscono ma che è davvero molto vantaggiosa. Vediamo tutto nei dettagli.

Le spese relative agli interessi passivi che paghi alla banca sul tuo mutuo possono essere portati in detrazione fino alla soglia massima di 4000 euro. In pratica, potendo detrarre il 19% di 4000 euro, ogni anno puoi recuperare 760 euro di quello che spendi.

Tale agevolazione è concessa a chi ha sottoscritto un mutuo ipotecario e solo nel caso in cui si tratti dell’abitazione principale del mutuatario. Se quest’ultimo, infatti, decide di andare a vivere da un’altra parte perderà questo beneficio a meno che non decida di trasferirsi per ragioni di lavoro o per lasciare l’immobile alla moglie e ai figli.

Così potete ottenere un bonus bollette extra, c'è poco tempo
Risparmia in casa a partire dal mutuo – Cultureducazione.it

Ma quello che pochi sanno è che la detrazione al 19% degli interessi passivi del mutuo non spetta solo per l’acquisto dell’abitazione principale. Essa può essere fruita anche per altri tipi di mutuo seppur con limiti e condizioni differenti. Nello specifico, puoi beneficiare della detrazione al 19% sugli interessi passivi anche per mutui ipotecari erogati prima del 1993 che non riguardano l’abitazione principale.

In questo caso, però, il tetto massimo di spesa è di 2.065,83 euro per ogni intestatario indipendentemente dal reddito. Bisogna fare un’importante distinzione:

  • se il mutuo è stato stipulato entro il 1990 allora potrai fruire della detrazione sugli interessi passivi anche per l’acquisto di immobili ad uso non abitativo;
  • se il mutuo, invece, è stato sottoscritto tra il 1991 e il 31 dicembre 1992 allora potrai detrarre gli interessi passivi solo per l’acquisto di immobili ad uso abitazione anche se non rappresentano l’abitazione principale a patto, però, che tali immobili non vengano affittati.

Inoltre puoi portare in detrazione gli interessi passivi sul mutuo anche nel caso di mutui richiesti nel 1997 per spese di manutenzione, ristrutturazione e restauro degli edifici. La soglia massima di spesa su cui si può applicare la detrazione del 19%, in questo caso, è di 2.582,28 per ogni intestatario del mutuo.

La detrazione al 19% sugli interessi passivi ti viene riconosciuta anche nel caso in cui hai chiesto il mutuo non per acquistare ma per ristrutturare la tua abitazione. In questo caso il mutuo deve essere stato stipulato a partire dal 1998 e il limite di spesa è di 2.582,28 euro.

Impostazioni privacy